27 Responses

  1. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  2. avatar
    Anonimo at |

    Libia, Di Feo: "Dalla base di Centocelle si prepara intervento senza precedenti"

    Il Consiglio supremo della difesa che coinvolge il Quirinale e gli esponenti del governo sta predisponendo il comando per un intervento su larga scala in Libia. A gestirlo sarà un "comando mobile che si sta preparando all'interno dell'aeroporto di Centocelle, a Roma,  il comando italiano che gestisce tutte le operazioni fuori area". Si tratta di un intervento "senza precedenti": 3000 soldati con l'appoggio di numerose navi, aerei ed elicotteri da combattimento. Ma tutto questo dovrebbe avvenire "solo se ci sarà  la richiesta di governo libirco unitario che al momento appare lontano dall'essere formato"

    l'analisi di Gianluca Di Feo
    montaggio Maurizio Stanzione

    Anche a MIXER 24 su Radio24 di Oggi si parla dell'intervento in Libia …

    B.A.

    Reply
  3. avatar
    orsetto at |

     "lasciandoci da soli, insieme agli alleati europei e mediterranei, a gestire una situazione evidentemente ben superiore alle nostre capacità" : il più grosso limite all'azione europea che vedo è come sempre quello della volontà, francamente non mi pare che la stabilizzazione della Libia sia oltre i nostri mezzi. Guardare agli Stati Uniti come alla mamma o al padrone della piantagione mi pare un atteggiamento comprensibile, ma di certo non inevitabile per i governi europei. Quanto all'ineluttabilità di un intervento "massiccio, prolungato e rischioso" avrei dei seri dubbi: davvero non esistono alternative alla solita invasione all'americana, con un trionfo militare e un'orrenda palude a seguire? Forse, per impiantare un'altra (o tre) dittature che tengano a bada la faccenda non c'è bisogno di far sbarcare centinaia di migliaia di uomini.

    Reply
  4. avatar
    Acqua Panna at |

    Buon pomeriggio,

    sono un affezionato lettore del blog.

    Secondo voi come si fa ad instaurare un ordine favorevole agli interessi strategici italiano senza mandare truppe?

    Da persona non esperta mi sembra che stiamo perdendo terreno, e che manchi come sempre una visione comune europea.

    Cordialità

     

    ps il nick mi è vento guardando la bottiglia di acqua che ho davanti che essendo toscana mi ha fatto pensare alla politica estera del nostro Stato.

    Reply
  5. avatar
    Nemo at |

    Saluti

    Ho notato una cosa. Forse i lettori del forum possono darmi una mano. Dopo una certa frequentazione delle FA italiane trovo che i sott uff e gli ufficiali del ruolo speciale siano in genere persone con più cervello che gli ufficiali d'accademia. Questi ultimi sono più formati, meglio impostati, ma tendono a parermi inferiori come decision makers (a parità di informazioni e contesto, si intende). Una cosa che ho notato spessissimo nei nostri ufficiali d'accademia è che non hanno coraggio, non si predono responsabilità (per lo meno in confronto ai loro pari NATO).

    E' una mia impressione? Sono io che imputo come difetto un mio modo di vedere le cose? perchè in effetti tutto questo fa scopa con quello che si ritrova nella storia della II GM (per esempio i diari di Rommel). 

    Reply
  6. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  7. avatar
    GrafvonSpee at |

    Interessante il tuo post del 9 marzo, Nemo.

    Evitando le generalizzazioni, credo che dipenda dal fatto che, mentre il personale d'accademia ha moltissimo da perdere, quello del ruolo speciale no, per cui è tendenzialmente più portato a prendere iniziativa.

    Non tralasciare neppure il fatto che l'amministrazione, qui in Italia, segnatamente quella militare, opera da sempre nel più assoluto ossequio della cd. "befehltaktik", aborrendo la "auftragstaktik" come la peste. E' il sistema che è strutturato per questo, fin dai tempi di Caporetto.

    Reply
  8. avatar
    Nemo at |

    Per la cronaca io sono passato dall'Accademia Aeronautica. Gli ufficiali di accademia non mi sono mai sembrati troppo validi come persone. O meglio, poco validi rispetto a quanto costa formarli. Aveva ragione Balbo quando diceva che abbiamo ottimi ufficiali fino al grado di capitano, buoni maggiori, cattivi colonnelli e pessimi generali.

