19 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    ok per Hulnick ma io pretendo anche il tuo commento alle dichiarazioni di Blari… perd…!!! 😀

    F.

    Reply
  2. avatar
    utente anonimo at |

    .. dai che sono già in “crisi d’astinenza”.. :)

    The Jackal

    Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    ahahahah in effetti siamo tutti curiosi… anche perchè noi sappiamo pure quali altri saggi commenterà :))

    F.

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    è da un po’ che sento parlare di rivisitazioni del ciclo di intelligence, ma questo ragionamento non mi convince:

    – il ciclo di intelligence non è applicato nelle sue componenti teoriche;

    – la mancata applicazione causa inefficienze e disallineamenti tra decisore, operativo e analista;

    quindi,

    bisogna rivedere il ciclo di intelligence.

    La squadra in campo dovrebbe schierarsi con un 4-4-2, ma in realtà gioca con un 2-3-5 e stiamo perdendo 3 a 0. Quindi lo schema 4-4-2 non funziona…

    Maaah..

    Kadmos

    Reply
  5. avatar
    ilraffa at |

    Kadmos non capito bene la tua posizione.

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    É inutile dire che il ciclo di intelligence deve essere rivisto, quando la veritá mi sembra confermare che in realtá non viene applicato. Faccio fatica a trovare contesti nazionali o internazionali in cui si realizzi una vera intelligence led policing.

    Premetto (anzi post-metto) che non ho letto l’articolo, ma solo l’ottima sintesi di SILENDO, perció il tutto é IMHO…

    Kadmos

    Reply
  7. avatar
    Giano08 at |

    Kadmos che ne dici del mitico 5-5-5 ???

    :)))

    Reply
  8. avatar
    AllegraBrigata at |

    Kadmos mi sembra di capire che quindi ritieni che si tratti di un deficit, di un errore?

    Che il ciclo lo si possa realizzare ma che ciò non avviene?

    Roberto

    Reply
  9. avatar
    giovanninacci at |

    Mah… che questa visione del “ciclo” dell’intelligence sia da rivedere (profondamente) è cosa arcinota.

    Come tutte le cose arcinote è però cosa difficile a farsi. Non c’entra – a mio parere – la complicazione metodologica od organizzativa ma, torniamo sempre “a bomba”, c’entra la passività culturale…

    Il fatto è che almeno a guardare la mia – modestissima per carità – esperienza nel settore, non è che “si usa/non si usa” questo modello di “ciclo” (assolutamente riduttivo e non rappresentativo nella sua rigidissima… circolarità).

    Il fatto è che spesso “si usano” numerosissime “prassi” che assai poco hanno a che fare con un discorso scientifico di completezza, efficienza, funzionalità.

    Inoltre, sempre attingendo alla mia piccolissima esperienza personale, ho potuto constatare che questo modello di “ciclo” (quello… circolare) piace MOLTISSIMO ai decisori.

    Probabilmente proprio perchè – in un modo o nell’altro – è un modello che, alla bisogna, è facilmente… “interpretabile” – ed in una pluralità di modi – dalle parti (a favore di chi, poi, è tutto un altro discorso…).

    Probabilmente – prima di andare a studiare dei nuovi “cicli” (cosa comunque da fare subito) – è ancor prima necessario “rinverdire” (culturalmente parlando) alcuni principi di base sui rapporti “etici” che intercorrono tra decisore (politico) e supporto d’intelligence.

    Delineare cioè, con una certa precisione, quali siano ruoli, le funzioni, prerogative e attività, dell’uno e dell’altro e quanto i rispettivi ruoli, funzioni, prerogative e attività possano/debbano “incrociarsi” (il termine adeguato sarebbe forse… “miscelarsi” :))) nell’ambito del processo decisionale.

    Dopo di che, lo studio e la produzione di un modello realmente rappresentativo non dico diventi cosa facile, ma certamente più agevole.

    Ad ogni modo, io preferisco – ora e sempre – il “551”: nave Garibaldi forrever!

    😉

    cari saluti a voi tutti

    Giovanni

    Reply
  10. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ho letto l’articolo e confermo che Silendo ha effettuato un’ottima sintesi. Personalmente non mi convince affatto il modello proposto riguardo alla contro-intell. C’è qualcosa che non mi torna ma non ho ancora capito cosa.

