Sono sotto choc…

… e Daniele sa perchè…

35 Responses

  1. avatar
    Jackallo at |

    Spero niente di grave.

    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |

    Purtroppo sì, gravissimo :)))

    Reply
  3. avatar
    daniele67 at |

    …lo dicevo io!!!!! :-)

    Reply
  4. avatar
    Jackallo at |

    Eh.. e io che mi preoccupo pure..! E’ che sono senZiBBOle…. :)

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Ragazzi, voi scherzate ma qui siamo alla frutta…
    Mah…

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    condividi Silendo!

    JN

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Mi sembra di capire che non si tratta di SALUTE.
    Spero di non sbagliarmi, in caso contrario AUGURI.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    No, tranquilli. Assolutamente niente di personale altrimenti non lo scriverei sul blog :)
    Si tratta di questioni…. di intelligence :))

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    Pensa Silendo che Ti stavo per scriverti … il mio Gruppo Sanguigno.

    Meglio così.

    BABBANONATALE ASIMMETRICO DONATORE/RICE

    Reply
  10. avatar
    ga78 at |

    Ciao Silendo,
    riguarda il testo che ti ha passato daniele(mi sembra di aver capito bene!?!)nei giorni scorsi?

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Piena Solidarietà a Silendo!  😉

    Clone da babbudoia

    Reply
  12. avatar
    Giano08 at |

     ……………………


    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    Segreto di Stato sul caso di….. Via Nazionale???… magari … 
    sarebbe ora !!!!  anche se sono ancora scettico.

    Beh, non vi arrabbiate ma stappo lo champagne ! :-)

    Clone    …fa festa !

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    SI CHIAMA POLLARI MA NON è UN POLLO….

    Segreto di Stato

     

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    ma ci fate capire qualcosa anche a noi che vi leggiamo con interesse ma certe volte non capiamo nulla??
    comunque buon anno fortificato, se ancora rimarrà in piedi!!!

    Reply
  16. avatar
    Silendo at |

    …. diciamo che tra amici abbiamo avuto uno scambio di opinioni… :))

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

     A proposito di scambi di opinioni, di Pollari e di altro … mi sarei aspettato un Tuo intervento sulle dichiarazioni di La Russa …
    buone feste fatte
    Eule

    Reply
  18. avatar
    Silendo at |

    Eule, c’è un post su questo argomento :)

    Reply
  19. avatar
    utente anonimo at |

     Chiedo scusa. Avendo perso per un po’ il filo del blog l’avevo saltato.
    Tuttavia non ho trovato un lume di riferimento capace di indicarmi cosa si voglia fare del RIS (o dell’AISE).
    E poi … ho seri dubbi che un Ministro a caso faccia una dichiarazione " a babbo morto", per di più a ridosso del cambio dei vertici deile agenzie, senza un obiettivo …
    Per intanto, auguri di buon anno.
    Eule 

    Reply
  20. avatar
    Giano08 at |

     magari interessa…

    saluti

    *Servizi segreti, il vero obiettivo e’ mantenere l’Aise "militare"

    –IL VELINO SERA– Roma, 29 DIC (Velino) – "Credo che un servizio di sicurezza di intelligence a struttura militare, che una volta c’era e che ora non c’e’ piu’, potremmo immaginare di riproporlo nel 2010". L’ipotesi rilanciata qualche settimana fa dal ministro della Difesa Ignazio La Russa di rendere autonomo il Reparto informazione e sicurezza (Ris) dello Stato maggiore difesa per farne la terza agenzia di intelligence, affiancandola all’Agenzia per l’informazione e la sicurezza interna ed a quella per la sicurezza esterna anche sotto le feste sta sollevando non poche polemiche. Se, poi, si aggiunge che negli ultimi giorni gli allarmi per le nuove azioni di Al Qaeda contro gli Usa (il volo della Delta per Detroit) e l’Italia (sequestro di una coppia di italiani in Mauritania) hanno alzato nuovamente i livelli di guardia in tutto il mondo, il problema sul sistema migliore per garantire la sicurezza del Paese, dentro e fuori i nostri confini, sara’ uno dei tempi piu’ importanti che il governo ed il Parlamento dovra’ affrontare dopo l’Epifania.
    L’attivita’ del Ris, infatti, non e’ di secondo piano rispetto a quanto faccia l’intelligence. Attualmente coopera strettamente con l’Agenzia per la sicurezza esterna (Aise) ma da tempo i generali delle tre forze armate ne chiedono l’autonomia funzionale e anche economica. Ma per farlo si dovra’ cambiare l’articolo 8 della legge 124, quella che ha riformato i servizisegreti, che recita: "Il Reparto informazioni e sicurezza dello Stato maggiore della difesa (RIS) svolge esclusivamente compiti di carattere tecnico militare e di polizia militare, e in particolare ogni attivita’ informativa utile al fine della tutela dei presi’di e delle attivita’ delle Forze armate all’estero, e non e’ parte del Sistema di informazione per la sicurezza. Il Ris agisce in stretto collegamento con l’Aise secondo la disciplina regolamentare approvata con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri". Soltanto modificando la legge il ministro della Difesa potrebbe dotarsi nei fatti di una propria intelligence libera dai vincoli del rapporto funzionale con l’Aise. In realta’ sul Ris si sta giocando una partita diversa, tutta tesa, comunque, a far si che l’Aise rimanga nell’ambito "militare" , soluzione che piace al ministro della Difesa ed agli stati maggiori delle tre armi.
    Di contro l’ipotesi, sponsorizzata da settori della maggioranza e da settori del governo, che vorrebbero un cambio, probabilmente entro la fine di gennaio, con un generale dei carabinieri, anziche’ con uno dell’Esercito. Per questo l’annuncio di un Ris autonomo ed indipendente appare in realta’ piu’ il tentativo di far si che gli "equilibri" all’Aise, rimangano come sono attualmente e meno che si cambia davvero. (vum) 291841 DIC 09 NNNN 

