67 Responses

  1. avatar
    giovanninacci at |

    in bianco/nero non è che faccia tutta sta impressione…

    Qualcuno l’ha già visto in “true color”?

    saluti

    Reply
  2. avatar
    Felsina at |

    Mah, secondo me non farebbe impressione nemmeno a colori…

    E’ troppo….inoffensivo, non so se mi spiego. Non conosco le istruzioni date dal committente all’artista. Tuttavia, un tale logo dovrebbe trasmettere un maggiore senso di protezione verso le persone oneste e timore/rispetto nei potenziali e attuali avversari della sicurezza nazionale. Invece questa pseudo-colomba della pace sembra più il nuovo logo dell’ONU…

    Il mio ovviamente è un parere personalissimo.

    Però noto che il link del nuovo sito governativo non è ancora attivo…non è che adesso rimane così per anni come per l’altro sito dei servizi di informazione e sicurezza?

    La domanda sorge spontanea…

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Eh eh…Felsina…mi hai preceduto nel commento…concordo con te…

    Bourne

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    “Segno unico, fluido e ininterrotto, per rappresentare la rapidità con cui le informazioni convergono da più organismi a quello centrale, simbolo di leggerezza e di libertà.”

    La pseudo colomba o meglio pseudo piccione viaggiatore non mi sembra che siano un buon primo passo per il raggiungimento di quella cultura di intelligence e sicurezza che si vuol creare nel paese.

    Forse sarebbe stato meglio far passare il 2 Giugno e pensarci meglio.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    concordo con le prime impressioni; prima di dare un giudizio definitivo vorrei vederlo a colori, soprattutto in considerazione della sua composizione su layer differenti!

    barry lyndon

    Reply
  6. avatar
    Raffox74 at |

    Logo orrendo, assolutamente non appropriato. Chissà quanto sarà costato lo scherzetto… E io pago! o/

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    è curioso notare che all’art. 2 del decreto PCM si distingua tra “stemma araldico” per l’AISE ed “emblema” per l’AISI, quasi a voler continuare a demarcare in modo netto la differente origine e tradizione delle 2 strutture…

    cosa ne pensate al riguardo?!

    barry lyndon

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    non ha nessun senso

    Reply
  9. avatar
    giovanninacci at |

    O’Sensei, caro Vate, mica l’hai disegnato tu il logo e adesso stai mettendo alla prova la nostra fedeltà allo Shōgun?

    :)))))))

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    “prima di dare un giudizio definitivo vorrei vederlo a colori, soprattutto in considerazione della sua composizione su layer differenti!”

    Bingo

    “è curioso notare che all’art. 2 del decreto PCM si distingua tra “stemma araldico” per l’AISE ed “emblema” per l’AISI, quasi a voler continuare a demarcare in modo netto la differente origine e tradizione delle 2 strutture… ”

    Superbingo!!! :))

    Reply
  11. avatar
    Silendo at |

    :)) No, Giovanni. Francamente io avrei disegnato qualcosa di diverso.

    Sicuramente uno sgorbio… ma diverso :)

    Reply
  12. avatar
    grafvonSpee at |

    “Segno unico, fluido e ininterrotto, per rappresentare la rapidità con cui le informazioni convergono da più organismi a quello centrale, simbolo di leggerezza e libertà.”

    Dite un po’, come che faceva il tormentone di quel trio di cabarettisti napoletani molto famosi nella metà degli anni 80 (mi sembra che si chiamassero “I tre-tre”), che si esibivano nella trasmissione “Drive in”?

    Reply
  13. avatar
    utente anonimo at |

    quindi: l’acqua e’ poca ossia scarseggia e la papera non galeggia.

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    Giuro che non scateno polemiche, ma io di arte astratta ne capisco poco figuriamoci se poi riesco a capire pure il senso, qualcuno sà spiegarmi cosa rappresenta sto simbolo, o meglio, la descrizzione di babbano è quella giusta?

    francamente il più bello e che rende molto l’idea del tipo di attività che svolge il servizio, rimane quello del SISMI (i 2 globi per intenderci), quello araldico è si carino, ma spesso chi non è addetto ai lavori, l’araldica è complicata da interpretare.

    Vertical

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    RICAPITOLANDO :

    Il DIS avrà il suo LOGO, mentre l’AISE mantiene il suo STEMMA ARALDICO e l’AISI mantiene il suo EMBLEMA.

    Per fare un CREST c’è l’imbarazzo della scelta.

    Da oggi in poi attenzione a rispettare il copyright.

