40 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    ….

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |
    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Il Copasir non aprira nessuna inchiesta in merito (non è compito del Copasir "fare indagini" in merito a tali argomentazioni).
    Quello che mi stupisce è la facilità con cui sigle, nomi, vie e luoghi vengono pubblicizzati in questo modo sui giornali, a discapito di una seppur apparente "discrezione", ma sappiamo che i giornalisti non hanno MAI avuto tanta simpatia per i Servizi, sia pseudo-nuovi che vecchi, sia interni che esterni, i giornalisti adorano alzare poveroni, utili a fare lo scoop del momento anche se poi spesso si ritrovano con un pugno di mosche in mano. Evvia con l'ennesima caccia alle streghe :-)

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    fossa ca' fusse lo zampino di Tonino Bond Bond ? 😉
    Coincidenze segrete… altro che Copasir
    http://www.ilgiornale.it/interni/di_pietro_e_cricca_vietato_parlarne/pietro-mastella/11-05-2010/articolo-id=444381-page=0-comments=1

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    Art. 30.  legge 124/2007
    (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica)

    1. E' istituito il Comitato parlamentare per la sicurezza della
    Repubblica, composto da cinque deputati e cinque senatori, nominati
    entro venti giorni dall'inizio di ogni legislatura dai Presidenti dei
    due rami del Parlamento in proporzione al numero dei componenti dei
    gruppi parlamentari, garantendo comunque la rappresentanza paritaria
    della maggioranza e delle opposizioni e tenendo conto della
    specificita' dei compiti del Comitato.
    2. Il Comitato verifica, in modo sistematico e continuativo, che
    l'attivita' del Sistema di informazione per la sicurezza si svolga
    nel rispetto della Costituzione, delle leggi, nell'esclusivo
    interesse e per la difesa della Repubblica e delle sue istituzioni
    .

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    "L'attività del Sistema di informazione per la sicurezza…." , NON le attività "private" di una singola e/o più persone di cui casomai se ne deve occupare esclusivamente la magistratura. Le leggi non sono così "interpretabili" a paicere come qualcuno vuole farle apparire e/o diventare 😉  . Inoltre la parola "verifica", non è la equipollente di "indagare" e/o "investigare"… quindi altri si dovrebbero comunque occupare di questa specifica attività e casomai il Copasir può verificarne e compararne i risultati. p.s. non è un terzo organo di "polizia giudiziaria" :-))))))))

    p.s. voglio anche io la tomba a S.Apollinare

    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo buongiorno, credo che l'articolo, come accade quasi sempre, forzi un po' i concetti e credo che volesse indicare l'intenzione del Copasir di acquisire informazioni sulla vicenda.
     :)

    R.

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Sicuramente Roberto, il fatto è che troppe volte l'opinione pubblica ha una visione distorte delle competenze di vari organismi…
    Se si continua di questo passo, tra Margelletti e compari ..va a finire ad esempio che l'ICSA tra poco sarà più importante del DIS
    :-)))))))))))))

    e io che volevo solo un parcheggio più grande… avete sentito che casino piazza zama e pinzillacchere? :-) Eppure è bello sentire di questi scandali, altrimenti mi sapete dire chi parlerebbe mai sui giornali di servizietti segreti?

    Reply
  9. avatar
    Silendo at |

    "il fatto è che troppe volte l'opinione pubblica ha una visione distorte delle competenze di vari organismi..."

    Poco ma sicuro :)

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    In ogni caso, bando alle ciance, ecco che probabilita' abbiamo colettivamente di rimanere secchi quest'anno:

    Causa di Morte

    Probabilita'

    Malatie del sistema circolatorio

    1 su 300

    Cancro

    1 su 500

    Incidente Automobilistico

    1 su 6.000

    Omicidio

    1 su 10.000

    AIDS

    1 su 11.000

    Tubercolosi

    1 su 200.000

    Fulmine

    1 su 1.4 Milioni

    Cataclismi Naturali

    1 su 5 Milioni

    Incidente Aereo

    1 su 7 Milioni

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Il Comitato verifica, in modo sistematico e continuativo, che
    l'attivita' del Sistema di informazione per la sicurezza si svolga
    nel rispetto della Costituzione, delle leggi,
      nell'esclusivo
    interesse e per la difesa della Repubblica e delle sue istituzioni
    .
    :-))))))

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    Il Comitato verifica, in modo sistematico e continuativo, che
    l'attivita' del Sistema di informazione per la sicurezza si svolga
    nel rispetto della Costituzione, delle leggi,  nell'esclusivo

    interesse e per la difesa della Repubblica e delle sue istituzioni.

