8 Responses

  1. avatar
    mv at |

    preoccupante, spero si tratti solo di una mossa negoziale…

    Reply
  2. avatar
    mv at |

    solo una farsa, fortunatamente.

    Putin è riuscito a far venire a galla l'ovvio: nessuno in Occidente è davvero disposto a rischiare la guerra per l'Ucraina (forse giusto la Polonia, ma non ci giurerei).

    Reply
  3. avatar
    Diana at |

    RIPORTO UNA BREVE SINTESI DI UN PENSIERO SULLA RUSSIA E SU PUTIN CHE CONDIVIDO TOTALMENTE

    “… Invece di vedere in Putin e nell’attuale leadership russa, che rappresentano
    il paese, gli alleati con cui condividere la responsabilità del governo mondiale,li ha visti come avversari (NdR:l’occidente e gli USA in primis). Si è voluto puntare su minoranze radicalizzate e screditate. Da una quindicina d’anni l’occidente ha
    elaborato una rappresentazione falsa della Russia, a partire dalla falsa idea che sia un paese tirannico, laddove in tutta la sua millenaria storia quel paese non ha mai conosciuto un periodo di libertà come negli anni di Putin. Su questa rappresentazione falsa si sono fondate certe campagne sui diritti umani, sui gay, sulle Pussy Riot. Un terzo motivo di incomprensione è la semplice ignoranza. I russi conoscono l’occidente infinitamente meglio di quanto in occidente (parlo delle classi dirigenti) si conosca la Russia. Il caso ucraino è l’esempio di quello che dico: non si è capita l’importanza che l’Ucraina – una creazione artificiale dell’epoca sovietica – ha per la sicurezza della Russia. In Ucraina ci sono due nazioni, non la si può tirare tutta da una parte o dall’altra, è Russia e mitteleuropa insieme. Bisogna coinvolgere la Russia in un accordo, sapendo che le sanzioni non serviranno né all’occidente
    né all’Ucraina”
    MASSIMO BOFFA

    Reply
    1. avatar
      mv at |

      Condivido anche io.

      Aggiungo che puntare su minoranze radicalizzate e screditate come interlocutori sembra essere un vizio occidentale non solo nel contesto russo…

      Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)