95 Responses

  1. avatar
    Anonimo at |

    Silendo,
    hai vinto la tua scommessa?

    :-) 

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      Ci sono mai stati dubbi? 😉

      Reply
  2. avatar
    Eule at |

    Scenari?

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      Nettamente cyber, pare.
      Troppo cyber, purtroppo… :(

      Reply
      1. avatar
        Eule at |

        Mi riferivo al famoso “quel che resta da fare” … e alla figura del consigliere nazionale …

        Reply
        1. avatar
          Stv Giovanni Nacci at |

          Anche io. Temo infatti che quella particolare visione finirà in qualche modo (non so quale) per fagocitare anche esigenze più… “strategiche”.

          Reply
          1. avatar
            Eule at |

            Come vedete il sostituto? Il c.v. mi sembra fitto, ma temo che non troverà terreno facile …

            Reply
      2. avatar
        AllegraBrigata at |

        Ciao Giovanni. Cosa vuoi dire? :)

        Davide

        Reply
        1. avatar
          Stv Giovanni Nacci at |

          Davide carissimo, niente di così tanto particolare 😀

          Solo che temo che la “questione cyber” funzioni come il tunnel del circuito cittadino di Monaco: nella prima fase esci da una curva stretta, appena ci entri hai la visione oscurata e sei in piena accelerazione: acceleri perché sai che devi farlo. Nella seconda fase sei nel tunnel e si dilatano le pupille: ci vedi bene e imposti una traiettoria. Nella terza fase stai uscendo e hai la visione abbagliata dal sole. Quindi hai subito una curva a gomito e devi attaccarti ai freni sperando che la traiettoria che avevi impostato fosse quella giusta. La fasi di entrata ed uscita sono quindi le più critiche, quelle che vanno più “guidate” insomma ;).
          Una specie di morale potrebbe essere quella che dice: “quando se in un tunnel e inizi a vedere la luce in fondo… non è detto che devi per forza affrettarti” 😀

          saluti cari a tutti voi! :)
           

           

          Reply
  3. avatar
    Anonimo at |
    Reply
  4. avatar
    Anonimo at |

    http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/DF/265718.pdf

    A proposito di riorganizzazioni ……

    B.A. 

    Reply
  5. avatar
    Anonimo at |

    cambiare tutto per non cambiare nulla:tomasi di lampedusa

    Reply
  6. avatar
    Anonimo at |

    Alcune impressioni a caldo: ottima la scelta del prefetto De Gennaro quale Autorita’ delegata viste le doti manageriali e il carisma del leader; la nomina dell’ambasciatore Massolo al DIS mi riporta alla mente quella dell’ambasciatore Fulci al CESIS e la sua pronta denunzia degli “impicci” al SISDe; infine, la partenza di Massolo potrebbe far terminare certi conflitti interni al Ministero degli Affari esteri.
    Non che mi interessi il Ministero in quanto tale, ma dato che la sorte dei nostri due leoni illegalmente detenuti in India e’ nelle mani dei diplomatici preferirei che non fossero occupati da altre cose.

    anonimo nazionale

    Reply
  7. avatar
    Armigero at |

    Buonasera a tutti e specie al Padrone di Casa… Sarebbe curioso sapere se il “cedente” prima di sgombrare la scrivania ha firmato tutta la “pendenza”…..
    Armigero 

    Reply
  8. avatar
    Armigero at |

    … E poi cosa succederà per i vertici delle Agenzie? 

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      Ciao Armigero, ripartiamo con le scommesse? Verranno confermati?

