9 Responses

  1. avatar
    mv at |

    executive briefing: i prezzi del greggio dovrebbero scendere a 5 anni del 10% per eccesso di offerta e russi e sauditi potrebbero dover tirare la cinghia. :)

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      …e saran dolori.
       
      Paradossalmente la cosa potrebbe indurre la Russia ad adottare una politica estera ancora più aggressiva. 

      Reply
      1. avatar
        mv at |

        …aggressiva nei confronti di chi? perché il problema dell’aggressività esercitata è che costa… :)

        Reply
        1. avatar
          The Hooded Claw at |

          Paesi circostanti che un tempo gravitavano nella sfera sovietica ed ora un po’ meno? 
           

          Reply
          1. avatar
            mv at |

            :)
            però non credo che una Russia con meno soldi sarebbe più assertiva di una Russia con più soldi…

            Reply
            1. avatar
              The Hooded Claw at |

              Vero, ma fino and un certo punto secondo me, se la guerra/invasione/posizionamento di truppe etc. che stai programmando rappresenta un investimento in termini di assicurarsi accesso risorse e zone di influenza lo si fa proprio per migliorare la propria situazione economica.
              Avere un politica estera aggressiva non significa per forza scatenare una guerra totale con gli US, ci sono molti paesi ed aree geografiche che possono essere controllate o influenzate con spese relativamente basse nel grande schema delle cose.
              Per non dire poi che in politica estera si può essere aggressivi anche a livello diplomatico, non dimentichiamo che la Russia ha parecchi alleati nel mondo e può creare influenza e pressione politica senza spostare neanche un fante.
               

              Reply
              1. avatar
                The Hooded Claw at |

                Ma perché vengo a spiegare queste cose a te? Le sai benissimo e meglio di me, è il tuo mestiere. Scusa Matteo ogni tanto mi metto a pontificare dall’alto della mia ignoranza… Immagino che le tue considerazioni sull’ “economia dell’aggressività in politica estera” abbiano un base ben più sostanziosa delle mie.
                 

              2. avatar
                mv at |

                ma figurati! 😀
                più che altro, cerco di capire meglio un eventuale nesso tra minore capacità spesa dovuta alla crisi e un aumento di aggressitività.
                non è un’ipotesi da scartare a priori, anzi: ha la sua plausibilità, una sorta di extrema ratio.
                però d’istinto (ma è un processo implicitamentededuttivo, devo mettermi a ragionare sui casi) mi viene da dire che se ci sono le condizioni di contesto per sfruttare il fattore agressività per assicurarsi l’accesso, avere più risorse disponibili potrebbe in realtà essere una condizione facilitante.

  2. avatar
    CaioDecimo at |

    Perfetta la sintesi di mv, stesse conclusioni ( riduzione prezzo greggio ed effetti a cascata su russi e sauditi) nel documento dell’altro recente post (The Geopolitics of Shale Gas) .

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)