10 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    Silendo carissimo,

    hai notato come nell’articolo del sole24ore sulla proposta del Gruppo 2003 si legga “..all’estero ci sono numerosi ed efficaci modelli da imitare: si tratta di importare in italia l’ “acqua calda”” ?

    Conosco almeno due persone che – magari a cena di fronte a una pizza, disquisendo sulla NON necessità di reinventare da capo cose che esistono già – hanno usato quasi gli stessi termini. Se non proprio gli stessi.

    Deve esser diventata un “bene di lusso”… l’acqua calda.

    Salutoni

    Giovanni

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    … ho pensato la stessa cosa… 😉

    Reply
  3. avatar
    daniele67 at |

    ed aggiungo io: come mai (sempre se ho capito bene!!!) alcune banche..non ce la fanno(!) ed altre vengono “salvate”???? dipenderà dai nomi dei correntisti???? mah!!! meno male che l’economia non mi piace….

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    mmmmmm… “omissis”…

    Giovanni

    Reply
  5. avatar
    Raffox74 at |

    La mia riflessione da ‘buonista’ in prosposito è che un Governo, in linea generale, sia più propenso ad aiutare quelle banche caratterizzate da una buona amministrazione e lasciar fallire quelle invece la cui amministrazione si è rivelata pessima (vuoi per sciacallaggio, per banchieri pescecani, o per OPA marce e infingarde). D’altronde ci sono banche con buone amministrazioni che non hanno da temere riguardo la recessione e altre che, pur avendo un altrettanto valida amministrazione, necessitano comunque di un supporto…

    Reply
  6. avatar
    Raffox74 at |

    La mia riflessione in proposito, caro Daniele, è che il governo sia più propenso ad aiutare quelle banche caratterizzate da una buona amministrazione piuttosto che altre, le cui amministrazioni vivono di scacallaggio, controllate da banchieri ‘pescecani’ o che si buttano su operazioni finanziarie poco raccomandabili (tipo le OPA, tanto care all’attuale e al precedente Governatore della Banca d’Italia, ad esempio).

    Certo poi occorrerebbe fare un distinguo tra banche con buone amministrazioni che non hanno da temere alcuna recessione e altre invece che, pur avendo buone amministrazioni, necessitano comunque di un aiuto…

    Reply
  7. avatar
    Raffox74 at |

    e vabbè… scusate il doppio post.

    Reply
  8. avatar
    daniele67 at |

    raffox!!!

    animo nobile!!!:-)

    mi piacerebbe che tu avessi ragione, anzi sicuramente è cosi!!! io in materia economia sono apena sufficente e più che…diffidente!!!

    ma non avevo preso in considerazione la tua riflessione!!!:-)

    grazie!!!

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    Raffox, purtroppo non è assolutamente come dici tu :)

    Sottolineo il “purtroppo”.

    La crisi attuale è manifestazione dell’esatto contrario. La politica, i Governi, tendono a tutelare i propri amici e non premiano il merito e la buona governance di banche o aziende. Anzi, per questo motivo si crea un meccanismo perverso per cui sono proprio coloro che le hanno combinate più grosse che, alla fine, la passano liscia.

    Federico

    Reply
  10. avatar
    Raffox74 at |

    Certo Fede, per questo infatti dicevo ‘da buonista’ nel primo post…

    Il mondo e’ peggio di quel che sembra.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)