    …..  SILENDO, per come è scritto, sembrerebbe  è preminente (visto che precede) che l'attività del Sistema … si svolga  nel rispetto della Costituzione, delle leggi …  o No ?

    BABBANO ASIMMETRICO … si rilasciano prestiti infruttiferi per acquisto case, ristrutturazioni, realizzazioni Grandi eventi e film, ecc.

      

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    sembrerebbe  essere preminente (visto che precede …

    Scusate

    B.A.

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    Le verifiche del Comitato sono comunque successive (se non erro di 6 mesi…) alle attività operative del servizio, proprio per evitare di "intralciare" i lavori in corso. Ed inoltre il controllo non è così invadente come si potrebbe presupporre, ma è limitato ovviamente e per ragion di logica ad una "supervisione" molto "soft"… Per cose più importanti, interviene direttamente il DIS oppure l'autorità delegata dell'ANS.
    Per fare un paragone, provate ad immaginare se ad ogni operazione di polizia vi fosse un immediato controllo dell'autorità di garanzia.. la polizia non potrebbe neppure fare una multa per eccesso di velocità.
    Occore lasciare lavorare i Servizi in "santa pace", poi è chiaro che se ci siano delle disfunzioni a livello di sistema talmente evidenti, il comitato chiederà le dovute spiegazioni, ma sempre nei limiti che il Segreto di Stato (ed i vari articoli relativi a ciascuna circostanza specifica..) gli concede per ciascuna singola operazione.
    p.s. l'Italia è l'unico paese al mondo dove la magistratura è più impegnata ad indagare chi lavora per lo Stato, per le Istituzioni che chi ogni giorno commette reati criminali, spacciatori di droga, assassini ecc ecc.. la lista è lunga. 
    Addirittura noi siamo quelli che facciamo causa alla CIA !!! :-)))))
    siamo davvero ridicoli ! 😉

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |


    Quoto in pieno il n. 14. Il discorso sarebbe molto lungo ma cerco di sintetizzare… La magistratura italiana è autonoma e indipendente dal potere politico. Tuttavia, se ciò è sacrosanto per i magistrati giudicanti, risulta invece abbastanza strano per i magistrati inquirenti (cioè i pubblici ministeri, la pubblica accusa insomma); aggiungete a ciò il fatto che in Italia vige un principio che si chiama "obbligatorietà dell'azione penale": il risultato è che l'azione penale è a COMPLETA DISCREZIONE dei p. m., che hanno semplicemente vinto un pubblico concorso ma non rappresentano la volontà popolare; inoltre, i p. m. non rispondono a nessuno, o meglio risponderebbero al csm ma è noto che quest'ultimo a tutto pensa tranne che a controllare i p. m. Vicende come quella di Abu Omar e la solerzia con cui vengono puniti agenti delle forze dell'ordine o del servizio (spesso accusati ingiustamente) rientrano in questo quadro desolante, che solo una riforma della giustizia comprendente la separazione delle carriere e la dipendenza dei p.m. dal ministro della giustizia potrebbe far cessare. Per finire, vi pongo una domanda: quanti spacciatori o rapinatori si sarebbero potuti arrestare con tutte le energie che un noto p. m. della procura di Milano ha usato per perseguitare i nostri e quelli della cia???

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-15587.htm

    Voglio trovareeee un senso a questa storiaaaaaaa, anche se questa storiaaa un senso non ce l'haaaaaaaa…………VASCOOO!!!

