161 Responses

  1. avatar
    Asso at |

    Buono. A livello centrale stanno selezionando, tra l’altro, gli aspiranti 007 valutando in maniera stringente i relativi curriculum. Selezione a cui prende parte attiva anche personale del COPASIR. Cosa buona e giusta che si inserisce in una più ampia un’ottica di trasparenza. Come fa giustamente osservare la NATO, un occhio di riguardo alla gestione “dei dati sensibili” degli operatori.

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      Scusate la mia osservazione, alimentata da inesperienza e curiosità. Tempo fa, su questo forum, leggevo che chi avesse ambito a diventare uno 007, avrebbe dovuto inviare il proprio CV tramite il portale reperibile all’indirizzo http://www.sicurezzanazionale.gov.it. Ora leggo che i CV di alcuni aspiranti sono al vaglio del Copasir. La mia domanda è la seguente: ma quanti canali di assunzione esistono? 
      XXX

      Reply
  2. avatar
    mv at |

    …ce li vedo i grillini (che non sbaglio son tre: Crimi, Marton e Tofalo) a prendere appunti e fare la relazione a Casaleggio prima di andare a nanna. Ma non temiamo: presto sarà tutto online e non ci penseremo più!
    Povera la Repubblica, e povero chi la serve!

    Reply
    1. avatar
      Giovanni Nacci at |

      Dopo il fatto di accettare i curriculum on line, si potrebbe organizzare la trasmissione di tutte le procedure di selezione (comprese le visite mediche?) in streaming. Magari in qualche caso può anche essere interessante… 😀 😛

      Reply
      1. avatar
        mv at |

        se la metti su questo piano, non trovo davvero di che obiettare…

        Reply
      2. avatar
        AllegraBrigata at |

        Ciao Giovanni. Cosa non ti piace?
        A.

        Reply
        1. avatar
          Giovanni Nacci at |

          Andrea carissimo, buonasera :)
          Premetto che sono poco informato sull’argomento, o comunque sono informato quanto lo è chi può legge solo roba “open”… 😛
          Inoltre anticipo che probabilmente parte della mia perplessità è originata dalle riduzioni giornalistiche di questi fenomeni di cambiamento (da più parti vengono definiti… “epocali”, ma a me sembrano del tutto “normali”, per la nostra epoca…).
          Non sono per niente contro il controllo parlamentare. E lo dico da “cittadino standard” al quale, ingenuamente e senza approfondimenti di rango più elevato, sembra ovvio e giusto che un tale controllo ci sia.
          Però mi sorprende molto questa cosa del pignolo “esame dei profili biografici e professionali dei candidati” e anche delle “…spiegazioni e approfondimenti alla commissione di selezione del Dis, in particolar modo dei titoli allegati dai candidati anche alle promozioni.
          In primo luogo affinché un simile, certosino, esame abbia un senso, oltre al ruolo bisogna avere un certo tipo di capacità e di esperienze (ma può anche darsi che il componente del Copasir le abbia, non metto affatto in dubbio); come si dice: possiamo essere in grado di giudicare chi è meno bravo di noi, ma non chi lo è di più.
          In secondo luogo, se dal Copasir c’è tutto questo – sacrosanto – interesse per le nuove assunzioni o le promozioni, voglio sperare che il Copasir manifesti la stessa sacrosanta attenzione per, che so, licenziamenti, trasferimenti e pensionamenti (ipotizzo: se tutti i cervelli italiani scappano all’estero, scapperà anche una aliquota di cervelli che stanno in DIS, AISI e AISI… il Copasir nel caso potrebbe “intercedere” – in senso figurato – per ridurre la potenziale emoragia?).
          Insomma quello che non vorrei – stando a quel poco che ho letto (e a quell’ancora meno che ho capito… 😀 ) – è che il controllo parlamentare (o chi è chiamato ad esercitarlo) perdesse di vista la sua mission, riducendosi a funzioni tipiche di un qualsiasi “direttore del personale”… Voglio dire, c’è il rischio che il Copasir (o chi per lui) possa – in questo precisissimo frangente – mal interpretare i ruoli, funzioni e scopi istituzionali (o magari più semplicemente solo le sue prassi…)?
          Poi – per quel che mi riguarda – più controllano (se lo fanno bene) meglio è: tanto il mio “augusto*” curriculum… non c’è! 😀
          Saluti cari  e buona serata a tutti!
          * da intendere in senso augustamente sarcastico, ovviamente :P…
           

          Reply
          1. avatar
            Asso at |

            Giovanni Nacci:”  . . . Voglio dire, c’è il rischio che il Copasir (o chi per lui) possa – in questo precisissimo frangente – mal interpretare i ruoli, funzioni e scopi istituzionali (o magari più semplicemente solo le sue prassi…)?”.
            Se dovesse “mal interpretare”, confido nei pronti ed esaustivi “chiarimenti” che sicuramente verranno offerti dal Sistema di Informazione (Autorità Delegata, DIS, AISI e AISE).
            E’ un confronto alla pari. Se vi sarà qualcuno che “mal interpreterà”, ci sarà qualcun’altro che spiegherà e chiarirà alla controparte i fatti che sono stati mal interpretati.
             

            Reply
            1. avatar
              Giovanni Nacci at |

              Asso carissimo, confido e spero anche io in quel che tu dici.
              Tuttavia nel caso in cui dovesse trattarsi di (mal) “interpretazioni” – in questo come in altri settori – tenderei a diffidare della efficacia di simili “chiarimenti incrociati”.
              Ma è chiaro che spero di sbagliarmi su tutta la linea :)

              Reply
    2. avatar
      The Hooded Claw at |

      Caspita Matteo, non ci avevo pensato: i nominativi e i dati personali degli operativi che vanno dritti nella mani di Casaleggio. Mi vengono i brividi lungo la schiena!
       

      Reply
      1. avatar
        mv at |

        Inquietante, eh…

        Reply
      2. avatar
        Asso at |

        Ragazzi, mi permetto di ricordarvi che se c’è, da un lato, Casaleggio che “vuole controllare”, dall’altro, c’è chi a sua volta la controlla calmierando e tenendo sotto controllo la situazione. 
        I nostri agenti, in un modo o nell’altro, verranno tutelati, sempre e comunque.

        Reply
        1. avatar
          mv at |

          Diciamo che ci faccio un certo affidamento. Detto questo, però, la mia preoccupazione è sistemica: la qualità media degli eletti temo sia piuttosto bassa, ma il buon funzionamento di un sistema parlamentare (nelle funzioni di controllo come in tanti altri ambiti) non può prescindere da “materiale umano” competente. E quando gli eletti, oltre a non sembrarmi di altra qualità, sono anche eterodiretti (e non parlo solo dei grillini, va da sé), il problema mi sembra sia particolarmente grave.

          Reply
  3. avatar
    Anonimo at |

    ” Perfino sulla gestione delle finanze dei nostri servizi c’è chi si chiede come mai continui ad essere demandata ad una banca che è controllata da società straniere. ”
    Il problema è solo la Banca o anche altri tipi di forniture tecnologiche ?
    B.A.

    Reply
    1. avatar
      fenice at |

      Chiedo perdono per la mia ignoranza, ma quale sarebbe la banca in questione?

      Mi incuriosisce anche la riflessione posta sulle forniture tecnologiche… purtroppo in un Paese dove i propri cittadini nella loro maggioranza non hanno alcuna idea ne interessa di cosa comporti svendere o addirittura cedere finmeccanica a paesi stranieri, temo che ogni riflessione poi risulti inutile.. 

      Reply
  4. avatar
    Anonimo at |

    “Il nuovo turn over degli 007 ( il cui costo annuale si avvicina a 700 milioni di euro)  dovrebbe ridare slancio ad un settore che è indispensabile per la sicurezza dello Stato … ”
    ma il Turn over degli non dovrebbe portare ad un risparmio ?
    Ipotizzando altri 500 Agenti da prepensionare :
    700.000.000,00 / 500 Agenti = 1.400.000,00 E per mediamente per ciascun AGENTE .
    E quelli già prepensionati sono stati ugualmente … incentivati o faranno ricorso se penalizzati rispetto a questa nuova uscita ?
     Forse il Sig.re ROTTAMATO potrà darci qualche delucidazione.
    B.A. 

