200 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |

    il fatto che non ci sia nessun commento è indice dello scarso interesse dell’argomento :-]]]]]]]]

    Reply
  2. avatar
    AllegraBrigata at |

    Oppure dell’omertà diffusa o del fatto che sono tutti al mare :))))

    Federico

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    professionista serio e preparato…un servitore della repubblica…stessa scuola di calipari…brutta cosa la seconda scelta però…

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    Questa notizia di repubblica (sempre che sia fondata) non fa che confermare la concezione distorta che nel nostro Bel Paese si ha dell’Intelligence…nel caso specifico si continua a credere che l’Aisi sia una sorta di SuperPolizia, quando per quale tipo di attività info-investigativa e di contrasto vi sono Dia, Ros, Sco etc.

    barry lyndon

    Reply
  5. avatar
    utente anonimo at |

    errata corrige

    al posto di “quale” va “tale”

    barry lyndon

    Reply
  6. avatar
    Giano08 at |

    barry lyndon, quando c’hai ragione…! non sai quanto!!!!

    saluti

    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    barry, fino a quando non cambieranno gli uomini l’intelligence continuerà ad essere monopolio di forze di polizia e forze armate 😉

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    guardate che sta succedendo questi giorni, continuano ad entrare civili (senza concorso alcuno, ma solo col concorso del blasone familiare)

    Reply
  9. avatar
    Giano08 at |

    ???

    qualche dettaglio in più? :)

    saluti

    Reply
  10. avatar
    AllegraBrigata at |

    … per esempio la foto del blasone…

    :))

    Enrico

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Ma è ovvio e normale che il 99% degli agenti provenga dalle Forze di Polizia o dalle Forze Armate. Che facciamo se no ci mettiamo i bambini senza alcuna esperienza. E che stimo a pettinare le bambole?

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    peccato che dalle forze di polizia/forze armate non provengano solo il 99 % degli agenti operativi, ma anche buona parte degli analisti e dei vertici.

    barry lyndon

    Reply
  13. avatar
    Giano08 at |

    ecco un altro che pensa che l’intelligence sia di diretto appannaggio delle forze dell’ordine…

    è per questo forse che stanno in uno stato discutibile………….

    saluti

    Reply
  14. avatar
    Silendo at |

    Anonimo, senza assolutamente alcun intento polemico, l’intelligence è cosa diversa, molto diversa, dalla polizia giudiziaria.

    I poliziotti (i carabinieri, i finanzieri) sono professionisti sicuramente nella seconda. Non è altrettanto sicuro che lo siano (automaticamente) nella prima 😉

    Se invece tu ritieni che le due cose (intelligence e polizia giudiziaria) siano sovrapponibili allora nulla quaestio :)

    Reply
  15. avatar
    AllegraBrigata at |

    mah anonimo, mah…. 😉

    Sei proprio sicuro che dalle forze di polizia vengano “uomini con esperienza” ??????? :)

    Enrico

    Reply
  16. avatar
    utente anonimo at |

    Volevo Scusarmi con Silendo per il P.S. lasciato che poteva essere frainteso ma non voleva essere non riconoscente per le indicazioni date.

    Ho trovato interessante questa pubblicazione un po’ datata

    “L’Amministrazione Invisibile. I problemi giuridici dell’apparato dei servizi segreti” di Fragola Umberto

    Edizioni Scientifiche Italiane

    Pag.: 176 ISBN: 8881145162

    Data pubblicazione: 1998

    Dovrebbero essere interssantanti le pubblicazioni dello stesso Autore su Rivista Amministrativa della Repubblica Italiana (ndr. una in particolare)

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  17. avatar
    Silendo at |

    :)) tranquillo Babbano. Proprio non c’è mai stato alcun problema 😉

    Reply
  18. avatar
    Giano08 at |

    a proposito di sto post, ma poi cavaliere che fine ha fatto?

    e gli altri vice?