      Davide

      Reply
  9. avatar
    rottamato at |

    buonasera a tutti, complimenti a silendo x averci azzeccato, anche se era facile e da mesi nell’aria.
    certamente il sottosegretario conosce benissimo la macchina, ma anche tutte le altre macchine comunque collegate  e da lui già gestite, o direttamente o tramite altri. lo stimo da sempre poichè ,in tempi lontani e non sospetti , ne apprezzai già allora le capacità di COORDINAMENTO, COMANDO E CONTROLLO anche in ambito interforze.
    inoltre, ha il giusto peso interno ed internazionale x poter “fare” e far “fare”. certamente riuscirà a completare la trasformazione  delle agenzie, rimanendone comunque il dominus, come adesso..
    massima stima x l’ambasciatore suo successore, da tempo personalità ben più autorevoli di me auspicavano una presenza del genere, quantomeno sull’estero. in ogni caso meglio lui di tanti altri generali od equiparati che, a mio modesto e sommesso parere, non sembra abbiano fatto molto, comunquer peggio di loro sarà molto difficile…. speriamo che li lascino lavorare.

    Reply
  10. avatar
    Armigero at |

    Grazie caro Silendo per l’ “interpretazione autentica” … In tal caso faranno bene a comprare alcune ricariche di inchiostro per stilografica…

    Reply
  11. avatar
    Nathan Muir at |

    buongiorno. permettemi una breve considerazione sull’argomento…. se a cambiare è solo il Vertice ma la struttura di Staff rimane la medesima (vds. Capi Div, Capo Gab…) non penso che si possa parlare di un vero e proprio cambiamento…

    saluti e buon we a tutti

    ps: riguardo ai cambi per gli altri Verti del Sistema Intelligence.. credo che verranno riconfermati.

          

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      …io penso invece che qualcosa cambierà anche alle agenzie…

      Reply
      1. avatar
        Anonimo at |

        …..ma in questa girandola di cambi, ci sarà anche lo spazio x le nuove assunzioni?

        JFK 

        Reply
  12. avatar
    libero pensatore at |

    Lo squalo (De Gennaro) piglia tutto! Un ambasciatore al Dis? ho dubbi sulle capacità di intelligence di un uomo che vede le cose solo in maniera diplomatica con nessuna esperienza in materia!!!
    Credo che anche questo assetto durerà poco. Ricordiamoci che questo è un governo tecnico non eletto! 6 mesi, 10 mesi al massimo e si deve andare a votare ergo che le cose cambieranno ancora. Ma allora che senso ha tutto questo? 
    Mi sa che ancora una volta noi italiani non abbiamo le capacità decisionali concrete ma sappiamo solo prenderci per il c…..
    Povera Italia!!!!!

    Reply
  13. avatar
    Anonimo at |

    Volevo un Vs. commento a quanto riportato nell’articolo del Corriere della Sera circa la lettura dell’assegnazione ad altro Ente  / uscita dal MAE dell’Ambasciatore Giampiero Mascolo alla luce dei “difficili” rapporti con il Ministro del MAE.

    B.A.E.

    Reply
  14. avatar
    CL at |

    Carissimo Silendo ! Sono STRAFELICE che il “SuperPoliziotto” si sia tolto finalmente dal DIS.. l’uccellaccio arancio almeno inizia a respirare aria nuova e non viziata e pesante 😉 
    Purtoppo mi è sempre stato antipatico a pelle quell’uomo che da ragazzetto scorrazzava con la lambretta (mannaggiaarcore!) e dopo fece il salto…Magari un antipatia/simpatia con quelle stesse sensazioni che il caro Cossiga esternava più volte in modo trasversale e spesso diretto senza esclusione di colpi, anche se poi da saggio Uomo riusciva a prenderci anche il caffè insieme se capitava, senza rancori futili e con la stretta di mano di circostanza. 
    Spero che il nuovo ottenga un terreno fertile e gli auguro un sincero “Buon Lavoro”, data la criticità di questo periodo di certo non facile sia in ambito Nazionale che Internazionale e soprattutto anche interno alla nostra società in subbuglio.

    Un Saluto a tutti voi da Java Island (vacanzaaaa ! ; ) 

    Reply
  15. avatar
    Morgana at |

    Buongiorno lo chef della nuova Autorità delegata consiglia: evitare tra i primi piatti “spaghetti hacker”.

