20 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Grazie a Giovanni Nacci ! articolo interessante
    I Servizi svizzeri non sono mai stati molto "pubblicizzati"  come molti altri nel globo, ma non per questo sono meno funzionali, anzi.

    Ricordo anni fa la scoperta da parte dell’Intelligence svizzera ( con la collaborazione di alcuni specialisti privati nel settore del controspionaggio ) di microspie nel palazzo delle Nazioni Unite di Ginevra (come documentato in modo eccezionale anche dal TG della tv svizzera,le microspie erano state posizionate con un lavoro di falegnameria e tecnologia davvero strepitoso, sotto un tavolo rotondo di legno pregiato, dove avvenivano convegni di interesse strategico. Addirittura il tutto era stato inserito nel tavolo stesso creando un apposito spazio nel legno, con tanto di grandi batterie per assicurarsi una lunga autonomia e un sistema con più microfoni per discriminare al meglio "il parlato" dai rumori di fondo. Si pensa che il tutto sia stata opera di servizi segreti di paesi dell’est, prossimi al KGB..)
    Un altra "peculiarità" sta nel fatto che essendo un paese apparentemente "neutrale", è facile infiltrare agenti nella maggior parte degli scenari mondiali, per. es dai paesi arabi a quelli sionisti , da quelli filo russi ad altri.. senza generare troppa curiosità da parte del controspionaggio locale 😉

    Pe percepire la "professionalità" dei Servizi di Intelligence Svizzeri, basti pensare anche che nel perido della guerra fredda, ed anche prima, alcune "sezioni" e reparti speciali degli apparati di Intelligence, svolgevano attività di "addestramento" di altissimo livello militare (paragonabili ai nostri NOCS, GIS ecc..) addirittura con esercitazioni con esplotivo ad alto potenziale in grotte a centinaia di metri sotto le montagne.

    in merito, da wikipedia si apprende :
    —————————————————————-
    Nel 1990 il Colonnello Herbert Alboth, ex comandante dell’esercito segreto stay-behind svizzero (P26), dichiara in una lettera confidenziale al dipartimento della difesa di essere disposto a rivelare "tutta la verità". Viene trovato in seguito nella sua casa, accoltellato con la sua stessa baionetta. Il dettagliato rapporto parlamentare sull’esercito segreto svizzero viene presentato al pubblico il 17 novembre.
    —————————————————————-

    A differenza dell’Italia (unico paese che ha messo in pasto all’opinione pubblica gli appartenenti alla struttura militare segreta, rivelandone i nomi), la Svizzera ha confermato l’esistenza di una propria organizzazione (la mitica "P26" ), ma ha "protetto" quantomeno tutti gli appartenenti alla stessa, proteggendoli da quello che sarebbe stato un linciaggio mediatico (come accaduto per gli italiani) evitando quindi saggiamente di fornire nomi e cognomi. La struttura segreta ha quindi avuto un evoluzione ben differente, mantenendo più a lungo efficacia e funzionalità operative e di intelligence.

    Clone at work

    Reply
  2. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    senza offesa mahhh :-)))

    Efficiente ma non troppo.. ecco un po di flop..

    http://www.repubblica.it/online/fatti/mossad/mossad3/mossad3.html

    Perdonami Giovanni, ma di certo non saranno mai "Svizzeri" :-)))
    Daltronde il modus-operandi del loro servizio porta a credere per default che siano i "migliori".. quando ce ne sarebbero di cose da dire…
    OOPPSSS beh, sto zitto, altrimenti mi fanno la festa ahahahah

    Vabbeh dai un po di cazzeggio e sano spirito di sfottò ogni tanto ci vuole :-)
    un saluto a tutta la Netline di TelAviv :)

    Clone 
    cazzaro più che mai

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |

    Articolo interessante.
    Rivela come alcune dinamiche siano comuni in tutto il mondo.
    😉

    Roberto

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Verissimo, Robertino!
    Tra l’altro –> Olanda –> Spagna –> Svizzera… 😉

