7 Responses

  1. avatar
    ilraffa at |

    Capo, era ora. Bravo.

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    :))

    Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    Oooooooooooooh……….

    En.

    Reply
  4. avatar
    Silendo at |
    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    da ANSA.it  ARRESTATO IL FONDATORE di WIKILEAKS

    LONDRA – Julian Assange non esce su cauzione resta in custodia cautelare fino al 14 dicembre. Lo ha deciso il tribunale di Westminster.

    Alla fine il cerchio si è chiuso attorno a Julian Assange: il capo di Wikileaks si è consegnato oggi in un commissariato di Londra dopo esser stato raggiunto da un mandato di arresto europeo per conto della Svezia. Assange è arrivato in tribunale accompagnato dai suoi avvocati Mark Stephens e Janet Robinson. "E' un attacco alla libertà dei media", ha detto il suo portavoce Kristinn Hrafnsson.

    Wikileaks aveva minacciato di scatenare un 'giorno del giudizio sul Web' aprendo la cassaforte con i restanti documenti segreti se il suo capo fosse stato arrestato, ma Hrafnsson ha detto che per ora non si sta pensando di procedere in questo senso. Assange è atteso in giornata dal magistrato del Borgo di Westminster: non prima delle 14:00 ora di Londra, ha detto un portavoce della Corte alle decine di giornalisti accorsi sotto la sede del tribunale su Horseferry Road.

    Un portavoce di Scotland Yard ha detto che la magistratura svedese vuole che Assange risponda di due accuse di molestie sessuali e una accusa di stupro, reati che sarebbero stati commessi tutti nell'agosto 2010. L'hacker intanto si è fatto sentire con un articolo pubblicato oggi online sulla pagina degli editoriali dell'Australian in cui cita un giovane Rupert Murdoch, suo connazionale, che scrive: "Nella gara tra segretezza e verità, é inevitabile che alla fine vinca la verita".

    Il portavoce di Scotland Yard ha detto che la magistratura svedese vuole che Assange risponda di due accuse di molestie sessuali e una accusa di stupro, reati che sarebbero stati commessi tutti nell'agosto 2010. Assange apparirà oggi davanti alla City of Westminster Magistrates' Court, ha detto Scotland Yard.

    Assange deve comparire entro le 12:30 (le 13:30 in Italia) davanti al giudice a meno che il magistrato non dia il permesso per una udienza più tardi. Lo ha detto un portavoce della Corte. "Se non lo possono portare prima di allora, dobbiamo aspettare una decisione del giudice a cui spetta dare il permesso per un rinvio", ha detto il portavoce.

    PORTAVOCE, ARRESTO JULIAN NON CI FERMA  –Il portavoce di Wikileaks ha detto che l'arresto di Julian Assange è un attacco alla libertà dei media ma non fermerà il gruppo nella sua missione. "WikiLeaks è operativa. Continuiamo come prima sugli stessi binari. Ogni sviluppo SU Assange non cambia i piani per la pubblicazione dei documenti oggi e nei prossimi giorni, ha detto il portavoce Kristinn Hrafnsson precisando che le operazioni saranno coordinate da un gruppo di persone a Londra e in altre sedi.

    ASSANGE ARRIVATO IN TRIBUNALE – Julian Assange è arrivato in tribunale per comparire davanti al giudice sulla base del mandato di arresto europeo per due accuse di molestie sessuali e una di stupro. Il capo di Wikileaks è arrivato a bordo di un'auto dai vetri oscurati mentre Mark Stephens, il legale britannico che lo rappresenta è entrato in tribunale passando davanti alle decine di giornalisti assiepati all'ingresso. Assange si è consegnato stamattina a Scotland Yard. L'incontro con Scotland Yard è stato "cordiale", ha detto Stephens circondato dalle centinaia di giornalisti di tutto il mondo in attesa da ore sotto il palazzo di giustizia londinese. Assange è entrato in tribunale da una porta posteriore. Le strade attorno alla corte sono bloccate dala polizia.

    B.A. sbadato

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

     (ANSA) – LONDRA, 7 DIC –

    Il tribunale di Westminster ha respinto la richiesta di cauzione per Assange che pertanto restera' in custodia cautelare fino al 14 dicembre. Il regista Ken Loach che aveva offerto garanzie e' rimasto deluso.

    Intanto l'attacco lanciato ieri da un network di hacker contro i siti che hanno 'staccato la spina' o i 'fondi' a Wikileaks sta facendo proseliti in tutta la comunita' hacker mondiale. Alcuni hanno messo online un programma pirata per poter lanciare DDos attack condivisi ovunque nel mondo.

    B.A.

    Reply
  7. avatar
    Silendo at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)