20 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    pg. 41 del Report:

    [….In Afghanistan non si vince solo con la forza delle armi, ma bisognerà impegnarsi ancora di più nella conquista “del cuore e della pancia” della popolazione con ricostruzione, sviluppo, lavoro e governance. ….]

    […La soluzione deve coinvolgere il teatro regionale, a cominciare dal Pakistan. La strategia americana non può avere successo se non si affronta il nodo pachistano, definito “a third key risk”, dopo la crisi afghana e la minaccia di Al Qaida. …]

     

    nulla di più vero!!

    barry lyndon

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Dopo le recenti catture sarà interessante capire l’atteggiamento del governo (e dei militari) pakistani…

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    di questo Osservatorio Strategico, quanto è scopiazzato a destra e a manca e quanto è originale?

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    caro anonimo del post 3, secondo il mio personale punto di vista, considerato l’attuale panorama nostrano nel campo degli studi strategici e della ricerca, il solo fatto che esista in Italia un Osservatorio Strategico istituzionale (=inserito nell’ambito di SMD)  è un significativo passo avanti… :)

    barry lyndon

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    Sono d'accordo con te, Barry.
    Certamente però il Cemiss dovrebbe e potrebbe fare un ulteriore passo avanti da un punto di vista qualitativo.

    F.

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    sono anch'io d'accordo che meglio qualcosa del nulla. ma effettivamente a fare qualche check, il copiaggio è tanto!!!
    e quando ci metti la faccia di mamma difesa in mezzo non è proprio bello.

    Reply
  7. avatar
    Silendo at |

    "a fare qualche check, il copiaggio è tanto"
    Questa è una cosa che non sapevo e che mi dispiace molto…

    Reply
  8. avatar
    AllegraBrigata at |

    Il Cemiss andrebbe rivisto dalla testa ai piedi.

    Davide

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    Davide, andrebbe ripensata la capacità di riflessione strategica del Paese…

    R.

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    Esatto, Robertino!

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    andrebbe anche ripensata, e tanto, la modalità di selezione degli "esperti"

    Reply
  12. avatar
    AllegraBrigata at |

    Mi riferivo soprattutto a questo aspetto :)

    Davide

    Reply
  13. avatar
    Silendo at |

    Anonimo, secondo te come andrebbe ripensata la modalità di selezione? :)

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    basterebbe selezionare esperti, e già saremmo un bel pezzo avanti!

    Reply
  15. avatar
    Silendo at |

    :)) capisco cosa vuoi dire…

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    Gli esperti ci sono tra gli alti gradi delle FFAA ma non perchè sono stati formati, ma solo perchè trattasi di persone intelligenti ed appassionate che utilizzano le esperienze maturate sul campo per rapportarsi ad un'analisi coerente. Come ha già scritto qualcuno, non sempre sono quelli che scrivono queste analisi…

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    qui credo ci si riferisca non già alla mancanza di esperti militari, bensì alla sovrabbondanza di civili con l'esperienza di paolino paperino nelle aree di reciproca competenza

    Reply
  18. avatar
    Silendo at |

    :))
    Io non credo che sia una questione di esperti civili o militari… purtroppo…

    Reply
  19. avatar
    utente anonimo at |

    … e anche quest'anno, la farsa delle selezioni per gli incarichi è in atto!

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

    quest'anno la lista degli esperti (anche se non ancora ufficializzata) ha veramente superato ogni record negativo.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)