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    Pollari è un grande uomo e non c'entra nulla…

    INTELLEGO AC TUEOR

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    Come si sarebbe comportato l'Ammiraglio Martini nel caso del Dr. Pittorru ? Sarebbe ancora rimasto lì o l'avrebbe "invitato" a tornare nella Guardia di Finanza se ancora disponibile ?

    I comportamenti … "indifendibili" creano solo danni all'immagine degli Organismi /Enti creando un baratro fra esse e i cittadini .

    Oggi qualcuno ha scritto che prima il privilegio era l' "AUTO BLU" oggi l'"APPARTAMENTO/I BLU" ed in un periodo di crisi come questo non mi sembra essere accettabile.

    Il primo atto del nuovo Primo Ministro Inglese è stata la riduzione (anche se simbolica) dei loro stipendi del 5%.

    Non vedo alcun atto del genere nel Ns. Paese.

    BABBANO ASIMMETRICO

    P.S. Per il caso ABU OMAR forse ci sono commessi troppi errori e lasciate troppe tracce  come ha fatto notare anche il Gen. P. Inzerilli ricordando operazioni analoghe eseguite al contrario.

    Reply
  19. avatar
    utente anonimo at |

    # 18 

    Se Berlusconi tagliasse veramente il 5% degli stipendi italiani, penso si ritroverebbe con un colpo di pistola alla testa il giorno dopo. 

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

    Anonimo del # 18 : vuoi dire che se il PCdM riducesse del 5% lo stipendio dei Ministri e dei Sottosegretari (al momento escludo i Parlamentari ) crrerebbe il rischio di ricevere una …  come scrivi tu ?

    E quali rischi correrebbe il PCdM se accadesse in Italia quello che è accaduto in Grecia ?

    Io mi preoccuperei meno dei Ministri e sottosegretari che … hanno già avuto  come dimostrano gli ultimi eventi.

    Io ho un'altra sensazione del Paese, mi sembra che come si dice … "la misura è colma" .

    Se non si vedono queste cose … è questo il problema

    BABBANO ASIMMETRICO … riducetevi prima Voi anche in numero e poi Noi egualmente.

    Reply
  21. avatar
    utente anonimo at |

    Beh la situazione rispetto alla Grecia è diversa. Ad ogni modo i rischi seri per la sicurezza in Grecia derivano precipuamente da gruppi anarchici e di estrema sinistra. Le bombe delle ultime ore sono lì a dimostrarlo. In Italia credo che questo rischio sia minore e mi auguro che all' aisi continuino a tenere d'occhio determinati ambienti.

    Reply
  22. avatar
    utente anonimo at |

    @ 20: Tagliare il 5 per cento ai Ministri e Sottosegretari penso starebbe bene al 95 per cento della popolazione italiana. Io avevo frainteso con i lavoratori di tutti i giorni :)

    Reply
  23. avatar
    AllegraBrigata at |
    Reply
  24. avatar
    utente anonimo at |

    Oggi ci hanno comunicato che il Gen. Pittorru è andato in pensione.

    Da dove non è specificato come non è specificato se è ancora in forze all'AISI.

    BABBANO ASIMETTRICO

    Reply
  25. avatar
    utente anonimo at |

    Inchiesta G8: Copasir chiede informativa

    Su lavori realizzati nelle sedi dei servizi segreti

     (ANSA) -ROMA, 18 MAG -Il Copasir chiede al direttore generale del Dis, De Gennaro, di rendere un'informativa sui lavori realizzati nelle sedi dei servizi segreti. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, nell'ambito delle proprie funzioni di controllo, vuole fare chiarezza sulle procedure di acquisizione di beni e servizi e sui lavori realizzati nelle strutture di competenza del Dipartimento informazioni e sicurezza, Aise e Aisi.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  26. avatar
    utente anonimo at |

    CAMERA DEI DEPUTATI – SENATO DELLA REPUBBLICA

    ——————– XVI LEGISLATURA ——————–

    COMITATO PARLAMENTARE

    PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA

    SETTIMANA DAL 17 AL 21 MAGGIO 2010

    MARTEDI' 18 MAGGIO 2010

    Palazzo San Macuto
    Aula VI Piano

    COMMISSIONE PLENARIA

    Ore 13,30 Audizione, ai sensi dell'articolo 31, comma 3, della legge n. 124 del 2007, del dottor Raoul Chiesa.