    Penso invece che sia ben focalizzato il discorso sulla raccolta e l’analisi che scorrono parallele.

    F.

    Reply
  11. avatar
    giovanninacci at |

    Interpolando il – magnifico, per capacità e completezza – sunto di Silendo (a quanto la vendi al chilo un po’ della tua capacità di sintesi? ne prenoto sei quintali…) mi pare di intuire che nell’economia generale dell’articolo l’autore dedichi poco spazio (o comunque meno spazio) alla esposizione della sua ipotesi per la contro-intel… o sbaglio?

    Perchè in effetti di quelle cinque “azioni” messe così non si sa cosa pensarne… (meglio, non so io cosa pensarne).

    Silendo quando vuoi… illuminaci 😉

    Saluti cari a voi

    Giovanni

    Reply
  12. avatar
    AllegraBrigata at |

    Giovanni l’autore non dedica poco spazio alla CI. Diciamo che si limita a descriverla. Non approfondisce. Ma da un punto di vista quantitativo su 18 pagine di articolo almeno una decina sono su questo argomento. Silendo ne ha parlato poco perchè ha correttamente descritto solo le cose veramente rilevanti dell’articolo. Dal lato CI di rilevante, stringi stringi, c’è poco.

    f.

    Reply
  13. avatar
    Silendo at |

    Come dice Federico, Hulnick non si limita a scrivere il modellino senza spiegarlo. Anzi.

    Quindi, Giovanni, se non sai cosa pensare la colpa è mia e non dell’autore. Il quale comunque non va oltre una spiegazione, per così dire, elementare delle caratteristiche di ciascuna fase.

    Il ragionamento di Hulnick è essenzialmente quello che ho riportato.

    Egli afferma che il ciclo classico dell’intelligence non riflette comunque l’attività tipica della contro-intelligence la quale inizia con l’identificazione di una minaccia. Attività alla quale, scrive, prendono parte sia i “policy officials” che i dirigenti dei Servizi. Dopodichè parte la pianificazione con l’obiettivo della penetrazione del gruppo ostile alla quale segue l’exploitation, la raccolta informativa.

    Su questo punto Hulnick si sofferma particolarmente sottolineando la differenza tra l’attività di intelligence e quella di polizia giudiziaria, ricordando che negli States non esiste una struttura unicamente dedicata all’intelligence interna, ecc. (insomma: è pur sempre un articolo scritto da un americano… 😉 ). Parla poi del concetto di interdizione accennando anche al ruolo degli attacchi preventivi (anche qui con due occhi puntati sulle contingenze made in USA) ed infine conclude col punto e) ovvero la pubblica dichiarazione di successo. Cosa che, onestamente,non mi ha convinto minimamente.

    Ma è un po’ tutto il modello, secondo me, che è traballante.

    Come ha scritto Federico, se non sbaglio, c’è qualcosa che non mi convince. Soprattutto non riesco a vedere la sostanziale differenza tra questo modello CI ed il classico.

    Sicuramente è un mio limite però non capisco.

    Reply
  14. avatar
    giovanninacci at |

    Cari Silendo e Federico, io direi che funziona così: se non so cosa pensare la colpa non è nè dell’autore nè tantomeno di Silendo… tempo infatti che la colpa sia tutta mia :)))

    Comunque grazie di cuore per la vostra – accurata – delucidazione che in una certa misura mi conforta.

    Quel che posso dire è che la tua frase “non riesco a vedere la sostanziale differenza tra questo modello CI ed il classica” esprime benissimo anche tutta la mia perplessità.

    Ovviamente non ho letto l’articolo quindi può essere che la mia “sensazione” sia falsata o addirittua… fittizia (o semplicemente derivante dalla mia incapacità di comprendere… può semore esse;) Ma comunque leggendovi sembra che l’interrogativo sia comune…

    Saluti cari!

    Giovanni

    Reply
  15. avatar
    giovanninacci at |

    ovviamente nella prima frase non è “tempo” ma “temo”…

    chiedo venia 😉

    Reply
  16. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anche secondo me il modello proposto dall’autore del saggio non ha niente di veramente innovativo.

