39 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Non siamo messi per nulla bene….

    E.

    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |

    Assolutamente no Enrico!

    F.

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Scusa AllegraBrigata,
    ma  ti fai la domanda  e … po Ti rispondi da solo ?

    BABBANO ASIMMETRICO ….. OCIRTEMMISA ONABBAB

     

    Reply
  4. avatar
    Silendo at |

    :)) Babbano, la Brigata è composita… sono diverse persone…

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    E' sempre Silendo, che è matto come un cavallo dal troppo lavoro.

    😉

    Frattaz

    Reply
  6. avatar
    Silendo at |

    …. porc…. m'avete sgamato… :O

    😀

    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    atagirbargellA ………….. ;))))))))))

    .nE

    Reply
  8. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ma com'è che ogni post, al terzo/quarto commento, finisce in gloria???
    :))

    Roberto

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    Ok, mi comporterò meglio Roberto, promesso … 😉

    Frattaz

    Reply
  10. avatar
    AllegraBrigata at |

    Non mi riferivo a te ma agli altri AllegriBrigatisti 
    :)

    R.

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Cosa ne pensate se il Presidente del Copasir D'Alema chiedesse al Direttore dell'AISI chiarimenti  circa la posizione, analoga a quella dell'ex Ministro On. Scajola, del  Direttore alla Logistica all'AISI Dr. Francesco Pittorru già Generale della Guardia di Finanza ?

    BABBANO ASIMMETRICO 2

    Reply
  12. avatar
    Silendo at |

    Confesso (con vergogna) la mia ignoranza sulla vicenda.
    Direi comunque che, nel caso, il Comitato Parlamentare svolgerebbe la sua funzione di controllo.

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    Beh il fatto che neanche zio Sil sia a conoscenza della vicenda mi consola perché neanche io avevo mai sentito alcunché a riguardo. Comunque dubito che l' on. D'alema possa mai fare qualcosa di buono o di utile.

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    Di Pittorru si è parlato poco, ne ha parlato Il fatto quotidiano un pochino più con profondità, ma niente di che, si sa solo che il Copasir si era già interessato al Gen. Pittorru sempre per l'inchiesta sul g8.

    Frattaz

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    L'operazione via del Fagutale ha avuto un prologo. Meglio, una prova genera] e . E avrà un seguito. Con un beneficiano diverso. Quel Francesco Pittorru che, da generale della Finanza prima e da funzionario dell'Aisipoi, sarà utile alla cricca' per ficcare il naso dove non dovrebbe (gli accertamenti fiscali sullo studio di Stefano Gazzani, commercialista del Gruppo Anemone).

    Il 12 aprile 2004 (tre mesi prima del rogito Scajola), Zampolini versa infatti 285 mila euro in contanti che glisono stati consegnati daAnemone sul suo conto Deutsche Bank , per poi trasformarli in 29 assegni circolari all'ordine di MonicaUrbani, proprietaria della casa in via Merulana 17 (quartiere Esquilino), che il generale Francesco Pittorru ha deciso di acquistare per la figlia Claudia. E un bel regalo. Che evidentemente, per , non basta a spegnere gli appetiti del generale.

    L'8 giugno del 2006 Zampolini torna in fatti alla Deutsche con un'altra rimessa diAnemone e un nuovo appartamento da comprare.
    Il contante, questa volta, è pari a520 mila euro. Gli assegni circolari sono per quattro eredi (Rosa e Daniela Arcangeletti, Rosa Anna e Nello Ruspicioni), proprietari dell'appartamento di via Poliziano 8 (ancora quartiere Esquilino) dove il generale casa e bottega (la sede dell'Aisi non è lontanin ha deciso di acco modarsi con la moglie Anna Maria Zisi.

    da REPUBBLICA

    ………………

    BABBANO ASIMMETRICO monolocale vista Tangenziale mutuo a 20 anni indicizzato 

    P.S. SILENDO o gli AllegraBrigata En. o Fabio : se il commento è arrivato doppio scusate.

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    Non c'è bisogno che se ne occupi il copasir, secondo me. 
    La procura di roma, notoriamente sonnolenta in queste circostanze, dovrebbe aprire un fascicolo.
    Linus

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    Alla luce degli eventi e dell'esperienza,  preferirei essere io ad allontanare invece di aspettare che qualcuno mi dica che cosa devo fare  a "Casa" mia. O no ?

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  18. avatar
    AllegraBrigata at |

    Cioè no, scusa, Babbano sono anni oramai che stiamo virtualmente assieme ed ancora non sai che mi chiamo FEDERICO !?!?!?!?!? :)))))
    mi ritengo offeso!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    fEDERICO!!

    Reply
  19. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ahahahhaha Federico, nessuno ti considera!!!

    Enrico

    Reply
  20. avatar
    AllegraBrigata at |

    c'è poco da ridere! il mio orgoglio sanguina!