    saluti

    Reply
  19. avatar
    daniele67 at |

    Enrico…dubiti dell’esperienza degli appartenenti FFAA nel campo intelligence???ma scherzi!!! conosco esperti di fama internazionale nella FUMINT….:-)

    daniele

    Reply
  20. avatar
    utente anonimo at |

    a fine mese le nomine

    Reply
  21. avatar
    Giano08 at |

    so 2 mesi che dicono “a fine mese le nomine” :))

    oppure, meglio ancora, “o questa settimana o entro la fine del mese” (??? cio’ quando capita! ahahah)

    cmq grazie dell’info

    saluti

    Reply
  22. avatar
    utente anonimo at |

    x Daniele :

    Forse intendevi scrivere HUMINT no FUMINT ?

    Se così non fosse non conosco il termine un po’ FUM…OSO per me.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  23. avatar
    Silendo at |

    Credo che Daniele intendesse dire proprio quello: FUMOS…INT :))

    Reply
  24. avatar
    daniele67 at |

    Cari babbano e silendo…mi riferivo proprio a quella!!! volendo fare un convegno…ne conosco a decine di esperti!!!!:)

    daniele

    Reply
  25. avatar
    utente anonimo at |

    Dicesi FUMOSINT quella attività – totalmente automatica – orientata alla intercettazione, scoperta, e acquisizione forzosa di tracce ematiche estratte (mining…) da povere malcapitate fonti ignare. L’acronimo deriva da: “F-ull U-nmanned MOS-quito INT-elligence” (fonte: wikipiede.mos)

    P.S.: scusate, non ho potuto resistere :-)

    Cari saluti a voi.

    Giovanni

    Reply
  26. avatar
    daniele67 at |

    GRANDE!!!

    ciao Giovanni!!

    Daniele

    Reply
  27. avatar
    utente anonimo at |

    Eh Eh Daniele… quando si dice che uno ha cOltura…

    Ciao!

    Giovanni

    Reply
  28. avatar
    utente anonimo at |

    ma il commento che ho lasciato, dove lo pubblicate?

    ciao Cesare

    Reply
  29. avatar
    utente anonimo at |

    Voi pensate che stare nei servizi di sicurezza sia come stare in ufficio? vi sbagliate, io che ne ho ho fatto parte per 25 anni, ho avuto il coraggio di fargli capire al quel incpotente del precedente direttore, che, per fare il capo bisogna avere le palle e non le raccomandazioni, come lui le ha avuto, da misero vice questore a prefetto. Per ricompensa mi ha restituito ad altra amministrazione.

    Reply
  30. avatar
    Silendo at |

    Ciao Cesare :)

    A quale commento ti riferisci?

    Reply
  31. avatar
    utente anonimo at |

    Ho commentato la situazione del pesronale che fa servizio agli OO.II, ed ho notato che vi sono molte attenzioni, a quello che è il modno dei servizi di sicurezza, e qualch’uno ha giustamente fatto commentato positivo o negativo. Ma mi chiedo costoro hanno mai fatto parte di queste organizzazioni?

    Reply
  32. avatar
    Silendo at |

    Da parte mia posso dirti che diversi utenti gravitano in questo ambiente.

    Reply
  33. avatar
    utente anonimo at |

    Vedi, Silendo, un conto è gravitare, un’altro e viverci per 25 anni come io ho fatto. Con tante soddisfazioni professionali e tante delusioni.

    Reply
  34. avatar
    Giano08 at |

    caro utente 33 (cesare?), ma tu come la vedi? non ho letto il tuo commento.

    ma da quello che leggo credo che tu sia un “civile”.

    saluti

    Reply
  35. avatar
    utente anonimo at |

    IO provengo da un corpo di polizia. Le riforme non sono mai tanto chiare, un conto la legge un conto i decreti attuattivi, cioè quelli che nessuno mai vedrà.

    Un Istituto come quello dei Servizi, è una cosa molto elastica, e troppo seria, dove tutti ci mettono le mani, in particolare la classe politica.

