5 Responses

  1. avatar
    Jackallo at |

    .. cm-f  2.0.. 😉

    Reply
  2. avatar
    utente anonimo at |

    Mi ricorda Joshua, magari per sconfiggerlo bisognerà usarlo contro se stesso….

    ALBATOR

    Reply
  3. avatar
    barry lyndon at |

    secondo alcuni, nella creazione di Stuxnet potrebbe avere avuto un ruolo l’Idaho National Laboratory (INL), un centro di ricerca collegato al Department of Energy USA :

    http://www.wired.com/threatlevel/2011/01/inl-and-stuxnet/all/1

    a quanto pare il centro di ricerca, già nel 2008, aveva collaborato con la Siemens per testare le vulnerabilità dei sistemi SCADA e, quindi, molto probabilmente era (è) nelle condizioni di conoscere i punti deboli di tali sistemi di controllo:

    http://www.nytimes.com/2011/01/16/world/middleeast/16stuxnet.html?pagewanted=all

    gli elementi a sostegno della tesi (almeno quelli di pubblico dominio) non sono molti…ma una cosa è certa: l’INL è molto ferrato in materia e, proprio in tale contesto, collabora attivamente con il DHS:

    http://www.npr.org/2011/11/02/141908180/stuxnet-raises-blowback-risk-in-cyberwar

    http://gcn.com/articles/2011/11/09/stuxnet-style-threat-prison-scada-systems.aspx

    Reply
  4. avatar
    barry lyndon at |

    per chi volesse sapere cosa ne pensa l’ex Direttore della CIA e della NSA di Stuxnet e, più in generale, delle cyber-weapons, domani la CBSnews manderà in onda uno speciale:
    http://www.cbsnews.com/8301-18560_162-57388982/fmr-cia-head-calls-stuxnet-virus-good-idea/?tag=currentVideoInfo;videoMetaInfo
     
    poi non dite che nessuno vi aveva avvistao 😛

    Reply
    1. avatar
      AllegraBrigata at |

      ahahahahahahahah

      D.

      Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)