28 Responses

  1. avatar
    pietro at |

    sembra strano che l'intelligence americana sia stata colta di sorpresa finora Isis non si è mai scontrato con un esercito regolare ma solo con bande poco organizzate e molti civili in quel contesto è normale che abbia avuto un'avanzata cosi strepitosa. Basta una singola Portaaerei per fermarli. 

    Reply
  2. avatar
    Asso at |

    È in atto un processo di islamizzazione degli stati europei. Bisogna contrastare e bloccare questo fenomeno. Con ogni mezzo disponibile

    Reply
    1. avatar
      Asso at |

      Bisogna contrastare fenomeni e/o manifestazioni, come quella recente dell’Aia, ove sono spuntate bandiere nere inneggianti ‘ a morte israele’. Questo genere di islamizzazione, bisogna combattere!

      Reply
      1. avatar
        The Hooded Claw at |

        Asso, sono d'accordissimo, ma non dimentichiamoci che l'antisemitismo più feroce e che ha fatto più morti alla fine è venuto dal cuore dell'Europa ed in particolare da un paese che ha sfornato i tra più grandi contributi alla scienza e filosofia di tutte le epoche. 

        Reply
        1. avatar
          Asso at |

          Ciao Hooded. L’antisemitismo più feroce, come giustamente osservi te, non è legato ad un determinato territorio …… Esso promana direttamente dal maligno e viene sposato ‘appassionatamente, di volta in volta, dal ‘popolo di turno’. La Germania: ieri; i paesi islamici ‘estremisti’, oggi

          Reply
  3. avatar
    Asso at |

    Caro Pietro, temo che l'Isis, altrimenti detto 'il Califfato', non potrà essere facilmente contrastato. Gode di appoggi molto forti . . . 

    Reply
    1. avatar
      pietro at |

      ovvio appogi da parte degli stati arabi (indirettamente naturalmente) e le motivazioni sono tante non è solo religiosa oltre agli appoggi indiretti da Russia e Iran con le armi e qulache altro stato canaglia o amico (Francia/libia le ragioni le conosciamo)  direttamente interessato a destabilizzare l'area. Comunque penso che L'Isis più di cosi non potrà avanzare ripeto non ha ancora incontrato un'esercito regolare di una qualsiasi Nazione,oltre al fatto alla politica estera americana silenziosa.

      Reply
  4. avatar
    CaioDecimo at |

    Forse l'intelligence sapeva ma il decisore politico ha deciso diversamente, nel quadro di un disegno di forte disimpegno cui – e' ormai certo- ha ormai rinunciato, scegliendo di utilizzare non solo forza dal cielo ma anche " boots on the ground", seppur giustificati ( ma da un premio Nobel per la pace cosa aspettarsi, ca va sans dire) da nobilissimi motivi umanitari.

    U.S. Could Use Ground Troops to Aid Rescue of Iraq Refugees http://www.nytimes.com/2014/08/14/world/middleeast/us-may-weigh-using-ground-troops-to-aid-rescue-of-iraq-refugees.html?_r=0

    Reply
  5. avatar
    Morgana at |

    Silendo qualche tempo fa dicevi "abbi fede"…..di fede ce ne ho tanta , ma penso che l'islamizzazione dell'Europa è una realtà: è sufficiente osservare una mappa geografica della diffusione delle religioni per comprendere che conviviamo nella complessità e come indica il motto dell'Europa "UNITA NELLA DIVERSITA'" !

    La domanda è: siamo disposti a mantenere una identità nella diversità? Crediamo veramente nella nostra cultura? Vogliamo valorizzarla e diffonderla rispettando e accogliando le altre culture?

    La differenza tra l'Italia e gli altri Paesi europei è che non ci sono leggi vere e severe che regolamentano la convivenza civile, insomma siamo famosi per il buonismo, il kit dei profughi, la pizza e "campiamo alla giornata".

    C'è una sola possibilità per uscire da questo tunnel: rifiutare tutto questo con tenacia, responsabilità, identità culturale e tanta voglia di essere cittadini europei….e soprattutto insieme!