    Come si dice … come rendere complicata una cosa semplice.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  16. avatar
    grafvonSpee at |

    Fuocherello, utente 13.

    Il tormentone che ho in mente io era quello che costituiva la naturale chiusa di ogni loro scenetta.

    Reply
  17. avatar
    giovanninacci at |

    Babbano, m’hai tolto il pensiero dalle sinapsi 😉

    Reply
  18. avatar
    utente anonimo at |

    vedo che il logo ha avuto un successo impressionante.

    Reply
  19. avatar
    giovanninacci at |

    “bene o male, purché se ne parli” 😉

    Reply
  20. avatar
    Silendo at |

    Sì, Vertical. La descrizione di Babbano è proprio quella ufficiale, contenuta nel decreto.

    Reply
  21. avatar
    utente anonimo at |

    Scusate, ma quello con i due globi più precisamente riporta Raggruppamento Unità Difesa cioè RUD. Penso che esista sempre nell’organigramma.

    Altrimenti dovrebbero aggiornare la “lapide” a Via Barberini.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  22. avatar
    utente anonimo at |

    caro babbano ora mi fai venire un dibbio, tempo fà mi fu regalato (microscopico) l’eblema che tu attribuisci al RUD ma mi dissero che era il sigillo del SISMI…..mo vai a vedere che oltre a non avere l’origine che gli attribuivo è pure na taroccata made in cina e cancerogena pure….ahahahahahah!

    Reply
  23. avatar
    utente anonimo at |

    …” ITRE-TRE..”..finivano con: …a me…me pare na str……. :-)

    GIUSTO????

    daniele67

    Reply
  24. avatar
    utente anonimo at |

    La tua spilletta o pins non l’ho vista e quindi non posso aiutarti.

    Invece il crest che mi hanno regalato riporta la scritta che ti ho detto , ne esiste anche la versione smaltata.

    DA WIKIPEDIA

    Il Raggruppamento Unità Difesa (conosciuto anche con l’acronimo di R.U.D) è un apparato interforze dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna, il servizio segreto militare italiano, la cui sede si trova presso la Caserma “Casal Forte Braschi-Nicola Calipari” a Roma. Il R.U.D ha ufficialmente il compito di occuparsi della vigilanza, difesa e della logistica delle installazioni militari appartenenti al Servizio. Distaccamenti del Raggruppamento si trovano a Torre Poglina di Alghero, Oristano, Cerveteri, Lecce e San Donà di Piave.

    Negli ultimi anni della storia italiana, per la liberazione di Aldo Moro, la squadra che era incaricata dell’azione, si allenò alcuni giorni presso la caserma del RUD presso Cerveteri. La caserma è stata inoltre il centro di addestramento degli uomini della “sezione K” del ex SISMI.

    Pubblicazioni a cura del R.U.D [modifica]

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  25. avatar
    grafvonSpee at |

    Giustissimo, Daniele.

    Reply
  26. avatar
    utente anonimo at |

    ” …. Simbolo di leggerezza e libertà.”

    LEGGEREZZA (del Simbolo) a cosa si riferisce? Al DIS , alle organizzazioni che inviano informazioni o peggio alle informazioni stesse ?

    LIBERTA’ (del Simbolo) a cosa si riferisce ? Alla libertà del DIS da … o alla libertà delle informazioni o informazioni in libertà ?

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  27. avatar
    utente anonimo at |

    Bellissimo…per la prossima “Fiera del Levante”

    Non era meglio qualcosa di più istituzionale con il solito bollino della repubblica.

    Reply
  28. avatar
    utente anonimo at |

    Per Aspera ad Veritatem

    Rivista di intelligence e di cultura professionale

    © Servizio per le Informazioni e la Sicurezza Democratica

    Rivista N° 1 Gennaio – Aprile 1995

    Il logo del SISDe: un simbolo per un progetto ambizioso

    A.L.

    L’origine comune degli stemmi e dei sigilli si perde nella notte dei tempi. …..

    Detto stemma, comunque, ebbe vita breve perché qualche anno dopo, allorché si rese necessario riprodurlo per donarlo a personalità ed a rappresentanti dei Servizi Stranieri, il Prefetto Emanuele De Francesco, subentrato alla Direzione del Servizio nel 1981, decise di adottare un nuovo simbolo.

    Alcuni ufficiali dell’Arma del suo staff, da lui incaricati, ne studiarono una diversa realizzazione.