    Reply
  21. avatar
    Giano08 at |

     e di oggi, scritta dal buon VUM de Il Velino.
    saluti.

    Reply
  22. avatar
    utente anonimo at |

     Grazie.
    Eule

    Reply
  23. avatar
    giovanninacci at |

    Premetto che non sono per niente esperto di queste cose… ma non capisco il passaggio, nell’articolo, che riguarda l’autonomia "funzionale ed economica".

    Ipotizzando un RIS nel "SIS" l’autore presume che si otterrebbe PIU’ autonomia funzionale e PIU’ autonomia economica?  Oppure PIU’ stanziamenti e PIU’ autonomia nell’impiegarli?

    "gratto testa, dubbioso rimango"…

    Reply
  24. avatar
    AllegraBrigata at |

     Il Velino è sempre ben focalizzato…
    Giovanni, cosa non capisci in particolare?

    R.

    Reply
  25. avatar
    utente anonimo at |

    X SILENDO : una domanda a … a BABBANO morto.

    Mentre l’AISE ha il vincolo geografico (ndr solo all’Estero) penso che il RIS non abbia questo tipo di vincolo geografico (Estero e Interno).

    Se fosse così, questo non potrebbe essere un modo per riprendersi tramite i colleghi del RIS (ndr appartenenti alle FF.AA.) l’operatività all’Interno del Paese?

    Un Augurio di Felice 2010 a Tutti.

    Reply
  26. avatar
    giovanninacci at |

    Roberto carissimo, presumo che le mie perplessità derivino appunto da miei potenziali "buchi" di conoscenza della materia… in particolare mi domando:
    1) riguardo l’indipendenza "funzionale":  in che percentuale il RIS è funzionalemnte dipendente da AISE? In altre parole: chi (ed in che misura) indica al RIS obiettivi e programmi? Insomma lavorano ancora un po’ da soli o no?
    2) riguardo l’indipendenza "economica": quale bilancio (ergo Dicastero) finanzia il RIS? E quale lo finanzierebbe qualora diventasse AISMI (Agenzia per le Informazioni e la Sicurezza Militare :)))

    Perchè un concetto ampio di "autonomia" di un ente militare, mi pare si possa realizzare solo nel quadro di una dipendenza – funzionale ed economica – diretta (anzi direttissima :))) dallo Stato Maggiore (quindi dalla Amministrazione Difesa)…

    O devo smettere col quartino mattutino di brandy?

    Saluti veramente cari :)

    Reply
  27. avatar
    Silendo at |

    Giovanni carissimo, riguardo al punto 1 deduco che bisognerebbe conoscere il regolamento attuativo…. :)
    Però mi sembra evidente che un RIS elevato al rango di Agenzia di Intelligence all’interno del Sistema avrebbe un rapporto di "parità" con le altre Agenzie "sorelle". Parità che allo stato attuale delle cose (ma posso benissimo sbagliare) non dovrebbe sussistere.

    Riguardo al bilancio provo a dirti la mia. Prendila sempre con le pinze.
    Il budget del RIS rientra nel bilancio della Difesa (credo che sia stato sempre così…).
    Il Ministero della Difesa, però, fino a prima della riforma, aveva anche i soldini per il budget del SISMi (se non erro, vado a memoria, credo fossero i capitoli 5105, 5106 e 5107…). Adesso non li ha più.
    La legge 124 stabilisce che i soldini per il Sistema di Informazione vengono stanziati in un apposito ed unico capitolo di spesa. Attualmente dovrebbe essere il capitolo 1670. Tale capitolo rientra nelle competenze della sola Presidenza del Consiglio (sempre se non sbaglio…)
    Ove il RIS diventasse…AISMI il capitolo di spesa in questione deduco che non sarebbe gestito solo dalla Presidenza…. :)

    Reply
  28. avatar
    giovanninacci at |

    Vate carissimo,
    quel che mi dici mi conforta. Vuol dire che mi ricordo ancora qualcosa del mio (ex) lavoro ;))

    Riguardo gli stanziamenti, ciò che mi chiedevo io riguarda il famoso quesito relativo alla "indipendenza" della nostra giovinezza, ossia: andare a lavorare l’estate per pagarsi la benzina al motorino, il cinema e la discoteca (è solo un esempio ovvio :))) oppure ricevere la paghetta mensile ma essere costretti a "investirla" quasi totalmente in libri per la scuola?

