37 Responses

  1. avatar
    Frattaz at |

    L'agenda non è aggiornata, manca Giovanni tra i relatori :D!

     

    Molto interessante la parte "Metrics" invece.

    Reply
  2. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Cercare di prevedere il futuro è molto pericoloso (per chi subisce la previsione).

    Una volta che un'organizzazione raggiungesse l'obiettivo di far credere di essere in grado di prevedere il futuro, immediatamente utilizzerebbe questa sua credibilità, invece che prevederlo, per cercare di modificarlo a proprio piacimento.

    Le agenzie di rating insegnano. Ovvero come creare un centro di potere mondiale dal nulla.

    saluti

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    ci si può trarre un buon soggetto cinematografico per hollywood !!! Quasi quasi ci farei una pensata.
    Se qualcuno sa come indirizzare una domanda di assunzione mi ci candido pe non perdermi lo spettacolo e guadagnare un onesto stpendio 😀

    Cmq scherzi a parte, visto che si parla di orizzonti elevati e di altissime professionalità sarei curioso di sapere più in la quali algoritmi di clusterizzazione verrebero inventati e quale sarebbe l'iterazione e l'interazione perpetua informativa su un dato items per averne conferma e dedurre una linea previsionale. Social network e dintorni come muri cittadini e vagoni della metropolitana per i writers ? un giorno puliti un giorno successivo con un piccolo segno, poi una piccola scritta, poi u due scritte, tre quattro fino ad arrivare a cento. A cento scatta il warning per quella scritta governo ladro che due mesi fa non c'era e poi……. Chissà se funzionerè più o meno così….E se ci sono i nomim cosa accade quando cambia nome ? ;-P

    Nessuno

    Reply
  5. avatar
    .barry.lyndon. at |

    interesting doc, Sil! 😉

    …gli ammericani so’ammericani.. 😀

    @Nessuno

    i social network sono degli strumenti. Ne più e ne meno. sono principalmente degli strumenti relazionali e di comunicazione. è importante capire come questi strumenti sono (e potranno essere) impiegati dagli utilizzatori (masse, movimenti organizzati, insurgents, organizzazioni criminali, gruppi terroristici, etc.). È importante capire come, dal monitoraggio e dall’analisi della “vita sociale” condotta attraverso questi strumenti, sia possibile se non prevedere almeno individuare possibili trends con probabile impatto sulla sicurezza nazionale. È importante capire come lo Stato (e quindi i suoi apparati) possa utilizzare efficacemente questi strumenti. E non solo in funzione di early warnings (attività di natura difensiva-preventiva) ma anche nell’ottica di impiegarli quali potenti strumenti di influenza (attività di natura offensiva-proattiva). è importante, infine, comprendere che lo stesso uso dei social network da parte degli appartenenti ad organismi “sensibili” (non solo apparati SISR ma anche Forze di Polizia, corpo diplomatico, Forze Armate, aziende di rilevanza strategica, etc.) può costituire una vulnerabilità e che, di conseguenza, è necessario che tali organismi adottino dei regolamenti specifici per disciplinare l’uso dei social media da parte del proprio personale.

    Reply
  6. avatar
    giovanninacci at |

    Mah io direi che i "network sociali" sono in primo luogo delle strutture (informative) in quanto esplicano architetture, pesi, tipologie e direzioni delle relazioni (sociali, nel nostro caso) che si rilevano all'interno di un network (o di un sistema).

    Non necessariamente queste relazioni "appoggiano" su una struttura informatica (o sullo "spazio cibernetico", come ci hanno obbligato a dire). L'origine del networking sociale (intesa come attività quasi formalizzata) è ben precedente all'avvento della "rete" intesa come oggi la conosciamo, ossia il fenomeno largamente percebile dalla maggioranza delle persone (anche di coloro che non l'hanno mai usata).

