One Response

  1. avatar
    CaioDecimo at |

    Daniele Raineri ed il suo (ottimo) articolo sul Foglio di oggi 29 novembre 2013:

    Il Mossad dice: ora potremmo marciare su Damasco in un giorno

    UN RAPPORTO DEI SERVIZI SPIEGA CHE PER ORA ISRAELE È PIÙ SICURO DI PRIMA PERCHÉ I NEMICI SONO OCCUPATI DA GUERRE INTERNE

    Roma. Martedì il gabinetto di sicurezza israeliano è andato in una sede del Mossad per ascoltare il rapporto annuale sulla sicurezza di Israele in medio oriente, scrive il quotidiano Yedioth Ahronoth. Il gabinetto di sicurezza è un Consiglio dei ministri ristretto a Difesa, Sicurezza interna, Finanze e Giustizia, con qualche aggiunta facoltativa. Secondo il rapporto del Mossad che è stato presentato al comitato, la posizione di Israele è migliorata perché molti stati arabi che sono suoi nemici tradizionali o potenziali in questo momento sono alle prese con sconvolgimenti interni. La Siria è stata costretta a cedere il suo arsenale di armi chimiche, oltre a essere indebolita da una guerra civile violenta. Secondo gli analisti dei servizi segreti, se prima l’esercito israeliano avrebbe avuto bisogno di una settimana per arrivare fino alla capitale Damasco in caso di guerra, ora potrebbe arrivare a Damasco in meno di un giorno. Pure il Libano soffre della stessa situazione, in misura molto minore. L’Egitto è impegnato anch’esso con la situazione interna e sebbene i generali stiano esercitando il massimo del potere l’esercito del Cairo non investe e non si evolve. I servizi segreti hanno spiegato ai ministri israeliani che il presidente dell’Autorità palestinese, Abu Mazen, sta guadagnando legittimità dai negoziati e dalle relazioni diplomatiche con Gerusalemme, ma non è affatto certo che firmerà un accordo con Israele. Su Gaza hanno detto che c’è parecchio malcontento tra la popolazione della Striscia, ma che Hamas governa con pugno di ferro e non si farà cacciare. L’Egitto ora è durissimo con Hamas Il Mossad sottolinea che grazie al caos in Siria ci sono gruppi terroristici che stanno diventando più forti e come anche Hezbollah in Libano stia diventando più forte, ma  buoil nemico più pericoloso per Israele è sempre l’Iran per il suo programma nucleare. Il rapporto del Mossad conferma quel che da tempo si va osservando in medio oriente. Se prima c’era preoccupazione per le ribellioni che tra la fine del 2010 e il 2011 hanno sconvolto il mondo arabo – perché si temeva che l’esito finale delle primavere arabe fosse un grande califfato islamista, semplificando – ora si vive in un’età di mezzo, in cui ogni avvenimento va seguito senza più il lusso delle interpretazioni troppo generiche o delle previsioni a lungo termine. Senza Mubarak, si diceva, l’Egitto cadrà subito sotto il controllo dei Fratelli musulmani. E’ sembrato vero per un anno, ma poi sono arrivati i generali. Dal punto di vista di Israele, la situazione è migliorata. Il governo del Cairo non si era mai mostrato così duro con i vicini di Hamas: oggi distrugge i tunnel di contrabbando allagandoli con acqua di fogna e fa persino sorvolare la Striscia dai suoi droni, “per scegliere possibili bersagli in caso di guerra” – che è un comportamento di routine per quanto riguarda gli israeliani, non per un paese arabo che soltanto fino a luglio era governato dalla Fratellanza. Il Cairo ha pure perso una parte degli aiuti militari americani, che formano la frazione più avanzata e sofisticata del suo equipaggiamento. Il caso della Siria è ancora più eloquente: non si sa cosa succederà in futuro, ma per ora l’esercito di Bashar el Assad è impegnato a sopravvivere nella lotta quotidiana contro una guerriglia eterogenea che include i gruppi più pericolosi dell’islam militante internazionale. In questo scenario dagli orizzonti molto stretti, i decenni passati dai generali siriani ad addestrare ed equipaggiare le Forze armate per l’eventualità di una guerra contro Israele non contano più. Le preoccupazioni maggiori riguardavano l’arsenale chimico: un esercito anche allo stremo è pur sempre capace di piazzare un colpo estremamente duro se dispone di armi di distruzione di massa. Inoltre, se Assad avesse perso il controllo delle basi, le armi chimiche sarebbero passate nelle mani della guerriglia sunnita che potrebbe rivelarsi non meno pericolosa. Ora però è in corso lo smantellamento dell’arsenale chimico (se funziona). L’impressione da lontano è che la Siria sia diventata un enorme caso-studio per i servizi segreti israeliani. Si sa che osservano i lanci di missili balistici – tipo gli Scud – contro le città controllate dai ribelli, perché si è trasformata in un’occasione unica per vedere come funziona l’apparato militare siriano (mentre è impegnato ad attaccare la sua stessa popolazione). Si sospetta che siano coinvolti in alcuni casi di lotta contro gli iraniani in campo terzo, come sarebbe accaduto nell’uccisione vicino Aleppo del generale al Shateri, inviato delle forze speciali dei Guardiani della rivoluzione. Si sa per certo, infine, che tengono d’occhio tutto il traffico di armi tra l’esterno – russi, soprattutto – il governo siriano e il gruppo libanese Hezbollah. Da febbraio in poi ci sono stati almeno sei raid per bombardare armi sofisticate – missili – prima che fossero spostate in Libano. Un discorso analogo vale per il problema Libano, che va inteso come “Hezbollah”. Il gruppo ha scelto di gettarsi nella mischia siriana e per questo è sottoposto a una torsione brutale sia dal punto di vista materiale – centinaia di perdite – sia dal punto di vista ideologico: è difficile dire di essere la “muqawama”, la resistenza, intesa contro Israele, e invece andare al di là del confine a combattere contro altri arabi. Se non rispolverando il motivo settario – noi sciiti contro loro sunniti – che non promette nulla di buono per il Libano, costruito sopra un volenteroso equilibrio fra fedi e tradizioni diverse. “Meglio i sunniti che gli sciiti” A settembre Reuters ha pubblicato un’intervista informata con il generale israeliano Yair Golan, che comanda il settore nord della Difesa, quindi quello che si occupa anche della frontiera con la Siria (ormai senza più la preoccupazione immediata delle armi chimiche). Anche Golan sostiene che non c’è da preoccuparsi delle forze terrestri di Assad, messe troppo a dura prova dal conflitto interno, e con Reuters ha aggiunto un parere interessante: per lui sarebbe preferibile una vittoria dei gruppi ribelli sunniti della guerriglia anti Assad che una permanenza al potere dell’attuale apparato (vale a dire gli assadisti appoggiati dall’Iran e aiutati dagli hezbollah). I ribelli sunniti includono anche gruppi dichiaratamente nemici di Israele, ma sono comunque più arretrati dell’asse tra alawiti e sciiti, che è un’alleanza tra stati ed eserciti.

    Twitter @DanieleRaineri

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)