    Reply
  5. avatar
    Anonimo at |

    Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica
    (

    Senatori

    CRIMI Vito Claudio, M5S
    MARTON Bruno, M5S

    Deputati

    TOFALO Angelo, M5S

     
    Chi sara’ il piu’ pignolo ?
    B.A.

    Reply
    1. avatar
      mv at |

      Lombroso direbbe Crimi, io dico Tofalo.

      Reply
      1. avatar
        ga at |

        e’ stato , e’ e sar’ un errore far mettere mano e naso a persone come loro!!!!!! E qua mi fermo nel commentare altrimenti sarei poco democratica ……

        Reply
  6. avatar
    Arpo at |

    In questo Paese si passa sempre da un eccesso all’altro ….!! 
    saluti Salva 

    Reply
  7. avatar
    mv at |

    Signori, questo è uno degli uomini che veglia sui nostri servizi:
    http://www.linkiesta.it/blogs/camera-con-vista/intervento-colonna-sonora#ixzz2aAx5xodQ
     

    Reply
    1. avatar
      ga at |

      Aiutooooooooo!!!!!!!!!!!

      Reply
  8. avatar
    vittorio at |

    condivido …”tempi duri per i raccomandati”!!!…ma si tengano in considerazione …quei laureati e non ..che non hanno preso 110 e lode, ma hanno un senso pratico ecc…e nella loro vita hanno sempre sognato di svolgere questo affascinante lavoro.Non si faccia l’errore come successo  spesso in altre amministrazioni
    ..che persone bravissime vincano il concorso…solo per aver un posto di lavoro,mentre nella loro vita avrebbero voluto far tutt’altra cosa!!!vp

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      Salve Vittorio,
      mi trovo abbastanza d’accordo con quello che dici, però anche se i titoli accademici non dovrebbero  avere un peso eccessivo un minimo di competenza ci vuole. In Italia abbiamo la mania del dare i posto ai 110 e lode, ma io ricordo di miei compagni all’università che nonostante i cui voti alti riflettevano solo la capacità di operare bene in un contesto accademico /universitario. Fuori da quello diventavano immediatamente mediocri e con altre capacità (linguistiche o di networking) che di sicuro non li avrebbero fatti dei gran candidati per l’AISE, se mai avessero avuto l’interesse a diventarlo.
      Detto questo proprio ieri uno dei miei clienti/collaboratori (ho cambiato lavoro nell’ultimo mese) ha ricevuto una visita da due tizi del controterrorismo per delle procedure di sicurezza (stiamo parlando di biologia qui che non è neanche il mio campo) che gli hanno chiesto di implementare (non posso essere più specifico scusate). Bene questi due (credo fossero ex-poliziotti) avevano seria difficoltà a capire che un flacone con dentro 10^2 virioni è diecimila volte meno concentrato di uno con 10^6 virioni. Ora, io non dico che uno del controterrorismo debba sapere di virologia (io stesso non ne so molto) ,ma capire il concetto di concentrazione quello si.
       
       

      Reply
      1. avatar
        The Hooded Claw at |

        Scusate ho scritto un paio di strafalcioni grammaticali a causa della fretta, alla faccia delle competenze linguistiche…
         
        😉

        Reply
        1. avatar
          mv at |

          io concetto era comunque chiaro (purtroppo)… 😉

          Reply
      2. avatar
        Nemo Profeta at |

        Caro Hodded,
        non ti stupire…
        qualche tempo fa ho avuto la stupida idea di fare un concorso come direttore tecnico della polizia di stato. Lavoravo già da un pezzo e si trattava di fare un bel passo in dietro come livello e come stipendio. Ma lo avrei fatto volentieri. 
        Ho fatto domanda e mi hanno detto: “data delle visite mediche comunicata con racomandata rr e data degli esami scritti e orali comunicata in  gazzetta ufficiale”. Passano cinque mesi e mezzo senza comunicazione e poi un giorno mi  arriva una raccomandata che grosso modo mi dice “presentati dopo domani a Roma, per tre giorni di visiite mediche, munito di lastre torace fronte e laterale, di tot esami sangue e urine”…
        Chiamo a Roma per dire che 1) non posso sparire dal lavoro senza praticamente dare preavviso (tra l’altro avevo un direttore sviluppo della Sony che da Londra veniva a Milano per parlare con me di una nuova linea di chip da mettere sulle nostre reti, una cazzabubbola da mezzo milardo di euro) e 2) non posso procurarmi le lastre e gli esami in due giorni… mi hanno risposto (sic) che erano fatti miei, che sarei stato considerato rinunciatario e che  “comunque noi ci rivolgiamo a un pubblico di disoccupati”. Non ho fatto ricorso, ho pensato che in quel genere di posto avrei sprecato la mia vita.
        Credo che questo dia un’idea del livello medio …. nel momento in cui ti laurei bene, magari ti fai il tuo bel PhD, arrivi a un livello di professionalità reputato soddisfacente a livello internazionale, sei semplicemente sovradimensionato rispetto al livello richiesto dallo Stato italiano… non é bello, ma é la realtà… sorry….
        Ciao Nemo
         
         

        Reply
        1. avatar
          The Hooded Claw at |

          Nemo,

          qualche tempo fa ho avuto la stupida idea di fare un concorso come direttore tecnico della polizia di stato. Lavoravo già da un pezzo e si trattava di fare un bel passo in dietro come livello e come stipendio. Ma lo avrei fatto volentieri.

          ti ammiro, sinceramente.
           
          Detto questo, mi pare ovvio che ti abbiano messo in una posizione tale che non potessi farcela perché quel posto doveva andare a qualcun altro.
          Comunque non ti disperare perché quello che raccontavo io è successo col controterrosimo britannico, tutto il mondo è paese insomma.

          Reply
  9. avatar
    elperroloco at |

    Parole sante.
    Purtroppo è triste constatare che ciò che dovrebbe essere normale, selezionare personale capace avendo come unico obiettivo l’efficienza, debba essere fatto addirittura da un comitato parlamentare (competente?), con lo scopo di sbarrare la strada ai “portatori sani di premura”. Se fosse vero, è una sconfitta – su tutta la linea – dell’intero sistema. MIl prossimo passo quale sarà?  I candidati che si presentano davanti al Copasir per il colloquio finale? Con Crimi che termina dicendo “Le faremo sapere. …”….poveri noi….

    Reply
  10. avatar
    rottamato at |

    eccomi, scusate il ritardo, ma da qualche giorno non entravo in rete. caro anonimo, ti assicuro che noi prepensionati – posti in quiescenza d’ufficio, anzi – non abbiamo ricevuto alcun incentivo, se non mantenere le nostre responsabilità fino all’ultima firma. è stata  fatta passare come tale la corresponsione in unica rata del tfr, mi sembra che si siano sganasciati anche al tar. del resto anche a quelli ancora in servizio verrà liquidato in unica soluzione ( come mi sembrerebbe giusto per tutti i lavoratori). confermo che dubito che la nostra uscita, o altre paventate uscite anticipate, abbia rappresentato un reale  e consistente risparmio per le casse statali o che possa esserlo se venisse ripetuta la rottamazione, pardon, collocazione in quiescenza d’ufficio.
    per quanto riguarda il vaglio dei nomi da parte del copasir e , di fatto, la pubblicità delle identità degli aspiranti e degli assunti, condivido pienamente le serie perplessità manifestate da altri e non solo nei confronti del guru Casaleggio. del resto, se non ricordo male, una delle motivazioni non ufficiali ma consistente dei mancati concorsi si basava proprio sulla concreta possibilità/probabilità che qualsiasi escluso potesse ricorrere arrivando –  di fatto – a rendere pubblici i nomi degli assunti, il tutto alla faccia della riservatezza! ci credo che i nostri partner esteri abbiano dubbi (ulteriori) sulla tenuta dei nostri Servizi… saluti a tutti.

    Reply
  11. avatar
    TRIGEMINA at |

    E se tutto questo fosse solo una montatura…un classico depistaggio informativo dato in pasto a giornali e media..????

