7 Responses

  1. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  2. avatar
    Bachelor at |

    Interessantissima riflessione. 
    Mi domando come Kairos ed altri eminenti esponenti del mondo finanziario nostrano credono di poter agire di conseguenza. Derivati? Lobbyizzare lo SM? 
    La sensazione che ho, occupandomi con occhi freschi di rischio geopolitico, è che manca una riflessione seria su assesment e controstrategie. Ci ferma solo a constatazioni a posteriori della macrosituazione senza entrare nel merito e nel micro. Il rischio geopolitico è una minaccia per i fondi solo come ultima conseguenza.
    La sicurezza del sistema paese e del sistema europa prescinde troppo spesso dalla realtà di chi effettivamente si sporca stivali e passaporti. 
    Sicuramente questa mia visione è parziale, mi rivolgo alla community per avere nuove opinioni e nuovi spunti di riflessione. 

    Bachelor. 

    Reply
  3. avatar
    Bachelor at |

    Buonasera a te Silendo, 
    sì mi riferisco a strategie politico / economiche che forniscano strumenti utili.  
    Quest'anno a Davos si è parlato parecchio di rischio geopolitico. 
    In che modo in Italia stiamo affrondando questo tema? Chi se ne occupa?
    Lo scenario a lungo termine mi preoccupa.
    Abbiamo completamente abbandonato i progetti di ampio respiro iniziati nell'Est Europa (principalmente energetici). 
    Il mediterraneo ci potrebbe vedere come protagonisti, ma al netto di annunci (Zohr e TAP a Snam), fiere (roadshow) e scarponi sulle navi (Col Moschin di vedetta in Libia), ho paura che alla dipolomazia economica italiana ed europea manchino di strumenti ed attori perché sia un processo consapevole e non dettato da decisioni altrui. 

    Tra l'altro dissento con Fugnoli su qualche punto. 
    L'Iran è una enorme opportunità da non derubricare ad attriti regionali.
    Gli Stati Uniti sono in cerca di una vera strategia per i prossimi 30 anni (come anticipato da Bremmer) e con i mezzi e la lucidità con cui agiscono, dubito sarà confusa. Forse "morbida" ma non debole. 
    Non si fà una parola sul Sahel. Ci sono imprenditori italiani che "sbavano" (citazione letterale) per farsi un giro. Apparte il ns. "compianto" Professore , anche qui si manifesta la latitanza di strumenti di implementazione strategica. 

    Reply
  4. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  5. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  6. avatar
    Anonimo at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)