12 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    E’ vero. Sarà interessante scoprire il “come” 😉

    Roberto

    Reply
  2. avatar
    Raffox74 at |

    E intanto l’Iran, sornione, si fa gioco di tutti…

    Interessante rileggersi l’articolo di Gillli, pubblicato su Epistems nel 2007, alla luce di questi ultimi sviluppi: http://epistemes.org/2007/02/19/perche-un-iran-nucleare-non-rapresenta-necessariamente-una-minaccia/

    Raffox

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    sarebbe utile che lo rileggesse l’autore stesso… questo giovane pontefice delle relazioni internazionali :)

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |

    “Combating Proliferation” è quello di cui mi parlavi un paio d’anni fa, giusto?

    E.

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    X Anonimo: forse ricordo male il contenuto dell’articolo di Gilli ma non mi sembra che gli eventi recenti lo smentiscano. O sbaglio?
    :)

    Roberto

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo, grazie per la segnalazione ma, per tornare a quanto sritto poco fa da Silendo (http://silendo.splinder.com/post/21390808/L%27atomica+iraniana%3A+un+interro) la questione è strategicamente mal posta…

    Federico

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Federico strategicamente parlando abbiamo capito tutti (credo!) i motivi per cui l’Iran sta tirando fuori i muscoli.

    Il problema non è il PERCHE. Il problema è il COME.

    Filippo.

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    Scusami Filippo. Credo di non avere capito io allora :)

    Nello scambio di opinioni linkato nel commento qui sopra si faceva riferimento al fatto che un Iran atomico è una minaccia (per chi? in che senso? in che modo?) per Israele perchè vuole distruggerlo (ne siamo sicuri?). In questo senso ho affermato che la questione è strategicamente mal posta. Non tutti hanno capito perchè l’Iran si vuole armare di una bomba nucleare e non tutti hanno ben chiaro qual è il fine di tutto ciò.

    Federico

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    http://www.effedieffe.com/

    La «nuova centrale atomica» iraniana

    Maurizio Blondet

    Ovviamente non si deve cascare nel falso di cui abbiamo già parlato, fabbricato dai servizi israeliani, e rigettato dalla AIEA, sulla «centrale atomica segreta» iraniana: a rendere nota alla AIEA l’esistenza di tale impianto è stato lo stesso governo di Teheran, volontariamente. Oltretutto, l’impianto di Qom ora «scoperto» non è adatto a creare un’arma nucleare. La AIEA pretenderà di ispezionare quell’impianto, e lo stesso Ahmadinejad ha dato il consenso alle nuove ispezioni. Il problema dunque qui non è Teheran; è la risposta di Obama (e del cosiddetto «Occidente») ad una tale evidente buona volontà che, su pressione della nota lobby, ha fatto dichiarazioni gravissime, che implicano una rottura e una sorta di punto di non-ritorno verso la guerra preventiva.

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Keeping Iran honest

    Iran’s secret nuclear plant will spark a new round of IAEA inspections and lead to a period of even greater transparency

    http://www.guardian.co.uk/commentisfree/cifamerica/2009/sep/25/iran-secret-nuclear-plant-inspections

    Reply
  12. avatar
    AllegraBrigata at |

    Direi che Blondet ha una visione un po’… strana della vicenda :)

    Davide

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)