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    http://la1.rsi.ch/home/networks/la1/telegiornale.html?po=d00f663d-8eaf-4b09-b08c-9330086b9fbc&pos=991921d9-d482-4eed-9803-1a5e94f82e54&date=&stream=low#tabEdition

    SCOPERTA IMBARAZZANTE

    Nuovo caso di spionaggio nei saloni dell’ONU di Ginevra. Dopo i microfoni trovati nel 2004, ora si parla di altre 3 sale controllate da sofisticati sistemi di ascolto.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Grazie BABBANO !
    Credevo di essere lapidato dopo quel che ho detto sul palazzo delle nazioni unite.. invece vedo che ti sei documentato ed hai trovato dell’altro..
    Volevo mettere il link, ma non ricordavo il nome dell’emittente TV.. in compenso ho archiviato i video di quei giorni relativi al primo ritrovamento… sempre affascinante rivederli conoscendo certe cose.. 
    Bene bene, io manco da anni da Ginevra.. troppo freddo per me anche se l’estate era piacevole tra una russa e l’altra  😉
    Adoro le russe quando non portano con se il polonio 😉

    p.s. ti dimentichi sempre di mandarmi un email ! :-)

    Silendo (Clone)
     

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Scusa, ma c’è stata un po di confusione o refusi.

    No e-mail, No party ! ! !

    Niente di Personale per SILENDO il Clone e per Ga74 (se ricordo bene).

    BABBANO ASIMMETRICO

    Per SILINDO: se elimini il mio commento precedente 2010 grazie.

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    Vabbeh dai tranquillo :-) stai sereno, non ti intercettiamo di sicuro e di certo non ti metteranno in un sacco nero anche a te ahahhaha :-)
    Però la prossima volta a te niente libro  firmato 😉

    Auguri di nuovo !

    Clone ‘… 74???  ahahahah

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    Scusami, ma è come se abbiano cercato di farmi indossare  una tuta arancione (ndr non sponzorizzata dalla banca olandese famosa).

    Per il libro firmato, mi dispiacerebbe, però penso di riuscire a recupernarne eventualmente una copia.

    Scherzi a parte, scusa di nuovo. NdP

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Non ti seguo con la Zucca.. ma fa lo stesso :-)
    Spero di mettermi a scriver libri anch’io.. tra poco appendo il camice al chiodo e me ne vado in pensione che è meglio 😉
    Sto solo aspetando lo scivolooooooooooo

    Clone in viaggio di nozze

    Reply
  12. avatar
    ga78 at |

    X babbano
    nessun party,e nessuna mail!…E il libro?!!!………..

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    ANSA.it > Tecnologia e Internet > News

    Svelato codice di protezione dei cellulari Gsm
    La scoperta di un giovane ricercatore tedesco
    29 dicembre, 17:11

    BERLINO – Un giovane ricercatore tedesco, Karsten Nohl, ha svelato il codice di protezione utilizzato dalla rete di telefonia mobile Gsm per le telefonate tramite cellulare. Con questi dati, già disponibili su internet, un semplice Iphone di ultima generazione potrebbe intercettare telefonate e Sms.

    Nohl ha precisato durante il Chaos Communication Congress a Berlino che il suo intento è "puramente accademico" per illustrare la vulnerabilità della rete Gsm attualmente utilizzata da circa tre miliardi di utenti in tutto il mondo. Il codice di protezione è stato decifrato con un sistema open source, al quale dall’estate scorsa hanno partecipato 25 hacker. Secondo la Gsm Association, il metodo presentato da Nohl "é teoricamente fattibile ma improbabile nella realizzazione". L’iniziativa dell’esperto d’informatica – ha detto una portavoce al New York Times – "viola le leggi negli Usa e in Inghilterra".

    Secondo voi violano anche le leggi talebane ?

