6 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao Silendo!
    Di recente c'è stato in Italia un convegno rivolto (prevalentemente) alla classe forense relativo (anche) alla cyberwarfare.
    Il Pulcino

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Grazie Pulcino. Credo me ne abbia parlato un amico che lavora nel settore. 
    Credo… non vorrei confondermi… :)

    Reply
  3. avatar
    Jackallo at |

    Graze Silendone,
    magari appena ho un po' di tempo scrivo qualche riflessione in merito.. a difesa degli avvocati ovviamente (non si sa mai, possono sempre servire..!).. 😉

    Reply
  4. avatar
    giovanninacci at |

    Jack, non posso crederci… TU che scrivi in difesa degli avvocati???
    Accidenti come cambia il mondo: sto veramente invecchiando…

    buona domenica ragazzi!

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anche a te, Giovanni caro!

    R.

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    L'articolo di Foreign Policy mi conferma che bisogna sempre fare attenzione a chi scrive gli articoli, oltre che alla testata/sito sul quale vengono pubblicati.
    Ad esempio in questo articolo sono presenti un'accozzaglia di cose/dati/riferimenti semplicemente per sostenere l'idea non nuova che "bisogna lasciare le mani liberi ai Governi", "bisogna arginare i giuristi legulei che intralciano con le loro stupide norme e interpretazioni l'azione dell'esecutivo". 
    :)
    articolo buffo, peccato che poi venga anche letto 

    Jolly

    p.s. nonostante la testata non sia prestigiosa a livello internazionale, sono interessanti alcuni riferimenti contenuti in http://punto-informatico.it/3293291/PI/News/cia-nsa-vogliono-piu-potere-internet.aspx

    Reply

Leave a Reply to giovanninacci Click here to cancel reply.


(obbligatorio)