26 Responses

  1. avatar
    cestudec at |

    Segnalo articolo di oggi sul Corsera….peccato che venga omessa  la sua appartenenza alla Società di storia militare…

    Reply
  2. avatar
    half-baked at |

    Quant’è vero, riferimento alle librerie e a Limes compreso. D’altronde questo è il risultato di decenni di investimenti “asimmetrici” in cultura; insieme alla storia politica della gran parte degli autori a cui fai riferimento c’è anche da guardare il taglio sociodemografico e quello che ne viene fuori è un nucleo molto affermato di intellettuali che oggi in un certo senso è più istituzionale delle istituzioni.
     
    Passato il momento fisiologico in cui si sbatte la testa contro il muro chiedendosi come mai i più ferventi critici delle istituzioni ora svolgono di fatto il ruolo delle medesime senza aver nè fatto la rivoluzione nè vinto le elezioni con particolare frequenza, viene da chiedersi come si può fare ad elaborare qualcosa di diverso per il futuro.
     
    Questo non per sostituire l’élite di pensiero oggi esistente (grazie al cielo ce n’è almeno qualcuna!), quanto per immaginarne un ricambio generazionale che a un certo punto sarà inevitabile, e possibilmente una struttura un po’ diversa da oggi. Auspico che non si rimanga fermi a quelli di un colore da una parte, quelli dell’altro dall’altra, gli uni che scrivono libri e gli altri che fanno le cose. Mi piacerebbe vedere una comunità che prenda il meglio degli uni e degli altri partendo da valori condivisi – tanto per dirne una, quelli della nostra Costituzione, i trattati istitutivi dell’UE eccetera – e sviluppando un vivace dibattito sulle varie questioni come si farebbe parlando intorno a un tavolo, non giocando a tennis su un campo dove la rete a un certo punto era il Muro di Berlino.
     
    Detto questo io non so più come ringraziarti per quello che il tuo blog fa per mettere le questioni in prospettiva. Quindi smetto di farlo, ma consideralo un post-scriptum standard implicito per il futuro. :)

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      Detto questo io non so più come ringraziarti per quello che il tuo blog fa per mettere le questioni in prospettiva.

      Non sei la sola a non saper più come ringraziare :)

      Reply
  3. avatar
    Sultano at |

    Sei “Er meglio” Silendo!!!

    Reply
  4. avatar
    Morgana at |

    Buonasera, il bello di questo mondo è che bisogna buttarcisi dentro, mi piace molto quello che ho letto qui ed è un grande stimolo per i ricordi nonchè una molla per andare avanti. Scusate, ma la curiosità è femmina e da qualche giorno ho un pensiero ricorrente, volevo chiedere al Sig. Nacci, in merito alla sua esaustiva disamina di Fonti Aperte, per una ontologia ingenua: la sua analisi del complesso network delle informazioni, quali considerazioni ha validato sull’uso della “disinformazione”?

    E poi perchè usa l’aggettivo “ingenua”? 

    P.S. In attesa di una risposta, proseguo con l’osservazione del perlage….lo stato gassoso dei liquidi va sempre studiato!

    Reply
    1. avatar
      Giovanni Nacci at |

      Rispondo velocemente in una pausa della riparazione degli avvolgibili (uno strazio immane, vi assicuro…).

      D – “…la sua analisi del complesso network delle informazioni …” 

      R – secondo la Nacci-teoria l’Osint è un tipo di intelligence strutturalmente sbilanciato sulle fonti, pertanto l’analisi è “prioritariamente” della fonti e del network delle fonti (non dell’informazione. O meglio – dato che tutto ciò è già “informazione” –  non del “carico pagante” erogato dalle fonti).

      D – “…quali considerazioni ha validato sull’uso della ”disinformazione”?”

      R – sulla cosiddetta “disinformazione” ci sarebbe tra scrivere almeno tre tomi. Perchè, sempre secondo la teoria di questo Nacci (lasciatelo perdere, non ve lo consiglio affatto) all’osint si applica (si DEVE applicare) il paradigma cosidetto della “information as semantic content” (Floridi) che prevede una differenziazione (non mi sto a dilungare in questa sede, ma google il più delle volte funziona) tra misinformation e disinformation (consiglio anche in questo caso una “passata” dei due termini su MultiWordnet…).    