    GIOVEDI' 20 MAGGIO 2010

    Palazzo San Macuto
    Aula VI Piano

    COMMISSIONE PLENARIA

    Ore 14,00 Audizione, ai sensi dell'articolo 31, comma 3, della legge n. 124 del 2007, dell'ambasciatore Giancarlo Aragona.

                                  • IL PRESIDENTE

    MASSIMO D'ALEMA

    Roma, 14 maggio 2010

    ——————– XVI LEGISLATURA ——————–

    COMITATO PARLAMENTARE

    PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA

    SETTIMANA DAL 17 AL 21 MAGGIO 2010

    GIOVEDI' 20 MAGGIO 2010

    Palazzo San Macuto
    Aula VI Piano

      CAMERA DEI DEPUTATI – SENATO DELLA REPUBBLICA

      COMMISSIONE PLENARIA

      Ore 14,00 Audizione, ai sensi dell'articolo 31, comma 3, della legge n. 124 del 2007, dell'ambasciatore Giancarlo Aragona.

      Ore 15,00 Audizione del Direttore dell'Agenzia informazioni e sicurezza esterna (AISE).

      Al termine Esame della conferma dell'opposizione del segreto di Stato di cui alla comunicazione del Presidente del Consiglio dei ministri del 27 marzo 2010.

                                    • IL PRESIDENTE
    • MASSIMO D'ALEMA

    • BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  27. avatar
    utente anonimo at |

    Il Ministro degli esteri Franco Frattini ha accolto con viva soddisfazione la nomina dell'Ambasciatore Giancarlo Aragona, come membro del Gruppo di Esperti che sarà incaricato di formulare nuove proposte per il Nuovo Concetto Strategico dell'Alleanza che dovrà essere adottato alla fine del 2010.

    B.A.

    Reply
  28. avatar
    utente anonimo at |

    ANSA, Ultimo aggiornamento: 18/05/2010

    Intercettazioni:
           non piu' per utenze 007

    Commissione Giustizia Senato boccia emendamenti opposizione

     (ANSA)-ROMA,18 MAG -Non si potranno piu' intercettare le utenze 'riconducibili' a 007: e' il risultato, cui e' giunta la Commissione Giustizia del Senato. La Commissione di Palazzo Madama ha bocciato tutti gli emendamenti dell'opposizione che puntavano a sopprimere la norma del ddl intercettazioni. Questa prevede che non si possano piu' intercettare le utenze 'riconducibili' ad appartenenti 'al dipartimento delle informazioni per la sicurezza o ai servizi di informazione per la sicurezza'.

    B.A.

    P.S. SCUSA SILENDO ….. cancella o riduci o sposta

    Reply
  29. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  30. avatar
    AllegraBrigata at |
    Reply
  31. avatar
    Silendo at |

    Babbano, grazie come sempre per le news :)

    Reply
  32. avatar
    utente anonimo at |

    in merito al post #25.. suggerisco bene di vedere i tempi in cui sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione di una Struttura operativa presente nella capitale, ampiamente citata dai giornali… è forse il neo Vice Capo del D.P.C.??? Perchè non è chiamato in causa? cui prodest?

    lo stesso che, da Direttore dell'Agenzia Interna, smantellò quella stessa Struttura…

    Nathan Muir

    Reply
  33. avatar
    utente anonimo at |

    Francesco Bonazzi per "Il Secolo XIX"


    La volta che il Sisde avrebbe potuto stroncare sul nascere la cricca è il 24 giugno del 2004. Quel giorno, in una stanza di via Monzambano 10, dalle parti del Castro Pretorio, si ritrovano Angelo Balducci, Fabio De Santis, Mauro Della Giovampaola e Diego Anemone.

    Ovvero i quattro dirigenti pubblici che saranno arrestati il 10 febbraio del 2010 con l'accusa di corruzione. Di fronte a loro, dall'altra parte del tavolo, ci sono l'allora capo del Sisde, il prefetto Mario Mori, e alcuni dei suoi collaboratori più stretti.