    Morgana somelier 

    Reply
  16. avatar
    AllegraBrigata at |

    Sile, ti sei perso questo pezzo di Ludovico:

    Lunga è la serie di significati dietro queste decisioni. Mario Monti, dopo essere andato in prima persona il 22 febbraio al Copasir – il comitato parlamentare presieduto da Massimo D’Alema – per sostenere attenzione e volontà di rinnovamento dei servizi, a partire da una spending review interna, ora rilancia. Con una scelta meditata in realtà da tempo e frutto di un confronto istituzionale con le massime cariche dello stato a partire dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.
    Il premier così attribuisce a De Gennaro la delega sul sistema intelligence, che aveva tenuto per sé suscitando qualche malumore tra i partiti. Per il prefetto è un salto di qualità indiscutibile ma anche la responsabilità piena – di governo, dunque politica e non più tecnica – di riordinare un sistema con molte professionalità di grande valore ma anche numerose inefficienze, sprechi, duplicazioni assurde, rivalità e gelosie ormai anacronistiche.
    L’ex direttore del Dipartimento informazioni e sicurezza, peraltro, aveva già messo in moto una serie di azioni per ricondurre al Dis attività da centralizzare, e non da duplicare, come la logistica. In questo senso c’è anche un progetto legislativo snello al Copasir che, se trova il consenso necessario in Parlamento – si tratta di approvarlo in tempi quasi fulminei, considerate le scadenze in aula – garantisce una razionalizzazione del sistema da tutti auspicata. Di sicuro ogni iniziativa di semplificazione e revisione avrà, dopo le novità di ieri, un corso più veloce. Il disegno finale prevede un Dis con forte potere di coordinamento, oltre che di gestione centralizzata di alcune competenze, mentre le agenzie interna (Aisi) ed esterna (Aise) avranno, a questo punto, un ruolo sempre più operativo.
    (…)
    La designazione di Massolo, d’altro canto, è un segno indiscutibile di un rilancio del sistema sul piano internazionale e non solo. Massolo ha un legame forte con De Gennaro, tanto da aver partecipato a numerose riunioni di coordinamento tra vertici dei servizi e dei ministeri interessati. Le due nomine sono un segno di novità ma non di frattura con il sistema così com’è governato ora. Fonti qualificate ritengono, a questo punto, che i vertici di Aise e Aisi, Adriano Santini e Giorgio Piccirillo, resteranno in sella.
    Certo è che mettere al Dis l’ex segretario generale della Farnesina è anche un segnale forte verso le intelligence alleate, che infatti hanno espresso apprezzamento.

    Reply
  17. avatar
    anonimo at |

    Silendo pensi che ci sia un legame tra questi tre fenomeni : esercito per difendere le sedi Finmeccanica (anomalo che in mille altri casi più gravi in precedenza si diceva che le società private e/o partecipate devono utilizzare risorse private per la loro security e che i militari non sono fatti per fare security, vedi pure le questioni delle navi etc etc.. polemiche a go go) e non solo… innalzamento della tensione sociale e cambio al vertice del Dis ? Troppo futuristico pensare che posizionare l’esercito in alcuni punti in tutto il territorio nazionale non sia solo dovuto alla difesa di obiettivi sensibili o semplicemente una sorta di controllo del territorio in vista di….omissis… Qualcuno ci nasconde qualcosa di grosso? questo me lo dicano gli analisti che sono tanto bravi nelle previsioni one-shot 😉

    Reply
  18. avatar
    Linus at |

    Anonimo, per qualcosa di grosso intendi un eventuale arrivo degli alieni? :)

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      Speriamo! Così – come nei film americani – mi richiamano in servizio 😀 😛

      Reply
  19. avatar
    Morgana at |

    Per ANONIMO nessuna paranoia:

    1- non vedo nessuno legame tra: esercito per difendere Finmeccanica, innalzamento della tensione sociale e cambio al vertice del Dis…non mi pare che al vertice del Dis hanno mai inserito qualcuno del fronte anarco insurrezionale!!!

