22 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Domani sarà mio!!!

    D.

    Reply
  2. avatar
    tfrab at |

    facci sapere se merita

    Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    Possiamo inserirlo in un nuovo elenco: i libri da ombrellone di fine estate!!

    En.

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    "Secondo Fasanella e Cereghino Londra avrebbe esercitato sull'Italia, per un periodo molto lungo e ricorrendo ad una pluralità di strumenti (massoneria, politica, intelligence, forze armate, media ecc), una vera e propria attività di influenza strategica."

    Pure  sui   quotidiani  servizi  dei  corrispondenti   TG   della  RAI   Caprarica, Masotti..????  ;-))))

    seppli

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    In altra sede dissi che "IN LIBIA GLI INGLESI NON SARANNO MAI NOSTRI ALLEATI"
    oggi mi correggo e tolgo solo le prime due parole

    ALBATOR

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Fasanella è una certezza.
    Dopo "intrigo internazionale" in cui si racconta di una guerra "non tradizionale" tra Italia e Francia ora con "il golpe inglese" si racconta di un'altra guerra, altrettanto non tradizionale tra Italia ed Inghilterra. Da comprare senza esitazioni.

    Argomenti da insegnare a scuola per evitare che i nostri figli facciano lo stesso errore della nostra generazione che ancora adesso pende dalle labbra della stampa estera.

    Segnalo un bel video di presentazione del libro:

    http://www.youtube.com/watch?v=RvsyHftYxd4

    saluti
    sg

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Grazie è interessante.
    Poi mi piacerebbe conoscere le tua opinione sul libro.

    Saluti

    Reply
  9. avatar
    Silendo at |

    Ma certamente…

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    scusate ma perche nell'immaginario collettivo qua in italia gl'inglesi sono sempre i cattivi??…perchè gl'inglesi vogliono sempre "inc…arci?"…bho io sono un profano quindi non conoscerò molte cose, ma mi domando, chi qua in italia o la in inghilterra non ha interesse a un vero mutuo riconoscimento? c'è un terzo incomodo?

    Pokemon

    Reply
  11. avatar
    Silendo at |

    "scusate ma perche nell'immaginario collettivo qua in italia gl'inglesi sono sempre i cattivi???"

    Beh… anche la Francia non scherza…. :)
    Buonasera Pokemon. E' tutta una questione di interessi geopolitica e geostrategici. L'Italia ha una posizione strategicamente molto rilevante, sia nel bacino del Mediterraneo che nelle dinamiche dell'Europa continentale. E' quindi, storicamente, interesse delle potenze europee quello di averci sotto influenza.

    Reply
  12. avatar
    vocetta at |

    Ma allora… questo libro è una LETTURA DA OMBRELLONE, SI' O NO? Se lo è, vi prego, avvisatemi, che lo compro anche io!!!

    Reply
  13. avatar
    AllegraBrigata at |

    Vocetta la mia idea è che se lo segnala il Sommo Vate di certo vale la pena leggerlo.

    Vittorio

    Reply
  14. avatar
    vocetta at |

    Ah, sìsì, su questo non ci sono dubbi! :) sono io che non posso sovraccaricare i miei neuroni e devo procedere con calma…!  

    Reply
  15. avatar
    Silendo at |

    E' una "lettura da ombrellone" nel senso che il taglio è molto discorsivo e semplice. Insomma, non è un testo riservato agli addetti ai lavori.

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    Silendo, adesso tutti utilizzano la mia espressione…..letture da ombrellone….
    Comunque, lo acquisterò anch'io per leggerlo.
    Il Pulcino

    p.s….E comunque, Silendo, preparati che tra poco dovrai consigliare le letture da caminetto…..

    Reply
  17. avatar
    Silendo at |

    Ma tu lo sai che, a suo tempo, ti ho riconosciuto la paternità dell'espressione 😉

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    Sull'argomento intrighi internazionali e nazionali: 
    le idi di marzo, del senatore Flamigni, e gli eserciti segreti della nato, di daniele ganzer. Per capire meglio le radici del male in Italia, leggetevi fratelli d'Italia.
    ave 
    Hastatus Prior

    Reply
  19. avatar
    Kerub at |

    attenzione che le cose sono più complesse di quello che sembrano.

    (il libro non l'ho letto ma mi riprometto di…)

    la verità è che ci sono più zone geopolitiche di influenza e alleanza geopolitica che vanno oltre i confini degli stati e che sono variabili anche per la scala dei tempi (alleanze e influenze a breve, medio e lungo periodo).

    per esempio durante le indagini sull'affaire Moro vennero fuori due fazioni all'interno dello schieramento Atlantico che vedevano contrapposti il partito filo-americano e quello filo-britannico e che avevano agito in Italia negli anni '60.

    parimenti quanti contatti sono stati tenuti durante la guerra fredda dai "moderati" degli schieramenti filo-atlantico e filo-sovietico e che sono serviti come cassa di compensazione e che magari ci hanno salvato da un olocausto atomico?

    Qual'è l'inquadramento geopolitico dell'Italia a lungo termine?
    nel mediterraneo a fare da sentinella americana dalla periferia del blocco europeo?

    Integrata nel "core" franco-tedesco in posizione però di debolezza produttiva e strutturale?
     
    ci compreranno i Cinesi? 100 miliardi di BTP alla volta? Come hanno fatto fino ad ora i Francesi?

    La politica deve sondare l'anima della nazione (se esiste) e fare la scelta a lungo termine (a breve termine ormai si scansano gli iceberg, direi).

    I servizi di informazione e sicurezza dovrebbero essere per definizione il luogo dove questa scelta geopolitica viene riconosciuta.

    Io ho scelto la seconda opzione: Europa federale.

    Parlare oggi delle cose successe negli anni '60 rischia di assomogliare ad una discussione su Napoleone all'indomani di Porta Pia. 

    Grazie a Silendo per l'indicazione.

    Reply
  20. avatar
    Silendo at |

    E' sempre un piacere :)

    Reply
  21. avatar
    utente anonimo at |

    Volevo segnalare l'ultimo libro di Aldo Giannulli Edizione Tropea :
    "Il Noto servizio, Giulio Andreotti e il caso Moro".

    http://www.aldogiannuli.it/2011/09/il-noto-servizio/#more-1692

    B.A.

    Reply
  22. avatar
    Silendo at |

    Babbano, grazie per la segnalazione. Purtroppo non sono riuscito ancora ad avere il libro.
    http://www.difesa.it/Sala_Stampa/rassegna_stampa_online/Pagine/PdfNavigator.aspx?d=20-09-2011&pdfIndex=56

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)