    Qualcuno, per fortuna, tiene un diario. E grazie a questo diario, che il Secolo XIX ha potuto consultare, oggi si può ricostruire per la prima volta la storia di un appalto "top secret" che non solo finirà per costare allo Stato oltre il doppio del dovuto, ma è in tutto e per tutto il primo "capolavoro" di un sistema che arriverà a fatturare oltre 400 milioni di euro tra il 2004 e il 2008. Quel sistema Balducci-Anemone sul quale oggi indaga la procura di Perugia.

    "Via Monzambano" è un indirizzo che ricorre spesso nelle oltre 30mila pagine dell'inchiesta "Grandi Eventi". Per molti dei costruttori e grand commis intercettati dal Ros, "Via Monzambano" è un modo per indicare Balducci e i suoi fedelissimi.

    Al numero 10 di quella strada c'è un palazzo del Demanio dove hanno sede l'Anas e il Provveditorato alle opere pubbliche del Lazio. E dopo il Giubileo del 2000, ai vertici dei servizi segreti, del Viminale, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, quelli di "Monzambano" non sono i quattromila abitanti di un paesino del mantovano, ma i maghi delle opere pubbliche "presto e bene".

    L'appalto "capolavoro" riguarda la costruzione di un grande centro del Sisde in piazza Zama, nel quartiere Appio-Latino. Si tratta di tre palazzine in cui Mori decide di mettere il Roc, un nuovo reparto mutuato dal "suo" Ros dei carabinieri. Alla gara, bandita alla fine del 2002 e ovviamente segretata, vengono invitate cinque aziende.

    Vince quella rappresentata da Dino Anemone, padre di Diego e vecchio amico di Balducci, con un ribasso del 6% netto. La prima stranezza è che anche le altre offerte presentano scarti tondi, ovvero senza l'ombra di un decimale. Ma tant'è. L'appalto viene assegnato per 3,2 milioni di euro più Iva (al 10%) agli Anemone e i lavori partono subito con una seconda stranezza: un ricco acconto.

    Ai primi di giugno del 2003 la struttura che per conto di Mori di occupa della logistica, guidata dal generale Gianpaolo Sechi e dal generale Lorenzo Cherubini, comincia a sollevare i primi dubbi sul costo dell'opera.

    Il direttore esecutivo del progetto, l'ingegner Della Giovampaola preme per dotare il centro Sisde di una serie di attrezzature molto costose e di dubbia utilità. La goccia che fa traboccare il vaso dei "controller" del Sisde è l'installazione di due generatori autonomi da 500 chilowatt (contro quello da 150 previsto dal capitolato), fatturati da Anemone a quasi il triplo del valore di mercato.

    Alla fine di maggio del 2003, inizia un ping-pong informale tra Via Lanza (sede dei servizi) e Via Monzambano, durante il quale il Sisde fa notare che si rischia di sforare di molto il limite del 10% di maggior spesa oltre il quale la legge prevede che si debba rescindere il contratto.

    De Santis e Della Giovampaola, che solo nel 2010 si scoprirà quanto erano legati ad Anemone, fanno orecchie da mercante e tutto viene rimandato a una sorta di "vertice bilaterale" tra Sisde e Infrastrutture, fissato per il 24 giugno. Alla vigilia, ai piani alti dell'intelligence civile, va in scena una riunione ristretta in cui a Mori vengono spiegate tutte le "stranezze" e le inutili grandiosità del cantiere.

    Il capo del Sisde, che nella sua vita precedente ai vertici dell'antiterrorismo e del Ros ha arrestato decine di brigatisti e boss mafiosi (uno per tutti, Totò Riina), pronuncia parole irripetibili all'indirizzo degli uomini di Balducci. Tutto fa presagire, insomma, che alla futura "cricca" verrà dato un serio stop.