    Reply
  36. avatar
    Silendo at |

    Anonimo, non ne stavo facendo una questione di confronto tra esperienze :)

    Rispondevo a quella che mi sembrava una tua domanda.

    Riguardo al “gravitare” intendevo dire che ci sono utenti con una certa esperienza diretta in materia.

    Tutto qui :)

    Reply
  37. avatar
    utente anonimo at |

    Allora siamo colleghi? io sono fuori da qualche mese. Ma come ho potuto leggere, più o meno qualche verità cè. La nuova legge, con i decreti attuativi (cd regolamento) mi auguro che siano fatti in modo di tutelare il personale, e non per dare la totale decisione ad un direttore che puoi stragli sulle palle, perchè non sei raccomandato

    Reply
  38. avatar
    utente anonimo at |

    A prescindere dalle esperienze personali (siano esse positive o negative), anche se può non andar bene, io ritengo che sia giustissimo e rientri tra i compiti di un direttore lo scegliere o meno l’impiego per un appartenente ai servizi; come dire: se non ti va bene, puoi sempre andartene….

    e poi…”USI UBBIDIR TACENDO E TACENDO MORIR”

    saluti ai vari millantatori…e da quel che leggo, qui sembrano essercene molti…

    MBC

    Reply
  39. avatar
    AllegraBrigata at |

    Lo penso pure io, altrimenti che fine farebbero le prerogative del comando.

    Roberto

    Reply
  40. avatar
    utente anonimo at |

    Caro MBC, certo, e nella discrezionalità del direttore tenersi quelli che vuole, ma, non mi sembra che sia tanto imparziale nel giudicare.

    E quella frase va bene per quel corpo di polizia, e non certamente per una istituzione quali sono gli OO.II, mi pare che millantare, ci sia poco, e credo che sia tu a millantare una appartenenza che non ti spetta. Io certamente non ti racconterò quello che ho fatto, perchè, nella tua esperienza, non potrai mai arrivarci, scusa la franchezza, ma per lo stellone ho dato più di quanto pensi, e senza ottenere nulla.

    Cesare :(

    Reply
  41. avatar
    utente anonimo at |

    Credo che qualch’uno, dovrebbe leggere ed imparare da quelli sono stati i test di “Milgram”, e che certe Istituzioni bene farebbero ad attuare prima di assumere dei raccomandati, “zavorra del sistema”.

    Cesare

    Reply
  42. avatar
    Giano08 at |

    la discussione si fa insolitamente greve.

    intanto, caro MBC, qui da quando ci bazzico ho visto passare molta gente. ma di millantatori certi, nessuno. poi certo.. i “convintoni” ci stanno sempre. come anche quelli che scrivono per il gusto della zizzania (in gergo internet, i “troll”), ma cmq sono pochi casi.

    quanto all’anonimo (che mi pare di capire che sia cesare), posso dirti che personalmente non sono d’accordo con quello che ha fatto il precedente direttore, perchè da quel poco che ho saputo (e da fonti mediatiche, nulla di riservato) ha fatto epurazioni per motivi diversi dalla “funzionalità” dell’organo. e questo non sta bene, soprattutto perchè – sempre da quel che lessi – molto fango è stato gettato su persone per bene.

    ma resta un fatto, come dice pure il brigatista, e come diceva anche il Picconatore tempo fa, che “ci mancherebbe se un direttore non avesse la prerogativa di scegliersi le persone di cui si fida”.

    ecco.. però sarebbe il caso di controbilanciare giusto un pò i suoi poteri (magari con i vice) per evitare di scegliersi gente che più che brava e dello stesso colore o famiglia. parlo in generale, anche perché credo che questo sia il problema dei servizi (tra i tanti problemi che abbiano in Italia) dalla notte dei tempi.

    cari saluti e non vi bastonate troppo.