    Reply
  9. avatar
    Asso at |

    Domanda: questo perchè Nemo?

    Per quale motivo, secondo Balbo e secondo te, il pessimo Generale, già cattivo Colonnello, già buon Maggiore, già ottimo Capitano, avrebbe subito, nel tempo, una sorta di "involuzione"?

    Secondo me, grossolanamente:

    1. il pessimo Generale, andando a ritroso nel tempo, era anche un pessimo Capitano;

    2. il buon Generale, era anche un buon Capitano.

     

    Reply
  10. avatar
    Asso at |

    ah già . . . forse perchè gli ottimi ufficiali a cui fa riferimento Balbo sono quelli provenienti dai Sottufficiali .  . . che in genere si fermano a Ten. Colonnello

    Reply
  11. avatar
    Name * at |

    Ora che sappiamo che aveva ragione Balbo, tra l'altro noto ras fascista discretamente sovversivo, dormiremo tutti meglio.  

    Reply
  12. avatar
    Nemo at |

    Che Balbo fosse fascista e sovversivo lo sapevamo. Per altro, se avessimo dato retta a quel ras sovversivo e ci fossimo schierati con gli Inglesi e gli Americani contro i Nazisti e avessimo evitato l'abominio delle leggi razziali sarebbe stato meglio (Balbo solo fece una scenata al Gran Consiglio, voto' contro e gli urlo' "per questo vi impiccheranno ai lampioni").

    Cmq il punto rimane e non e' stato rimarcato solo da Balbo. Per il resto, se qualcuno ha problemi con citazioni e osservazioni tratte dal periodo 21-43, cerchi di crescere intellettualmente. Citare e fare riferimento al Fascismo non vuol dire aderire, scusare o apprezzare. Please go back to basics…

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

       

      Che il punto rimanga sull'affermazione di balbo, lo dice lei. Del resto è la stessa persona che ha detto che quelli del ruolo speciale hanno una marcia in più… 😱

      che fichissimo sistema di equazioni ha sviluppato per lasciarci questa perla? 

      Reply
      1. avatar
        Nemo at |

        Allora, ho detto che in base alla mia personale esperienza gli ufficiali d'accademia sono più rigidi nel prendere decisioni. Non ho detto che è una regola e ho chiesto un parere per vedere se altri avevano la mia stessa percezione.

        Se qualcuno ha altre esperienze, percezioni le metta a fattore comune.

        Chi invece risponde piccato come Anonimo o Name*  serve come una terza tetta perché non aiuta a far avanzare il ragionamento.

         

         

        Reply
        1. avatar
          Asso at |

          In base alla mia esperienza militare (quasi 23 anni di servizio), gli uffiali piu' rigidi nel prendere decisioni sono quelli che hanno fatto la scuola militare Nunziatella e poi l'Accademia. Devo dire, pero', che a fronte di questa rigidita', che a volte li penalizza quanto a velocita' d'azione, sono molto spesso (non sempre), piu' 'preparati' di quelli del Ruolo Speciale. Ribadisco che a mio parere la vera differenza la fa l'uomo particolarmente dotato di intuito e sagacia investigativa. Questi li definisco 'doni' che non si possono acquisire sui libri. 

          Reply
          1. avatar
            Nemo at |

            Grazie Asso

            con lei si puo' ragionare. E' il tipo di discorso che volevo fare. Siccome parla di sagacia investigativa e di carriera militare desumo che lei sia un carabiniere.

            Mi trovo all'estero per un master è stiamo facendo corsi e seminari sui metodi di ricerca. Uno lo abbiamo fatto con una esperta di terrorismo . Si parlava della riflessività critica. A lei serve perché il suo approccio è ricostruire la psiche e la cultura dei gruppi che studia, mentre volevano che noi studenti svilupassimo un minimo di sensibilità a come le esperienze personali (figura paterna, materna, cultura di provenienza, esperienze di vita, idee politiche) incidono sul nostro modo di analizzare le questioni di politica internazionale (nella classe siamo gente che si occupa di contro insorgenza, terrorismo, strategia nucleare, peace-keeping). Ha senso, perchè è inutile che uno svisceri la crisi di Cuba o la coercive diplomacy in Bosnia se poi ha dei preconcetti che non sa di avere.