    2-l’esercito è security, anche se ahimè li convocano anche per scaricare spazzatura e spalare la neve!

    3- quando si verifica un evento escudi tutto quello che non si è verificato, avvicinati alla verità e attua una strategia: è morto qualcuno? no, è stato ferito un dirigente. Hanno attentato un luogo fisico? no, hanno rivendicato con una lettera, ergo vogliono essere soggetti politici ed entrare in comunicazione. Strategia: difendi i luoghi sensibili.

    4-un buon esercizio per escudere quello che non si è verificato è il sudoku, è in fondo alla pagina del Washinton Post tutti i giorni: escludi tutti i numeri che non possono essere inseriti, inserisci quelli giusti e attui una strategia….

    Morgana  

    Reply
  20. avatar
    Morgana at |

    Scusami Silendo,
    ma parlo per esperienza personale in luoghi DANGER, e nei quali forse se c’era l’esercito o un pò più di security qualche anno fa, qualche vita si sarebbe salvata, e ti assicuro che non è paura…manca il respiro nei luoghi della tensione….e ribadisco andare via da sollievo!!!

    Posso dire che l’assenza di deterrenza e l’assenza delle istituzioni in alcuni luoghi, mette in discussione la vita dei civili.

    La signora Cancellieri ha tutta la mia stima perchè onora la bandiera.

    Morgana    

    Reply
  21. avatar
    anonimo at |

    Si , magari alieni in crisi di nervi per il collasso del sistema bancario.. Non necessariamente legato al calo occupazionale ma alla sfiducia di investitori stranieri che finora hanno creduto in un Italia sen non prospera quantomeno in via di ripresa nei mercati. Date un occhiata ai titoli, chissà se fa più paura una ridicola cyberwar utile al business di sistemi informatici o una reale perdita del potere di acquisto. Non solo lo spread è indice di crisi, ve ne sono altri che fanno tremare.. Da agosto 2011 ad oggi, cali oltre il 40% in gran parte delle grandi imprese, ENI, Enel ed altri non sono da meno? Intanto mettiamo i militari nelle strada poi chissà…

    Reply
    1. avatar
      barry lyndon at |

      ciao Anonimo, volevo condividere una riflessione: tra il rischio (reale) di sovrastimare la minaccia cyber e la tua (ma anche di altri) certezza di classificarla come “ridicola”,si trova una vasta rosa di opzioni “intermedie”, caratterizzate da differenti gradazioni di pericolosità della minaccia e da diversi livelli di probabilità che la minaccia stessa possa concretizzarsi.

      più che sui due scenari estremi (cyber=fuffa VS cyber=armageddon), a mio avviso è necessario concentrare l’attenzione su “ciò che sta in mezzo”! 😉 

