3 Responses

  1. avatar
    Anonimo at |

    Caro Sile, siamo solo in Italia….anzi ormai una “piccola Italia”. Guarda cosa avviene in Parlamento….se quei Signori avessero solo 1/5 della dignità di Massimiliano e Salvatore, forse sarebbero già stati riportati a casa. Chi dobbiamo ringraziare per questa triste sceneggiata? Non aggiungo altro perchè non vorrei diventare offensivo.
    Onore ai Nostri Marò.

    Reply
  2. avatar
    Asterix at |

    Comprendo il senso delle proposte di Andrea Tani e non ho sufficienti conoscenze e competenze per valutare tutto, ma credo che articoli come quello pubblicato, tanto più su di una rivista attendibile e vicina al complesso militare e industriale, possono avere effetti opposti, spingendo a irrigidire il governo indiano.
    Come ha argutamente segnatao Tani, gli alleati “minori non sono altro che spregiudicati concorrenti economic”, quindi mi immagino che le varie intelligence di quei paesi usino articoli come quello come un drappo rosso agitato davanti al toro… .
    Anche se la politica non deve smettere di analizzare tutte le opzioni e anche di utilizzare tutte possibili strade, comprese le velate ritorsioni sulle forniture militari e non solo, credo che questi argomenti non solo non sarebbero decisivi ma, anzi, potrebbero essere controproducenti, se non in un quadro molto più ampio.
    Partendo dal presupposto che la vicenda dei due marò è grottesca e che il Governo italiano e la classe politica hanno commesso errori pacchiani, ora bisogna interrogarsi su di una reale exit strategy possibile, che comunque deve risolversi in un contesto multilaterale e non a due.
    Circa le ipotesi più hard citate nell’articolo … a nominarle si fa solo del male a Latorre e Girone. Anch’io mi ritrovo quasi ogni giorno, pensando alla vicenda, a vagheggiare reazioni da media potenza e azioni plateali ma … calma, per prima cosa salviamo la pelle dei nostri Marò ed evitiamo che non vengano coinvolti altri.
    Invece, il rischio di attentati o condotte fanatiche (e non sarebbe la prima volta che una ambasciata viene assaltata dal “popolo”) va seriamente considerato.
     

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)