    Reply
  43. avatar
    Silendo at |

    Beh… senza entrare in polemiche personali credo che chiunque concordi sul fatto che il direttore di una qualunque struttura (pubblica o privata, Servizi e non) debba disporre del potere di collocare il proprio personale ma anche che, tale potere, sia ‘inquadrato’ da un punto di vista normativo.

    Insomma, che sia esercitato all’interno di determinate regole stabilite con chiarezza e ex ante.

    Reply
  44. avatar
    AllegraBrigata at |

    Difatti non si può non essere d’accordo. L’esercizio del potere non può essere imbrigliato all’interno di parametri rigidissimi, altrimenti si corre il rischio, di fatto, di eliminare tali suddette prerogative. Ma sicuramente regole ce ne devono essere altrimenti si è nel campo dell’arbitrio.

    R.

    Reply
  45. avatar
    utente anonimo at |

    Tutta verità!!!! Occorrono regole (che attualmente ci sarebbero ma non vengono applicate) che stabiliscano chi, come e perchè portarsi qualcuno….

    Mi sorge solo un piccolissimo dubbio…. Come mai si assiste recentemente ad una fuga di MOLTI Carabinieri dal Comando Generale (e non da eventuali organi specializzati) all’AISI? Sarà mica per via del nuovo direttore? Noooooooooooooo.

    MBC

    P.S.: Mi scuso per il mio precedente saluto sui millantatori ma non c’era nessuna critica, era solo un battuta!!

    Reply
  46. avatar
    utente anonimo at |

    chi sarà il nuovo vice direttore?

    Reply
  47. avatar
    Giano08 at |

    MBC scusa, ma perché a ti risulta che ci sia un carabineire come vice? saluti

    Reply
  48. avatar
    utente anonimo at |

    Per chi non fosse aggiornato sul nuovo organigramma, ci saranno tre vice direttori, due che provengono dall’esterno (nomina politica) ed uno che viene dall’interno della struttura. Per poi dire dei Capi Reparto (tirate ad indovinare quanti)….

    All’AISI, prima erano assunti in maggioranza polizia, ora in gran numero carabinieri. E’ su questo che bisogna riflettere, perchè ogni volta che cambia il direttore, ci sono le epurazioni per fare posto ai soliti….. raccomandati!

    Ne ho visto di tutti i colori, quando ci lavoravo io……..

    Cesare

    Reply
  49. avatar
    utente anonimo at |

    ma quando sarà operativa effettivamente la nuova struttura?!…voci di corridoio dicono che ai primi di Dicembre si dovrebbe iniziare con il nuovo Organigramma, ancora in fase di sviluppo/lavorazione in questi giorni e per le prossime settimane. qualcuno ha notizie attendibili al riguardo?!

    Reply
  50. avatar
    utente anonimo at |

    Stanno lavorando sottobanco, cercando di rimediare alle denunce accumulate da quell’incompetente di precedente direttore,per chi non lo sapesse Gabrielli è a spasso e non sanno dove metterlo, visti i risultati, che non ha fatto che sfasciare tutto, come e la prassi del sistema comunista, per poter meglio controllare la struttura con uomini di partito.

    Cesare

    Reply
  51. avatar
    utente anonimo at |

    Cesare, ma secondo la tua esperienza diretta, a quando l’effettivo inizio della nuova struttura con tutto il vertice designato ed operativo a lavorare?

    Reply
  52. avatar
    utente anonimo at |

    Non meno di sei mesi, ci sono le nuove competenze dell’AISI che è il CS, il che significa o trasferire quelli dell’AISE e nel contempo preparare quelli dell’AISI, che di questa materia non ne masticano neanche a bastonate (e sono convinto di questo).

    Ci saranno le nuove riorganizzazioni nel territorio nazionale, che secondo la legge 124, ci dovrebbe stare solo AISI.

    Ma non dimentichiamo, che lì’AISE, ha un esprienza di quasi cent’anni.