    Reply
  12. avatar
    Anonimo at |

    Mah….sul sito istituzionale c’era scritto che i CV potevano essere spediti fino a fine ottobre. Non c’è mica differenza fra “chiamata diretta” e selezione sulla base di un CV?
    xxx
     

    Reply
  13. avatar
    elperroloco at |

    Ritengo, però,  che i componenti del Copasir siano sotto vincolo di segretezza in relazione al loro specifico operato. In ogni caso non credo che dati sensibili possano uscire con tanta facilità come narra l’articolo. Potranno consultare qualche fascicolo, ma spero che non gli sia consentito estrarre copie. Ed anche negli atti parlamentari non mi sembra plausibile che rimanga traccia di certe informazioni , se non sotto un bel OMISSISS……Oddio. Almeno spero….
     

    Reply
  14. avatar
    orangejuice at |

    Shalabayeva, indaga Procura di Roma Letta: gli 007 non erano tenuti a sapere 

    29/07/2013  

    Intanto, il premier Enrico Letta ha inviato una lettera al Copasir per ribadire che i servizi segreti sono estranei al caso. Gli 007 non hanno saputo della presenza di Mukhtar Ablyazov e di sua moglie in Italia, né dell’espulsione della donna. Non erano tenuti a saperlo in quanto il dissidente kazako non rappresentava un pericolo per la sicurezza nazionale. A settembre Letta ha dato la sua disponibilità per un’audizione al Comitato. Per Claudio Fava (Sel), «anche se era ricercato per reati finanziari e non per terrorismo, la presenza di Ablyazov in Italia doveva essere un elemento di attenzione per i nostri servizi, visto anche che ci sono ben 54 aziende italiane che hanno interessi in Kazakistan. C’è stata quindi inadeguatezza e sottovalutazione nel considerare il caso come una semplice operazione di polizia. Anche nei tre giorni tra il blitz e l’espulsione – aggiunge – credo che i nostri servizi avrebbero dovuto essere consultati».

    Sul caso è intervenuta oggi anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, durante la cerimonia del ventaglio. La vicenda Shalabayeva, secondo Boldrini, «ha portato grave discredito al nostro Paese. Rappresentanti di un Paese che non brilla per la difesa dei diritti umani hanno preteso e ottenuto l’espulsione di una donna e della sua bambina senza che venissero fatti tutti gli accertamenti del caso. Si sono verificati – ha aggiunto – comportamenti omissivi e superficiali che vanno contrastati su tutti i piani, non escluso quello culturale». 

    Reply
  15. avatar
    Anonimo at |

    Caro Sile, io avevo capito che la chiamata diretta era stata soppiantata. 
    XXX

    Reply
  16. avatar
    elperroloco at |

    Salve Asso.
    Secondo la tua opinione, i fascicoli/CV di cui parla l’articolo sono riferiti ai noti selezionati (e mai chiamati) di 2 anni fa?

    Reply
  17. avatar
    Asso at |

    Quelli già selezionati (mi riferisco a chi ha fatto anche le selezioni a Roma) e mai incorporati (quelli del 2011), parrebbe siano stati esclusi. Credo che i fascicoli/CV di cui parla l’articolo, sono relativi agli “hacker” che stanno inviando i propri cv tramite il sito istituzionale (avranno tempo sino a ottobre), agli arabisti, nonchè a personale delle Forze di Polizia nel frattempo “individuato” dal Sistema di Informazione. Per individuato, intendo coloro che, secondo il citato Sistema di Informazione, riuniscono, potenzialmente, i requisiti per poter divenire una “spia”.

    Reply
  18. avatar
    elperroloco at |

    E invece l’articolo sembrerebbe dire diversamente. Al vaglio del Comitato quelli a chiamata diretta, da altre amministrazioni,  passaggi a tempo indeterminato, ecc. La questione parrebbe svincolata da quei CV inviati oon.line. 
    Inoltre,  se puoi rispondermi, cosa intendi per “personale individuato tramite il Sistema di Informazione”.? Sempre attraverso il sito? Altrimenti non vedo alcun altro modo attraverso il quale il Dis sia in grado di fare selezione, se non mediante la cara vecchia raccomandazione… 😉 :-)

    Reply
  19. avatar
    elperroloco at |

    ….e, quindi, chi era compreso nel manipolo dei sedotti ed abbandonati del 2011, può sempre procedere a nuovo invio di CV attraverso il sito? :-) :-(

    Reply
  20. avatar
    Asso at |

    No, non intendo personale individuato attraverso il sito. Vedi, il fatto che tu, o io (questo e’ indifferente) non veda/vediamo altri metodi attraverso cui il Dis possa individuare personale potenzialmente idoneo, non vuol dire che detti metodi ‘non esistono’. Il  problema e’ tutto nostro non di certo del Dis. Nessuno vieta, infine, di riproporre il proprio cv. Questo, chiaramente, non vale per il personale delle forze di polizia che continuerà ad essere selezionato d’ufficio

    Reply
  21. avatar
    elperroloco at |

    Il personale delle FFPP non è mai stato selezionato d’ufficio. Mai. È sempre valsa la raccomandazione, la cordata e l’Amministrazione al vertice delka direzione. Basti vedere quando fu Pollari al Sismi, ovvero,  più recentemente,  Piccirillo al Sisde. Le assunzioni,  come ben rammenta l’articolo, si son sempre basate sulla raccomandazione, politica,  religiosa o militare. .. mi rattrista dirlo e mi lascia l’ amaro in bocca, ma è così. ..e da quello che ho cqpito poco è cambiato. Ben vengano perciò pentastellati o simili e magari tra 30anni avremo dei Servizi degni fi questo nome. ..
    PS…scusate gli errori ma ho un Phone diversamente Smart….

    Reply
    1. avatar
      Nemo Profeta at |

      brutta storia… inizia a sorgermi il dubbio che sia la regola della PA italiana (vedasi la mia esperienza al concorso per direttori tecnnici della PdS, riassunta più sopra)… credo che me ne staro’ all’estero dove sono …. che tristezza questo paese…

      Reply
  22. avatar
    Anonimo at |

    Scusate se mi intrometto, ma siamo sicuri che i candidati di due anni fa siano estromessi da questa selezione? Non è possibile che proprio quei candidati, che dal 2011 non hanno più saputo nulla, non siano proprio in questi giorni al vaglio del Copasir?

    Reply
  23. avatar
    Asso at |

    Anonimo:” . . . Non è possibile che proprio quei candidati, che dal 2011 non hanno più saputo nulla, non siano proprio in questi giorni al vaglio del Copasir?.
    Possibile solo se sono tra quelli che non sono mai andati a Roma per le selezioni.

    Reply
  24. avatar
    elperroloco at |

    Asso. Perdonami se insisto ma ti leggo informato sul tema. Come mai sottolinei il fatto che per ” quelli andati a Roma” non ci sarà possibilità?  Quale sarebbe la discriminante con quelli che non hanno espletato l’iter? Non potrebbe essere più logico il contrario? Sicuramente sei a conoscenza di particolari che ai più sfuggono e,  come avrai intuito,  sono tra quelli abbastanza interessati all’argomento . Thanx

    Reply
  25. avatar
    name66 at |

    penso che elperroloco abbia pienamente ragione, non credo che si possa accedere senza completare o intraprendere l’iter previsto anche se con un minino di raccomandazione come e’ stato sempre nella nostra mata Italia.

    Reply
  26. avatar
    Asso at |

    Vedo che sei interessato e ti capisco. Lo sottolineo semplicemente perchè l’ho letto su questo Blog. E chi l’ha scritto lo considero fonte attendibile . . .
    Lo scrisse Silendo. Se ho capito male, invito Silendo ad intervenire per chiarire i fatti . .

    Reply
  27. avatar
    Anonimo at |

    Non sono un esperto di statistica, ma se tanto mi da tanto….ho avuto modo di conoscere “7 reduci del 2011”. Nessuno di quei 7 ha più avuto notizia dopo aver trascorso qualche giorno nelle mani di psicologi, psichiatri, oculisti ecc ecc. Mi sembrerebbe un vero spreco non tenere conto di “quelli del 2011”. Soprattutto xkè A) se sono arrivati a quel punto, un aiutino l’hanno avuto; B) perchè mi sembra alquanto strano che 7 su 7 non abbiano più avuto notizia…

    Reply
  28. avatar
    Asso at |

    A posto. Allora ritiro tutto perche’ basavo l’affermazione su un dato che ero convinto di aver letto. Elperroloco  chiedo scusa. A questo punto potrebbe anche essere che ‘quelli del 2011’ siano ancora in ballo. 

