12 Responses

  1. avatar
    Giovanni Nacci at |

    forza ragazzi… :'(

    Reply
  2. avatar
    Anonimo at |

    Auguri per i Militari feriti,non voglio che Palazzo Chigi diventi una fortezza… ma vorrei poter capire,come possa accadere che una persona,(folle ?? ) possa aprire il fuoco contro i CC senza che venga abbattuto dopo il primo sparo, tra altro in occasione del giuramento dei Ministri al Quirinale,mi sarei atteso una maggiore attenzione dal Responsabile delle Sicurezza di P.Chigi,non dico i cecchini sui tetti ma quasi  … poi vedendo la confusione dopo il vile attacco,  dai filmati trasmessi in tv mi sono depresso……un caos…
    PS ma le fanno delle simulazioni avranno un piano di emergenza in questi casi… un presidio medico a P.Chigi ecc ecc vedevo un uomo che usciva con delle borse color arancio (pronto soccorso) che per la folla nn riusciva agevolmente  ad raggiungere i feriti …..lo avete notato anche voi 
    Spero presto in una pronta guarigione dei Militari coinvolti un abbraccio.
    Salva 

    Reply
  3. avatar
    Giulia de Robertis at |

    Un atto assolutamente vergognoso, i Carabinieri sono leali, fedeli,me il ns orgoglio, ma 2 giorni fa avevo letto un articolo che mi ha  fatto riflettere e quando stamattina ho letto la notizia mi sono precipitata a rileggerlo ed è impressionante ……vi lasciò qui un pezzo molto significativo ed emblematico di quell articolo
     
    “L’aver annunciato un “golpe” con tanta leggerezza ha provocato un danno al nostro sistema di sicurezza da non sottovalutare. I movimenti anarco-insurrezionalisti hanno fatto un silenzioso e invisibile passo avanti, andando a riempire il vuoto ideologico venutosi a creare con la paura del crollo delle strutture dei vecchi partiti, sulle cui ceneri stanno tessendo atroci vendette. Pagheremo le conseguenze di questa buffonata, perché la rabbia latente scaturita da un linguaggio sovversivo di lotta alle istituzioni troverà nelle fila più estremiste delle valvole di sfogo. E’ stata così fornita una copertura, alle società di intelligence nemiche straniere, che possono ora sguazzarci indisturbate. Il ritorno degli anni di piombo non è così lontano.”
    http://etleboro.blogspot.it/2013/04/il-golpe-con-lasterisco.html
     

    Reply
    1. avatar
      Silendo at |

      Giulia, buonasera. Una domanda: il senso del commento è che l’annuncio di golpe ha provocato un danno inteso nel senso di un’attività di “influenza” da parte di soggetti stranieri?

      Reply
  4. avatar
    elperroloco at |

    Il commento di Giulia ho paura sia aderente alla realtà.  Seppur questo episodio sembra esser frutto dell’azione di un singolo, non organizzato e senza connivenze, il timore è proprio quello che frange eversive si stiano organizzando. Magari proprio con l’aiuto di qualche intelligenza esterna vogliosa di destabilizzare un anello debole della debole economia europea. …
    Una preghiera per il Brigadiere
     
     

    Reply
  5. avatar
    Armigero at |

    Riporto senza alcun commento……
     

    Roma, 30 apr 2013 – Cocer Carabinieri dopo i fatti di Maddaloni e Piazza Montecitorio. Negli ultimi giorni l’Arma dei Carabinieri ha pagato un alto tributo di sangue per la difesa della legalità e della sicurezza dei cittadini.
    A Maddaloni l’appuntato Tiziano Della Ratta è stato colpito a morte da una banda di rapinatori che ha gravemente ferito anche il maresciallo Domenico Trombetta. Il 28 aprile a Piazza Montecitorio, il brigadiere Giuseppe Giangrande ed il carabiniere scelto Francesco Negri sono stati gravemente feriti mentre il governo prestava giuramento di fedeltà nelle mani del capo dello stato. il Cocer Carabinieri, addolorato per la tragica sorte dell’appuntato Della Ratta, desidera esprimere vicinanza e solidarietà ai colleghi feriti e stringe in un forte abbraccio i familiari delle vittime. In questo momento di forte tensione emotiva, il Cocer fa appello a tutte le forze politiche e di governo, affinché si presti la giusta attenzione alle problematiche dell’intero comparto difesa-sicurezza.
    A fronte di una criminalità sempre più spietata e di forti tensioni sociali che agitano le piazze non si può continuare ad assistere ad un progressivo depauperamento di risorse umane e finanziarie per le forze dell’ordine. L’arma dei carabinieri conta già 10.000 uomini in meno rispetto all’organico ed in virtù delle norme sul ripianamento del turn-over, che consente di arruolare solo il 20% del personale congedato, l’emorragia di uomini continua.

     
     I fondi e i mezzi a disposizione sono sempre di meno, mentre le esigenze ed i sacrifici che si chiedono agli uomini in divisa sono sempre maggiori. Molte stazioni carabinieri sono state chiuse altre si accingono ad esserlo. Tutti i reparti dell’arma sono oggetto di un pericoloso ridimensionamento, al fine di adeguare gli organici ai livelli di forza effettivamente disponibili.Il Cocer chiede al governo testè insediatosi di passare subito dalle parole ai fatti, perché i provvedimenti finora adottati incidono negativamente sulla efficacia del servizio reso ai cittadini e frustrano il morale di chi, tutti i giorni, è in prima linea e rischia la vita per difendere il bene comune.

    Non è il sacrificio che spaventa i carabinieri e le forze dell’ordine, ma l’attenzione ai problemi della sicurezza di chi ha il primario dovere di assicurare ai tutori dell’ordine strumenti adeguati all’esercizio delle proprie funzioni e condizioni di vita dignitose. Un plauso ai colleghi della Campania e ai militari di piazza Montecitorio che, con grande sinergia e professionalità, hanno assicurato alla giustizia tutti gli autori dei folli gesti.
    COMUNICATO STAMPA COCER CARABINIERI

    Armigero

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)