    Ci fu chi propose l’immagine di una colomba o di un piccione viaggiatore, ricordando soprattutto la funzione di questi volatili, che, opportunamente addestrati, portavano incapsulati in una zampa messaggi segreti dalle retrovie dell’esercito nemico a stazioni di ricezione prestabilite;….

    chi, invece, suggerì la figura di altri animali; ma il Prefetto De Francesco fu irremovibile nella scelta di un falcone; …..

    ….

    Il Prefetto De Francesco si propose, inoltre, di ottenere l’assegnazione al SISDe della Bandiera Nazionale e di un Santo Protettore.

    …..

    Ecco forse hanno riciclato un idea del 1994.

    Ora però voglio che per decreto si stabilisca anche il Santo Protettore del DIS…..

    Mi verrebbe San GENNARO.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  29. avatar
    AllegraBrigata at |

    Penso proprio che l’orbe fosse l’emblema del SISMi…

    Reply
  30. avatar
    utente anonimo at |

    Ma quanto siete criticoni !

    Sembrate quelle donzelle che vedono sfilare modelle, le più belle !

    Ora che non vi piace più…

    …dal balcone la buttate giù

    Ma se ancora ve lo sentite dentro…

    non buttate il vostro passato al vento.

    :))))))

    Saluti

    Reply
  31. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ha lasciato un po’ perplesso anche me però bisogna vederlo a colori

    😉

    Roberto

    Reply
  32. avatar
    giovanninacci at |

    Carissimo Anonimo #30… noi stavamo provando a spacciarci da esteti, da esperti del gusto, da teorici del bello ma… ci hai troncato la carriera :)))

    Sarà per un’altra volta 😉

    Affettuosi saluti a voi tutti

    Reply
  33. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ma infatti, Giovanni… :)))

    F.

    Reply
  34. avatar
    utente anonimo at |

    ma….una volta si facevano quei bei crest tutti pugnali teschi morte mastini draghi….ora tutto deve essere tropp”correct”…sarà ma io sono per le cose vecchia maniera…

    FOLGORE77

    Reply
  35. avatar
    AllegraBrigata at |

    Che bel nick che hai, Folgore

    😉

    Roberto

    Reply
  36. avatar
    AllegraBrigata at |

    Condivido caro Roberto!!!

    Davide

    Reply
  37. avatar
    Silendo at |

    Folgore, capisco quello che dici ma converrai che si tratta pur sempre del logo di un dipartimento della Presidenza del Consiglio e non di un reparto di incursori o di rangers… ;))

    Reply
  38. avatar
    giovanninacci at |

    insomma una cosa del tipo “Si vis pacem, para brandy”…

    :)))

    Reply
  39. avatar
    Silendo at |

    Giovanni…. dobbiamo parlare…. :))

    Reply
  40. avatar
    giovanninacci at |

    😀

    Reply
  41. avatar
    Verticalpoint at |

    “Si vis pacem, para brandy”… ahahahahahah questa mi è veramente nuova. Grande Giovanni!

    Reply
  42. avatar
    utente anonimo at |

    non vorrei dire che mi fa cagare…

    perché poi mi dicono che sono troppo tranchant…

    ok, allora mi limito a dire che non ne capisco il senso, e che se – pure a colori – lo dovessi vedere mi verrebbe da pensare piu’ ad una Onlus che ad una Istituzione, perché di fatto è la forma che NON mi rappresenta nulla…

    poi quando al fatto “emblema”, “araldo” ecc…

    dire che siamo difronte ad un’altra ennesima sezione dell’ U.C.A.S.: Ufficio Complicazioni Affari Semplici

    saluti

    Giano

    Reply
  43. avatar
    ga78 at |

    Grande Giovanni!!…Ahahahahah!!!!…sei sempre il solito! :-)

    Reply
  44. avatar
    giovanninacci at |

    Vi dico solo che qualcuno – e non vi dirò chi – mi sta facendo seriamente pensare ad una carriera cabarettistica (in duo).

    Vi aggiorneremo certamente su sviluppi futuri e partecipazioni a trasmissioni televisive od eventi teatrali 😉

    Saluti cari

    Reply
  45. avatar
    Felsina at |

    Giovanni caro, lo so, è colpa mia se diventerai un cabarettista 😉

    Non ti dimenticare però di quella cosa alle Cayman eh, ci tengo ;))

    x Bourne: telepatia? ;))

    Comunque, colori a parte, come dice Giano è la forma che è poco appealing e convincente. Ciao Giano!!! ;))

    Reply
  46. avatar
    giovanninacci at |

    Spero di cuore che – come mio pubblico – mi sarete tutti vicini in questa mia nuova attività ;))

    Ah… biglietti gratis per tutti ovvio 😉

    Felsina, la cosa alle Cayman rimane, ci mancherebbe. Questa del cabaret è solo un “riempitivo” in attesa (tra un paio d’anni) di andare in pensione e partire con il progetto Cayman 😉

    Ciao a tutti!