    Reply
  29. avatar
    Anonimo at |

    Asso le mie erano solo teorie e lo ammetto…vere e proprie speranze. Chiedo scusa se ho fatto passare il messaggio che fossero notizie certe. Ahimè, almeno su questo tema, fino ad oggi non ne hai sbagliata mezza. 

    Reply
  30. avatar
    elperroloco at |

    Asso. Purtroppo, la mia paura è che hai comunque ragione. Però sottolineando ciò che ha aggiunto Anonimo: un vero spreco. Anche perché non tutti quelli che vennero selezionati nel 2011 ebbero l’aiutino….qualcuno con titoli e determinate competenze professionali era tra quei disgraziat. Ma nel frattempo arrivò lo Zio Monti e la sua spending review che piano piano ha fatto svanire ogni speranza.
    Comunque, passate a trovarmi a Villasimius.
    Mirto ghiacciato fatto in casa per tutti…

    Reply
    1. avatar
      hastatus prior at |

      Elperroloco, come lo fai il mirto?
      hastatus prior

      Reply
  31. avatar
    Asso at |

    Ci vengo volentieri anche perchè vivo a Cagliari . . . Nalla mattinata di domani, in Villasiumius, fai segnali di fumo (come gli indiani). Sarà io a trovarti . . .

    Reply
    1. avatar
      SG at |

      com’era il mirto?

      Reply
  32. avatar
    Anonimo at |

    Caro Asso, visto che apprezzo molto il modo in cui scrivi, soprattutto i contenuti che, ribadisco, ahimè sono veritieri, vorrei chiederti quanto segue. Se “quelli del 2011”, già appartenenti ad altre amministrazioni statali, non hanno più avuto notizie, è plausibile secondo te ne possano avere in questa circostanza Attraverso la cosiddetta “chiamata diretta”?

    Reply
  33. avatar
    Asso at |

    A questo punto, appare plausibile perchè è emerso non essere certo il fatto che ‘quelli del 2011’, quantunque già selezionati a Roma, siano stati valutati definitivamente (e quindi reputati non idonei oppure idonei fuori graduatoria). Posto questo, ritengo sia possibile che alcuni di costoro possano essere contattati direttamente. Ragazzi, le vacanze organiche (attuali e future) devono/dovranno essere ripianate. Qualcuno li dovrà pur rimpiazzare questi agenti, o no?

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      Mi hai dato una boccata di ossigeno caro Asso, oltre che rivelarmi una novità: non credevo esistesse una graduatoria.

      Reply
      1. avatar
        name66 at |

        Carissimo Anonimo se hai intenzione di contattarmi ti indico il mio indirizzo personale  Spartaco.zagor@hotmail.it

        Reply
  34. avatar
    elperroloco at |

    Non lo faccio io ma mio padre. Bacche di mirto, alcool e zucchero. Per le dosi mi informo. 
    😉 Asso. Mi ricordavo infatti che sei un “cagliaritano” se non sbaglio anche campano… 😉 

    Reply
  35. avatar
    Asso at |

    Non sbagli. Napoletano di origine. Direi che hai abbastanza elementi per rintracciarmi, così facciamo una chiacchierata ‘in verticale’

    Reply
    1. avatar
      VIRGILIO at |

      Cibbista romantico che sei……

      Reply
  36. avatar
    elperroloco at |

    Caro Asso. Mi sa che apparteniamo, o meglio, prestiamo la nostra attività professionale nella medesima Amministrazione.  Comunque, domani sera dovrei essere dietro la Sella del Diavolo per aperi-cena presso noto locale modaiolo. Se odro’  parlare qualcuno con accento partenopeo pronuncero’ il tuo nickname…. 😉 si accetta in questa sede contro parola d’ordine. … 😀 😉

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      Se vi trovate bevete un bicchiere alla salute di chi sta al freddo e sotto la pioggia (e vi invidia).
      :-)

      Reply
      1. avatar
        Asso at |

        Lo farò volentieri Hooded. Qualche volta rientri in Italia? Ciao

        Reply
        1. avatar
          The Hooded Claw at |

          Certo che torno ma per poco (fine settimana lunghi nella migliore delle ipotesi). Comunque qui oggi è arrivato l’autunno, 18°C e pioggia a volontà! Comunque ci è andata di lusso rispetto all’anno scorso.
           
           

          Reply
  37. avatar
    Martin BISHOP at |

    Ritengo che talune cose siano da interpretarsi diversamente.
    Oltre agli amici del “2011” parlerei anche di quelli del “2010”.
    Per entrambi i casi, ovviamente, stiamo parlando di selezioni del vecchio iter dunque legate ad una reale esigenza dell’Agenzia di turno. Quindi, se la selezione non ha portato al risultato desiderato allora le cause sono identificabili in una delle seguenti:
    –   la selezione si è conclusa con un intoppo nel percorso (nel profilo psico-attitudinale o in quello legato al controllo di sicurezza sull’individuo), il quale non sempre viene comunicato all’individuo (se non dallo sponsor di turno);
    – oppure l’esigenza per la quale si era stati segnalati è semplicemente decaduta (in quel periodo infatti molti erano i progetti in ballo, ma la crisi economica ne ha costretto il ridimensionamento).
    Non eiste alcuna graduatoria. Quando inizia il “giro di giostra” il posto è stato già stato assegnato alla persona, altrimenti neanche si verrebbe chiamati per le visite.
     

    Reply
    1. avatar
      Boyscout at |

      Non posso non essere che in linea con il pensiero di Martin BISHOP… 😉
      Boyscout

      Reply
  38. avatar
    Asso at |

    Sei forte elperroloco e allo stesso tempo molto simpatico. Saluti a tutti. Buona Domenica

    Reply
  39. avatar
    elperroloco at |

    Caro Martin. Può essere veritiera solCalafighera soloua ipotesi. Di quelli del 2011 alcuno  è mai stato assunto,  tutti ancora in attesa. E non mi risulta che addirittura l’iter per il controllo del NOS sia mai stato avviato. … Come dici tu, di intoppo non previsto si tratta…
    Asso. Davvero sarò domani sera al La Paillote , Calafighera….e indossero’ camicia bianca di lino…forse…. 😀 😀

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      Sono d’accordo con Elperroloco. E non c’entra neppure la spending review. Continuo a pensare che non tutto sia finito…per “quelli del 2011”. 

      Reply
  40. avatar
    Asso at |

    Non sarò presente. Così ti evito di cercare. Piuttosto, qualora il regolamento lo consenta, autorizzo sin da ora Silendo a fornirti la mia mail privata. Saluti

    Reply
  41. avatar
    Anonimo at |

    Caro omonimo, non ho ben capito cosa volevi dire con il tuo post, che di seguito riportò:
    “Mi sono detto: se quelle selezioni sono arrivate alla conclusione con l’assunzione di personale, coloro che sono andati a Roma a completare il previsto iter selettivo, di conseguenza, sono stati tutti valutati. Qualcuno e’ stato assunto mentre gli altri ritenuti non idonei. Per questo sostenevo che chi è andato a Roma ormai era fuori. Cosa poi ritrattata . . . “

    Reply
  42. avatar
    Asso at |

    Sono io in che l’ho scritto. E’ anonimo perchè ho dimenticato di inserire il nome. E’ una risposta a Silendo che ha scritto:” Buonasera Asso. Sì, questo lo ricordavo anch’io ma non mi pare sia la stessa cosa rispetto a quanto affermato prima da te…