    BABBANE ASIMMETRICHE

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    In israele vendevano l’intercettatore di GSM già anni fa a mille euro…..
    Senza parlare dei GA9000 che sono più costosi ma esistono da anni.
    Quindi questa della vulnerabilità dell’algoritmo è una cosa che lascia il tempo che trova (ipotizzo una campagna pubblicitaria ad hoc per deviare una bella fetta di consumatori altrove.. che ne pensate? magari invogliandoli indirettamente ad acquistare cellulari UMTS…),
    anche perche chi ha intenzione e necessità reale di non essere intercettato usa preventivamente adeguati e specifici mezzi di protezione
    😉 
     Il metodo sicuro per non essere MAI intercettati ? beh.. stare zitti 😉
    e okkio ai rumori molesti.. l’ACINT è sempre in ascolto

    Clone at work

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    lunedì 4 gennaio 2010
    di Alfonso Maruccia
     

    GSM, il crack che fa discutere

    L’algoritmo di protezione della maggioranza delle comunicazioni mobili mondiali è saltato. Ancora una volta. I produttori fanno spallucce mentre i white hat promettono intercettazioni per tutti nel giro di pochi mesi

     

    Roma – Dal punto di vista della sicurezza delle comunicazioni, l’anno 2009 si è concluso con quello che in molti hanno definito un autentico botto: un hacker "white hat" tedesco, tale Karsten Nohl, ha annunciato al mondo di aver sviluppato un metodo per crackare le chiamate su rete cellulare GSM, chiamando in causa la scarsa considerazione dei carrier per la sicurezza e prevedendo la disponibilità di hardware e software appropriato nel giro di poco tempo.

    Nohl ha presentato il suo progetto alla conferenza Chaos Communication Congress tenutasi a Berlino negli ultimi giorni dell’anno: grazie al lavoro indipendente (benché focalizzato sullo stesso obiettivo) di 24 membri del Chaos Computer Club tedesco, l’hacker ha messo insieme abbastanza informazioni per abbattere il meccanismo di cifratura usato per l’80 per cento delle comunicazioni cellulari in tutto il mondo. L’algoritmo incriminato si chiama A5/1, è a 64 bit ed è considerato obsoleto in relazione al più recente A5/3 a 128 bit (impiegato sui network 3G).

    L’algoritmo A5/1, che rappresenta solo una parte dei meccanismi di protezione delle chiamate GSM (essendo la seconda caratterizzata dall’offuscamento dei pacchetti di dati su frequenze differenti), è stato attaccato grazie all’impiego di una rainbow table da 2 Terabyte, un array di dati per calcolare il quale Nohl ha usato software per schede GPGPU e processori Cell (in sostanza PlayStation 3) eseguito in parallelo dai suoi collaboratori.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    Se pensiamo che è possibile intercettare le comunicazioni satellitari tra due interlocutori che magari sono alla parte opposta del globo.. e adesso con i telefoni satellitari di ultima generazione anche sapere la posizione GPS dei telefonini senza troppi giri pindarici… beh, quella del GSM è una bazzeccola a confronto. E chiaro che il problema non risale alla possibilità di "intercettare" tutto e tutti, ma al fatto che va a finire che anche un ragazzino potrebbe farlo spendendo pochi euro… Quindi il problema vero casomai è quello del "fai-da-te" e dello spionaggio low-cost.
    Certo è che comunque il solo sapere di essere "potenzialmente" intercettati fa paura a molte persone suscettibili, che casomai vanno subito a farsi un telefono che non sia un GSM solo con l’illusione di sentirsi "sicuri". Ma diavolo, se pensiamo ad esempio che TUTTE le nostre comunicazioni (telefono, chat, email, passoword segrete con cui accediamo ai nostri conti bancari.. ecc ecc.) passano atraverso una vasta rete piena di "nodi" e rimbalzano da un server all’altro.. Beh, ma di cosa abbiamo timore? E’ evidente che i nostri dati anche sensibili sono "potenzialmente" nelle mani di decine, centinaia, migliaia di potenziali "spioni" 😉 Poi se li lasciano "passare" senza analizzarli, o se li analizzano e li archiviano uno ad uno… beh, è un altro paio di maniche.
    L’altro giorno ad esempio una ragazza in tv ha detto che "chattava" con il suo fidanzato che era in MISSIONE all’estero tramite MSN !!!! Ma vi rendete conto come stiamo messi? Msn il più "bucato" dei programmi.. e un "militare" lo utilizza per chattarci dalla "BASE" con al fidanzata?!
    Non lamentiamoci di quel che succede agli altri, ma iniziamo a imporre dei paletti dentro casa nostra e già saremo un passo avanti, almeno "mentalmente".
    Ad. esempio la cosa più stupida che molti fanno, è collegarsi alla propria casella di posta quando si è all’estero.
    Io consiglio ad esempio di crearsi sempre un email fittizia (temporanea) da utilizzare quando si è fuori casa, con opportuni redirect.. poi tornati a casa si cancella tutto. Al massimo si corre il rischio di dare in pasto agli spioni concorrenti qualche email e qualche indirizzo.. ma nulla più, il resto è in salvo (si fa per dire..) a casa nostra 😉
    Giovanni ricordi le scritte sui telefoni (intercomunicanti) a bordo delle navi "vietato usare per comunicazioni sensibili" (o una frase simile ..)
    E pensare che si è sulla stessa barca :-) Figuriamoci altrove.