    Secondo me, che non ne capisco nulla, per il RIS è meglio avere un bilancio derivante dalla magrezza dello stanziamente per la Difesa, che non dalla "abbondanza" (si fa per dire! :)) di quello per la Presidenza 😉

    In termini di… "autonomia" vera, ovvio 😉

    Saluti a tutti!

    Reply
  29. avatar
    utente anonimo at |

    Altri stanziamenti di interesse della I Commissione
    Si segnalano, infine, i seguenti stanziamenti di interesse della I Commissione:
    §         Servizi di informazione per la sicurezza (cap. 1670). Nel bilancio 2009, in attuazione della L. 124/2007, lo stanziamento per i servizi di sicurezza è allocato in una apposita u.p.b. (5.2.2) ed è pari, nelle previsioni assestate, a 635,859 mln di euro. Tale somma risulta da un incremento di 65 mln in dipendenza di atti amministrativi e di 5,098 mln disposto dal disegno di legge di assestamento, conseguente alla soppressione del cap. 1123 dello stato di previsione dell’interno e al trasferimento della dotazione allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze;

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  30. avatar
    utente anonimo at |

    @ Giovanni (rif. post n. 26)

    concordo in toto con Silendo in quanto per quel poco che so:
     
    – il RIS ha una chiara e ben definita dipendenza sia funzionale che finanziaria da SMD (e quindi dal Ministero della Difesa): gli ordini li prende dal CSMD o dal Ministro e i fondi li trae esclusivamente dal Bilancio Difesa;

    – l’AISE e il RIS nn sono interdipendenti e/o non hanno rapporti di sovraordinazione; dovrebbero "semplicemente" coordinarsi (che fantastica attività quella della coordinazione!);

    – l’AISE, come ben noto, è sotto la direzione del DIS ed economicamente attinge le sue risorse finanziarie dal Bilancio PCM o da Fondi riservati (costituiti ad hoc) inseriti nel più generale Bilancio dello Stato. 

    barry lyndon

    Reply
  31. avatar
    utente anonimo at |

    Se l’attività del RIS è focalizzata su argomenti d’interesse delle FFAA ( proiettate in missioni all’estero, ed incaricate della difesa del patrio suolo )  che senso avrebbe operare sul territorio nazionale ?

    Se AISE è formata principalmente da militari ed appartenenti ad altri corpi armati, non dovrebbero avere già gli skill e sensibilità per operare a favore delle FFAA?

    Non avrebbe più senso centralizzare strutture logistiche, archivi ed aumentare le capacità di analisi e distribuzione delle informazioni ?
    Non sarebbe il caso di pensare alla possibilità di effettuare data mining (nel vero senso della parola) sui DB di tutti gli Enti Statali ( MAE, Polizia di Stato, Ministero Difesa, Ministero di Grazie e Giustizia, Procure, Comuni, INPS ). AISE ed AISI ( e RIS )  potrebbero così ridurrsi al mero personale operante.

    Archivio di via Nazionale: l’ultimo vertice del triangolo Telecom – Abu Omar ?

    3all

    Reply
  32. avatar
    Silendo at |

    Giò… per il RIS magari sì… per il Ministero della Difesa, invece…. magari no… :))

    Reply
  33. avatar
    giovanninacci at |

    Vate carissimo, hai centrato perfettamente il punto.

    Però chissà, manovrando di fino e con occhio cinematico, anche la Difesa potrebbe grattar via qualcosina :))) Tra le fasi di "stanziamento" e "allocazione dei fondi" c’è sempre grande spazio di manovra e la partita se la potrebbero giocare bene.

    barry lyndon, grazie per le tue precise informazioni che collimano perfettamente con (quelle che erano) le mie, cosa che mi conforta alquanto.

    Saluti cari a voi!

    Giovanni

    Reply
  34. avatar
    ga78 at |

     AUGURONIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII RAGAZZI E RAGAZZE!!!!CHE IL 2010 SIA RICCO DI GIOIA E SERENITA’ A TUTTI! COMPRESO UN PIZZICO DI FORTUNA CHE NON GUASTA MAI!!

    Reply
  35. avatar
    AllegraBrigata at |

    Grazie Ga, auguri anche a te.

    Vittorio

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)