47 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Si terrà il 9 novembre 2011, presso la "sala momumentale" della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Largo Chigi 19, dalle ore 15:00 alle 17:30, la presentazione master di II° livello in "Intelligence Economica".

    Interverranno

    • Prof. Renato Lauro—Magnifico Rettore Università di Tor Vergata
    • Prefetto Gianni De Gennaro—Direttore Dipartimento delle informazioni per la sicurezza
    • Prof. Diego Navarro Bonilla—Università Carlos III ‐ Madrid
    • Prof. Luciano Hinna— Direttore del Master
    • Prof. Gian Piero Milano—Preside facoltà di Giurisprudenza Tor Vergata
    • Altri interventi programmati
    Reply
  2. avatar
    giovanninacci at |

    "…due nuove grandi sfide per l'intelligence… (omissis) …la sicurezza economica e la difesa dello spazio cibernetico…"

    La seconda sfida sarebbe quella?

    Povero Giovanni… Una vita per il Paese e poi…
    FOrse – un giorno – la Storia gli renderà quegli onori che meritava in vita.

    Sarah
    (Systemic Engineer @ STVGiovanni.org)

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    …formazione inesistente sul net!

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |

    Giovanni tieni duro…..
    ;))))

    En.

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    Qualcuno è andato alla presentazione? Non riesco a trovare online alcun comunicato stampa sui contenuti (e anche il webmagazine di Tor Vergata sta sul vago su dettagli fondamentali, i.e. quando sarà attivato precisamente, quali sono le procedure per partecipare, eccetera).

    Reply
  6. avatar
    AllegraBrigata at |

    Io no, mi dispiace.

    Vittorio

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Figli di ambasciatori ,figli di generali ,figli d'arte…

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    ovviamente!

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    e la domanda è…verità o propaganda? sono/saranno i primi a entrare da due anni? o in realtà hanno sempre continuato ad assumere anche nelle more del famoso giudizio amministrativo?
    e l'altra domanda è…come si conciliano questi ingressi con l'ultima relazione del copasir tendente a "precontrollare" tutti gli ingressi (e, soprattutto, le motivazioni alla base degli stessi)?
    saluti a tutti!

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    Buonasera,
    volevo salutare tutti gli studenti di "Scienze dell'investigazione" di L'Aquila che per studiare hanno fatto sacrifici in un'università statale, che hanno creduto in un mondo più onesto, che provandosi a confrontare nel mondo del lavoro incontrano più disonesti che onesti…è dura! Ma non arrendetevi mai…sempre meglio soli che male accompagnati…il terremoto non può distruggere il senso civico e l'amor di Patria che è sopravvissuto.

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    certo che ne hanno di fantasia all'intelligence veramente originale come propaganda!!!!!!

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    Non capisco dove sia la sorpresa…..

    Qualcuno tanti anni fa in una prestigiosa scuola militare nel presentarsi come Comandante di Compagnia disse
    "Voi qui imparerete un sacco di cose dai libri e dalgi istruttori, e da me imparerete soprattutto L'INGIUSTIZIA…..

    Il mondo é ingiusto e i piu forti saranno sempre  privilegiati, quindi smettiamola di lamentarci e tiriamoci su le maniche…..

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    Non si impara niente dall'ingiustizia e dai prepotenti

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    "il mondo e in giusto e i più forti saranno sempre privilegiati!!!"
    le cose devono cambiare!
    ….l'intelligence oggi più che mai ha bisogno di persone valide, oneste, preparate., che sono in grado di assumersi responsabilità…e non di incompetenti privilegiati che magari combinano solo casini

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    purtroppo funziona cosi in italia e quindi anche l'intelligence annovera incompetenti figli di generali magistrati politici che hanno preso la laurea chissà come e poi vengono messi li a combinare solo pasticci povera italia siamo proprio un paese messo male dove la meritocrazia non esiste ma esiste solo parentopoli saluti

    Reply
  16. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ragazzi, ricordatevi che col pessimismo si cambia poco, in qualunque ambito 😉