    Reply
  43. avatar
    elperroloco at |

    Comunque, insisto. Coloro da me conosciuti che hanno fatto le selezioni nel 2011 sono ancora tutti in attesa. Almeno qualcuno di loro, ma non posso giurare che lo siano stati tutti (forse qualcuno era portatore sano di Sponsor), furono selezionati poiché avevano peculiarità professionali specifiche ed utili ad alcuni settori delle Agenzie. Nei mesi successivi questi idisgraziati rimasero in contatto inviando di volta in volta eventuale documentazione o informazione utile ad aggiornare il proprio CV. A tutti venne detto che al termine delle selezioni sarebbero stati chiamati per un colloquio finale. Non parliamo di numeri esorbitanti: in tutto erano poche decine di persone che ormai  credevano davvero di avercela fatta. Ma ci fu un qualche intoppo. Ufficialmente si parlava di una revisione voluta dallo stesso Monti Mario
    che all’inizio avoco’ a se i poteri, successivamente ceduti a De Gennaro. E poi la spending review.  E poi le revisione della 124 voluta da Copasir/Dalema. Insomna, una serie di congiunzioni astrali che nemneno il calendario Maya della fine del mondo. Praticamente, per i nostri eroi, l’evolversi della situazione è stata come visionare un film del genere “catastrofico”  proiettato in 3D. Situazione sempre più disperata. Oltrettutto, non risulta infatti che sia mai stata avviata la fase di raccolta informativa per valutare il previsto N.O.S. (cosa non buona). Fino a poco tempo fa, qualche aspirante ancora  insisteva ad inviare  eventuali aggiornamenti del CV, ma, contrariamente alle volte precedenti,  i telefoni di riferimento mediante i quali erano stati tenuti i contatti con l’ufficio addetto alla selezione, questa volta suonavano a vuoto. Brutto segno. 
    Quello che narra l’articolo purtroppo non sposta o aggiunge nulla alla vicenda. Le speranze sono ridotte al lumicino. Un flebile fiammella al centro del buio cosmico. Ma hai visto mai che….un miracolo…..
    😀 

    Reply
    1. avatar
      Il gommone at |

      Non tutti i telefoni suonano a vuoto ed cccorre conoscere il giusto numero.
      Oltremodo esistono poveri sventurati in attesa da più tempo (prima del 2011).
      Per gli altri, se l’aspetto INFOSEC non è stato approfondito ne tanto meno si è proceduto con la commissione finale, è plausibile pensare che possano essere assimilabili a chiunque non abbia mai svolto alcuna selezione. Non sono pochi giorni trascorsi in saletta d’attesa a costituire una sorta di prelezione futura.

      Reply
      1. avatar
        Asso at |

        Ciao “Il Gommone”. Curiosità. L’aspetto INFOSEC chi lo cura? Potrebbe trattarsi dell’UCSe? (Ufficio centrale per la segretezza del DIS).

        Reply
        1. avatar
          Il gommone at |

          Yes, of course.
           
          Per gli appartenenti alle FF.PP./FF.AA. il controllo potrebbe avere per ovvie ragione un tempo minore, oppure in taluni casi non necessari.

          Reply
          1. avatar
            Asso at |

            Molte grazie. Curiosità soddisfatta.

            Reply
  44. avatar
    Anonimo at |

    Buongiorno Silendo,
    volevo proporre di definire un tag “Assunzioni/selezioni” al fine di trovare tutti gli spunti nel corso degli anni.
    Da quando frequento, penso sia l’Argomento per Eccellenza.
    Poi vorrei sapere se ci sono novità sulle indennità così come annunciate al momento del “Turn over”.
    B.A.

    Reply
  45. avatar
    Anonimo at |

    Troppo Buono Silendo, non pretendevo tanti impegni :) .
    B.A.
    P.S. Qualche notizia sulla nuova entità sulle indennità di funzione e operativa?

    Reply
  46. avatar
    elperroloco at |

    Caro Il Gommone.
    Per carità.  Non intendevo dire che chi ha fatto le selezioni avesse per questo il diritto sacrosanto ad essere assunto. Libero arbitrio a chi deve assumere. Ma il succo del mio discorso era un altro. Sono ancora convinto che quelle selezioni vennero prima poste in stand by,  poi bloccate ed infine archiviate.   Da quello che sapevo, infatti, nessuno (e non qualcuno o la maggior parte) di quelli che sono stati “in sala d’aspetto per qualche giorno” sia mai stato chiamato davanti alla Commissione.  
    Per quanto riguarda,  invece,  il “CONOSCERE IL GIUSTO NUMERO”,  nulla da eccepire. Quelli che ne sono a conoscenza,  di solito non hanno mai avuto problemi e sono quelli citati all’8^ parola della 1^frase dell’articolo di cui si discute. Probabilmente, i medesimi hanno pure evitato la saletta d’attesa….
    Un’ultima mia curiosità.  Hai scelto il tuo nickname ispirandoti a ciò che si vedeva appeso in un angolo di via Pineta Sacchetti?  😀 😉

    Reply
    1. avatar
      Il gommone at |

      La commissione ebbe modo di riunirsi, fidati.
      Quanto al gommone, sarebbe ora di rimuoverlo :-)

      Reply
  47. avatar
    Asso at |

    Passaggio molto interessante della Relazione 2012 del Copasir. Ci fornisce molte indicazioni. Dalla sua disamina emerge, tra l’altro, che, allo stato, vi possono essere, in casi eccezionali, assunzioni dirette di personale in deroga al principio della selezione concorsuale. Una volta effettuate, esse devono essere comunicate al predetto Comitato mediante la trasmissione dei curriculum e delle relative motivazioni (che ineriscano l'”eccezionalità”). A questo punto, alla luce dell’articolo iniziale che ha dato luogo alla presente discussione, è possibile che siano al vaglio del Copasir proprio i cv degli aspiranti agenti che, in via eccezionale, potrebbero essere assunti in futuro . . . 

    Reply
  48. avatar
    Anonimo at |

    http://www.archiviosegretovaticano.va/wp-content/plugins/downloads-manager/upload/CAV_52_vol2.pdf

    Silendo, segnalo questo documento datato …

    Volevo una Tua valutazione sul fatto di aver confermato che anche le conference calls sono intercettate.
    Visto che si tratta di uno strumento aziendale quali accorgimenti si
    potrebbe suggerire al management delle Aziende sensibili/critiche nazionali?

    B.A. VA

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      B.A. ti posso assicurare che, da persona che si occupa di technology transfer di dati confidenziali e sensibili, una conference call non è certo l’anello più debole della catena.

      Reply
    2. avatar
      SG at |

      Non fate conference call…

      Reply
  49. avatar
    elperroloco at |

    Grande Silendo. BINGO! Tutto chiaro, ora….ecco l’anello mancante della vicenda…

    Reply
  50. avatar
    elperroloco at |

    Già. Il gommone (g minuscola) andrebbe rimosso (sarà lì da almeno 30 anni?). 😀 😉 Condivido anche quanto detto per le “assunzioni dirette” e per i colori di casacca.
     Quanto alle speranze di Asso, attendiamo con le dita incrociate….hai visto mai. …
    Intanto, vi annuncio, in diretta, che qui in Sardegna è arrivato finalmente il maestrale: si respira di nuovo.. 😉

    Reply
  51. avatar
    Il gommone at |

    Al momento, l’unica opportunità per lo speranzoso Asso è quella di farsi distaccare presso (…) colorarsi di giallo, rimanere comunque effettivo al (…) e, seppur non un membro ufficiale del (…), respirare parte della stesso ossigeno; e, nel tempo, coltivare la speranza di colorarsi di blu.
    Questo, semmai non fosse chiaro, prevede che il nostro Asso appartenga alle FF.AA. (e nemmeno ad una qualunque, ma per prevalenza di miracolati, ad una in particolare).

    Reply
    1. avatar
      Asso at |

      Interessante. Sostieni che l’appartenenza ad determinata Forza di Polizia (non ho capito quale sia) dia, per così dire, più chance?
      Io non credo sia determinante, sai?
      Nel mio caso, sono un maresciallo capo dei carabinieri. Cosa mi dici, a questo punto? Sono agevolato o penalizzato? (rispetto al tuo ragionamento)

      Reply
      1. avatar
        Il gommone at |

        Non parlavo di FF.PP., ma di FF.AA. in prevalenza.
        Le mie considerazioni solo legate chiaramente alla situazione attuale e finché quest’ultima continuerà a perdurate, non vedo per te (Sott.le ambito CC) che l’unica valvola di sfogo quella di transitare presso la Cp. CC del noto Raggruppamento. Anch’essa operazione non facile, ma meno difficile del passaggio diretto in Agenzia.

        Reply
        1. avatar
          Asso at |

          Forse ti riferisci alla Marina Militare avuto conto dell’attuale capo dell’Aise. Forse anche tu ne fai parte, avuto conto del nick name utilizzato. In tutta sincerità, credo che il maggior bacino da cui vengono attinti gli operativi sia Polizia, CC e GDF. Questo per via del loro bagaglio professionale che meglio si sposa con le attività che vengono svolte sul campo dagli agenti. 

