2 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    questo articolo è bellissimo. Davvero interessante, molto ricco di spunti. Bello bello bello.

    soprattutto i punti 1 e 4.

    ma ho trovato interessante anche come venga sottolineato che la piccola differenza tra uno stato come la Cina e uno come gli US risiede nella prospettiva rovesciata rispetto alla 'rete': per un paese come gli US, la rete o le stutture basate sull'informatica  hanno una dimensione quotidiana basata sull'individuo (anche in senso commerciale) e diventano 'questione di sicurezza nazionale' soprattutto se minacciate dall'esterno o in relazione a usi specifici e avanzati; per la Cina, finora è sembrato al contrario, almeno nella politica espressa al riguardo, è un'infrastruttura da considersi sul piano nazionale come tutte le altre ed è potenzialmente minacciata dagli usi individuali.
    pare una minchiata vecchia quanto il cucco, peccato che pone un piccolo problema di definizione di 'legittimo' e 'illegittimo' che potrebbe durare un decennio.

    è verissimo che gli attori privati e accordi multidimensionali/multi-livello saranno determinanti nel settore.
    filosoficamente, proprio un bell'esercizio.

    S.

    Reply
  2. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Ciao S. :)
    mi interessa la tua riflessione, anche se non l’ho compresa totalmente. Potresti articolarla meglio?
    denghiu 😉

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)