      Va da sé che [mis,dis]information prevedono l’attribuzione di un valore arbitrario di verità ad una informazione, con tutte le complicazioni che ciò comporta.
       
      D – E poi perchè usa l’aggettivo “ingenua”? 

      R – normalmente si usa “ingenua” quando una teoria (o, come in questo caso, una ontologia) è fondata sulla base di una personale osservazione esperenziale e non su metodi rigorosamente scientifici (cosa che, nel caso, richiederebbe il contributo di ontologi VERI… 😉 )

      Spero di essere stato esaustivo. torno al lavoro 😉 :) 

      Reply
  5. avatar
    Morgana at |

    La ringrazio dei chiarimenti e della puntuale indicazione…

    …PS non lo sapevo che pure sui sottomarini ci sono gli avvolgibili, servono per non farsi vedere dagli squali quando si va sott’acqua?…Scherzo!!!!

    Morgana

    Reply
    1. avatar
      Giovanni Nacci at |

      Infatti Morgana il punto è proprio quello: se le abitazioni “terrestri” fossero progettate e costruite con i criteri di una nave militare tutto sarebbe più funzionale (fa anche rima)…

      Reply
  6. avatar
    Morgana at |

    Tipo il Vittoriale di D’Annunzio?

    Reply
    1. avatar
      Giovanni Nacci at |

      Pensavo più a qualcosa di simile alla nave di cui a questo link 😉

      Reply
      1. avatar
        The Hooded Claw at |

        Sembra la versione aggiornata della Yamato.  😉

        Reply
        1. avatar
          Giovanni Nacci at |

          Vero! Infatti pare che nel film catastrofistico “2012” (che però non ho visto)  queste “arche di Noè” venivano costruite proprio in asia (credo più dalla Cina che dal Giappone però…).

          Reply
  7. avatar
    half-baked at |

    A proposito di mancanza di visione strategica della classe dirigente, ho una serie di idee veramente confusissime che girano intorno a due principi generali:
     
    – la quota “di sinistra” della classe dirigente non ce l’ha (o meglio, ce l’ha per se stessa ma non per il Paese) per motivi giustapposti, uno che riguarda coloro che fino a vent’anni fa credevano nella dottrina della sovranità limitata di Breznev e quindi non si sono mai pacificati con una diversa idea di Nazione, uno che riguarda coloro che pur aborrendo Breznev amavano Marcuse, Reich e il vivere nel momento che in sè svincola rispetto all’oppressivo “pensar lungo”, nemico del piacere;
     
    – la quota “di destra” della classe dirigente non ce l’ha perchè è espressione di un ceto imprenditoriale attento prevalentemente al proprio interesse economico e disinteressato, più che avverso, all’idea di Nazione; e infatti non a caso una fetta dell’imprenditoria più produttiva si è orientata verso idee regionaliste. Qui non parlo delle autoproclamate destre “sociali” o “nazionali” che alla prova dei fatti si sono dimostrate semplicemente clientelari, configurando un’idea dello Stato di cui servirsi piuttosto che da servire.
     
    Ovviamente ci sono solide eccezioni, il motivo per cui siamo ancora in piedi come Paese.
     
    Fatto salvo il livello di approssimazione imbarazzante (rubricare sotto “analisi da supermercato”), che ammetto senza tentare di giustificarmi, mi piacerebbe sapere se vi sembra almeno a grandi linee verosimile.

    Reply
  8. avatar
    Anonimo at |

    perdonate l’intrusione e se mi richiamo all’oggetto specifico del post in ritardo,
    ma:
    ‘redazione di Limes’
    ecco, non vorrei fraitendere quanto riportato ma io rimango perplessa assai da un’eventuale definizione di Limes come ad un luogo di effettiva riflessione strategica.
    non sto dicendo che Limes sia una nullità, intendo un’altra cosa. è una buona rivista con tutti i suoi limiti, e non la definirei proprio al livello di ‘pensiero strategico’.
    lo so perché ho comprato diversi numeri e vi ho trovato anche degli obbrobri (come anche degli ottimi articoli. che appunto vanno definiti ‘articoli’ e non lavori di analisi in merito a strategie alcune)
    ?
    mi stupisce che qualcuno con esperienza di studi militari o di carriera militare e/o forse addirittura entrambe le cose, possa considerarla un pensatoio di strateghi….

     

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)