            A latere del seminario parlavamo della rilevanza del metodo per ufficiali. Qui da loro si sono accorti di un problema di rigidità cognitiva degli ufficiali di carriera e stanno organizzando dei seminari simili al nostro, ma più estensivi, per ufficiali di carriera. I loro apparati si sono sembilizzati a questa tematica e ci stanno lavorando.

            Asso, se mi permette, voi Carabinieri siete un'arma particolare, perché la compotente politica e di intelligence é preponderante in quello che fate. Dovreste investire molto di più su queste tematiche.

            Saluti

            Nemo

             

             

            Reply
            1. avatar
              Asso at |

              Ciao Nemo, diamoci del tu (mi farebbe piacere),

              si sono un maresciallo capo dei carabinieri.

              Innantitutto, complimenti per i tuoi studi. Le tematiche che hai prospettato le trovo interessanti.

              Per la questione "rigidità cognitiva" degli ufficiali, credo che il problema vada risolto "a monte", ossia durante la formazione e non dopo. Credo debba essere eliminate dalla formazione "la politica del terrore" (così la chiamo io), rispetto alla quale poi l'ufficiale, come ricordo frequente, si ritrova a "fare i conti" durante tutta la vita militare. Sono dei "micro traumi" che si vanno a creare durante il periodo di formazione che si ripresentano durante il servizio, evidentemente incidendo in maniera negativa, ogni qual volta che l'ufficiale è messo sotto stress e/o è chiamato a prendere decisioni importanti. A mio sommesso avviso, gli allievi dovrebbero essere resi "più sereni". Non bisogna farli "spaventare" in maniera eccessiva (rispetto al reale problema) prospettando conseguenze "apocalittiche" derivanti da errori commessi nel prendere una determinata decisione. Bisogna calibrare il tiro. L'ago della bilancia deve rimanere neutro, Non pendere eccessivamente ne da un lato ne dall'altro. Io dico che non bisogna vedere "mostri inestistenti". Se ci sono, li affrontiamo. Se non ci sono, rimaniamo tranquilli. Bisogna eliminare i miraggi. L'allievo (e quindi il militare durante tutta la carriera), in sostanza, non deve "vedere mostri" laddove mostri non ci sono. In tal senso, giocano un ruolo fondamentale gli istruttori. Devo indicare all'allievo:"uaglio', stai tranquillo, quello non è un mostro, è solo un ombra".

              Quanto all'ultimo consiglio, concordo con te. Credo, allo stesso tempo, che "ai piani alti", anche in questo momento, si stiano già muovendo nella direzione da te indicata (riguardo la politica degli investimenti).

              Cari saluti

               

              Reply
              1. avatar
                Nemo at |

                Ciao Asso

                Il tuo è un bellissimo lavoro. Intanto non ci sono dubbi sulla sua utilità, che invece ci sono per un sacco di professioni (spesso mi capita di interrogrami su quella della mia). Secondo è una vita più d’azione e con dei risvolti concreti. Se avessi un figlio sarei contento che facesse la tua scelta.

                Per venire alla formazione degli ufficiali, sono perfettamente d’accordo con te. Credo che tu abbia colto nel segno. Hai descritto quello che ho trovato io in Accademia. Siccome ti facevano un mazzo esagerato per delle inezie e spesso un cazziatone più leggero per cose serie, si viveva con un senso distorto delle proporzioni .  Ho visto certe scene… e mentre le guardavo mi chiedevo: ma come si fa a pensare che questo fra un mese diventi sottotenente…

                Molto dipende ,  a mio avviso, dall’istituzione dello scelto. Lo scelto è un’ allievo del terzo anno che inquadra quelli del primo. E’ una tradizione economica perchè l’accademia non ha bisogno di personale dedicato a inquadrare gli allievi. Il problema è che ti ritrovi 21 enni a inquadrare dei 19enni, e spesso i 21enni non sono maturi, c’è troppa poca distanza di età e si scatenano competizioni. E poi il problema di fondo è che gli scelti non hanno ancora uno straccio di idea di cosa sia la vita militare, i suoi problemi eccetera.  Insomma, quelli del primo dovrebbero ricevere un esempio di sangue freddo, riflessività, disciplina matura e invece trovano dei ragazzetti isterici ( non tutti, per carità, avevo anche scelti intelligenti, ma cmq quando c’era in giro un ufficiale vero, si sentiva la differenza).