      Reply
      1. avatar
        Stv Giovanni Nacci at |

        Barry carissimo! 😀 Ho capito cosa intendi dire ma colgo l’occasione per sottolineare un paio di cose che mi sembrano importanti.
        Come sai bene io sono orientato verso un certo “pensiero” 😉 ma a prescindere da questo e ragionando ad un livello prettamente metodologico, io tenderei a non cedere troppo facilmente alla lusinga de “in medio stat virtus” (e per medio intendo una vasta gamma di “medie”, non il “centro”… 😉 ).
        Dico questo perchè gli “estremi” – intesi come opzioni valide e verificabili di un sistema – sono posizioni che hanno pari dignità con tutte le altre. Troppo spesso il fatto di collocarsi “nel mezzo” è sintomo di una non decisione o di volontà (più o meno consapevole) di ritardarla. Inoltre una visione “geometrica” dell’essere “nel mezzo”, porta alla falsa illusione di potersi immediatamente riconfigurare – alla bisogna – in un senso piuttosto che nell’altro.
        Salvo poi accorgersi che l’equidistanza tra due visioni (o posizioni, o decisioni, ecc.) non è così equa quando si tratta poi di migrare verso una in particolare (normalmente la soluzione per la quale poi si opta risulta essere la più onerosa da raggiungere, proprio per i motivi di cui sopra).
        Secondo me la questione sta nella necessità di dover adeguare (e/o ridefinire) gli strumenti conoscitivi delle questioni (quella “ciber”, ma anche di molte altre) al fine di poter scegliere, anche in modo netto se necessario, la posizione che si ritiene strategicamente più significativa.
        Ovvio che aumentare gli strumenti conoscitivi significa una incrementata capacità di comprensione e di descrizione dei problemi, dei contesti, dei teatri, ecc. ecc. e pertanto migliori definizioni, teorie verificabili, modelli condivisi e tutte quelle belle cose sulle quali ormai andiamo discutendo da qualche tempo.
        Dico questo anche perchè, presumo, una scelta di campo – da parte nostra come anche da parte di chi quella scelta la deve fare per istituto – comporta SEMPRE una qualche forma e un qualche tipo di responsabilità (la nostra sarà di un tipo assai blando, ma altri ne avranno di ben più significative). E il concetto di “responsabilità” non può essere disgiunto dal concetto di “conseguenze” (verso il soggetto su cui la responsabilità della scelta grava ma anche verso terzi). Mi sembra una cosa questa che merita una certa attenzione.
        Con tutto ciò voglio dire che collocarsi “nel mezzo” (o in un qualsiasi punto in un amipio intorno… 😀 ) è una scelta che va giustificata allo stesso modo e con lo stesso rigore delle scelte più… “orientate”.
        Ovviamente questi sono solo gli ulteriori miei 5 cents 😉 (prometto che quando arrivo a tre Euro mi prenderò una pausa :P)
         

        Reply
  22. avatar
    barry lyndon at |

    Giò, credo che abbia frainteso quello che volevo dire! :)

    Il mio suggerimento non era volto a ricercare una soluzione di “compromesso”.
    Non ho proposto di abbracciare la “dottrina Mastella” :D.

    Concordo con te, infatti, che non bisogna cedere troppo facilmente alla lusinga de “in medio stat virtus” e che, da un punto di vista metodologico, gli “estremi” hanno (e devono avere) la medesima dignità delle “posizioni intermedie”. 

    Ma la mia considerazione non era a carattere generale, bensì focalizzata unicamente sulla accesa discussione che, in Italia ed all’estero, ruota intorno alla minaccia cyber. Dal mio punto di vista, le due posizioni sulla questione, diametralmente opposte, sono troppo distanti dal misurare l’effettiva portata della minaccia. Non ne faccio una questione metodologica o teorica.

    Cmq, visto che distribuisci cent :), in soldoni la mia visione è questa: attenzione a non farci influenzare dagli orientamenti dominanti che vogliono necessariamente attribuire alla minaccia cyber il massimo livello di pericolosità (si rischia di cadere nell’overstimation, di fare il gioco di chi ha interessi in ballo 😉 e di distrarci). Al tempo stesso, però, non abbracciamo tout court il pensiero, nettamente minoritario, che nega l’esistenza della minaccia o, quantomeno, ne riduce molto la portata, spostando eccessivamente il focus sugli aspetti terminologici/teorici, (si rischia di sottovalutare il problema reale).