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    Carissimi amici e lettori, mi spiace veramente leggere che tanti tra voi meritevoli e studiosi siano in balia del pessimismo e dello sconforto, ma non dimenticatevi dello scenario in cui va orientandosi l’intelligence nazionale da un po’ di tempo a questa parte. Sempre maggiore offerta universitaria, maggior interesse scientifico e maggiore cultura d’ intelligence tra gli studenti, gli appassionati, tra i funzionari della P.A. e i professionisti. E’ questa la breccia di una lentissima rivoluzione culturale iniziata col Presidente Cossiga e in via di maggiore sviluppo attraverso il contributo di illuminati professori ed esperti d’intelligence che da anni diffondono le nuove sfide dell’intelligence ed a maggior ragione nel sistema universitario debbono essere individuati le menti migliori, sia per versatilita’ che per competenze d’approccio alle tematiche di interesse nazionale, cosi come dalla P.A. devono emergere tutta una schiera di giovani funzionari con capacita’ analitiche e scientifiche di grande spessore, ed infine quella infinita comunita’ di ricercatori italiani che dentro e fuori i confini nazionali rendono onore e dignita’ con sacrificio alla vastissima evoluzione tecnico scientifica globale. Partire dalla concezione che tale rete e processo di scouting puo’ solo nascere dall’ amore per la Patria e dalla volonta’ di servire comunque per essa, con i blog e comunita’ virtuali, le pubblicazioni in linea e i dibattiti scientifici, lo studio e la responsabilita’ del bene primario, la consapevolezza di sentirsi dentro e soprattutto interamente un Servitore dello Stato.
    Stratikoine’ haon geopolitikoi

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    mah,chedire,io ho sempre pensato che i servizi nell'ambito accademico prendessero in considerazione i docenti e non i discepoli,questo per svariati motivi.Però il principale è che un giovane laureato,anche con 110 e lode non ha l'esperienza del maestro. Quindi un po mi stupisce è una contraddizione imperfetta,anche perchè la figura di analista network deve avere almeno 5 anni d'esperienza,così riporta il sito.Concordo comunque che l'affluente migliore per transitare nell'intelligence è il funzionario della pubblica amministrazione o delle forze dell'ordine e armate, questo è palese.Cordiali saluti e buona continuazione

    Reply
  19. avatar
    utente anonimo at |

    18, guardi che parlavo di tutto tranne che degli appartenenti alle forze dell’ ordine e di quelle armate, che dovrebbero continuare a fare gli operativi. Non ce li vedo proprio a fare analisi socio culturali o relazioni tecniche tra sistemi di poteri particolari e flussi macro economici, oppure interpretazioni di strategie di orientamento mass mediale. Non che nelle forze armate manchino determinate competenze, ma sono essenziali ai loro protocolli… Qui si tratta del tema fondamentale di una democrazia moderna, ossia la costruzione o reingegnerizzazione di un sistema di sicurezza nazionale a campi concentrici di azione, pluridisciplinare e funzionale alle dinamiche delle minacce e delle opportunita’ che offre il processo inarrestabile della globalizzazione. Da stasera saremo, come sempre, un caso studio per le maggiori comunita’ di intelligence internazionali.. Primi in tutto, anche nelle sperimentazioni dei nuovi processi di governo sovrapolitici. La politica.. La si dovra’ reinventare, nei linguaggi e nel ruolo sociale, non piu’ come sistema di potere ma quale strumento di demarcazione tra istanze condivise e processi inarrestabili, ossia non piu’ indispensabile socialmente ed economicamente, al pari di sindacati, confederazioni e ordini sparsi. Ovvio non accadra’ domani, noi amiamo la strategia e la teconologia, non e’ vero Silendo? Il tempo e’ galantuomo..come la memoria un deja vu, Haon.

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

    Io ho espresso il mio parere in altri post, e lo ribadisco qui, credo che per ogni squadra vincente ci vuole un gruppo assortito, e la ns intelligence non fa eccezione. Abbiamo bisogno di analisti, di esperti di geopolitica, di esperti di cybersicurezza, guerra elettronica, ma abbiamo bisogno anche di persone che stanno per strada senza farsi riconoscere, e rimangono per ore in macchina solo per scattare una foto, di perosne che sono  in grado di reclutare e gestire i confidenti, di persone che abbiano dimestichezza con pedinamenti e osservazioni, di persone esperte in logistica e gestione del personale, ma soprattutto di gente discreta che riesca a non svelare mai la propria appartenenza ai servizi segreti, nemmeno all'amico piu fidato e questo credo sia il compito piu arduo….

