8 Responses

  1. avatar
    The Hooded Claw at |

    Bella iniziativa.

    (Invece di 'daesh' io li chiamerei 'dahes' [دهس]; quei maledetti assassini non si meritano un acronimo ma solo un termine dispregiativo)

    Reply
  2. avatar
    Anonimo at |

    Segnalo – soprattutto a coloro i quali sono interessati agli studi sull'intelligence – la pubblicazione del Quaderno d'intelligence n.3. Lo stesso è consultabile on-line sul sito del SISR al seguente indirizzo:

    http://www.sicurezzanazionale.gov.it/sisr.nsf/wp-content/uploads/2015/03/Q3-quaderno-intelligence-3.pdf

    I contributi sono di vario spessore ed eterogeni nei contenuti. Forse non tutti pienamenti focalizzati sul mondo dell'intelligence. La vera 'chicca' è collocata in appendice. Mi riferisco al testo completo della proposta di riforma formulata dalla Commissione Jucci, organismo di studio ed analisi costituito nel 1997 dal governo Prodi per promuovere il riassetto del nostro comparto intelligence. Sull'ossatura di questo documento di proposta si regge buona parte dell'attuale impianto normativo.

    barry lyndon

    Reply
  3. avatar
    Anonimo at |

    ~~8.3 Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica

    Chairs: Umberto Gori Invia una email a Umberto Gori e Luigi Martino Invia una email a Luigi Martino

    Discussants: da definire

    Abstract: Sin dall'11 settembre 2001, il terrorismo è entrato nella quotidianità dalla società civile, facendo largo alla “sindrome della paura”.
    Oggi, a poco meno di quindici anni dall’evento che ha segnato il passaggio dal “secolo breve” all'era del “terrore in casa nostra”, nuove minacce avanzano sempre più violente. Lo Stato Islamico (IS o ISIS) ed altri gruppi terroristici compiono atti destabilizzanti, unendo vecchie e nuove pratiche di attacco. Ai classici strumenti del terrore (rapimenti, esecuzioni e distruzione di simboli) si affiancano nuove tecniche utilizzate perlopiù contro le società altamente informatizzate occidentali. Il nuovo terreno di scontro è oggi il cyberspace, dominio per eccellenza asimmetrico e in-governato, dal quale si diffondono attacchi cibernetici verso obiettivi nazionali sensibili.
     Allo stesso tempo il web è utilizzato come cassa di risonanza ai fini della propaganda terroristica, così come, la rete diventa il luogo ideale per la radicalizzazione e il reclutamento di aspiranti terroristi, nonché il veicolo di comunicazioni cifrate tra membri dei gruppi e simpatizzanti.
     Il panel “Intelligence ed evoluzione della minaccia terroristica” affronterà la problematica con l'approccio empirico e interdisciplinare, confrontando dati, indicatori, teorie e case studies.
     La call for papers sarà, infatti, rivolta a studiosi ed esperti del settore, nonché a tecnici, in modo da integrare gli approcci accademici con l'aspetto operativo ed esperienze pratiche, in una trattazione olistica non meramente teorica.
     Si invita a trattare temi quali: geopolitica e geostrategia dei gruppi terroristici; l'evoluzione della minaccia terroristica dall'11 settembre alla morte di Osama Bin Laden; la minaccia terroristica ai giorni nostri; l'evoluzione di nuovi gruppi terroristici e delle modalità di reclutamento di esecutori e “martiri”; l’analisi comparata fra Al Qaeda e Daesh (Ad dawla al islamiya fi 'Iraq wa Shem); l'evoluzione delle strategie del terrore; la relazione tra minaccia terroristica ed instabilità economico-sociale; la relazione tra terrorismo e spazio cibernetico; l’importanza di un approccio globale alla sicurezza che tenga conto anche delle minacce provenienti dallo spazio cibernetico; le possibili misure di contrasto al terrorismo, con particolare riferimento al ruolo dell'intelligence; la cyber-intelligence; le tecniche di previsione, , così come lo studio dei foreign fighters e dei “lupi solitari"

    B.A.  sempre solitario

    Reply
  4. avatar
    Anonimo at |

    CONCORDO !!! la Vera chicca è il Testo Completo della Proposta di Riforma formulata dalla Commissione Jucci ed in particolare la parte che dettaglia il trattamento economico a partire da pagina 273 e alla quantificazione delle l'indennità di funzione .

    Forse si ritiene di superare così con questa pubblicazione quanto tenuto segreto o non pubblico fino ad oggi se non facendo ricerche negli atti parlamentari ed altro .

    Così come sentenziato per il G8 dalla Corte Europea circa le violazioni fatte e riconosciute , ritengo siano state fatte analoge violazioni circa il Diritto all'Autodeterminazione delle Relazioni Umane .

    B.A.

    Reply
  5. avatar
    Anonimo at |

    Lo pubblichiamo o non lo pubblichiamo ? Ma SI, pubblichiamolo.

    BA

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)