12 Responses

  1. avatar
    mv at |

    L'analisi è equilibrate, le conclusioni paiono provenire da un altro testo. E di cui faccio fatica a capire un'eventuale argomentazione logica.

    Reply
  2. avatar
    Nemo Propheta at |

    Scusate, le poche volte che intervengo lo faccio per criticare. A prescindere dal fatto che io sai d'accordo o meno (e non lo sono) non è che l'analisi brilli per la sua profondità.

    E' proprio vero che per leggere qualcosa di buon livello bisogna farlo in lingue diverse dall'italiano.

    nemo

    Reply
  3. avatar
    Nemo Propheta at |

    Scusate

    aggiungo due parole perchè non è bello arrivare, buttare li' una critica e sparire.

    L'analisi di Parsi è abbastanza superficiale (per lo meno come è descritta). Cito alcuni punti deboli.

    1.Perchè non prevede una analisi e una stima delle motivazioni e delle percezioni di Mosca. Manca totalmente una analisi del gioco di, per dirla alla Jervis, perceptions and misperceptions.

    2. Manca anche un'approccio "metodologico". In questi casi nessuno ha la verità in tasca. Si fanno supposizioni, si inferisce sulla base delle evidenze disponibili (e di immagini del mondo pregresse). Sarebbe bene che le stime fossero accompagnate da una parola sulle assunzioni da cui sono derivate e sul grado di confidenza associato.  Intendiamoci, il lettore medio del Sole non ha la materia grigia per comprendere, ma credo ancora che quando si parla di guerra, anche al volgo, sia d'obbligo di farlo come Dio comanda.

    2. Inoltre, il livello di complessità della crisi è ben maggiore di quanto descritto nell'articolo. Non è solo un problema di deterrenza/brinkmanship. Il paradigma interpretativo di Parsi é datato. Deve essere più complesso e sottile, come indicato dalla letteratura che si è sviluppata dal crollo dell'URSS in poi e focalizzata sulle crisi derivanti dal collasso di uno stato multinazionale e dai conseguenti scontri tra nazioni per il controllo dello stato.

    Saluti

    Nemo

     

    Reply
  4. avatar
    The Hooded Claw at |

    Nemo, Matteo, mi farebbe piacere se peteste elaborare un po' quello a cui accennate nei vostri rispettivi commenti. Solo se ne avete il tempo e la voglia, ovviamente.

     

    Reply
    1. avatar
      mv at |

      Un veloce esempio: prima Parsi sostiene che lo schieramento in Europa orientale di 13-30.000 soldati potrebbe "bastare a riaffermare le capacità di deterrenza della Nato", cioè a bloccare ogni velleità russa sui Paesi nuovi membri della Nato (ammesso che ce ne siano, cosa che reputo francamente infondata).

      Poi però chiude scrivendo "Paradossalmente, proprio di fronte a una Russia destinata a consolidarsi stabilmente tra i protagonisti della politica internazionale qualunque atteggiamento accomodante equivarrebbe a un suicidio politico per l’Europa (innanzitutto) e per l’Occidente."

      Ora, supponendo che il concetto di "suicidio politico" non sia un vano e superficiale imbellettamento del testo, si presuppone che in assenza di un comportamento proattivo/assertivo/offensivo occidentale si ponga un rischio esistenziale per i Paesi dell'Europa occidentale. Il che, visto che apparentemente ora bastano 13.000 uomini ri-dislocati in fretta e furia per dissuadere la Russia, mi sembra un bel salto.

      Più in generale, manca una qualunque argomentazione a sostegno dell'affermazione, francamente fortina e difficile da digerire anche utilizzando un paradigma datato, è che in un contesto multipolare si proponga come unica strada alla coesistenza con la Russia un atteggiamento "non-accomondante", ossia di tensione permamente.

      Queste sono solo alcune considerazioni al volo, credo come Nemo che l'impianto dell'analisi non sia adeguato, a cominciare dal fatto che si gioca sull'ambiguità (molto americana, almeno mediaticamente) del non distinguere bene tra Paesi UE/Nato dell'Europa orientale e Ucraina, traslando sui primi una dinamica che sta riguardando solamente la seconda.
      Il mezzo su cui l'analisi è apparsa contribuisce a spiegarne l'inadeguatezza rispetto alla complessità del fenomeno, ma temo non la giustifichi.

      Reply
  5. avatar
    Francesco at |

    Credo che una delle migliori analisi sia quelal di Stephen Walt su FP, che chiama in causa anche il recente report pubblicato da Brookings. https://foreignpolicy.com/2015/02/09/how-not-to-save-ukraine-arming-kiev-is-a-bad-idea/

    Reply
  6. avatar
    Anonimo at |

    Matteo e Nemo,

    provo a sintetizzare in modo estremo il messaggio di Parsi:

    –  gli USA vogliono intervenire in maniera più decisa e più rapida nei confronti della Russia, coinvolgendo da un lato la NATO (nuova forza di reazione rapida, aumento di esercitazioni in zone di confine, etc.) e dall'altro l'UE (insaprimento sanzioni, etc.);

    – l'UE, al contrario, non ha una posizione chiara e definita (sai che novità! :D) e oscilla tra tentativi di avvicinamento all'approccio statunitense (proactive) e segnali di distensione verso la Russia (vedi ad es. l'atteggiamento della Germania);

    – la Russia, che fino ad ora ha giocato molto bene le sue carte, a breve si troverà a non poter sostenere la sua partita (causa rischio collasso economico); però nel lungo termine, ipotizzando una crescita del prezzo del petrolio, il Paese potrebbe riacquisire le risorse necessarie a rientrare in gioco.

    Conclusione: se l'UE e la NATO non si allineano rapidamente agli USA nel far fronte coeso e muso duro contro la Russia, spingendola ad 'esporsi' in un momento di difficoltà, si rischia di perdere la 'finestra di opportunità' per far fallire la strategia russa.

    Spero di non aver banalizzato il pensiero di Parsi e di aver evidenziato il processo logico che (secondo me) ha guidato la sua analisi. Questo non significa, però, che la stessa sia da condividere o che non potesse essere esposta meglio. Ma questo è un altro discorso 😉

     

    barry lyndon

    Reply
    1. avatar
      mv at |

      Caro Berry,

      grazie per lo sforzo, ma credo che tu stia proiettando sull'articolo molta più struttura e più ordine di quanti non ce ne siano in realtà… 😉

       

      Reply
  7. avatar
    The Hooded Claw at |

    Cosa ne pensate dell'atteggiamento della Polonia che continua a gettare benzina sul fuoco? Le sue sono paure giustificate oppure sta diventando isterica o, ancora, c'è sotto dell'altro (mire economiche, sentimento di rivalse etc.).

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      La terza che hai detto, senza dubbio alcuno. Diciamo che stanno sfruttando il momento  😉

      barry lyndon

      Reply
    2. avatar
      mv at |

      per non sbagliare, nel dubbio penso sempre male…

      Reply
    3. avatar
      The Hooded Claw at |

      Una cosa è sicura, le interferenze polacche in Ukraina ed li loro continuare a tirare la giacca dello Zio Sam, non stanno aiutando la situazione.

      Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)