17 Responses

  1. avatar
    The Hooded Claw at |

    Che ci fosse frustrazione da parte delle intelligence occidentali che non erano ammesse al club lo si percepiva da un bel po’ di tempo. Ma quando capiranno gli europei continentali che i popoli anglosassoni si fidano solo di popoli anglosassoni?
    Il Five Eyes funziona perché si chiama appunto “Five Eyes”, e non “Cinq Yeux”, e non è una questione di lingua… Sarebbe il caso di farsene una ragione.
     

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      Concordo!

      F.

      Reply
  2. avatar
    marco mayer at |

    E’ meglio un mondo digitale digitale libero caratterizzato dall’influenza  USA o un dominio digitale balcanizzato affidato formalmente all’ITU, ma spezzettato in segmenti controllati e manipolati da centinaia di soggetto sovrani e non.  Per ora mi sento più tranquillo con uno status quo, migliorato perchè più rispettoso della Costituzione americana, tuttavia come ho scritto temo che la balcanizzazione di internet e dintorni sia irreversibile…..

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      Anche per me lo status quo è più rassicurante.

      F.

      Reply
    2. avatar
      hastatus prior at |

      buonasera a tutti, buonasera Professore.
      Un mondo digitale libero è un giusto auspicio e concordo che il cyberspace debba mantenere le caratteristiche di”neutralità” e di “non luogo”. Tuttavia ritengo che l’Europa debba attrezzarsi maggiormente, nel senso militare, e occupare ed occuparsi di questo nuovo spazio di confronto.
      Un’Europa più forte ed emancipata consentirebbe un balance di force almeno nel dominio cyber.
      Mi colpì, a suo tempo, la vicenda della sottrazione di un’importante commessa Airbus, pronta alla finalizzazione, soffiata dagli USA tramite l’ascolto ECHELON. e girata alla ditta boeing.
       
       
       
       
       

      Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    Sile, leggo in controluce una certa interpretazione dei recenti avvenimenti. Sbaglio…? 😉

    Reply
  4. avatar
    SG at |

    http://eliza.corriere.it/2013/10/26/i-governi-nellera-di-big-data-la-tecnologiainsidia-la-democrazia/
    I governi nell’era di Big Data: la tecnologia insidia la democrazia?

    <<“Gli analisti del governo americano – spiega Viktor Mayer-Schoenberger, autore di Big Data – pensano di poter prevedere i comportamenti umani, sperando così di intercettare problemi, catastrofi e disagi prima che si compiano. Ma questo è da escludere”. Nonostante tutto, il sistema pre-crimine immaginato da Steven Spielberg in Minority Report è ancora un’invenzione narrativa>>

    Reply
  5. avatar
    marco mayer at |

    Germany, Brazil to propose anti-spying resolution at U.N.

     
    UNITED NATIONS (Reuters) – Germany and Brazil are drafting a U.N. General Assembly resolution that would demand an end to excessive spying and invasion of privacy after a former U.S. intelligence contractor revealed massive international surveillance programs, U.N. diplomats said on Friday.
    Brazilian President Dilma Rousseff and German Chancellor Angela Merkel have both condemned the widespread snooping by the U.S. National Security Agency.
    Charges that the NSA accessed tens of thousands of French phone records and monitored Merkel’s mobile phone have caused outrage in Europe. Germany said on Friday it would send its top intelligence chiefs to Washington next week to seek answers from the White House.
    In response to the disclosures about U.S. spying, many of which came from fugitive former NSA contractor Edward Snowden, the German and Brazilian U.N. delegations have begun work on a draft resolution to submit to the 193-nation General Assembly, several U.N. diplomats told Reuters.
    “This resolution will probably have enormous support in the GA (General Assembly), since no one likes the NSA spying on them,” a Western U.N. diplomat said on condition of anonymity.
    General Assembly resolutions are non-binding, unlike resolutions of the 15-nation Security Council. But assembly resolutions that enjoy broad international support can carry significant moral and political weight.
    Merkel demanded on Thursday that Washington strike a “no-spying” agreement with Berlin and Paris by the end of the year, adding she wanted action from President Barack Obama, not just apologetic words.
    Last month, Rousseff used her position as the opening speaker at the General Assembly’s annual gathering of world leaders to accuse the United States of violating human rights and international law through espionage that included spying on her email.
    Rousseff also expressed her displeasure by calling off a high-profile state visit to the United States scheduled for this month over reports that the NSA had been spying on Brazil.
    (Reporting by Louis Charbonneau; Additional reporting by Michelle Nichols; Editing by Peter Cooney)

    Reply
  6. avatar
    Paolo Zucconi at |

    Io penso che in Europa sia necessario arrivare ad un sistema di Forze Armate e Intelligence continentale, in cui i paesi UE dispongono di un unico sistema di difesa e non molteplici piccoli e inefficienti sistemi. Ovviamente la Gran Bretagna ne sarebbe fuori, considerando i rapporti di fratellanza con gli USA, però penso che le strutture di Intelligence di ogni singolo paese non possa competere con quelle di USA, Russia o Cina, per cui l’UE deve dotarsi di un sistema più competitivo e maggiormente efficiente.

    Reply
  7. avatar
    Asso at |

    Caro Paolo,
     
    tutto ciò che sta accadendo è semplicemente propedeutico a ciò a cui, giustamente e legittimamente aspiri  . . .
     

    Reply
  8. avatar
    Alfiere at |

    Vi ricordate l’approccio europeo in Kosovo? Solo per fare un esempio…per tutto il resto c’è Echelon! 😀

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)