    Nel nostro caso Internet non è altro che un ulteriore "carrier" (o facilitatore) sul quale le relazioni di cui sopra "appoggiano" la loro architettura. Va da sé che la tipologia del facilitatore in qualche modo implementa l'architettura stessa, a seconda delle proprie prerogative informative.

    Un "carrier" ad alte prestazioni in linea di massima permetterà ulteriori sviluppi del network sociale, così come un network sociale di una certa complessità tenderà a cercarsi/crearsi un carrier di adeguate prestazioni.

    Quindi io direi, ma è la solita mia "fissazione" per la quale vorrete perdonarmi anche stavolta che sì, è importante capire i network sociali ma non dobbiamo cadere, ancora, nel tranello di credere che tutti i network sociali si "appoggino" sulla "rete", o che su questa si appoggino quei network sociali che potrebbero essere per noi più significativi…

    Saluti cari a tutti

    Reply
  7. avatar
    .barry.lyndon. at |

    appunto Gió, sono degli strumenti! :-p

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    "E non solo in funzione di early warnings (attività di natura difensiva-preventiva) ma anche nell'ottica di impiegarli quali potenti strumenti di influenza (attività di natura offensiva-proattiva)"

    Che è poi, a mio avviso, il vero obiettivo delle ricerche dell'IC statunitense… 😉

    Reply
  9. avatar
    giovanninacci at |

    hummm… tento con un esempio.

    Quando Michelangelo scolpì la "Pietà" il martello e lo scalpello erano i suoi strumenti, il marmo di carrara era (e sempre sarà) il "carrier" – ancora oggi – della concetto di  "Pietà_di_Michelangelo", questo a prescindere dagli scalpelli e dai martelli che Michelangelo stesso usò i quali, pur avendo contribuito alla semanticizzazione del carrier, presi a sé stanti non esplicitano alcun contenuto semantico riconducibile alla "Pietà" (sebbene – in sostanza – abbiano modellato il marmo cozzandoci contro).

    Questo significa che nell'analizzare il messggio di Michelangelo non possiamo limitarci al carrier "Pietà", ma dovremmo, ad esempio, studiarci ANCHE tutta la volta della cappella sistina.

    Cosa che probabilmente richiederà un approccio totalmente diverso in termini di canoni estetici, tecniche realizzative, messaggi artistici, ecc. ecc….

    Non so se son riuscito a spiegarmi…

    P.S.: vorrei sottolineare che tutto ciò non è una semplice "pippa" linguistica o di definizioni più o meno accademiche scollate dalla realtà… è che le cose (alcune cose) sono realmente molto diverse tra loro e l'abitudine a generalizzare – anche in nome di una sacrosanta necessità di concretezza operativa – tende, alla lunga, a non portare a risultati strategicamente entusiasmanti…

    My five eurocents ;))

    Reply
  10. avatar
    .barry.lyndon. at |

    caro Gió, quando – nel corso di questa nostra chiacchierata – parlo di social network mi riferisco esclusivamente ai servizi web utilizzati per relazionarsi e comunicare (e non alle reti sociali nella loro accezione generale). Ecco perché, secondo il mio punto di vista, tali servizi di social networking sono qualificabili come degli strumenti. Sono l’equivalente del martello e dello scalpello dello scultore. e servono per comunicare, condividere, diffondere, etc. Capirne le dinamiche e le modalità di utilizzo da parte degli utenti (e qui mi riferisco agli aspetti tecnico-informatici ma ai profili di natura socio-psico-antropologica) è importante per la sicurezza nazionale. Altrettanto importante è comprendere le capacità di impatto che l’uso di questi strumenti da parte degli apparati informativi può avere su vari soggetti: governi, opinioni pubbliche, vertici aziendali, gruppi organizzati, etc.. Essi sono strumenti, che a seconda di come e quando vengono utilizzati, possono assumere connotazione difensiva o offensiva.