    Ma il giorno dopo, nell'incontro di via Monzambano, ecco il colpo di scena. Di fronte a un Diego Anemone muto come un pesce, per circa tre ore i "tecnici" del Sisde smontano e bocciano una per una tutte le "migliorie" proposte dagli uomini di Balducci. Ma quando si sta per arrivare a un rinvio "tecnico", prende la parola Mori e dice più o meno così: "Facciamo come dice il provveditore Balducci, tanto coprono loro le spese". Nei giorni seguenti, anche ai vertici dei servizi, la vittoria di Balducci sarà totale.

    Chi pretendeva di controllare da vicino i lavori eseguiti da Anemone entra in un cono d'ombra, viene esautorato o si ritrova con la scrivania vuota. L'epurazione culmina con la sostituzione, il 10 ottobre 2004, di Giampaolo Sechi e dei suoi collaboratori più fidati.

    Al suo posto viene messo l'ex generale della Finanza Francesco Pittorru, quello che i pm di Perugia ritengono abbia poi avuto un paio di case in regalo da Anemone (ma lui ha messo a verbale di aver restituito tutti i soldi, anche se gli hanno rubato le ricevute).

    BABBANO ASIMMETRICO …  non ho parole .. 

    Reply
  34. avatar
    Silendo at |

    Babbano, se mi posso permettere il mio consiglio è sempre lo stesso quando si tratta di indagini: aspetta la fine del procedimento giuridiziario.

    Reply
  35. avatar
    utente anonimo at |

    SILENDO :

    Una considerazione : In questo paese dei fatti accaduti se ne parla al momento delle indagini o al momento della fine del procedimento giudiziario ? Mi sembra che le rettifiche non hanno la stessa divulgazione delle notizie.

    Se i documenti finali delle indagini fossero sistematicamente pubblici nel senso facilmente acquisibili come avviene in qualche caso su RADIO RADICALE forse …

    Inoltre quante verità ci sono : spesso la verità giudiziale non coincide con la verità dei fatti …. come abbiamo più volte constatato in passato.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  36. avatar
    Silendo at |

    Beh, Babbano, in un procedimento giudiziario i fatti emergono. Bisogna vedere se sono penalmente rilevanti, questo sì.

    Reply
  37. avatar
    utente anonimo at |
  38. 21/05/2010  – "CORRIERE DELLA SERA", Pag. 27
    UN FUNZIONARIO DEI SERVIZI INDAGATO PER VIA D'AMELIO
    di: GIOVANNI BIANCONI
  39. 27/05/2010  – "L' ESPRESSO", Pag. 73/74
    GLI 007 DELLE STRAGI
    di: LIRIO ABBATE
  40. BABBANO ASIMMETRICO …. 
Reply
  • avatar
    utente anonimo at |

    DAL COPASIR: ASCOLTIAMO CIAMPI SULLA LISTA DEI 16 AGENTI SOSPETTI

    BABBANO ASIMMETRICO

    P.S. da leggere ….

    Reply
  • avatar
    utente anonimo at |

    CAMERA DEI DEPUTATI – SENATO DELLA REPUBBLICA

    ——————– XVI LEGISLATURA ——————–

    COMITATO PARLAMENTARE

    PER LA SICUREZZA DELLA REPUBBLICA

    SETTIMANA DAL 12 AL 16 LUGLIO 2010

    MERCOLEDI' 14 LUGLIO 2010

    (Palazzo San Macuto)
    Aula VI Piano

    COMMISSIONE PLENARIA

    Ore 8,30 Esame, ai sensi dell'articolo 32, comma 1, della legge 3 agosto 2007, n. 124, di schemi di regolamenti.

    Il Presidente
    On. MASSIMO D'ALEMA

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  • avatar
    utente anonimo at |
  • 14/07/2010  – "CORRIERE DELLA SERA", Pag. 24
    APPARTAMENTI, IL "TESORETTO" DI POLLARI
  •  
  • 14/07/2010  – "LA STAMPA", Pag. 9
    PROPRIETA' INTESTATE A UN PRESTANOME
    di: FRANCESCO GRIGNETTI
  •  
  • BABBANO ASIMMETRICO FIDUCI…OSO
  •  
  • P.S. Notizie negative una volta per il Dr De Gennaro poco, dopo per il Gen. Pollari …   
  • Reply

    Leave a Reply


    (obbligatorio)