12 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |

    Io vedo molto difficile il punto 2…

    R.

    Reply
  3. avatar
    Silendo at |

    Sicuramente, Robertino.
    Non che il primo punto sia facile, comunque.

    PS ovviamente sempre se ho azzeccato la semi-previsione… ;))

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |

    Non ricordo dove, se qui o altrove, avevo letto un saggio proprio su questo argomento. il senso era che gli Stati Uniti avrebbero dovuto guidare la transizione verso un mondo più multipolare anzichè irrigidirsi tentando di esercitare una leadership unipolare nei fatti al di sopra dele loro possibilità.

    F.

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    Lo ricordo pure io.
    Credo fosse un commento di Walt indicato da Silendone nostro.

    R.

    Reply
  6. avatar
    Silendo at |

    Ma sai che io ricordo il concetto ma non l'autore…?!? :O
    Forse era proprio Walt ma non ne sono sicurissimo…

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    anche il Golbal Trends 2025 del NIC ha evidenziato questo concetto.

    in sintesi il NIC sostiene che per gli USA è importante rafforzare i meccanismi di condivisione di responsabilità (e di oneri) con gli alleati allo scopo di rendere sostenibilie nel lungo periodo il controllo delle regioni "calde" e il conseguimento dell'interesse nazionale e degli obiettivi strategici prefissati.

    addirittura, in uno degli scenari ipotizzati, il NIC prene in esame la possibilità che gli USA, prevalentemente per motivi di natura economica, si "chiudano a riccio" e si ritirino progressivamente dagli impegni internazionali, concentrando i propri assets prevalentemente sul "cortile di casa"; nel quadro di questo scenario, gli  attori emergenti (CINA,RUSSIA, INDIA) ne approfitterebbero per consolidare i propri legami (politico-militari) e per aumentare la loro influenza nelle aree d'interesse, mediante l'intervento strutturato di forze di peace-keeping/peace-enforcing alternative a quelle ONU/NATO.

    barry lyndon

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    Difatti, voci di corridoio :)) dicono che il Global Trends 2025 sia stato oggetto di particolare attenzione da parte dello staff del National Security Council proprio nel senso da te evidenziato.
    Quello che qualche volta sfugge è che il declino (relativo o assoluto che sia) del potere americano nel sistema internazionale apre scenari di maggiore conflittualità e caos.

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    anche nel "vecchio" Rapporto 2020 del nostro MAE, il Gruppo di Riflessione Strategica promosso da Mr. Baffetto aveva espresso questo stesso concetto, ovviamente spostando il focus sull'Italia e sull'UE.

    quindi il refrain che da più parti viene ripetuto sembra essere il seguente: è necessario adottare un approccio sempre più integrato (multinazionale/multilaterale) per la gestione delle aree di crisi e, soprattutto,  creare meccanismi di ripartizione del carico di responsabilità  dell'impiego delle risorse necessarie ad intervenire nelle stesse aree….perchè il singolo sistema paese (anche il più ricco e potente) nel lungo periodo….NUN GLI'AA PO FFà!!!   :)

    barry lyndon

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    al commento #9 dopo "carico di responsabilità" metteteci una "e" altrimenti sembrerà una dicharazione stampa rilasciata da Trapattoni!!! :))

    barry lyndon

    Reply
  11. avatar
    Silendo at |

    Per ottenere ciò, sempre ammesso che UE e Stati Uniti abbiano la scala necessaria, bisognerebbe concludere un nuovo accordo politico ed economico. Onestamente non vedo, soprattutto in Europa, la leadership in grado di farlo.

    Reply
  12. avatar
    Silendo at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)