    E poi voglio essere anche sincero: per farli funzionare ci vuole gente motivata, e che abbia la garanzia di starci al servizio, e non che il rpimo direttore che arriva ti fa sloggiare.

    Cesare

    Reply
  53. avatar
    utente anonimo at |

    che delusione, ho sempre pensato ai servizi come ad una organizzazione altamente motivata, leggendo e documentandomi sulla loro storia, ma a sentire voi ci sono troppi raccomandati che sminuiscono il lavoro di tanti, cosa si puo’ fare???????

    grazie per questo blog

    Reply
  54. avatar
    Giano08 at |

    io non dico nulla…

    sennò mi ridanno del cinico/pessimista/disfattista/ecc

    :)))))

    Reply
  55. avatar
    utente anonimo at |

    Non è questione di cinismo, ma la realtà e che quelle Istituzioni, dopo la riforma del 78, cioè la legge 801, sono state altamente inquinate politicamente. Tenendo presente che in Italia cè sempre stato lo spauracchio del cosiddetto colpo di stato. Frammentanto il potere, si controllo tutta l’attività ed il potere politico ha ottenuto quello che voleva.

    Comunque sia, vi sono anche aspetti positivi, culturalemnte e professionalmente.

    Cesare :-)

    Reply
  56. avatar
    utente anonimo at |

    delucidazioni sulle specifiche mansioni dell’ufficio ispettivo del DIS?

    sigrid

    Reply
  57. avatar
    utente anonimo at |

    Per anonimo:

    Il DIS esercita il controllo sull’AISE e sull’AISI, verificando la conformità delle attività di informazione per la sicurezza alle leggi e ai regolamenti, nonché alle direttive e alle disposizioni del Presidente del Consiglio dei ministri. Per tale finalità, presso il DIS è istituito un ufficio ispettivo le cui modalità di organizzazione e di funzionamento sono definite con il regolamento di cui al comma 7. L’ufficio ispettivo, nell’ambito delle competenze definite con il predetto regolamento, può svolgere, anche a richiesta del direttore generale del DIS, autorizzato dal Presidente del Consiglio dei ministri, inchieste interne su specifici episodi e comportamenti verificatisi nell’ambito dei servizi di sicurezza.

    Cesare :-)

    Reply
  58. avatar
    utente anonimo at |

    il msg per Sigfrid. Scusa.

    cesare

    Reply
  59. avatar
    utente anonimo at |

    avendo la legge di riforma definito una più incisiva competenza del DIS in che termini viene modificato l’utilizzo di questi ispettori se così li possiamo chiamare.

    Ho capito la ratio ed il dettato della norma, vorrei capire tali ispettori “cosa fanno” quotidianamente, in che modo interagiscono con il personale delle due Agenzie. Scusate per l’approccio certamente poco tecnico…

    complimenti silendo.

    grazie cesare

    sigrid

    Reply
  60. avatar
    Silendo at |

    Grazie Sigrid e benvenuto sul blog.

    Da parte mia posso dirti che, a quanto so io, l’Ufficio ispettivo ancora non è stato costituito 😉

    Reply
  61. avatar
    utente anonimo at |

    Per quanto concerne gli OO.II, con la nuova legge verrà anche determinato l’organico effettivo AISI AISE, come strutture operative , mentre il DIS, avrà il compito della gestione amm.va e logistica.

    Per i nuovi assunti, con la nuova legge, per loro, verrà formalizzato l’incarico: amm.vo od operativo. Ovviamente anche con la differenza di stipendio.

    L’Ufficio Ispettivo, era ora che ve ne fosse solo uno, visto che prima ognuno aveva il suo. E speriamo che stavoltà abbia veramente la funzione che gli spetta.

    Cesare

    Reply
  62. avatar
    utente anonimo at |

    Cesare, quando pensi che inizieranno le nuove assunzioni?sto benedetto turn over è in atto o dibbiamo aspettare i tempi biblici romani prima che inizi a muoversi qualcosa?