    ALBATOR  

    Reply
  21. avatar
    AllegraBrigata at |
    Reply
  22. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo 18: 'mah,chedire,io ho sempre pensato che i servizi nell'ambito accademico prendessero in considerazione i docenti e non i discepoli'.

    Tutti i centri di eccellenza mondiali selezionano una quota importante del proprio personale direttamente dalle migliori Università. Una volta assunti vengono formati. Come sempre avviene, da che mondo è mondo.
    I Servizi forse mancano di adeguati percorsi formativi per cui sono costretti ad assumere personale già formato???

    F.

    Reply
  23. avatar
    utente anonimo at |

    E' sempre stata nota la "procedura" di assunzione da parte dei servizi segreti. 
    E' sempre stato chiaro di come i "civili" non facenti parte delle forze armate o dei corpi di polizia,avessero decisamente meno possibilità di essere assunti o notati.
    Questa procedura attraverso le Università è molto intelligente,e sicuramente più vicina alle altre nazioni,dove lo scouting degli studenti più meritevoli e che rispettino determinati parametri è già avviata da tempo.
    Ovviamente "loro" mettono a disposizione pochissime informazioni sul "profilo" idoneo alle assunzioni. Pochissime magari no,non troppo dettagliate forse,e soprattutto aver intrapreso un determinato percorso di studi il cui diretto sbocco lavorativo siano i servizi segreti,è praticamente inesistente.
    Non so quanto tutto questo possa essere uno specchietto per le allodole per coloro i quali hanno bisogno di leggere che "si assume gente! correte e mandateci il vostro curriculum"
    Però non sono affatto contrario.

    E' da vedere certo,"chi" saranno questi meritevoli studenti,da dove provengano. E soprattutto,chi sono questi docenti che hanno segnalato la lista dei nomi.

    Reply
  24. avatar
    utente anonimo at |

    Finalmente un pò di apertura e qualche chiarimento utile…tuttavia resta inalienabile che per uscire da "via dei precari" resta la "fuga di cervelli all'estero"…. anche per evitare tanti psicologi e psichiatri che ahimè oggi non si occupano tanto di comportamenti aberranti….quanto piuttosto di una società che deve essere per forza malata…non lo trovo molto adeguato!! E' indiscutibile che il ruolo delle scienze umane è un valido elemento di interpretazione, ma non può più essere efficace se persone sane devono subire l'alienazione di contesti professionali intrisi dalla necessità di psicanalizzare.

    Reply
  25. avatar
    Silendo at |

    "La politica.. La si dovra' reinventare, nei linguaggi e nel ruolo sociale, non piu' come sistema di potere ma quale strumento di demarcazione tra istanze condivise e processi inarrestabili"

    Anonimo 19, buonasera :)
    Mi chiedo… ma se la politica non è sistema di potere cos'è…? 😉
    O forse si riferisce ad un sistema di potere fine a se stesso e totalmente auto-referenziale? 

    Reply
  26. avatar
    utente anonimo at |

    parole, parole, parole, e come sempre, sia che si tratti di civili o di appartenenti alle Forze di Polizia o alle Forze Armate, senza "conoscenza" che presenti l'eventuale candidato, e quindi con l'80% del lavoro già fatto, sono sempre gli "stessi" che entrano nei servizi…

    Reply
  27. avatar
    utente anonimo at |

    Silendo, tu concordi con il commento dell'anonimo 26 ?
    Il Pulcino

    Reply
  28. avatar
    Silendo at |

    Pulcino, per rispondere con serietà alla tua domanda bisogna conoscere, dal di dentro, le dinamiche selettive attuali.
    Insomma… ti direi una cretinata… :)

    Reply
  29. avatar
    utente anonimo at |

    ha ragione il commento 26 è normale in questo paese la racomandazione e senza di essa non fai neanche il parcheggiatore saluti.

    Reply
  30. avatar
    utente anonimo at |

    Vorrei rispondere ad ALBATOR commento 20…..
    …..sono pienamente d'accordo!!!