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      No, no Barry, non ho frainteso 😀
      E infatti sono d’accordo in linea di massima con quel che dici.
      Ho solo colto l’occasione per evidenziare la pericolosità di altri e più generali fraintendimenti generati da convinzioni che non sembrano essere confortate da evidenze scientifiche… “robuste”.
      Per certi versi (anche se con le ben note nostre differenze di vedute) esattamente quello che dici tu 😉

      Reply
      1. avatar
        barry lyndon at |

        😉

        Reply
  23. avatar
    rottamato at |

    buonasera a tutti. condivido le opinioni di morgana e non credo che vedere i militari nelle città ( mi sembra che l’operazione “strade sicure” sia tuttora in corso) rappresenti un rischio, semprechè gli addetti abbiano ricevuto idonea ed adeguata formazione, ma questo è un discorso a parte. certamente quella presenza avrebbe in passato potuto evitare qualche lutto in più, e mi riferisco a problemi nazionali , ma non credo che possa rappresentare una forma di prevenzione in caso di manifestazioni di piazza o preludere a qualche “rumore di sciabole” di jannuzziana memoria: non erano pronti allora e non lo sono certamente adesso, per fortuna, aggiungerei.

    Reply
  24. avatar
    Babilonia at |

    Qualche news sull’esito del famoso ricorso discusso la scorsa settimana?
    B. 

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      ….news che sarebbero utile a capire se, quando, come e perchè potrebbero/dovrebbero avvenire i nuovi arruolamenti. Tanto se ne parla, ma non mi pare, o almeno personalmente non ho notizia, che si sia ancora mosso nulla tipo selezioni visite ed altro. Ad ogni modo se qualcuno ha indicazioni…..

      Reply
  25. avatar
    Morgana at |

    per Rottamato,

    se non ricordo male, a quanto ho appreso in passato sul TULPS, nelle manifestazioni in piazza è il Questore che coordina la sicurezza pubblica. Con ciò tengo a precisare  che ad ogni circostanza le nostre istituzioni attuanano le risposte più adeguate. Nel caso di attentato ad un personaggio che rappresenta l’economia nazionale ed internazionale, le risposte non sono quelle della tutela dell’incolumità personale (che può essere ottemperata con security bodyguard) o della pubblica sicurezza (attuata con le risorse della Polizia di Stato), è necessario attuare strategie difensive belliche , deterrenti ma anche offensive all’occorenza. La sicurezza economica è in questo momento il bene primario da tutelare: nella storia dell’umanità ed in pparticolare nella storia romana che è tanto studiata all’estero, ma poco conosciuta in Italia, la funzione degli eserciti era quella di difendere l’Impero ed espandere i territori sottomettendo l’avversario ma anche alleandosi, tuttavia il principio fondamentale era che i condottieri combattevano con i loro soldati ed con essi rischiavano la vita, per questo nel nostro inno “Dell’elmo di Scipio si è cinta la testa….siam pronti alla morte…l’Italia chiamò!”.
    Ma ve li immaginate i condottieri romani che invece di andare a combattere al Rubicone, se ne stavano impiegati con la scorta e pretendevano protezione per tutto il loro seguito? Praticamente adesso anzichè leggere il diritto romano, leggeremmo il codice dei Longobardi!!! Ed è anche per questo motivo che il nostro medioevo ha più barbarie del vero Medioevo: gli americani sono dei geni, nodi e router di connessione della lan, ci collegano come le vedette di avvistamento delle legioni romane, ma non per chiedere a chi entra “Ehi chi siete, dove andate, un fiorino!”, ma per salvarci dalla stupidità e dalla negligenza dei condottieri.

    A proposito, colgo l’occasione per rivolgere a Silendo specifiche: la prima volta che ho visto questo blog mi ha colpito la didascalia “appassionato di relazioni internazionali”, le mie modeste competenze in merito al diritto comparato internazionale sono pertinenti al diritto perlopiù civile, ho trovato spunti utili anche in passato in Eurispes.
      Il fiore dei Lancaster mi fa pensare che vorrei capire un pò meglio dove poter reperire materiale anche sintetico, sul diritto dei mercati internazionali in Europa e negli Stati Uniti.