    Reply
  63. avatar
    utente anonimo at |

    Caro utente 62, le assunzioni non si sono mai fermate, di conseguenze e di fatto non esiste un bando di concorso pubblico, dove tu puoi fare la domanda. Poi dipendente se tu già lavori per lo Stato o no.

    Il turn over è una cosa che lascia il tempo che trova, non fare affidamento a quello.

    Di che zona sei?

    Cesare

    Reply
  64. avatar
    utente anonimo at |

    Utente 62, conosco colleghi che hanno fatto le visite a settembre e sono stati chiamati in sede ad ottobre x l’esito delle visite e sono in attesa di chiamata… sembra che i giochi siano oramai stati fatti…

    Si parla di un centinaio di nuovi immessi (aisi) già decisi e decretati

    Reply
  65. avatar
    Giano08 at |

    utente 62, ma vorresti essere trasferito o preso dell’esterno?

    se è possibile chiedere eh…

    saluti

    Reply
  66. avatar
    utente anonimo at |

    Abbiamo già finito di scrivere su un argomento, quale sono gli OO.II, che all’inizio sembrava di tanto interesse.

    E, tu, Silendo, che ti interessi di queste tematiche, come pensi sià il futuro, migliore o peggiore con la nuova legge?

    Ciao Cesare

    Reply
  67. avatar
    AllegraBrigata at |

    “interessi di queste tematiche” è un concetto che, diGiamo, lo sottodimensiona ;))

    F.

    Reply
  68. avatar
    Silendo at |

    Beh, Cesare… i settori “coperti” dalla legge di riforma sono diversi…

    Esprimere un giudizio complessivo non è facile.

    Personalmente, come ho già scritto diverse volte in passato, ritengo che il punto nodale per un buon funzionamento di un moderno apparato di intelligence sia la “professionalizzazione” dello stesso (strutture e uomini).

    La base della professionalizzazione è la selezione del personale, la formazione e la progressione di carriera.

    La legge detta dei principi generali (mooooolto generali) rimandando ai regolamenti. Un giudizio, quindi, dovrebbe riguardare più i regolamenti che non la legge stessa.

    Sui regolamenti girano molte voci ma siccome si ragiona sui fatti e non sul “si dice” preferisco astenermi :)

    Poi ci sono altre cose importanti e, a mio avviso, degne di nota.

    Per esempio il rafforzamento del DIS (che secondo me è positivo), il (tendenziale..) passaggio di metà del CS dall’ex Sismi all’ex Sisde, la creazione dell’Ufficio Ispettivo, il rafforzamento del Comitato di Controllo (che qualcuno vorrebbe ulteriormente rafforzare…), ecc.

    Come ogni legge è perfettibile e tante cose andrebbero “completate”. Per esempio trovo che sia la norma primaria che la norma attuativa, in materia di Segreto di Stato, abbiano qualche “vulnus” (penso alla questione dell’accesso agli archivi e all’obbligo di riversare gli archivi di certi apparati nell’Archivio Centrale di Stato, ecc…).

    Dopotutto però considero la 124 un passo avanti.

    Reply
  69. avatar
    Giano08 at |

    Cesare,

    ma quindi tu ti sei “arreso”?

    saluti

    Reply
  70. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao Giano08, arrendersi mai! ma vedi, in quell’ambiente, le cose vanno come desiderano i politici: assunzioni, promozioni, epurazioni, purghe, solo nei confronti dei poveri cristi, che per scelta non hanno raccomandazioni, e comunque, sei destinato a soccombere. Io, ti dirò, che un pò di amarezza mi è rimasta, dopo quello che gli ho dato, come si suol dire, e come dicono nel nord Italia: e la legge del menga……

    A quelli che vogliono affacciarsi in quell’ambiente, dico, siate pronti a tutto, pure a tapparvi il naso, da quello che vedrete e sentirete. Non esistono gli ideali, i miei li ho perduti, anzi, per essere preciso, li avevo messi davanti alla mia vita, in e per conto del mio paese (paese in minuscolo), oggi dico, e con il senno di poi, che non mi frega nulla, e la mia vita, o quello che mi resta, non la darò mai più a questa nazione.