          Reply
          1. avatar
            Asso at |

             . . . uhm . . . chiedo scusa . . . volevo dire all’Esercito avuto conto dell’attuale Direttore dell’AISE, che è un Gen. di C.A..

            Reply
        2. avatar
          Asso at |

          nel post prec

          Reply
  52. avatar
    elperroloco at |

    Oppure,  meglio ancora sarebbe poter partecipare al noto Reality Show “Amici di…”, ma non di “Maria”, bensì di “Niccolò”…..Chi passa il casting, indossa la maglia gialla e partecipa alle selezioni 😉 😉 😀 😀 
    Giusto? 

    Reply
  53. avatar
    elperroloco at |

    Vedi Asso. Entrambi, io e te, siamo sulla medesima grande isola, la Sardegna. Ma avremmo avuto maggiori chance se fossimo stati su un’altra, anche più piccola, tra quelle delle Canarie…. soprattutto se aspiri alla Agenzia esterna. ..
     

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      Io non credo che la discriminante sia la forza armata o di polizia alla quale si appartiene. Credo/spero che i CV al vaglio del Copasir siano anche quelli di coloro che nel 2011 hanno sostenuto le selezioni…..in funzione della grande riorganizzazione in atto. 

      Reply
      1. avatar
        Asso at |

        Concordo con Anonimo. Anch’io credo che al vaglio del Copasir ci siano i profili “di quelli del 2011” oltre agli altri nel frattempo “individuati”.
        Rifacendomi a quanto sostenuto dal caro “il Gommone”, oggi come oggi, probabilmente, i militari dell’Esercito che aspirano ad essere impiegati all’AISE, per via dell’attuale Direttore, psicologicamente si sentono “più lanciati”. Ma resto fermo sul fatto che il maggior bacino da cui vengono attinti gi agenti sono le FF.PP., per lo specifico bagaglio professionale che meglio si sposa con le attività che vengono svolte sul campo dagli operativi. Ovviamente, ritengo, ci sarà spazio anche per Marinai, Avieri, Esercito, Corpo Militare Croce Rossa etc., ma in misura minore rispetto agli appartenenti alle Forze di Polizia.
        Per Elperroloco: aspiro ad essere impiegato all’AISI . . .

        Reply
  54. avatar
    Anonimo at |

    È un onore per me, caro Asso, che tu sia d’accordo con me in quanto le tue notizie sono sempre molto attendibili. A tal proposito, vorrei chiederti se dopo l’estate….accadrà qualcosa o meno ed eventualmente per quale Agenzia. Ora mi bevo un cocktail alla tua salute, in riva al mare. Ciao caro Asso. 

    Reply
    1. avatar
      Asso at |

      Caro amico, in tutta sincerità, non saprei. Credo che il 2014 potrebbe essere decisivo nel senso. Si dovrebbe muovere qualcosa per entrambe le Agenzie. Ora mi fumo un buon toscano Antica Riserva. Ti saluto. Buona domenica a tutti. Che Dio ci protegga

      Reply
  55. avatar
    elperroloco at |

    Per Asso. Allora in bocca al lupo…considerando che le ultime tre direzioni  sono targate CC spero tu possa farcela…
    Curiosità.  Hai mai indossato il grado di V.Brig.?

    Reply
    1. avatar
      Asso at |

      Il mio corso e’ stato l’ultimo che ha sfornato vice brigadieri. Biennio 1993/1995. All’epoca, il Btg a Velletri lo comandava proprio l’attuale Direttore dell’Aisi (all’epoca Ten. Col.).

      Reply
  56. avatar
    Il gommone at |

    …che meglio si sposa con le attività che vengono svolte sul campo dagli operativi.
    Avrei diversi dubbi al riguardo.
    Quali sono le attuali preponderanti attività dell’AISE? Vendiamo un po’:

    protezione dei nostri contingenti fuori dal territorio nazionale (una questione di immagine nel versante interno del Paese);
    SIGINT (qui invece ci si gioca la faccia in campo internazionale).

    In merito al primo punto, per operare sul campo e lavorare a favore della protezione di un contingente occore senz’altro averne fatto parte nella propria vita professionale. Non mi sembra che CC, PS e GDF abbiamo esperienza di questo tipo. E non raccontatemi che l’attività di MSU o della task force GRIFO abbia un valore assimilabile. Credo che nessuno li abbia mai incontrati in una FOB.
    Quanto al secondo punto, ricorderei:

    l’art.8, c.2 della Legge n. 124 del 1 agosto 2007, Il Reparto informazioni e sicurezza dello Stato maggiore della difesa (RIS) svolge esclusivamente compiti di carattere tecnico militare e di polizia militare, e in particolare ogni attività informativa utile al fine della tutela dei presìdi e delle attività delle Forze armate all’estero, e non è parte del Sistema di informazione per la sicurezza. Il RIS agisce in stretto collegamento con l’AISE secondo la disciplina regolamentare approvata con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, emanato previa deliberazione del CISR, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.

    il DPCM 23 marzo 2011 n.1, Regolamento sullo stato giuridico ed economico del personale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS), dell’Agenzia informazioni e sicurezza esterna (AISE) e dell’Agenzia informazioni e sicurezza interna (AISI). MODIFICATO DA DPCM n. 3 del 22 luglio 2011, indi da DPCM n. 5 del 26 ottobre 2012. (Pubblicato, per comunicato e per estratto, nella Gazzetta Ufficiale 5 aprile 2011, n. 78).

    Non esiste accordo analogo con il Reparto Investigazioni Scientifiche e Polizia Scientifica, dei quali non rammento capacità SIGINT (se non l’analisi svolta con dati forniti dall’industria privata in campo TLC). Ora è ovvio che vi sono poche eccezioni al riguardo, ma sono davvero poche.
    Per entrambi i motivi, per altro, non accadrà nel breve periodo che un appartenente ai CC o alla Ps finisca a capo dell’AISE. Anche il prefetto Gabrielli si è dovuto arrendere a questo stato delle cose, nonostante la buona amicizia con l’attuale Presidente del Consiglio, il quale neanch’egli ha potuto far molto contro l’opposizione dell’intelligence militare. Per non parlare del fatto che anche all’estero (e parlo dei nostri storici amici) preferiscono un Signor Ufficiale al comando (al comando, per l’appunto). E lo sfortunato Gen. Pollari ha pagato più volte la sua provenienza poco “operativa” in taluni consessi.
     
    Ora, la mia non vuole essere una guerra asimmetrica tra poveri, ma una semplice considerazione dell’incompatibilità dell’attività di PG con l’intelligence propriamente detta.
     
    Se il tuo obbiettivo è l’AISI, buon per te (Asso). Forse questo potrebbe accrescere le tue probabilità, ma solo per una questione numerica legata agli attuali schieramente interni all’Agenzia.
     
    E dimenticavo caro Asso, non idosso le “stellette”…tranquillo.

    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      (e parlo dei nostri storici amici) preferiscono un Signor Ufficiale al comando 

      Immagino che nel termine ‘storici amici’ non siano compresi MI5 ed MI6 visto che di gente al comando che non ha mai indossato un’uniforme (se non quella della loro boarding school)  ne hanno avuti diversi. Si veda il capo corrente:
      https://www.sis.gov.uk/about-us/the-chief.html
       
       

      Reply
  57. avatar
    Il gommone at |

    Sebbene, storicamente l’AISI si è sempre distaccata nell’attività quotidiana dall’intelligence propriamente detta finendo col tempo ad occuparsi di PG con regole nuove (ovvero senza regole).
     
    Ed è ovvio che il confronto con i cugini, in termini di fascino, non ha mai retto il paragone.

