13 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Il professore ha centrato perfettamente l'argomento,  l'unica coa che mi spaventa é che 100 milioni di affamati saranno alla mercé dei vari gruppi terroristici che aldilà del collante religioso faranno i propri interessi economici e affaristici a danno di tanti disperati e contro il nemico per eccellenza l'occidente. Per loro non sarà diffiicile , basterà indicare  il benessere europeo ed americano come unico responsabile delle loro miserie….

    ALBATOR

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Indubbiamente, caro Albator, la cosa ha aspetti rilevanti anche per la nostra sicurezza nazionale.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Secondo me l'analisi del professore è un po astratta e non tiene conto della realtà concreta di quei paesi, che vivono da sempre nella povertà e che quindi dell'aumento del 20 per cento dello zucchero neanche se ne sono accorti dato che nelle zone rurali non ci sono supermercati e si vive di baratto. E' evidente che le proteste nello stesso tempo in tunisia e  in algeria sono state organizzate a tavolino sulla falsariga degli episodi verificatisi ultimamente a Londra, a Roma e in Grecia (a cui è stato dato evidente risalto mediatico). L'elemento incerto è solamente chi sia la mente e l'organizzatore di tali proteste.

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    A nessuno è venuto in mente che ci ppotrebbe essere un islam radicale interessato a destabilizzare quei paesi perché "troppo moderati" e tutto sommato immuni da al qaida?

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Buonasera Anonimo. Quindi ritieni che dietro ci sia una pianificazione, una mente. Giusto?

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,
    mi piace tanto il tuo sito,senza dubbio di alto livello ed estremamente interessante, ma…. ogni volta che si parla di islam…le analisi che vengono fatte diventano semplicistiche e ridondanti.
    Il Pulcino

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Sì. E secondo me è la stessa che ha organizzato gli attentati alle Chiese in Egitto e in Iraq. E' l'islam radicale (al qaida et similia) che vuole destabilizzare paesi islamici moderati (Egitto, Tunisia, Algeria, Iraq) per arrivare al potere. E sta abilmente facendo passare questi episodi come proteste "per il pane" per giustificare (anche davanti all'occidente) eventuali atti sovversivi più o meno prossimi.   

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    Caro Pulcino, ti ringrazio.
    Sull'Islam (come su qualunque altro argomento) ben vengano suggerimenti ed indicazioni 😉

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    anonimo, c'è una bella differenza concettuale tra mettere una bomba in una chiesa e organizzare rivolte giovanili a tunisi. nel primo caso può riuscirci un gruppo modesto, mentre nel secondo occorrono mezzi e capacità rilevanti. gli islamisti possono essere interessati a questi fatti, ma ciò non significa che ne siano i registi.
    Linus

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |
    Reply
  11. avatar
    Silendo at |
    Reply
  12. avatar
    AllegraBrigata at |

    Vi segnalo anche questo,dal Foglio http://www.ilfoglio.it/soloqui/7342

    V.

    Reply
  13. avatar
    AllegraBrigata at |

    Sil, guarda pure questo.

    Reply

Leave a Reply to utente anonimo Click here to cancel reply.


(obbligatorio)