    Morgana

      

     

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      tutela dell’incolumità personale (che può essere ottemperata con security bodyguard
      Perdonatemi, mi ricollego a quanto scritto da Morgana per quella che è più una verifica di una mia vecchia cognizione personale: mi pare che nel nostro ordinamento non possa essere demandata a “security” o “bodyguard” (privati) l’incolumità delle persone, ma solo quella dei beni (le famose “guardie particolari giurate” mi pare…). E’ corretto?
      Saluti a tutti :)
       

      Reply
  26. avatar
    Morgana at |

    mi perdoni Silendo per qualche refuso di scrittura, anche io come i romani combatto contro le barbarie, ma ogni tanto gli Unni si intrufolano nelle tasiera del computer…

    Morgana

    Reply
  27. avatar
    Name * at |

    Si intrufola anche qualche superalcolico…

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      Chi ha detto “superalcolico“?
      L’ho sentito eh! Non facciamo scherzi! 😀

      Reply
  28. avatar
    Morgana at |

    Si Silendo, diritto dei mercati finanziari internazionali….

    ….B.A., hanno inventato i firewall contro la vodka e gli spaghetti hacker….
    …reggo il fronte 

    Morgana

    Reply
    1. avatar
      Babbano Asimmetrico at |

      X Morgana :
      Hai scritto un libro autobiografico ?

      B.A. Curioso

      Reply
  29. avatar
    Morgana at |

    Ti ringrazio, buona giornata

    morgana

    Reply
  30. avatar
    rottamato at |

    l’esito del ricorso dovrebbe essere conosciuto verso la fine di questo mese, per quanto sentito in sede di udienza. per le assunzioni, in bocca all lupo…………

    effettivamente è il questore che ha la responsabilità tecnica dei servizi di o.p., la tutela delle persone non può essere affidata alle guardie particolari giurate, che , come qualcuno ricordava, possono occuparsi solo del patrimonio, inteso magari in senso lato. ovviamente., almeno a mio avviso, le gpg che vigilano all’ingresso di confindistria o di finmeccanica o della rai tutelano indirettamente anche la sicurezza delle persone che vi lavorano, ma dubito fortemente che possano svolgere anche servizi di tutela alla persona.
    buonasera e saluti a tutti.  

    Reply
    1. avatar
      Anonimo at |

      Dubito anch’io che alle gpg possano essere affidate funzioni di scorta/tutela alle persone. Caro Rottamato, quell in bocca al lupo, in altre parole sta per? 

      Reply
  31. avatar
    Morgana at |

    Per il Marinaio del Nautilus: alle gpg compete la tutela del patrimonio immobile mediante presidio e/o controllo a distanza, alle security body guard (guardia del corpo) compete invece la difesa di persone fisiche….però hai centrato…il poligono!!
    L’avrei detto con la radio: K

    Silendo, hai una pazienza incredibile 

    Morgana

    Reply
    1. avatar
      Stv Giovanni Nacci at |

      Morgana carissima, “marinaio” mi sembra un po’ poco (sebbene marinai siamo e restiamo, anche per altri versi… 😉 )
      Comunque: non dico proprio Comandante del Nautilus, ci mancherebbe, ma visto il grado almeno Comandante in seconda… Facciamo Ufficiale Commissario e non se ne parli più! 😀
       
      P.S.: si scherza eh 😉

      Reply
  32. avatar
    Armigero at |

    Cara Morgana, l’ordinamento italiano prevede che la tutela istituzionale di persone sottoposte arischiai sia affidata alle FF.PP.  A seguito di una valutazione del CPOSP e con la concordanza dell’Ufficio Sicurezza Personale del Mininterno. Qualsiasi altra forma di tutela privata e’ a rischio e pericolo del committente e di chi la esegue (chi rompe paga e i …. sono suoi 😉 ) 
     Armigero

    Reply
  33. avatar
    Morgana at |

    Armigero e meno male che è così, anche se non sono esperta in merito alle coperture assicurative conseguenti a danni materiali. In passato ho seguito qualcosa in materia di furti, ma la normativa è un pò offuscata, probabilmente perchè sottolineo non ho fatto tantissime ricerche, però ho ascoltato testimonianze di addetti ai lavori che ritenevano che in alcune casi i danneggiamenti erano in realtà dei sabotaggi attuati dagli stessi privati per incassare il denaro dalle assicurazioni. Dopo qualche anno ho avuto una conferma da un operatore che si occupava proprio di questa materia. Ma posso dire di non averne mai avuro prove dirette, forse perchè il presupposto è che tendo ad essere obiettiva e a considerare il lavoro umano finalizzato al bene comune e non alla truffa per egoismo individuale.