    Reply
  58. avatar
    Anonimo at |

    Carissimo Gommone, ciò che hai ben illustrato, è pura teoria: ho rapporti (professionali

    Reply
  59. avatar
    elperroloco at |

    Appunto Asso. Quello che volevo sapere. Sei un Mar. Capo tra i più anziani, divenuto Maresciallo con la “sanatoria” del ’95. 😉 Se poi conosci Arturo personalmente, anche lui come te partenopeo, probabilmente avrai maggiori possibilità….sinceramente mi auguro invece che tu possa essere assunto per le tue qualità professionali ed esperienze sul campo, utili all’Agenzia ed alla Sicurezza Nazionale. 
    Mi trovo in gran parte daccordo poi con quanto scritto dal Il Gommone, soprattutto per quanto concerne il rispettivo fascino delle due agenzie. Non ci sono dubbi su quale delle due ha più attrattiva. Permettetemi però di sottolineare che anche tra le FF.PP ci son fior di professionisti,  in svariati campi, che potrebbero fornire validissimo ausilio in termini di supporto ai contingenti che in SIGINT…

    Reply
  60. avatar
    Anonimo at |

    Scusate….io volevo dire che non sono molto d’accordo con Gommone perchè, e riprendo il mio post mozzato, ho spesso a che fare con appartenenti ad entrambe le Agenzie e gli stessi, guarda caso, provengono dall’Arma, dalla GdF e dalla PdS. 

    Reply
    1. avatar
      Il gommone at |

      Non mi sembra di aver affermato che non ve ne siano.

      Reply
  61. avatar
    elperroloco at |

    Comunque, puntare ora tutto sul SIGINT per la nuova italica Intelligence sarebbe un gravissimo errore. Certo oggi è di fondamentale importanza farsi trovare preparati in un sempre più Cyber World. Non si faccia però l’errore di tralasciare o mettere in secondo piano tutti gli altri diversi aspetti, dall’OSINT all’HUMINT passando per una buona struttura in grado di fare Analisi di qualità,  senza dimenticare la buona vecchia raccolta di informazioni con metodi tradizionali.  Serve sempre gente capace di rimanere invisibile durante un’azione di pedinamento  o di osservazione statica (le FF.PP. per ovvie ragioni possono sfornare migliori elementi rispetto slle FF.AA). Avere poi una mentalità aperta all’investigazione di certo non può che considerarsi un valore aggiunto in certe circostanze. Di contro, essere  uno sbirro non significa automaticamente avere determinate qualità o preparazione professionali. La maggior parte sono dei “geberici”. Quelli veramente bravi però non sono tanti e, magari, tra questi, pochi, pochissimi sono quelli con sponsor in grado di aspirarli all’interno di una agenzia. 

    Reply
  62. avatar
    elperroloco at |

    Scusate. Volevo scrivere “generici”. Smart phone poco smart….

    Reply
  63. avatar
    Anonimo at |

    Asso caro, voglio farti un monumento….se nel 2014 accadrà qualcosa. Ovviamente un monumento lievemente più piccolo di quello che dedicherò al padrone di casa!

    Reply
  64. avatar
    Anonimo at |

    Gommone lo so che non hai escluso che nelle Agenzie non ci siano appartenenti a FF.AA e FF.PP, ma hai lasciato trasparire dubbi sull’opportunità di assoldare nelle Agenzie gli appartenenti di cui sopra. Se ho capito male Gommone, ti prego di perdonami….potrebbero essere il caldo e le caipirinha

    Reply
  65. avatar
    ma basta... at |

    …ma solo io – che, intendiamoci, ho sempre adorato e continuo ad adorare questo splendido blog – trovo noiosissimo e spocchiosissimo lo stile di conversazione di alcuni utenti che sguazzano nel criptico da spy movie? che poi, tra l’altro, nei loro dialoghi da dico-non dico-io so-voi no…avessero mai detto una cosa – e dico una – che non fosse di dominio pubblico?? mah…

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      ma solo io

      No, non sei il solo.
      Andrea

      Reply
      1. avatar
        Anonimo at |

        siamo almeno in 3!
        barry lyndon
         

        Reply
        1. avatar
          AllegraBrigata at |

          Arriviamo ad una dozzina con certezza matematica, cari miei :) :)

          F.

          Reply
          1. avatar
            Anonimo at |

            😀 😀 😀
            (nn avevo dubbi!)
            barry lyndon

            Reply
          2. avatar
            Giovanni Nacci at |

            …allora forse ce la possiamo fare! 😀 
            Un abbraccione a tutti! :)

            Reply
            1. avatar
              AllegraBrigata at |

              Ce la facciamo, ce la facciamo :)

              Ciao Giovanni.

              V.

              Reply
  66. avatar
    La volpe e l'uva. at |

    Vediamo se il moderatore di questo blog mi lascia passare questo commento.
     
    Il vedere qualcuno lamentarsi del dico/non dico mi fa veramente sorridere, così come le code di commenti a sostegno.
     
    Ebbene, che questo blog non sia frequentato da nessun appartenente al Sistema di Informazione per la Sicurezza della Repubblica è indiscutibile. Ritenete veramente che qualcuno possa rischiare la propria carriera per un commento? Un commento a cosa poi? Ad un dialogo che non costituisce alcun apporto alla propria conoscenza professionale?
    Ed è altrettanto evidente che non vi sia nulla di pubblicato dal moderatore che non provenga dal sapere comune.
     
    Quanto ai frequentatori di questo blog, ritengo che li possa classificare nelle seguenti categorie:
    – gli aspiranti d’élite, da una vita aggiungerei (esperti in, studiosi di, etc.)
    – i candidati, e a loro dico che nessuno qui vi protrà mai fornire informazioni utili alla fase finale del vostro arruolamente (se il telefono non squilla pensate seriamente di fare altro);
    – gli ex (forse), ma sulla cui attendibilità avrei dei seri dubbi;
    – qualche giornalista (novità recente), a caccia di qualche news a contorno di qualche articolo;
    – i delusi generici, nell’attesa che qualcosa cambi (nel sistema paese in generale, forse? Chissà);
    – l’infinità di appartenenti alle FFPP e FFAA, a caccia della “cravatta” da sempre.
     
    Ovviamente questo sito ha colmato un vuoto nella rete (parliamo chiaramente del solo panorama italiano) in modo perspicace. Nonostante sia stato esilarante leggere su qualche quotidiano che questo sia un ritrovo di spie.
     
    Occorre invece sperare che il tema dei reclutamenti continui ad animare queste pagine, altrimenti le frequentazioni ne risentirebbero. Anche con il dico/non dico.
     
    E poi, non è detto caro Silendo, qualche spia (vera) potrebbe anche passare di qua ed ingenuamente lasciare qualche informazione interessante. Del resto con l’OSINT non è che si possa fare poi molto, una voce dall’interno a tutt’altro sapore. E lo specchietto per le allodole sarebbe servito.
     
    Buon proseguimento.
     
     
     
     

    Reply
    1. avatar
      SG at |

      salve,
      per chiarire:
      non sono un aspirante (non partecipo ai commenti sulle assunzioni)
      non sono un candidato (idem come sopra)
      non sono un ex (a meno che sono un agente talmente segreto che manco io lo so..)
      non sono giornalista ( e lo si puo dedurre dal mio itagliano scritto)
      non sono un deluso generico ( almeno, non piu della media degli italiani)
      non appartengo alle FF.AA (abile arruolato, congedato per eccesso di leva)
       
      e mò come la mettiamo?

      Reply
      1. avatar
        The Hooded Claw at |

        Io invece sono un double agent mercenario, correntemente lavoro per gli inglesi e sono qui per carpire più cose possibili sull’intelligence italiana. Quando mi sono presentato a Silendo gli ho fornito un profilo credibile ma fittizio  che mi rendesse innocuo ai suo occhi (anche quello su LinkedIn è falso caro Silendo mwahahahahahaha…!!!). 
         
        Seriamente, possiamo ricominciare a parlare di strategia, energia, geopolitica etc? Perchè questa cosa delle assunzioni, dei colori delle casacche, della partita a scacchi con la burocrazia e dell’ingraziarsi le persone giuste è noiosetta, e non fa ben sperare a riguardo di quelli che dovrebbero essere gli obbiettivi della riforma.
         
        SG, pure io cado nel tuo stesso profilo se proprio vogliamo fare una statistica e pure molti altri attivi membri del blog ci posso scommettere.

        Reply
  67. avatar
    Nemo Profeta at |

    mettetemi nel novero… :-)
     

    Reply
  68. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  69. avatar
    Anonimo at |

    Qualcuno si è sentito punto nell’orgoglio a quanto pare. Brava “la volpe”.
    Ma si sa, l’uva di questo periodo è assai dolce. Tempi duri per gli altri.
     

