15 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    …. bravo Fede! :)

    Roberto

    Reply
  2. avatar
    Zabetta at |

    Che ragazzo romantico, pure la poesia ha scritto 😉

    Reply
  3. avatar
    Silendo at |

    E’ l’anniversario dell’inizio della prima battaglia…

    Grazie Federico.

    Reply
  4. avatar
    AllegraBrigata at |

    Zabetta, non scherzare su questa cosa qui dentro ;))

    Enrico

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    :)

    Reply
  6. avatar
    giovanninacci at |

    Beh dico la mia :))) definirla “solo” una “poesia” mi sembra un po’ riduttivo… c’è molto di più dentro, credo.

    Saluti carissimi!

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    x zabetta: io quel giorno ero presente … ti prego non fare commenti perchè bisogna avere rispetto per le persone che hanno dato la propria vita …… e ti voglio ricordare che non eravamo mercenari ma soldati italiani mandati in Somalia dal Governo Italiano.

    folgore

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    Folgore, credimi, Zabetta lo sa benissimo :)

    Quella era una battuta verso Federico. Assolutamente priva di qualunque intento polemico verso chi serve la Patria in armi 😉

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    Tranquillo Folgore.

    Zabetta è dei nostri.

    R.

    Reply
  10. avatar
    Zabetta at |

    Sì, infatti era una battuta fatta ad un AMICO senza nessun intento polemico, anzi. Era una cosa tra di noi, che doveva finire lì.

    Non ho mai pensato, nemmeno per un secondo, di mancare di rispetto a quei ragazzi che sono morti, ci mancherebbe!

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Ci avevano detto, quando lasciammo il suolo natale, che andavamo a difendere i diritti sacri che ci conferiscono tanti cittadini sistematisi laggiù, tanti anni di presenza, tanti benefici recati a popolazioni bisognose del nostro aiuto e della nostra civiltà.

    “Abbiamo potuto verificare che tutto ciò era vero e, poiché era vero, non abbiamo esitato a versare il nostro sangue, a sacrificare la nostra giovinezza e le nostre speranze. Non abbiamo rimpianti, ma mentre qui ci anima questo spirito, mi dicono che a Roma si succedono cabale e complotti, che il tradimento fiorisce e che molti, esitanti, turbati, prestano un orecchio compiacente alle peggiori tentazioni dell’abbandono e vilipendono la nostra azione.

    “Non posso credere che tutto ciò sia vero e tuttavia guerre recenti hanno mostrato a qual punto poteva, un tale stato d’animo, essere pernicioso e sin dove poteva condurre.

    “Rassicurami al più presto, te ne prego, e dimmi che i nostri concittadini ci comprendono, ci sostengono, ci proteggono come noi proteggiamo la grandezza dell’Impero.

    “Se le cose dovessero stare altrimenti, se dovessimo lasciare inutilmente le nostre ossa calcinate lungo le piste del deserto, stiano allora attenti alla collera delle Legioni!”

    Marcus Flavinius

    Centurione della 2^ Coorte della Legione Augusta

    al cugino Tertullus in Roma

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    ma quanti folgore siamo???

    ok allora come consigliato tempo fa divento tuscania…

    ex folgore77

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    Onore ai nostri caduti

    Felsina

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    come angeli dalle ali spezzate son caduti sul campo di guerra,col loro sangue han bagnato la terra,e all’italia donaste il vostro cuor….

    Sopra il basco che noi portiamo ce’ un fregio che regna sovrano,noi lo portiamo con fede ed orgoglio,viva l’italia ed il suo bel tricolor.

    By “VIDERE NEC VIDERI”

    Reply

Leave a Reply to Zabetta Click here to cancel reply.


(obbligatorio)