    Morgana

    Reply
  34. avatar
    Morgana at |

    Adesso mi viene qualche altro dubbio: ma quando avvengono atti vandalici a luoghi pubblici e privati, tipo il G8 di Genova, chi è che paga i danni?

    Morgana

    Reply
  35. avatar
    Morgana at |

    Per Babbano, non ho mai scritto un libro autobiografico…sono timida e pudica…

    Morgana

    Reply
  36. avatar
    Morgana at |

    ops…non sono esperta dei gradi della Marina…. però insomma è il Nautilus, la lama d’acciaio degli oceani…non ti ho mica detto che sei Capitan Findus!! E poi la “Leggenda degli uomini straordinari” deve ancora iniziare….

    Morgana Olivia 

    Reply
  37. avatar
    Teofilo at |

    Un amico mi ha detto che oggi all’ingresso della base di pratica di mare, per varcare la soglia d’ingresso dopo l’ufficio passi c’era uno spiegamento eccezionale di forze militari con armi cariche, tre serie di controlli di CC, posti di blocco dentro la base… Mi ha detto che data la serietà della cosa ha pensato subito si trattasse dell’incremento dell’alert status dovuto a situazioni particolari e invece…     …doveva arrivare a fare visita al circolo ufficiali il Ministro Di Paola. 😀 che con l’occasione ha fatto un sopralluogo per verificare lo stato di avanzamento dei test sul MEADS…

    due ore dopo tutti a casa e solo un giovane caporale al varco che faceva un tenero saluto militare a chi usciva!!

    C’est l’Italie!! 😀

    Saluti,

    E.S.

     

    Reply
  38. avatar
    Morgana at |

    Buongiorno Silendo, non metto mai in dubbio la stima verso le persone, è un bene che a questo mondo ci siano affetto e affidabilità…posso dire di sapere esattamente cosa significa, seppur con la consapevolezza che sono poche le persone meritevoli del valore della riconoscenza.

    Mi riferivo alla pazienza in generale!!!

    buona giornata a tutti

    Morgana     

    Reply
  39. avatar
    Morgana at |

    Babbano,

    …e poi scrivere un’autobiografia, magari quando avrò una certa età!!!! L’altro giorno qualcuno mi ha dato 25 anni!!!! Incredibile!!!

    Ad ogni modo penso che è un modo per essere sinceri con se stessi, ma anche riflettere su episodi non proprio piacevoli, come nella vita di tutti! Quindi, è meglio non fermarsi a rimuginare quel che non si può cambiare, ma andare avanti con la consapevolezza che si è più attenti ai pericoli e alle avversità… C’è un tempo per ogni cosa…

    Morgana   

    Reply
    1. avatar
      Name * at |

      Morgana …
      Potrei sottoscrivere .
      Buona Serata

      B.A.

      Reply
  40. avatar
    Morgana at |

    Grazie Babbano…anche a te ai silendiani che ogni giorno a loro modo aiutano questo mondo ad essere migliore.

    Morgana

    Reply
  41. avatar
    Armigero at |

    Nell’ambito della consueta rassegna stampa segnalo, ove già non conosciuto, “l’indiscreto” a pag. 22 di Panorama odierno dal titolo “007, braccio di ferro dopo il blitz” a firma di Stefano Vespa…..Molto interessante

    Reply
  42. avatar
    Rag.Fantozzi at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)