    Reply
  47. avatar
    utente anonimo at |

    …. OMNIA SILENDO UT AUDEAM NOSCO ………

    Rendeva meglio l’idea !!!

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  48. avatar
    Silendo at |

    Bel motto… :))

    Reply
  49. avatar
    giovanninacci at |

    Concordo!!!

    Reply
  50. avatar
    utente anonimo at |

    motto: I see and I expect

    Reply
  51. avatar
    utente anonimo at |

    per SILENDO :

    questo è il motto riportato sul crest del RAGGRUPPAMENTO UNITA’ DIFESA con i due modi in smalto blu.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  52. avatar
    Silendo at |

    Sì, sì… lo so, grazie :)

    Reply
  53. avatar
    utente anonimo at |

    ciao Felsina 😉

    Giano

    Reply
  54. avatar
    utente anonimo at |

    mi pare il logo della cooperazione italiana…e non aggiungo altro…un saluto al padrone di casa!scusa ancora per i miei gusti un po’…grezzini e rustici…

    folgore77

    Reply
  55. avatar
    Silendo at |

    Ricambio i saluti e… non temere… qui quasi tutti condiviamo i tuoi gusti… per passato e/o passione 😉

    Reply
  56. avatar
    giovanninacci at |

    Si, si! decisamente! ;))

    Reply
  57. avatar
    utente anonimo at |

    io sono stato a cerveteri e conosco anche forte braschi ma il mio logo era diverso come da medaglia lasciatomi al momento del congedo

    Reply
  58. avatar
    utente anonimo at |

    il logo e’ quello esatto come da medaglia rilasciata all’atto del congedo
    saluti
    DLZ

    Reply
  59. avatar
    utente anonimo at |

    conosco bene tutti i luoghi FORTE BOCC – FORTE BRA – CERV- E VARI LUOGHI PER ITALIA E ESTERO
    SALUTI

    Reply
  60. avatar
    utente anonimo at |

    Ma il calendario delle barbe finte non lo fanno più ????
    che peccato… era un gadget bello da collezionare come molti altri.. tipo il portapenne, il fermabanconote, i bigodini 😉
    Vabbeh per quest’anno calendario dell’Arma per tutti i fans ! 

    p.s. una lettura interessante :

    http://forum.politicainrete.net/eurasiatisti/341-scritti-di-dagoberto-bellucci.html

    Clone

    sleep-mode

    Reply
  61. avatar
    Dofoe at |

    Grazie di cuore delle informazioni. Porto una strana medaglia al collo da anni, l’ho trovata in fondo ad un cassetto quando fu smantellata casa di nonno che era già morto da anni. Grado Nome e Cognome sul retro e sul davanti tutte incisioni fitte con due mondi l’anno 1949 e uno strano motto OMNIA SILENDO UT AUDEAM NOSCO. Nessuno ha mai saputo cos’era, abbiamo sempre pensato fosse un Carabiniere… :)

    Reply
  62. avatar
    Anonimo at |

    anvedi ne ho uno nel cassetto dal 1988 

    Reply
  63. avatar
    rottamato at |

    lo stemma più bello e significativo, pieno di STORIA , anche se non era mai stato approvato ufficialmente. c’è un tempo per ogni cosa…saluti a tutti.

    Reply
  64. avatar
    Anonimo at |

    Caro Silendo ecco scoperto l'arcano.

    Chi avrà mai disegnato il nuovo logo ?

    " …Molto interessante la cromia del sito, in blu e arancione, sulla falsariga del logo realizzato per il DIS, da Massimiliano e Doriana Fuksas, celebri architetti, in questo caso grafici efficacissimi. Il logo realizzato, infatti, esprime un pensiero dedicato al ruolo dei servizi segreti, che si traduce in tratto e che, secondo le parole di Fuksas riportate sul sito web, costituisce: «un simbolo di leggerezza e di libertà che attraverso un segno unico, fluido e ininterrotto rappresenta la rapidità con cui le informazioni convergono da più organismi a quello centrale»

    Certo la Nuvola di Fuksas all' Eur non ha fatto una bella fine : anzi l'opera è ferma ed incompiuta.

    B.A.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)