10 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ok per il contenuto ma l'ho trovato un po' meno chiaro del solito.
    Sbaglio?

    R.

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Non sbagli. Ho pensato la stessa cosa ma l'avevo attribuita ad una mia mancanza di concentrazione.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    mi sembra di capire che secondo Friedman il punto focale è rappresentato dallo stretto di Hormuz e dal relativo controllo. sbaglio??

    condivido pienamente l'analisi riguardo ai target del first strike USA (secondo Friedmam NON più i siti correlati al programma nucleare bensì – nell'ordine -catena C&C, difesa aerea/contraerea e forze navali).

    ho trovato molto interessanti le riflessioni di Firedman sull'uso del c.d. "war talk" quale mezzo di querra psicologica.

    rimane il "buco nero" per quanto concerne la reale volontà da parte del governo USA di attaccare l'Iran. su questo aspetto Friedman mi sembra piuttosto vago.

    che ne pensate??

    barry lyndon

     

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    "The worst sin of intelligence is complacency, the belief that simply because something has happened (or has not happened) several times before it is not going to happen this time."

    complacency: la madre di tuttel le failures!! :))

    barry lyndon
     

    Reply
  5. avatar
    Frattaz at |

    Ho avuto la tua stessa impressione riguardo allo stretto di Hormuz.
    Forse anche eventi recenti hanno contribuito a rafforzare questa idea 😉

    Posso chiederti barry, se hai tempo, perchè condividi il first strike in primo luogo sulla catena C2 e non sui siti correlati al nucleare?

    Grazie

    Reply
  6. avatar
    Silendo at |

    Assolutamente sì, Barry. Lo dice chiaramente che la vera "bomba atomica" iraniana è la capacità di interdizione del traffico commerciale attraverso lo Stretto di Hormuz :)

    Riguardo alle intenzioni USA, concordo: è poco chiaro. Dice però una cosa molto importante, secondo me. L'eliminazione di Saddam da parte americana ha fatto venir meno il "balance of power" Iraq – Iran sul quale si reggeva la geopolitica del Golfo Persico (dato incontrovertibile). La presenza delle truppe americane in Iraq ha compensato la scomparsa della forza iraqena (dato incontrovertibile). 
    La fuoriuscita delle truppe americane tende a sbilanciare pesantemente a favore dell'Iran l'equilibrio di forza, la qual cosa non è gradita, ovviamente, dai sauditi.
    E' in tal senso che va letto la "complacency: madre di tutte le intelligence failures". Perchè ciò che fino a ieri, in un determinato contesto regionale, poteva essere una manovra di guerra psicologica adesso, in un diverso contesto regionale, potrebbe non essere più tale…

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    @ Silendo

    vediamo se riesco ad agganciarmi correttamente ai puntini sopensivi del tuo ultimo commento:

    …e potrebbe essere una delle attività prodromiche ad un attacco…!

    @ Frattaz

    Se nel first strike vengono inclusi anche i target del programma nucleare si ridurrebbe l'accuracy delle forze USA nel colpire gli obiettivi militari iraniani. 
    I
    noltre colpendo in maniera "chirurgica" la catena C2 e le forze aeree e navali PRIMA, si riducono notevolmente le capacità di retaliation convenzionali iraniane. 

    poi però ci sarebbero le atività di retaliation non-convenzionale diHamas, Hizbollah e gruppi sciiti in Iraq/Afghanistan…ma questa è un'altra storia
     

    barry lyndon

    Reply
  8. avatar
    Frattaz at |

    Ti ringazio Barry, volevo una conferma 😉

    Reply
  9. avatar
    Silendo at |

    Non solo. Secondo Friedman la sola minaccia reale di attacco e distruzione (la seconda cosa, dato il potere aereo americano, è quasi ovvia) della capacità militare convenzionale iraniana avrebbe un consistente effetto…. deterrente.

    Reply
  10. avatar
    AllegraBrigata at |

    Mai dare niente per scontato.
    Tendiamo le orecchie verso Washington ed i colloqui tra israeliani e palestinesi.

    R.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)