    Morgana

    Reply
  31. avatar
    Giano08 at |

    certe discussioni accendono sempre gli animi…. :)

    un caro saluto a tutti :)

    Reply
  32. avatar
    utente anonimo at |

    Non l’ha ordinato il medico di lavorare nei Servizi.
    Linus

    Reply
  33. avatar
    utente anonimo at |

    Onde evitare contestazioni, preciso che la mia è una citazione tratta da "Nome in codice: Ulisse" di cui tutti conoscono l'autore.
    Linus

    Reply
  34. avatar
    AllegraBrigata at |

    :)))

    Reply
  35. avatar
    giovanninacci at |

    lo sanno tutti che l'autore di "Code Name: Ulysses" è Omero…

    Catherine
    (literature researcher @STVGiovanni.tv)

    Reply
  36. avatar
    f.gianpaolo at |

    Ma scusate…
    De Genaro parla apertamente di una selezione fatta sulla base di eccellenze segnalate da prestigiose universita'…. ma qual'e' il problema? meglio di cosi'? perche' un concorso non si puo' truccare lo stesso?
    io me li immagino come un substrato fertile da formare ad uso e in base alle esigenze del servizio, giovani brillanti e fantasiosi,  magari con poca esperienza ma sicuramente  "col pepe al culo" e tanta fantasia….
    Vi ricordo una cosa, la maggior parte delle invenzioni che hanno cambiato il mondo sono state fatte da giovani sotto i trent'anni… 
    e poi, un servizio, non e' fatto mica solo di analisti…. ci sono i tecnici, gli ingegneri, i fisici e quale posto migliore di un'universita' per reclutare qualche buon elemento da fare crescere…. 
    io sono ottimista… 
    vedremo che ne esce fuori…

    il qualunquismo non serve e il pesimismo non e' di aiuto a nessuno…
    ….questo e'' il mio modesto parere.

    Un saluto a tutti e i miei omaggi particolari al padrone di casa…

    G.Paolo

     

    Reply
  37. avatar
    Silendo at |

    Ciao G.Paolo. Ricambio gli omaggi :)

    Reply
  38. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao Silendo,
    perchè non provano a fare anche una selezione a più ampio raggio? Anche sul web… del tipo….posto un quesito da risolvere..magari c'è qualche "genio ribelle" abile a dare soluzioni

    Morgana

    Reply
  39. avatar
    utente anonimo at |

    Se siete interessati è iniziata la raccolta di domande di preammissione al Master sul sito del CISPA di Tor Vergata

    Reply
  40. avatar
    utente anonimo at |

    Buon pomeriggio.

    rimanendo in tema di Università..qualcuno ha notizie circa il Master in intelligence & Security presso il Link Campus di Malta, in Roma?
    grazie a tutti per la cortesia con la quale vorrete rispondermi.

    buon lavoro a tutti

    Nathan MUIR

    Reply
  41. avatar
    utente anonimo at |

    Per Morgana…

    Intendi cosi?

    http://www.newscientist.com/blogs/onepercent/2011/12/gchq-recruits-spies-with-onlin.html

    "Intelligence agency recruits spies with online code"

    Saluti

    SG

    Reply
  42. avatar
    utente anonimo at |

    Questi vogliono far credere alla gente che cristo è morto di freddo.

    Reply
  43. avatar
    utente anonimo at |

    infatti…

    Reply
  44. avatar
    half-baked at |

    E’ chiaramente parte di una strategia per selezionare persone con grandissime risorse psicofisiche. Raggiungere Tor Vergata, infatti, comporta viaggi avventura di svariate ore indipendentemente dal punto di partenza, combattendo con alcune minacce del tutto imprevedibili: lo sciopero dell’ATAC, la caduta di rami d’albero sulla sede stradale alla prima giornata di pioggia, e le code a tappo sul raccordo che potrebbero fornire materiale a Bob Axtell per inventare una modellistica ad agenti tutta nuova. I pochi devoti che trascinandosi sulle ginocchia riusciranno a raggiungere la sede delle lezioni ogni giorno avranno dimostrato la loro tempra oltre il necessario….

    Reply
    1. avatar
      Ga78 at |

      @half-baked: ahahahah….grandi e vere parole! 

      Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)