    Ps che fatica …sono stanchissima, mi sembra di combattere contro i mulini a vento!

                                                                                                                           Morgana

    Reply
    1. avatar
      castemar at |

      Cara Morgana, il problema, a mio avviso, è che il nostro modello culturale e sociale e religioso si sta sfaldando progressivamente. Questo fa dell'Islam la sua forza. Del resto, il fenomeno dei foreign fighters credo ne sia una conferma. Chi se la sentirebbe oggi di morire per un ideale religioso, combattendo per l'affermazione della propria fede (o per un idea che ritiene tale)? Forse i Testimoni di Geova, visto che se ne è fatta menzione sopra e le cronache ci danno, ogni tanto, contezza di qualche episodio di cronaca legato al rifiuto (giustificato o meno su questo non voglio dare giudizi che non mi competono) di terapie salvavita. Non dimentichiamo che la fede e la spiritualità hanno, da sempre, mosso l'umanità in direzioni e lungo percorsi importanti, anche contraddittori. Le persone, per la loro fede, si sono fatte uccidere nelle arene romane, sui campi di battaglia in terra santa o, più recentemente, nei campi di concentramento.Forse non è che l'islam, una delle tre grandi religioni monoteiste, risulta oggi avere un forte appeal nei confronti di persone di tutte le età perché si fa portatore di una spiritualità e di principi (preghiera, ubbidienza, onestà, solidarietà, spirito di appartenenza al gruppo ed altro), che, nel mondo occidentale, erano, una volta, diffusi ed ora sono quasi scomparsi? Non è che l'Islam basa proprio la sua forza sul fatto che è una religione coinvolgente, che rafforza l'identità collettiva ed individuale delle persone, fornendo una base di principi e regole comuni da osservare ed osservate dalla generalità dei praticanti? Anche questo profilo occorre valutare insieme a tutti gli altri per spiegare, in parte, le ragioni per cui l'occidente è e sarà costretto a contenere le azioni violente di gruppi armati di matrice islamica.

      Reply
  6. avatar
    Morgana at |

    Asso è buono…ma all'occorenza ha pronte le pallottole d'argento….che calibro?

                                                                             Morgana

    Reply
  7. avatar
    Asso at |

    Cara Morghi. A tratti mi piace esagerare. Cal. 50 Action Express

    Reply
  8. avatar
    Morgana at |

    Caro Asso, nel rispetto dei morti (che riposino in pace) le vittime dell'antisemitismo sono oggi solo commercio culturale. L'altra sera ho visto un documentario dell'istituto Luce sullo sterminio in Ucraina tra il 1932-1933: 7 milioni di ucraini deprivati di cibo e uccisi dal regime sovietico. Le interviste ai sopravvissuti sono inquietanti, in quanto pare che ci siano dei numeri oscuri sui cadaveri disseminati nei boschi. Ma di tutto questo, nonostante le vicende recenti dell'Ucraina, non viene fatta menzione nella memoria storica collettiva.

    Hitler fu eletto dalla maggioranza per uscire dalla crisi economica tedesca, se la Germania avesse vinto la guerra pensi che si parlerebbe di Shoa in Europa? Pensi che qualcuno andrebbe davvero a visitare i campi di concentramento?

    Siamo abituati a pensare che c'è un buono e un cattivo, che c'è il bene e il male: la verità storica non si basa su questi valori, e il presente che emerge da questi dati è deviato e disinforma. Ho apprezzato molto le pagine lette sul sito della sicurezza nazionale sulle "Carte storiche": c'è del vero…del vero storico che non è opinionismo, ma documenti storici. Si impara più storia dai superstiti e dalle testimonianze orali e scritte che da qualsiasi manuale di storia.

    Il presente? Dovremmo leggero come fanno gli storici….Asso che verità cerchi?

                                                                                                          Morgana

     

    Reply
  9. avatar
    Asso at |

    Cara Morgana. Esiste una sola verità e quando la si trova non è una conseguenza legata alle proprie ricerche. Ti sembrerà strano ma è così. La verità la trovi quando Dio decide ti toglierti il velo dal cuore che ti appanna e distorce la vista.