    Reply
  70. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ma…guardare meno film di spionaggio…??? 😉

    V.

    Reply
  71. avatar
    Anonimo at |

    13 MAG 2014 17:45
    SEGRETI DI STATO – COME MAI IL PREMIER RENZIE SNOBBA IL COPASIR? NONOSTANTE LE EMERGENZE DENTRO (STADI) E FUORI (UCRAINA) DALL’ITALIA NESSUN COMPONENTE DEL GOVERNO SI E’ ANCORA PRESENTATO DAVANTI AL COMITATO DI CONTROLLO DEI SERVIZI SEGRETI?
    Renzi non si è ancora presentato davanti al Copasir. E nemmeno il sottosegretario con delega Minniti. Eppure le emergenze non mancano: Ucraina, Nigeria, ultras, stadi. Dagli elenchi delle audizioni dei precedenti governi, invece, viene fuori il coinvolgimento di molti rappresentanti degli esecutivi Monti e Letta…
                          
                                            

    Stefano Sansonetti per La Notizia (http://www.lanotiziagiornale.it)
    Del tutto assente, almeno per il momento, alle sedute del Copasir. E meno male che nei giorni scorsi l’esecutivo ha deciso di rendere pubblici migliaia di documenti rimasti finora riservati. Da quanto si è insediato il governo di Matteo Renzi, alla fine di febbraio del 2014, nessun suo rappresentante è stato ascoltato dal Comitato parlamentare di controllo dei servizi segreti.
    Eppure le emergenze non sembrano mancare: da vicende internazionali, come le esplosive situazioni in Ucraina e Nigeria, a fattori interni come l’annosa questione degli ultras e della violenza negli stadi. Senza contare che nell’ambito degli esecutivi precedenti di fronte al Copasir si sono avvicendati non soltanto i vari sottosegretari con delega alla sicurezza, ma proprio presidenti del consiglio come Mario Monti ed Enrico Letta. Invece, in questi due mesi e mezzo del governo Renzi, niente di niente.
    La lista
    Dall’ultimo elenco aggiornato delle audizioni del Comitato, presieduto dal leghista Giacomo Stucchi, risulta che davanti ai parlamentari sono sfilati in otto: il comandante dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli (4 marzo), il direttore dell’Aise (allora vicedirettore), Alberto Manenti (12 marzo), il vicepresidente dei rapporti istituzionali dell’Eni, Leonardo Bellodi (12 marzo), Paolo Scotto di Castelbianco dell’ufficio centrale archivi del Dis (25 marzo), il capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino (3 aprile), il procuratore generale presso la Corte d’appello di Roma, Luigi Ciampoli (8 aprile), il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti (17 aprile) e il direttore generale del Dis, Giampiero Massolo (29 aprile).
    Se si va a dare un’occhiata alle audizioni che si sono svolte durante il governo Letta, ci si rende conto che la presenza dell’esecutivo è stata molto più incisiva. Lo stesso ex premier è stato ascoltato il 13 novembre del 2013, mentre il sottosegretario con delega ai servizi Marco Minniti (che ha mantenuto l’incarico anche con Renzi) è stato protagonista di due audizioni (29 luglio e 23 ottobre 2013). L’ex presidente del consiglio Mario Monti è intervenuto al Copasir il 22 febbraio 2012.
    Del suo governo, addirittura, sono stati ascoltati cinque tra ministri e sottosegretari: 3 volte l’allora sottosegretario con delega Gianni De Gennaro (24 maggio, 19 settembre e 20 dicembre 2012), il 14 marzo 2012 Giampaolo Di Paola (Difesa), il successivo 21 marzo Giulio Terzi di Sant’Agata (Esteri), il 28 marzo Annamaria Cancellieri (Interni) e il 13 giugno l’allora ministro dello Sviluppo Corrado Passera.
    Ancora prima, durante il governo Berlusconi, il Copasir ha ascoltato per ben 9 volte l’allora sottosegretario Gianni Letta, per 4 volte l’allora ministro degli esteri Franco Frattini, per 2 volte l’ex ministro dell’interno Roberto Maroni e per una volta l’allora titolare della Difesa Ignazio La Russa.
     
    Il contesto
    Visti questi precedenti perché, sebbene siano passati solo due mesi e mezzo dall’insediamento, nessun rappresentante del governo Renzi è stato ascoltato davanti al Copasir? Dal Comitato, come sempre molto abbottonato, fanno solo sapere che una regola precisa per le audizioni non c’è. “Dipende dalle disponibilità reciproche e dalle emergenze”, ci si sente rispondere. Con l’aggiunta che ora le audizioni entreranno nel vivo.
     
    Si dovrebbe cominciare, a tal proposito, il 13 e 14 maggio prossimi, con un calendario che prevede l’intervento del ministro della Difesa, Roberta Pinotti. Al di là dei tempi tecnici ancora brevi, però, rimane il fatto che in un momento in cui le emergenze non mancano, nessuno del governo è andato a riferire in Parlamento sui temi più delicati. Per carità, magari non c’è nessuna particolare anomalia, ma rispetto ai trend che si sono registrati con i precedenti governi la differenza è molto consistente.
    B.A.

    Reply
  72. avatar
    Anonimo at |

     Silendo,

    volevo segnalare l'articolo di il Messaggero di oggi che annuncia la pubblicazione da parte dell'Aisi dell'libro di Umberto Broccoli sulle passioni gastronomiche degli 007 sia nella vita reale sia nella filmografia.

    Posso confermare la passione per la gastronomia prezzo gli appartenenti alla Ditta tanto da frequentare i corsi di George's e della Scuola di Arte Culinaria Condon Blue …. con tesine finali sulla gastronomia regionale.

    Passando ad altro,  volevo segnalare sul sito Sicurezza Nazionale al punto Faq ci dovrebbe essere oltre ai  tre puntiAbilitazione di Sicurezza, Formazione e Reclutamento dovrebbe esserci un punto distinto  PRIVACY e LIMITAZIONI dove vengano date indicazioni più o meno dettagliate sui vincoli diretti ed indiretti (familiari e parenti) qualora si scegliesse di tentare di essere valutati per una assunzione.

    Penso che questo possa essere una Opportunità da non perdere.

    B.A.

     

    Reply
  73. avatar
    Anonimo at |
    Reply
    1. avatar
      The Hooded Claw at |

      Ho sempre avuto sentimenti contrastanti nei confronti di Broccoli quando ancora mi capitava di seguirne i programmi televisivi. Però questa iniziativa mi sembra divertente, e soprattutto spero affronti l'annoso problema a riguardo del fraintendimento del Martini "shaken, not stirred", il quale ha visto servire cocktails inaccettabili a causa di un paio di film di James Bond. Crimini contro natura che gridano vendetta al cospetto di Dio (Bacco, nella fattispecie!)

      Reply
  74. avatar
    Anonimo at |

    Il sistema nazionale di sicurezza e intelligence nel secondo dopoguerra: 1948-2007

    Il 30 marzo 1949, dopo la nascita della Repubblica italiana, la costituzione del Ministero della difesa – nel quale confluiscono i Ministeri della guerra, della marina e dell’aeronautica – e nel clima politico internazionale della guerra fredda, si provvide al riordino dei Servizi Informativi militari con la costituzione di un unico Servizio Informazioni Forze Armate (SIFAR) alle dirette dipendenze del Capo di Stato Maggiore della Difesa e sotto la direzione del generale Giovanni Carlo Re, cui succedettero, fino al 1965, i generali Umberto Broccoli, Ettore Musco, Giovanni De Lorenzo, Egidio Viggiani e Giovanni Allavena.

    Estratto dal sito sicurezzanazionale.gov

     

    Ma allora il Nonno dell'autore era un appartenente ai Servizi  o è un caso di omonimia? No Omonimia

    B.A.

     

    Reply
  75. avatar
    snauzer at |

    Il problema dell'Italia per entrare a lavorare in questi posti e' e rimarra' solo uno…si da possibilita' di accesso all'aise e all'aisi solo per conoscenza e per titolo di studio…senza dare possibilita' a chi non ha studiato di poter accedere, precludendo personale piu qualificato di un titolo di studio….in america va avanti le persone per merito e non viene discriminato da una domanda nessuno.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)