4 Responses

  1. avatar
    Anonimo at |

    http://www.guardian.co.uk/world/2013/jun/30/nsa-leaks-us-bugging-european-allies/print
    One of the bugging methods mentioned is codenamed Dropmire, which according to a 2007 document is ‘implanted on the Cryptofax at the EU embassy, DC’

    Reply
  2. avatar
    CaioDecimo at |

    Credo che il grosso del traffico intra-UE  viaggi su COREU ( si trova facilmente su internet parecchia informazione in proposito) piuttosto che su cryptofax. 
    Certamente l’accesso alle info trattate su cryptofax consente di acquisire elementi informativi utili, ma credo che le cose davvero interessanti circolino altrove.
    CaioDecimo

    Reply
  3. avatar
    Asso at |

    Caio X°:” . . . ma credo che le cose davvero interessanti circolino altrove . . .”.
    Circolano altrove e vengono reperite per mezzo di attività intercettizie abusive?
     

    Reply
  4. avatar
    CaioDecimo at |

    Caro Asso, non ti so rispondere. Posso solo dire in proposito delle cose scontate, banali nella loro ovvieta’: certamente qualcuno ci prova, se qualcuno riuscisse ad acquisire quelle info sarebbe sciocco se andasse a sbandierarlo compromettendo una fonte utile. Per ora non ne abbiamo sentito parlare. 
    Mi spiace, di piu non so.
    CaioDecimo

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)