9 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Chiedo venia, perchè mi dice che spammo se voglio postare un link?

    Kadmos

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Ciao Kadmos. Onestamente non ho idea. Mi sembra che non sia mai successo prima d'ora.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Volevo dire che l'intelligence economica nei Paesi Occidentali è affare complicato…

    Kadmos

    Reply
  4. avatar
    Silendo at |

    Da Il Giornale: http://www.ilgiornale.it/economia/ce_pista_cinese_fuga_segreti_sullauto_elettrica/08-01-2011/articolo-id=498199-page=0-comments=1

    "C'è una pista cinese per la fuga di segreti dell'auto elettrica
    Ombre cinesi sulla vicenda di spionaggio industriale che fa tremare la casa automobilistica francese Renault, mettendo a rischio il progetto di auto elettrica, il più importante del marchio francese. Secondo Le Figaro, Renault «sospetta un elemento cinese». L’affaire sarebbe talmente grave che «i servizi segreti francesi hanno aperto un’indagine che privilegia la pista cinese». Dopo che il ministro dell’Industria Eric Besson ha affermato che il Paese è bersaglio di «una guerra economica», è sceso in campo anche l’Eliseo e Sarkozy avrebbe già incaricato i servizi di intelligence per indagare sul coinvolgimento della Cina. Lunedì la casa ha sospeso tre top manager perchè sospettati di spionaggio industriale. Uno di questi è Mathieu Tenenbaum, il responsabile del programma di auto elettriche. I segreti filtrati alla concorrenza riguarderebbero la futura generazione di batterie e il sistema a propulsione elettrica che dovrebbero arrivare sul mercato non prima del 2012. Alcuni brevetti non ancora registrati potrebbero essere stati venduti a intermediari specializzati nell’intelligence economica, con destinatario finale in Cina. All’agenzia France Presse, lo specialista di spionaggio cinese Roger Faligot conferma l’interesse di Pechino per l’auto elettrica. L’industria automobilistica cinese lavorerebbe «a stretto contatto» con i servizi segreti: «Le imprese cinesi hanno grossi budget per la ricerca – dice – una parte viene usata per comprare le persone»
    .

    Qui l'articolo di Le Figaro: http://www.lefigaro.fr/societes/2011/01/06/04015-20110106ARTFIG00787-espionnage-chez-renault-la-piste-chinoise.php

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    Nell' ambito della Rassegna Stampa segnalo l'articolo a pag. 24 di "La Repubblica" odierna intitolato "Spionaggio alla Renault, cinesi nel mirino, 007 in campo"  a firma di Giampiero Martinotti.

    Un buon week-end al padrone di casa ed ai lettori tutti.

    Armigero

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    sincronismo perfetto riguardo l'argomento e la sua importanza……

    Armigero

    Reply
  7. avatar
    Silendo at |

    :)) ci fossimo messi d'accordo non saremmo stati così perfetti nello spaccare il minuto…
    RIcambio i saluti 😉

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    L'analisi della Stratfor.

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    Nell' ambito della rassegna stampa odierna segnalo l'articolo a pag.35 del Corriere della Sera dal titolo "Segreti ai cinesi, Renault accusa il controspionaggio" a firma di Stefano Montefiori.

    amaro commento….. se non fai non fai…… se fai sbagli……….

    Armigero

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)