6 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Le reti “fantasma” di Obama:

    http://www.ansa.it/iphone/fdg/5302072.html

    barry lyndon

    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |

    Caro Barry! 😉

    V.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    ciao Vittorio! 😉

    sempre sullo stesso argomento (fonte NYT via Sky24):

    "L'esportazione della democrazia, formula cara a George W. Bush, con Barack Obama non passa più solo attraverso le armi. Gli Stati Uniti, per abbattere i regimi autoritari, puntano molto sulla libera diffusione di Internet. La 'primavera araba', durante la quale i veri protagonisti sono stati i blogger e i social network, ha dimostrato che difendere la rete, in giro nel mondo, è ormai il modo migliore per aiutare i dissidenti ad aggirare la censura.

    Come afferma il New York Times, la Casa Bianca sta facendo grandi sforzi, anche finanziari, per creare collegamenti internet e di telefonia mobile "fantasma", in modo da dare nuova forza alle rivolte contro i dittatori in giro nel mondo che, non a caso, appena possono colpiscono il dissenso bloccando la rete e le telecomunicazioni.

    Creare rete indipendente – Il Dipartimento di stato e il Pentagono hanno già speso almeno 50 milioni di dollari per creare una rete indipendente di telefonia mobile in Afghanistan, usando i ripetitori delle basi militari nel paese. L'operazione è mirata a contrastare l'abilità dei talebani a spegnere le telecomunicazioni afghane ufficiali. Il governo americano, inoltre, sta finanziando la creazione di reti wireless nascoste per permettere agli attivisti di comunicare oltre la portata dei governi in paesi come Iran, Siria e Libia. Un altro progetto, forte di uno stanziamento di 2 milioni di dollari, riguarda lo sviluppo di "internet in valigia", una sorta di kit on-line, portatile, in grado di essere contrabbandata oltre confine e attivata per permettere comunicazioni wireless collegate alla rete Internet mondiale.
    I piani hanno ricevuto un'accelerazione dopo che il regime egiziano di Mubarak "spense" la rete durante le proteste all'inizio di quest'anno. E nelle ultime settimane, anche il governo siriano ha più volte temporaneamente sospeso gran parte dell'Internet nel Paese, in modo da ostacolare la diffusione della protesta e la mobilitazione dei dissidenti.

    Internet per dare voce alla protesta – A guidare questo nuovo corso della diplomazia americana, è proprio il capo del Dipartimento di Stato, Hillary Clinton: "In giro nel mondo – ha spiegato di recente l'ex first lady – vediamo ogni giorno sempre più persone usare Internet, la telefonia mobile e le altre tecnologie, per dare più forza alla loro voce e alle loro proteste contro l'ingiustizia, e per realizzare le proprie speranze di libertà e democrazia. Siamo di fronte a un'opportunità storica per gli Stati Uniti di cambiare il suo concetto di aiuto. L'America è concentrata ad aiutare questa forma di dialogo delle persone tra di loro, delle loro comunità e dei loro governi con il resto del mondo".

    barry lyndon

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    anche la Stampa riporta la notizia:

    http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/finestrasullamerica/grubrica.asp?ID_blog=43&ID_articolo=2085&ID_sezione=58&sezione=

    @Silendo

    il link ANSA non funziona!

    ecco quello aggiornato, che comunque riporta fedelmente la notizia di skytg24:

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/tecnologia/2011/06/12/visualizza_new.html_818431320.html

    barry lyndon

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Caro Barry, quando ieri ho letto la notizia sul NYT ti ho pensato…. 😀

    Reply
  6. avatar
    giovanninacci at |

    so bene che l'ho detto altre volte e che non ne potete più però… vediamo se è questa la volta buona per "vederla" in modo sistemico e non sistemistico…

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)