20 Responses

  1. avatar
    STV Giovanni Nacci at |

    la… cassa cibernetica.

    Sia aggiunto agli atti.

    Reply
  2. avatar
    -32 at |

    Ma ha letto il:

    Financial Times

    November 3, 2014 6:03 pm
    The web is a terrorist’s command-and-control network of choice
    Robert Hannigan

    Reply
  3. avatar
    Anonimo at |

    guardate il sito news.vice.com

    enjoy

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      A noi papá non ha comprato la casa a Manhattan coi soldi fatti da politico… (O vendendo libri come sostiene lui)

      Reply
  4. avatar
    Anonimo at |

    visitate cosmonitor.com

    Reply
  5. avatar
    Nemo at |

    meno male che ci sono i servizi italiani a metterci a parte di queste novità, queste notizie per nulla scontate e a cui nessuno avrebbe pensato da solo. Grazie ragazzi, la patri ha bisogno di voi…

    Reply
  6. avatar
    The Hooded Claw at |

    Volevo, brevemente, segnalare un libro che è stato portato alla mia attenzione ieri e che potrebbe essere d'interesse per alcuni.

    L'autore, Jonathan Powell è un ex-consigliere di Tony Blair che correntemente lavora per il Henry Dunant Centre for Humanitarian Dialogue.

    Il libro Talking to Terrorists: How to End Armed Conflicts sposa la linea del dialogo e della mediazione, non l'ho letto ma mi si dice che sviluppi certi punti molto bene, alcuni dei quali di natura estremamente pratica; del tipo come mettersi in contatto con un'organizzazione terroristica e come scegliere la persona adatta per le mediazioni. 

    Tutto qui, pensavo potese sollevare qualche dibattito interessante.

    Reply
  7. avatar
    Anonimo at |

    meno male che abbiamo i civili 'professionalizzati' dal mondo accademico che ci proteggono!!!!!

    Reply
    1. avatar
      STV Giovanni Nacci at |

      Vate carissimo, nervi scoperti in questo periodo sul blog… o interpreto male (come spero…)?

      Dici che bisognerebbe aprire un tavolo, una cabina di regìa, una Commissione, un gruppo di studio, un organismo di valutazione, un the (meglio un brandy) con gli stakeholder… il tutto finalizzato alla migliore integrazione interdisciplinare ed interculturale all'interno del complesso rapporto strategico tre apparati e accademia? Tra il modello craft-oriented e quello professional-oriened? 😛

      Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)