    Reply
  11. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Errata corrige: “e qui NON mi riferisco agli aspetti tecnico-informatici ma ai profili di natura socio-psico-antropologica”. Pardon :)

    Reply
  12. avatar
    Silendo at |

    Sei perdonato, vah…. ;))

    Reply
  13. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Fiiiuuuh! M’è andata bene..ed io che mi vedevo già a pompare serie da 50 con sopra il carico dei tuoi libri arretrati (rigorosamente in versione cartacea)!! :)))))

    Reply
  14. avatar
    giovanninacci at |

    Barry caro, io sono d'accordissimo su ogni singolo punto in cui tu proferisci la frase  "è importante", ci mancherebbe.

    "È importante capire come … sia possibile se non prevedere almeno individuare possibili trends con probabile impatto sulla sicurezza nazionale. È importante capire come lo Stato …possa utilizzare efficacemente questi strumenti. E' importante …, comprendere che lo stesso uso dei social network da parte degli appartenenti ad organismi "sensibili" … può costituire una vulnerabilità. E' importante per la sicurezza nazionale … E' importante è comprendere le capacità di impatto che l'uso di questi strumenti da parte degli apparati informativi…"

    Sono, anzi, ASSOLUTAMENTE d'accordo.

    Ma PERCHE' queste cose sono importanti?

    E' proprio nella fase in cui tentiamo di rispondere a questa domanda che diventa importante (appunto) – se non indispensabile – saper ben definire realtà, oggetti, fenomeni e concetti che insistono in un determinato ambiente.

    E lo diventa perchè questo ci da la possibilità di discriminare, granularizzare, descrivere e – in ultima analisi –  distinguere – oggetti (ovvero concetti) che sembrano simili ma non lo sono, che sembrano funzionare in un certo modo piuttosto che in un altro e che magari hanno significati e rilevanze diversi da quelli che ci aspettiamo, eccetera.

    Questo perchè siamo ormai in una fase di studio più approfondito (quasi di ricerca sperimentale direi… :))) non più di mera osservazione percettiva di un fenomeno. O sbaglio?

    I miei ultimi 5 cent. per il salvadanaio

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    Tenendo fermo il rasoio di Occam per cui entia non sunt moltiplicanda praeter necessitatem, ora Giovanni è giunto il momento di un bel saggio sulla ontologia del web social network! 
    Linus

    Reply
  16. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Linus!! Non ti ci mettere pure tu! :))

    Reply
  17. avatar
    giovanninacci at |

    Pronti!

    E' da tempo che i filosofi seri ci lavorano. Direi che si può senza ombra di dubbio iniziare da Ferraris con questo e successivamente, meglio, questo.

    Ai fini del "porting" della questione all'interno dello "spazio cibernetico" (ma restano sempre fermissime le mie perplessità sull'impiego del termine "cibernetico"…) può essere interessante questo.

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    ….la prossima volta sto zitto :-)

    Però…se la NSA monitorasse questo micro (di fatto) social network di intelligence community (di fama…basta vedere i puntini rossi che rappresentano la provenienza di chi si collega) …mi divertirei tanto…

    Comunque tanto per  cercare di comporre una quasi disputa filo episto onto logica direi che rete è ciò che permette di mettere in relazione
     Il muro del writer è una rete perchè come la bacheca di facebook mette in relazione attraverso la comunicazione di un contenuto quindi la sua condivisione. La variazione avviene con l'interazione dopo che quel contenuto è stato condiviso, o passando per strada o entrando in fb. Si noti bene dopo che è stato condiviso. Accettazione, rifiuto, così come sviluppo della stessa comunicazione avviano l'interazione. Sul muro scrivi forza roma  e quello che passa dopo scrive abbasso Totti, poi non c'è più spazio…, Sul web invece sì più persone scrivono più opinioni circolano più arriva la pubblicità, più il social network prospera. Così per strada più persone passano a quell'incrocio migliore è il posto per piazzarci un cartellone pubblicitario 😛 

    Spero che Barry e Giò non me ne abbiano.
    ;-P

    Nessuno

    Reply
  19. avatar
    Silendo at |

    "la prossima volta sto zitto"

    E perchè…??? 😉

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

        😀 troppo buono Lei !!