    Reply
  71. avatar
    ga78 at |

    ciao a tutti,

    il pensiero che vi siamo concorsi,o che vi si pensase a ciò,sarebbe stato troppo ingenuo,per tutti quegli aspiranti “007”!E’ normale,dal mio avviso che,le assunzioni non hanno tempo,ovvero non avranno limiti di tempo ridotti!…Allora,mi sorge solo una domanda,…i civili,verranno realmente reclutati,…o no?

    Reply
  72. avatar
    AllegraBrigata at |

    Un attimo, c’è un grande malinteso. Si parla di concorsi come se si dovessero fare concorsi nello stile classico. Non è così.

    Forse il termine “selezione” rende meglio l’idea.

    Necessita fare una selezione sulla base di alcuni criteri stabiliti e tramite una procedura regolamentata.

    Aprire agli esterni è vitale per i Servizi!! Qui c’è chi può spiegare il perchè molto meglio del sottoscritto (e l’ha già fatto diverse volte).

    A parole tutti sembrano convinti…. vedremo i fatti.

    Enrico

    Reply
  73. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao utente 71 (amico suona meglio), in futuro, non so quando, i posti saranno privileggiati per l’assunzione dei cd civili, cioè, persone che non provengono da un’altra amminstrazione dello stato.

    Tale idea, non è male, in quanto si vuole formare degli specialisti di intelligence, in un arco di tempo di almeno 5 anni, e la cosa gli verrebbe anche meglio, poichè formare una persona con pensieri e preconcetti, come quelli che provengono dale FF.PP e FF.AA, che quelli saranno specialisti, in minina parte, di determinate situazioni, viene un po in salita.

    Mi auguro che, chi fa la domanda per essere preso in lista di attesa, la selezione sia fatta con criteri diversi da quelli ancora in uso…

    Cesare

    Reply
  74. avatar
    ga78 at |

    ono d’accordissimo con te Enrico,..è per questo che ho specificato che la parole concorsi,inteso in modo tradizionale,sarebbe stata troppo ingenua come parole!…e si,..il termine giusto è reclutamento e selezione.

    Reply
  75. avatar
    utente anonimo at |

    quando i nuovi vice direttori? e chi?

    Reply
  76. avatar
    ga78 at |

    Ciao Cesare,

    ho digitato male,..io sono una Lei!!!ahahahah!!!Comunque grazie mille per le tue info!

    Reply
  77. avatar
    utente anonimo at |

    I vice direttori: questo Governo non ha fretta, ha ancora tempo per decidere, e chi sarà, salvo diversi intoppi, restera in carica per la legislatura.

    Cesare

    Reply
  78. avatar
    utente anonimo at |

    i vecchi sono stati già trasferiti

    Reply
  79. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ooooooooh…. ma che bello!!! Un’altra femminuccia tra di noi :))

    F.

    Reply
  80. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao Ga78, se sei tu quella che scrive su crimelist, direi che hai tutti i punti per diventare una buona analista.

    Cesare

    Reply
  81. avatar
    ga78 at |

    Si sono io!!…grazie per i complimenti Cesare!:-)Sono la moderatrice del sito!

    Reply
  82. avatar
    AllegraBrigata at |

    Federico stai buono :)

    Ciao GA e benvenuta tra noi.

    Roberto

    Reply
  83. avatar
    ga78 at |

    Grazie mille Roberto! :-)

    Reply
  84. avatar
    utente anonimo at |

    Vedo che tra noi, cè ga78, che studia, quelli che sono stati i fenomeni del passato italiano. Un passato, che ha insgenato molto su come combattere e fronteggiare certe situazioni. Ma non del tutto scemato, in quanto, benchè le condizioni attuali non consentono di riproporsi come prima, ma cè ancora qualche nostalgico che fa proselitismo tra i ragazzi, dove, questi si galvanizzano.