    F.

    Reply
  21. avatar
    utente anonimo at |

    Scusa FEDERICO  o OCIREDEF , ma volevo sapere se c'era anche … no scherzo !!! Saluti a tutti.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  22. avatar
    Silendo at |

    :)) Babbano, hai spezzato il cuore al povero…. FEFINO…. 😉

    Reply
  23. avatar
    utente anonimo at |

    Per farmi perdonare da Federico, potrei fargli repapitare una Torta ricotta e visciole che fanno al Ghetto. Altro sarebbe troppo personale. Che ne pensi Silendo ?

    BABBANO ASIMMETRICO PASTICC…..IONEO

    Francesco Bonazzi per "il Secolo XIX"

    «Diego Anemone? Sperava di diventare l'Adolfo Salabè del Duemila – l'architetto coinvolto nello scandalo dei fondi neri del Sisde di fine anni Ottanta -, ma la magistratura l'ha fermato prima». All'Aisi, come si chiama oggi il servizio segreto civile, lo conoscevano bene il costruttore dei Castelli romani. Il 10 febbraio, Anemone è stato arrestato nell'inchiesta Grandi Appalti con l'accusa di corruzione (il primo processo alla "cricca" si aprirà il 15 giugno a Firenze, lo ha deciso il gip Rorasio Lupo).

    ….

    I pm della procura di Firenze stanno ancora cercando una risposta a queste domande, però intanto hanno scoperto qualcosa di imbarazzante: tra il 2006 e il 2008 Anemone ha ottenuto una dozzina di commesse "top secret" e ha lavorato per Carabinieri, Guardia di Finanza e ministero degli Esteri.

    Però, secondo quanto risulta al "Secolo XIX", le ditte del costruttore sono entrate nel "giro giusto" della Presidenza del Consiglio molto prima. Almeno dalla fine del 2002, con la costruzione di un'importante base del Sisde a Roma. Un biglietto da visita che in seguito Anemone ha potuto spendersi con la "cricca".

    Per lavorare con i servizi, come con le forze armate o di polizia, è necessario avere il Nos (nulla osta sicurezza). Anemone lo conquista nel 2002, quando la sua ditta di Grottaferrata è ancora una pulce. Qualche mese prima, nell'ottobre 2001, il generale dei carabinieri Mario Mori era stato nominato direttore dal Sisde dal secondo governo Berlusconi, nel quale Scajola era ministro degli Interni.

    Sul fronte logistico, trova un gran pasticcio. Il servizio si era imbarcato in una mega-operazione immobiliare a La Rustica, appena dentro il raccordo anulare. Mega uffici openspace e un parcheggio sotterraneo tipo "Langley Virginia", la sede della Cia. Ma i lavori, costati decine di milioni di euro, si fermano a pochi metri dal traguardo. Quando Mori va a fare il sopralluogo, scopre gli open space: gli analisti dell'intelligence civile non possono lavorare in una sorta di piccionaia.

    Bisogna tirar su tramezzi, cambiare l'impianto di areazione, rifare daccapo il cablaggio. E nel parcheggio sotterraneo, ci piove dentro. In più, il personale, abituato ai comodi uffici del quartiere Monti, alla Rustica non ci vuole andare. In meno di tre mesi, tutto si ferma e al Sisde saltano il numero uno e il numero due della logistica.

    Ci sono anche voci di malversazioni della ditta appaltatrice – non dei due "spostati", che anzi lamentano di esser stati fatti fuori per aprire la strada ad altri progetti – e Mori chiede alla Guardia di Finanza di indicargli un nuovo capo della logistica.

    Nicolò Pollari, appena andato al Sismi ma ancora potente nella Gdf, e il generale Osvaldo Cocuzza gli "rifilano" il collega Francesco Pittorru. Un generale che ha osato far ricorso contro le promozioni di alcuni colleghi. E qui c'è il primo dubbio. Secondo alcune fonti, sarebbe Pittorru a introdurre Anemone nel dorato mondo degli appalti "top secret". Secondo altri fonti, invece, Anemone sarebbe stato segnalato da Scajola.

    Il generale Saverio Capolupo e il generale Francesco Pittorru

    I lavori per il centro di piazza Zama, nel quartiere Appio-Latino, vengono decisi a fine 2002 e i cantieri aprono nell'autunno del 2003 con l'impresa di Anemone. E' un'opera gigantesca e costosa. Portata a termine, però, in fretta e bene nel giro di soli due anni. La Rustica viene così abbandonata e si tramuta definitivamente in un grande spreco di pubblico denaro.

    In piazza Zama ci va il "Roc". Una specie di Ros delle "barbe finte" inventato da Mori. Proprio l'Arma, e qui arriviamo alle carte dell'inchiesta odierna, sarà poi uno dei maggiori committenti di Anemone e soci. Lo si capisce il 22 marzo scorso, quando i pm interrogano un architetto ciociaro di nome Caterina Pofi, classe 1975 e già lanciatissima negli incarichi riservati.