    Reply
  10. avatar
    Morgana at |

    Asso ti facevo più Sherlock Holmes o investigatore dell'incubo e meno poeta….che vuol dire che Dio disvela nel cuore e indica la verità?

    1- è necessario avere una vocazione

    2-è necessario avere fede

    3- è una sorta di vocazione che prima o poi evidenzia la natura del mondo

    4-nessuna delle tre….ho preso troppo sole, sono appannata da miraggi ma Dio prima o poi mi fornirà un'oasi della verità?

                                                                                           Morgana

    Reply
  11. avatar
    Anonimo at |

    <<È in atto un processo di islamizzazione degli stati europei. Bisogna contrastare e bloccare questo fenomeno. Con ogni mezzo disponibile>    Asso  …Testimone   di Geova  ;-))

     

    Reply
  12. avatar
    Asso at |

    Per anonimo: perché vanno dicendo in giro questo i TDG? No, non sono TDG;
    Per Morghi: la seconda. Soltanto che chi te la dona è YHWH

    Reply
  13. avatar
    Morgana at |

    Asso non penso che la visione della verità possa dipendere da altri, piuttosto se hai fede non vedi la pagliuzza nell'occhio altrui ma ti adoperi ad eliminare la trave che attraversa i tuoi occhi. Tu ci sei riuscito?

                                                                                                     Morgana

    Reply
  14. avatar
    Morgana at |

    Asterix, cos'è antistorico?

                                                                           Morgana

    Reply
  15. avatar
    Asterix at |

    Buongiorno Morgana,

    cito la Garzanti:

    1. che trascura gli aspetti storici di un problema, che prescinde dalla concreta situazione storica: giudizio antistorico

    2. che tende a ostacolare o a disconoscere l’evoluzione, il progresso storico: mentalità antistorica

    Direi che la 1 è la definizione più calzante, ma anche la 2 va nello stesso senso.

    Reply
  16. avatar
    Morgana at |

    Asterix è vero che non bisogna far prevalere sentimenti di nazionalismo, ma questo non vuol dire che non bisogna avere sentimenti di nazionalismo. Gli eccessi sono sempre sbagliati: laddove si nega il nazionalismo ci sono invasioni barbariche di cui godono ampiamente le mafie locali e il terrorismo internazionale che sponsorizzano miseria e incertezza; laddove prevale il nazionalismo l'economia è autarchia e si ripiega in sè stessa. Il giusto mezzo e l'adattamento alla complessità è il presente storico, che permette a una nazione di sviluppare un'economia dell'equilibrio. Se non c'è stabilità tra sicurezza e libera circolazione delle merci, siamo completamente in balia dell'incertezza, dell'ingenuità e indifesi dalle invasioni barbariche!

    Castemar nel rispetto del progresso storico nessuno vuole riprendere le Crociate, la libertà di culto è un valore solo se guida sentimenti di convivenza civile.

                                                                                   Morgana….spero di avere sempre equilibrio

    Reply
  17. avatar
    #35 at |

    semplicemente la parte moderata dell'Islam dovrebbe intervenire…

    oppure… certe nefandezze andrebbero eliminate sul nascere… senza aspettare, senza sottovalutare…

    (la qualita' dei video, della propaganda ISIS, delle azioni, dell'impatto psyops sta salendo esponenzialmente…in piu' c'e' un piano globale, un obietttivo…)

    c'e' sempre l'impressione che si aspetti che il problema diventi piu' serio al fine di giustificare azioni eclatanti ed investimenti massicci in sicurezza, armi e ammodernamenti.

    sono un po' stanco della politica del piu' forte, politica che diventa ormai chiara e banale.

    ..aggiungerei che dalla fine della seconda guerra mondiale, abbiamo toccato il livello piu' basso e piu' vicino ad un nuovo conflitto universale.

    …cavoli.. quanto pessimismo oggi… quasi quasi mi rileggo the 9/11 commission report… ha un tono quasi ironico, cinico nella sua ufficialita' che mi mette il buon umore.. :(

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)