    Nessuno

    Reply
  21. avatar
    giovanninacci at |

    1) …"x" è una rete
    2) …"x" può generare una relazione
    3) …"x" prevede la condivisione di un contenuto

    se ne deduce che:

    "x" è esempio ben formato di rete sociale*:
     

    Ora voglio vedere chi mi contesta la definizione…

    Saluti cari!

    * molto, molto, molto sociale…

    P.S.: Nessuno, non mi voler male: è a causa della cronica assenza di brandy…

    Reply
  22. avatar
    Silendo at |

    ahahahah Giovanniiiii….!!!!

    Reply
  23. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Contestare?? Su questa definizione non posso che essere completamente d’accordo con te, caro brandy-aholic!! :)))

    Cmq lascio a te la rete X…io mi focalizzo sull’analisi del….suo contenuto!!:D

    Reply
  24. avatar
    giovanninacci at |

    Barry caro, si vede che abbiamo una certo tipo di formazione comune

    Tu parli del seguente tipo di analisi* giusto?

    http://en.wikipedia.org/wiki/Deep_packet_inspection

    ;)))

    Saluti cari!

    * ho una teoria anche per questa… ;))

    Reply
  25. avatar
    AllegraBrigata at |

    ahahahahah ragazzi!!!! anzi no….. ragazzacci!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ;)))))

    F.& En.

    Reply
  26. avatar
    giovanninacci at |

    COMANDI!!!

    Reply
  27. avatar
    AllegraBrigata at |

    Giovanni si deve assolutamente scoprire l'identità ontologica della proprietaria della rete!!!
    Non sei d'accordo????

    En. senza F.

    Reply
  28. avatar
    giovanninacci at |

    mah, oddio, da quel che vedo penso che a scoprire lei si "scoprirebbe" pure…   (quando si dice l'ambiguità della disambiguazione)

    Reply
  29. avatar
    AllegraBrigata at |

    E' strategico. 😉

    A.

    Reply
  30. avatar
    AllegraBrigata at |

    Di più, Andrea: è un primario interesse nazionale!
    En. con F.

    Reply
  31. avatar
    giovanninacci at |

    Amici dai… la parte superiore della foto non ve la posso proprio dare…
    Davvero, mi mettete in un mare di guai…

    Reply
  32. avatar
    AllegraBrigata at |

    Gio': E' UN ORDINE!!!!!!!!!! INvia tramite i soliti canali!!!!!!! ahahahah

    F. che ha chiuso En. in sgabuzzino

    Reply
  33. avatar
    giovanninacci at |

    Plancia, da Sonar: stiamo facendo tutto il possibile…

    Reply
  34. avatar
    .barry.lyndon. at |

    Certo Gió, partirei proprio da quel tipo di analisi!! 😉 ovviamente sarebbe solo lo step1, per poi continuare con quest’altra tecnica:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Penetration_Test

    Dopo l’analisi…l’azione!! :))

    Eh si, abbiamo gli fondamentali 😉

    Reply
  35. avatar
    utente anonimo at |

    Silendo….lo avevo detto che dovevo stare zitto ! qui qualche marinaio e non solo (mi ci metto anch'io ;-P ) è stato coinvolto in una "Operazione Sottoveste" !! Ve lo ricordate l'esilarante Jack Lemmon e la sua corvetta?

    Nessuno

    Reply
  36. avatar
    utente anonimo at |

    Supercomputer predicts revolution.
    Feeding a supercomputer with news stories could help predict major world events, according to US research.

    http://www.bbc.co.uk/news/technology-14841018

    saluti
    sg

    Reply
  37. avatar
    Silendo at |

    SG, grazie!!!! Una segnalazione veramente molto interessante!!

    Reply

Leave a Reply to utente anonimo Click here to cancel reply.


(obbligatorio)