                Uno scelto me lo ricordo benissimo ancora oggi. Era uno del ruolo servizi (allora questo era il nome). Era praticamente isterico. Andava su tutte le furie per ogni dettaglio. Cazziava la gente infervorandosi.  E già se ti emozioni perchè hai visto uno con le stellete fuori posto, già mi fai pensare che in guerra con me non ti vi voglio e meno male che stai nei servizi logistici.  Una volta ha perso talmente tanto la trebisonda che ha detto  a un pingue responsabile di una mancanza relativa alla divisa in libera uscita che avrebbe meritato di essere preso a pugni . Quando c’era lui la gente di paralizzava e smetteva semplicemente di fare per minimizzare il rischio di essere notato.  Putroppo questi allievi non erano infrequenti.

                Per esperienza gli scelti migliori sono quelli che sono entrati in accademia dopo essere stati sottufficiali. Sono più anziani, quindi più posati , vengono dal reparto e hanno visto le cose anche dall’altro punto di vista (mi riferisco a certi accademisti che pensano di essere nobili in mezzo al volgo).

                Ciao

                Nemo

  13. avatar
    Asso at |

    No, l'ho dedotto io sig. Anonimo che probabilmente gli ottimi ufficiali citati da Balbo provenissero dal ruolo speciale. Nemo non centra. Che Balbo poi avesse ragione o meno e' un altro discorso. Io dico che l'ottimo ufficiale lo fa 'la persona' indipendentemente dal percorso professionale seguito.

    Forza, adesso vogliamo tutti un Intellicence Europea. Non aspettiamo altri devastanti attentati. Sbrighiamoci sig. Politici!

    Reply
  14. avatar
    Morgana at |

    Silendo tanti auguri di Buona Pasqua….mi piace questa tua nuova grafica del sito….è fica!!! Sembra un blog a due corsie , la striscia è continua o si può sorpassare? Dov'è il vigile? E il semaforo?

    Silendo ti confido che sono tanto arrabbiata : "la conoscenza delle cose è la salvezza della Repubblica" possibile che mi imbatto sempre  in oppositori della conoscenza delle cose? Ultimamente un think thank mi ha incoraggiata dicendomi che bisogna combattere contro questi ostacoli …..ma la vedo dura! Il mondo predilige il caos all'ordine!

    Asso buona Pasqua…spero che la fede e la pace possa tornare nel nostro continente!

    A tutto il blog auguro di veder risorgere i valori e le buone intenzioni dei popoli uniti nella diversità.

    Con affetto,

                                                   Morgana

    Reply
  15. avatar
    Asso at |

    Ciao,

    intanto grazie per le belle e sentite parole. Capisco quello che dici in merito alla tua esperienza riguardo gli Allievi dell'Accademia dell'Aeroneutica. Io me la prenderei con i Comandanti di Compagnia (e, a cascata, con quelli di Plotone). Questi dovrebbero esercitare la necessaria azione di controllo sulle cd. "schegge impazzite". Ci vuole controllo dei superori gerarchici per evitari guai più seri . . . .

    Nella vita, come sai, si raccoglie ciò che si semina. Sono persuaso che lo Scelto da te indicato, durante la sua vita militare, avrà trovato la "scarpa giusta" per il suo posteriore.

     

    Reply
  16. avatar
    Albator at |

    …Un mio amico (allievo) andò in libera uscita una sera d'estate..passò 3 rassegne….mentre era a cena si macchiò la camicia…nel tentare di levare la macchia si accorse di non aver messo le stellette…..La morale?…a volte sei talmente concentrato nel cercare un problema…che non riesci a vederlo!!!!!!

     

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)