3 Responses

  1. avatar
    SG at |

    La rabbia dei tassisti contro Uber,
    uova contro auto e passeggeri.

    mi ricordo quando, le poche volte, che prendevo un aereo, all'uscita ero assalito da persone che sembravano spacciatori di coca e che ti parlavano piano piano e di traverso e che poi si scopriva che erano tassisti abusivi. Se non ricordo male era, ed è, un reato. Penso esercizio abusivo di un'attività. Ora con uber esattamente la stessa offerta diventa legale solo perche azichè un tassinaro che ti parla in napoletano stretto c'e' una "APP". E' la modernità, il futuro, non bisogna andare contro il progresso. Io penso che certe cosa non succedono mai per caso, allo studente squattrinato che diventa fantastigliardario non ci ho mai creduto, bisogna avere le spalle forti per portare avanti un progetto del genere, spalle piu forti di una semplice "start-up" e motivazioni forti ed interessi forti.

    tento un'ipotesi. Non è che, per caso, tutti i viaggi (da, dove, quando) e i nomi dei viaggiatori vengono inseriti in un db globale? ovvero uber sa (o meglio potrà sapere in un futuro, se il servizio prenderà piede) i movimenti di quello che una volta veniva chiamato il "jet set" di tutto il mondo? e tutto comodamante seduti davanti ad un pc? (QUESTA si che è la vera modernità).

    Andreotti cosa direbbe di uber?

    saluti

    sg

     

    Reply
  2. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  3. avatar
    SG at |

    http://www.corriere.it/esteri/15_giugno_29/uber-pop-fermati-dirigenti-filiale-parigi-francia-3eebdb18-1e69-11e5-958d-f9395af606a3.shtml

    L’interrogatorio

    I due dirigenti sono stati interrogati nel quadro delle indagini su «servizi illegali e dissimulazione di dati informatici». Dopo le proteste dei giorni scorsi, il ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, aveva disposto il blocco del servizio UberPop, definito «illegale», e aveva ordinato alla polizia di far rispettare il divieto. Un’ordinanza respinta dall’azienda che aveva annunciato l’intenzione di proseguire fino a una sentenza definitiva di un tribunale.

     

    200 agenti anti-abusivi

    Le autorità francesi hanno nel frattempo deciso di dispiegare duecento agenti in più per individuare e fermare gli autisti clandestini. Ad occuparsene sarà la brigata «Boers» della polizia parigina, specializzata nel controllo e nell’attività dei taxi. Già da settimane, la brigata moltiplica i controlli per smascherare gli UberPop, un’attività ritenuta «illegale» dallo stesso ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve. Giovedì scorso, il prefetto di polizia ha vietato UberPop per decreto dopo la richiesta del governo.

     

    sg …

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)