4 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    La butto lì, anzi qui….Per anticipo di sicurezza – in considerazione che nessun obiettivo è veramente difendibile, questo lo ì meno di altri!Infatti nonostante l'esposizione di cartelli (da sorriso) area aeroportuale sorveglianza armata, bisognerebbe monitorare il tratto stradale che dall'Aurelia porta a Fregene – Focene e Fiumicino. Il tratto costeggia il reticolato dell'aeroporto e nei due gomiti che precedono i tratti rettilinei…si affiancano adulti con fior fiore di macchine fotografiche e telobiettivi, nonchè famiglie e bambini per vedere l'atterraggio. L'aereo infatti procede sulla direttrice della corsia di allineamento fino alla pista finale. A 1 km, poi c'è Coccia di morto è da lì la direttrice è perpendicolare ai decolli.
    Qualcuno forse si ricorda come Marcinkus del CT Usa dimostrò come non si sapeva organizzare la difesa dai perimetri esterni……

    Nessuno

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Un aggiornamento dal Washington Post.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Oltre all'aeroporto di fiumicino che sembrerebbe il bersaglio piu pagante dal punto di vista mediatico, ci sono TUTTI gli aeroporti anche quelli minori ceh sono completamente esposti, data la gittata di circa 3000 mt, un piccolo gruppo con un conoscitore della materia diventa un serio pericolo, ma vorrei citare la battuta di un film adattandola alla circostanza "Non ho paura dell'uomo che possiede 100 SAM 7, ma ho paura di quello che ne possiede uno solo"

    ALBATOR  

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)