19 Responses

  1. avatar
    Frattaz at |

    Senza parole! Se non ci fossi bisognerebbe inventarti! GRAZIE 😉

    Reply
  2. avatar
    Zabetta at |

    Ma povero Fede! …alla fine non è colpa sua se è "biondo"…

    Reply
  3. avatar
    Kerub at |

    ma secondo te il 2007 non è troppo lontano?

    forse sono cambiate troppe cose.
    anche solo nella capacità iraniana di rappresaglia

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    Grazie Silendo,
    allora forse adesso sarai d'accordo con me…;)

    Kadmos

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    ahahahahah grazie a tutti e due

    F.

    Reply
  6. avatar
    AllegraBrigata at |

    La "biondezza" è un grosso problema :))
    T.

    Reply
  7. avatar
    zavasax at |

    mi stupisco che non l'abbiano ancora fatto (manca il palcet USA?), a meno che non attendano che il reattore di Busheh r vada a regime per amplificare i danni permanenti derivanti da un bombardamento aereo che potrebbe essere a sua volta nucleare

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    Frattaz, per fortuna che ci sono allora. Non oso pensare come sarebbe il mondo senza di me… :))))
    Seriamente: grazie, sei sempre troppo gentile.

    Ciao Kerub. L'analisi riguarda solo la capacità operativa. Non vengono presi in considerazioni altri fattori come per esempio la (sicura) ritorsione iraniana. Insomma, si cerca di capire se Israele disponda degli strumenti militari per farlo e non se sia opportuno o meno farlo.

    Carissimo Kadmos, come va?
    Ho riletto velocemente il nostro precedente scambio di opinioni. Io ritenevo che il tipo di obiettivo fosse molto "ampio" e richiedesse una consistente impegno militare. Lo ritengo tutt'ora. Anzi, ritengo che gli studi confermino in totto questo aspetto. Ti prego però di voler dare un'occhiata anche tu al materiale che ho postato. Mi fa molto piacere il tuo parere (come di tutti i lettori).

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    Dai che Fede qualcosa la capisce….
    :))

    R.

    Reply
  10. avatar
    AllegraBrigata at |

    Giusto qualcosa :))))

    Vittorio

    Reply
  11. avatar
    Zabetta at |

    Fede capisce di donne

    Reply
  12. avatar
    Silendo at |

    Su quello concordiamo tutti quanti…. 😀

    Reply
  13. avatar
    Silendo at |

    Zavasax, sicuramente manca il placet USA. Inoltre, secondo me, l'obiettivo israeliano è stato, fino ad ora, quello di spingere gli USA a fare il lavoro per loro o comunque a farlo assieme.

    Reply
  14. avatar
    Silendo at |

    "The Road to War with Iran", Tony Karon (TAC)
    http://www.amconmag.com/blog/the-road-to-war-with-iran/

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,
    qui tutto bene, anche se l’autunno sara’ caldo.
    Scusa il ritardo nel rispondere ma, non avendo le tue doti sovrumane, ci ho messo un po’ dare “un’occhiata” alle 150-200 pagine che mi hai consigliato di leggere…J
    Premesso che la contro proliferazione non e’ il mio pane quotidiano, il saggio e’ interessante soprattutto per la descrizione di Netanyahu e di quanto la figura di suo padre possa incidere sulla decisione di lanciare o meno l’attacco all’Iran, anche se dal punto di vista operativo-tattico non dica molto.
    Viceversa Raas e Long si dilungano sugli aspetti piu’ operativi e decisamente piu’ interessanti.
    Hai ragione quando dici che l’attacco pone aspetti piu’ complessi rispetto a quello lanciato in Iraq in passato, ma gli autori indicano che si puo’ ragionevolmente compromettere il programma nucleare iraniano puntando su tre siti critici (Isfahan, Natanz, Arak). Secondo loro con tre squadroni (per complessivi 50 aerei) e il giusto armamento (sulla descrizione del quale si dilungano) si potrebbero ottenere ottimi risultati.
    Ovviamente parliamo solo dei profili operativi, dato che altri aspetti critici (rapporti USA-Israele, comportamento degli stati arabi vicini e di quelli attraversati dalle rotte di attacco per esempio) potrebbero far desistere Israele.
    Sembra che una eventuale risposta (israeliana) a tutti i nostri quesiti debba essere data entro circa un anno per essere efficace… staremo a vedere.
    Un carissimo saluto,
     
    Kadmos

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    ovviamente il bicolore/bicarattere non era voluto.
    Chiedo venia.

    Kadmos

    Reply
  18. avatar
    Silendo at |

    Ma figurati…. :)

    Reply
  19. avatar
    Silendo at |

    Articolo e video-intervista a Bruce Riedel.

    PS …ero convinto di avere già segnalato l'articolo… sto invecchiando… 

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)