11 Responses

  1. avatar
    Raffox74 at |

    Sile! Sempre di casa al CASD, eh?

    Le buone abitudini non si perdono mai… scarico il file e me lo leggo al volo! Grazie!

    Aprofitto per augurare a tutti i naviganti, attraccati a questo molo sicuro, Buon Natale e un sereno 2009.

    Reply
  2. avatar
    utente anonimo at |

    Già letto alcuni mesi fa per motivi di ricerca…In linea di massima si fa una sintesi di alcuni “oggetti” citati ed analizzati negli handbooks NATO 2001 e 2002…

    Bourne

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    …Intendevo dire che in linea di massima si fa “anche”…una sintesi di alcuni “oggetti” citati ed analizzati negli handbooks NATO 2001 e 2002…

    Altrimenti non rispetterei gli autori…

    Bourne

    Reply
  4. avatar
    Felsina at |

    Uhm, concordo con Bourne.

    Comunque grazie Silendo per questo bel reagalo natalizio :))

    Reply
  5. avatar
    Giano08 at |

    quindi lo consigliate?

    auguri a te raffox 😉

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    Si è consigliabile, puer tenendo presente il limite conseguente alla non esaustività oggettiva. Comunque è un lavoro che fa bene agli studi specifici visto e considerato che la maggior parte della letteratura dedicata è di origine angloamericana. Va quindi accolto positivamente proprio perchè risulta essere un prodotto scritto nell’idioma nostrano.

    Bourne

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Auguri a tutti e buone letture durante le feste (è il momento migliore tra una libagione e un altra, i figli che ti fanno montare lego fantasceintifici etc)). Consiglio l’ultimo libro che sto’ leggendo “Insurgents, Terrorists and Militias” di Shultz & Dew.

    PS: lasciate perdere questa pubblicazione del “nostro CASD”, vi sono alternative migliori in giro (come sono cattivo a Natale..! …e adesso non “mangiatemi” per esser stato blasfemo…). Se poi magari invece di questo riassunto della dottrina NATO e USA relativa all’OSINT facessero uno studio su quella nazionale(?) sarebbe molto meglio (ma ci sarebbe da scrivere su un pezzo di carta bianco e comporta lavoro).

    Cactus

    http//:intelcenter-blog.blogspot.com

    Reply
  8. avatar
    AllegraBrigata at |

    D’accordo con Cactus sul buon livello del libro da lui segnalato.

    Auguri a tutti, ragazzi.

    Vittorio

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    D’accordo conte cactus: io mi riferivo semplicemete al lodevole “minimo sforzo” fatto qui in Italia…In questo caso in ambito CEMISS dai due autori italiani…Ecco cosa vedo di positivo in quel lavoro…

    Bourne

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    Mi aggiungo a Vittorio. Il libro di Shultz è uno dei migliori sull’argomento usciti negli ultimi anni.

    Reply
  11. avatar
    giovanninacci at |

    NotiziUola di costume: per cause del tutto fortuite (leggi ampio cazzeggio nella banale ricerca con Google…) dopo più di un anno da questo post, scopro – non senza sorpresa – di essere citato, in bibliografia e in nota, dall’autore di questo paper, che a questo punto ringrazio di cuore pubblicamente (più che altro per la buona dose di coraggio dimostrato con il suo -apprezzatissimo- gesto, che spero davvero non abbia cagionato effetti negativi sulla sua carriera… :)))

    Beh, ecco, insomma… son cose che fanno sempre piacere :)

    Saluti cari a tutti voi

    Giovanni

    P.S.: sapete… sono da poco in pensione, perciò spero mi perdonerete questi "2 minuti" di notorietà… :))

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)