    Clone
    nozze coi fichi secchi

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    Qualcuno sa che fine ha fatto VERTICALPOINT ?

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  19. avatar
    Silendo at |

    No, Babbano. Mi dispiace.

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

    iOS 4 salva di nascosto i nostri movimenti!

    Tutti gli spostamenti di chi ha un’iPhone o un’iPad sono tracciati e conservati in un file non crittografato dei dispositivi di Apple. Informazioni dunque che potrebbero essere rubate e che riaprono il dibattito sulla questione della violazione della privacy. A rendere pubblico questo aspetto sono due ricercatori inglesi che hanno reso nota una notizia che finora era riservata a poche persone, come gli esperti di informatica delle forze dell’ordine.

    Tramite il GPS ogni secondo l’iPhone o l’iPad registra la posizione tenendo traccia e memorizzando le informazioni in un file non crittografato che viene copiato sul computer quando si fa il backup e si sposta da un device Apple ad un altro durante la procedura di migrazione. Un serio problema alla privacy, visto che se qualcuno entra in possesso dell’iPhone di un’altra persona non avrebbe grosse difficoltà a ricavare questo tipo di informazioni.

    L’iPhone traccia i tuoi movimenti? Non più grazie ad Untrackerd [Cydia]
     

    Nella giornata di ieri abbiamo riportato una notizia molto curiosa e allo stesso tempo preoccupante per alcuni, secondo la quale Apple, grazie ad iOS 4, riesce a rintracciare e salvare tutti i nostri spostamenti tramite l’utilizzo del segnale GPS. Adesso, grazie ad un nuovo tweak rilasciato in Cydia dall’ottimo Ryan Petrich, autore tra l’altro di programmi quali DisplayRecorder, DisplayOut, ActionMenu, e altri, questo problema può essere parzialmente risolto.
     

    Il programma, di nome Untrackerd, è disponibile gratuitamente in Cydia e può essere scaricato tramite la repository di BigBoss. Una volta installato, verrà inserito un daemon nell’iPhone che, lavorando in background andrà, di volta in volta, a cancellare i registri del file consolidated.db, file nel quale vengono salvate le vostre ultime posizioni tramite l’utilizzo del segnale GPS.

    Non verranno aggiunte nuove icone alla Home e non saranno necessarie alcune modifiche. Subito dopo l’installazione, Untrackerd sarà attivo e funzionante.

    B.A.

    Quanti al Forte hanno comprato un  I Phone o un I Pad ?
     

     

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)