    Tra il 2003 e il 2008, la professionista di Anagni fattura quasi un milione di euro con la Presidenza del Consiglio e con la società "Medea Progetti e Consulenze", fondata da Anemone e partecipata da Mauro della Giovanpaola (arrestato con Angelo Balducci il 10 febbraio scorso).

    La Pofi è sospettata di aver fatturato redditi inesistenti e ha messo a verbale di aver fatto "il primo lavoro con Balducci nel 2003 per il Viminale". Di certo c'è che, tra il febbraio 2006 e il maggio 2008, Medea ha condotto lavori di ristrutturazione per l'Arma.l E poi ha costruito la caserma della Guardia di Finanza di Ponte Galeria, ha ristrutturato un'ala della Farnesina e, ancora, il comando generale delle Fiamme gialle.

    Insomma, Anemone lavorava bene anche quando a Palazzo Chigi c'era Romano Prodi e quando al ministero degli Esteri sedeva Massimo D'Alema. Ultima coincidenza riguarda il Copasir: quando lo ha presieduto Scajola, tra il 2006 e il 2008, il cognato di Anemone entrò nei servizi. E ogni giorno che passa, in questa storia di case e ristrutturazioni a sbafo, gli incroci tra politici e "spioni" sono sempre di più.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  24. avatar
    utente anonimo at |

    In più, il personale, abituato ai comodi uffici del quartiere Monti, alla Rustica non ci vuole andare.

    Hahahahah …;)

    Frattaz

    Reply
  25. avatar
    utente anonimo at |

    Il problema vero è ….. il traffico sul Raccordo  ! ! ! 

    Reply
  26. avatar
    utente anonimo at |

    ammazza che bordello….

    Reply
  27. avatar
    utente anonimo at |

    L'unica soluzione che io intravedo è premere CTRL+ALT+CANC e riavviare il Sistema 😉  Siamo al collasso farmacologico perche bene o male tra pro De Gennaro e pro Finanza non se ne uscirà più fuori, anzi come si chiamava quel film ? "tutti dentro" ? :-))) paradossalmente è più facile arginare la fuoriuscita del greggio dalla petroliera…

    Reply
  28. avatar
    utente anonimo at |

    Scusate da quando c’e’ … Via otricoli?

    Reply
  29. avatar
    utente anonimo at |

    via otricoli sta a Roma tra casilina e tuscolana.. perche??? :-)
    devi vedere al comune in che data gli è stato dato quel nome :-)))

    Reply
  30. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ragazzi ,non è che stiamo scrivendo nel post sbagliato?  :))

    Enrico

    Reply
  31. avatar
    utente anonimo at |

    Io continuo a rimanere perplesso per la eccessiva facilità con cui escono sui quotidiani indirizzi e addirittura foto di "luoghi sensibili"…Voi che ne pensate?

    Reply
  32. avatar
    Silendo at |

    Ha colpito anche me.

    Reply
  33. avatar
    utente anonimo at |

    Ritengo che la colpa non sia dei giornalisti, il cui lavoro prevede che pubblichino ciò di cui vengono a conoscenza, ma di chi, pur ricoprendo determinate posizioni che prevedono riservatezza assoluta, straparla.
    Il principe Borghese, a proposito degli Italiani, usava dire: "Chiedete a un Italiano di morire per una causa, in qualche caso lo farà. Chiedete a un italiano di tacere, non ne sarà capace".
    graf von Spee

    Reply
  34. avatar
    utente anonimo at |

    i giornalisti non possono pubblicare tutto ciò di cui vengono a conoscenza…poi che lo facciano impunemente è un altro discorso.
    Linus

    Reply
  35. avatar
    utente anonimo at |

    Vi risentite per la divulgazione dei “luoghi sensibili”. E per la tutela delle “persone sensibili” leggasi familiari degli appartenti alle OO. I.S. Non c’e’ alcuna preoccupazione e devono far da soli rinunciando a …. Vorrei far riflettere sulla mancanza di cultura alla riservatezza proprio all’interno o meglio sulle regole o comportamenti autonomi/autodidatta spesso esagerati che alla luce dei fatti (stampa colleghi ecc.) sono vanificati

    Reply
  36. avatar
    utente anonimo at |

    SILENDO guardati REPORT di questa sera … Centro di ascolto vicino Aviano … Guarda quanti docenti si vede che sono stati abbandonati.

    Reply
  37. avatar
    Silendo at |

    Lo guarderò, grazie :)

    Reply
  38. avatar
    utente anonimo at |

    NO docenti, ma DOCUMENTI….

    Reply
  39. avatar
    utente anonimo at |
    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)