14 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Come cercare di restare competetivi….

    F.

    Reply
  2. avatar
    Kerub at |

    Greeks?

    Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    Geni dell’informatica 😉

    Vittorio

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    Spero sia una cosa più seria rispetto ai nostri corsi di Narni e L’Aquila con tante pretese ma alla fine adatti a formare investigatori privati.

    Settembre

    Reply
  5. avatar
    giovanninacci at |

    Mah… più che una cosa più o meno seria, sembra essere una cosa molto diversa, fatta in una società ed in un contesto molto diverso dal nostro ;))

    “Riusciranno i nostri eroi… ?”

    Saluti carissimi

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    Vittorio, quelli che dici tu sono i “computer geeks”. Ma “geek” indica chiunque sia affascinato (se non addirittura ossessionato) da un particolare settore del sapere (non solo dall’informatica).

    I “Greeks” di cui parla l’articolo sono invece i membri delle confraternite che spopolano nei college, non solo americani.

    Un caro saluto a tutti,

    Felsina

    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    Oh, grazie Felsina. Mi sono perso una erre per strada :)

    Vittorio

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Di nulla, figurati 😉

    Sti americani sono un pò strani…ma geniali…un pò della loro inventiva e creatività ci farebbe bene. Una volta si parlava tanto del genio italico…ritiriamolo fuori! :))

    Felsina

    Reply
  9. avatar
    giovanninacci at |

    Beh, non so se siete d’accordo con me ma… a me sembra che – in certi specifici campi – il genio italico ogni tanto si possa intravedere far capolino dalla nebbia della consuetudine.

    Si dovrebbe trovare il modo di… “sponsorizzarlo” meglio. E magari metterlo in condizioni di essere meno “timido”…

    Reply
  10. avatar
    utente anonimo at |

    Giò, concordo ;))

    Reply
  11. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ragazzi, a noi non serve il “genio” così come non servono eroi.

    A noi serve “sistema”.

    Roberto

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    Gianni hai toccato il tasto giusto.

    I fondi stanziati per la sicurezza in Italia, sono troppo pochi. Casualità ?

    Reply
  13. avatar
    giovanninacci at |

    Roberto hai ragione da vendere. Non ci servono dei genialità episodiche, delle azioni “spot”, intendo.

    Ma temo che serva un “genio” (ma proprio quello della lampada però) per implementarla, quella “sistemicità”.

    Vabè, chiedo venia, la mia battuta è fin troppo banale, ma un fondo di verità forse ce l’ha…

    Saluti cari a tutti voi

    Reply
  14. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo, i fondi non sono troppo pochi. Sono mal utilizzati.

    Enrico

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)