    Andrea

    Reply
  17. avatar
    utente anonimo at |

    Secondo me il ciclo ha avuto il pregio di facilitare l’adozione di un processo cognitivo ordinato e metodico ad una realtá altrimenti complessa. Ammetto che in alcune sue componenti possa segnare il passo, ma le deviazioni da esso non hanno portato benefici rilevanti (altrimenti illuminatemi).

    Alternative veramente valide non ne ho viste, perció prima di buttarlo via…

    Comunque i decisori che conosco io non ne sanno molto di intel-cycle.

    E poi il ciclo mi piace…lo uso tutte le mattine per andare in ufficio!!..:)

    Kadmos

    P.S.: per Giano…mica si gioca in quindici!!! (citando Speroni..)

    Reply
  18. avatar
    Silendo at |

    Kadmos, sono d’accordo con te.

    Penso però che generalmente in letteratura gli sforzi – per così dire – “revisionisti” :)) non abbiano tanto un fine ‘normativo’ quanto un fine ‘descrittivo’.

    Mi spiego meglio.

    A mio avviso la maggior parte degli studiosi che hanno scritto sull’argomento, rendendosi conto che il ciclo d’intelligence non riflette perfettamente la realtà (e su questo credo che si sia d’accordo tutti, o sbaglio?), hanno cercato modelli alternativi (generalmente correzioni del modello classico) con l’obiettivo di descrivere meglio la realtà e non di dettare dei principi da seguire.

    Per restare ad Hulnick, quando egli, in relazione alla raccolta ed all’analisi, sostiene che tendono ad essere processi paralleli più che sequenziali a mio parere descrive una realtà oggettiva. Soprattutto nel caso di burocrazie di Intelligence numericamente consistenti e molto complesse.

    Voglio dire, quindi, che secondo me gli sforzi di ‘ripensamento’ del ciclo sono tutto sommati positivi… benchè comunque il ciclo stesso resti, almeno allo stato attuale, insostituibile.

    Reply
  19. avatar
    Intelcenterblog at |

    Quanto scritto da Hulnick è interessante anche se resto dell’opinione che il problema principale del ciclo intelligence “classico” (seppure migliorabile) è quello di non essere – la maggior parte delle volte – applicato come dovrebbe. Perchè dovrebbe essere cambiato quando nella realtà il problema principale non è la teoria del ciclo bensì la sua applicazione pratica? Andiamo ai fatti. Le fasi nella realtà operativa si identificano in strutture e uomini che dovrebbero svolgere una funzione precisa ma che (poche o molte volte) vagano “a folle” (chiamatela pure anche policy-driven!) perchè:

    -il decisore non capisce un H di intelligence (figuriamoci del ciclo!):

    -le stesse strutture intelligence fanno della propria “fase” un “ciclo” a sè (per motivi che lascio a voi indovinare).

    In relazione a quanto scritto da Hulnick:

    “”Analysts do not always need new intelligence material to understand world events. The database is already so large that a competent analyst could write about most events without any more than open sources to spur the process. The incremental addition of new intelligence from human sources or technical sensors may modify the analytic process but rarely drives it”.

    – Concordo in pieno. Il problema semmai è avere un numero congruo di analisti capaci.

    Silendo:”a ciò si aggiunge che spesso le informazioni grezze (‘raw intelligence’) vengono inviate direttamente al decisore senza prima essere elaborate ed analizzate dagli analisti.”

    – Concordo in pieno. Succede spesso.

    “Hulnick quindi ritiene che le due fasi di raccolta ed analisi siano due processi che scorrono paralleli e, putroppo, spesso indipendenti l’uno dall’altro. ”

    -E’ vero.

    I prodotti di current intelligence difficilmente, secondo Hulnick, influenzano il processo decisionale. Benchè siano i più diffusi servono sostanzialmente come rapido aggiornamento quotidiano. Utilissimo complemento delle informazioni disponibili sui mass-media.

    -E’ vero.

    Cordiali saluti

    Cactus

    http://intelcenter-blog.blogspot.com

    Reply

Leave a Reply to utente anonimo Click here to cancel reply.


(obbligatorio)