    Cesare

    Reply
  85. avatar
    ilraffa at |

    Sul fronte dell’antiterrorismo, in Italia, non siamo messi male. Sono altri i settori sguarniti.

    Reply
  86. avatar
    ga78 at |

    Cesare,che pubblicità!!Comunque concordo in pieno con te!..Ho sempre pensato che la storia la si deve comprendere,..perchè solo così puoi capirne l’evoluzione e la sua direzione!e questo vale per tutti queg’organi statalii e non che hanno caratteerizzato il nostro Paese!…

    Reply
  87. avatar
    ga78 at |

    Hai letto il mio commento sugli scontri,…vedo!

    Reply
  88. avatar
    utente anonimo at |

    Siete una bella e simpatica compagnia, ma purtroppo debbo lasciarvi. Avremo modo di sentirci ancora, un caro saluto da Cesare

    Reply
  89. avatar
    ga78 at |

    grazie a te!A presto Cesare!e Buona giornata

    Reply
  90. avatar
    ilraffa at |

    Ciao Cesare

    Reply
  91. avatar
    Giano08 at |

    caro Cesare, anche non facendo parti di nessuna compagine, capisco bene che dici, l’ho visto da vicino, conosco la tua situazione (non certo la tua in specie..) e posso intuire (credo) quello che passi e pensi. non dico cerco che lo capisco.

    sarebbe un peccato cmq se, dopo tanto tempo, disperdessi la tua professionalità… visto che in 25 anni… credo che qualcosa l’hai capita! 😉

    per il resto, non so che cosa abbia scritto GA (a proposito, saluti e benvenuta), ma posso intuirlo.

    Vista la “gestione della piazza”, visto i fermenti che stanno riuscendo in questi giorni, visto il movimento ampio (e polarizzato dal punto di vista politico e ideologico… e anche sotto quello di una cattiva, pessima informazione), vista SOPRATTUTTO la condizione di praticamente extraparlamentarismo della sinistra (il brodo perfetto per concepire azioni di “rincoquista di spazi di agibilità”, azioni che di rado sono dimostrative) ora… non è difficile prevedere un “rinvigorimento” di certi rimasugli storici, grazie anche ad una possibile aggregazione dovuta allo spostamento, traslazione, verso sinistra di tutte le varie componenti movimentiste presenti (dai semplici collettivi, agli autonomi, ai centri sociali, fino a quelli più virulenti che sono da tempo attenzionati perché già da prima di questa fase avevano “strane simpatie”… chissà che possono pensare ora, in quelle teste bacate..).

    nel controterrorismo (rosso in particolare) un nome, ameno uno dico, io lo conoscono, ho letto di lui, e ho avuto conferme della sua bravura da gente seria. ma mi risulta si stato fatto fuori.

    ma in compenso non sono per nulla certo che sia stato ben ripiazzato…

    andiamo bene…

    saluti a tutti e per i concorsi, ci sta poco da fare: se si faranno, sempre se, saranno sempre a diretto appannaggio politico (anche se, ovviamente, almeno la faccia la vogliono salvare, una laurea… si chiede a tutti, no? :)

    ciao, firmato: l’Ottimista! ahahah

    :)

    Reply
  92. avatar
    AllegraBrigata at |

    Quando fate paragoni tra i due periodi non dimenticatevi mai della “storia non ufficiale”. Di quella parte FONDAMENTALE di fatti che è stata poco raccontata e che purtroppo è conosciuta dai pochi, veri, esperti in materia.

    Il terrorismo allora potà attecchire grazie a complicità, connivenze e agganci che abbastanza difficilmente potranno ripresentarsi adesso.

    F.

    Reply
  93. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao F., dici bene, la storia è diversa da quella che la maggior parte delle persone ha potuto leggere. La mala pianta del terrorismo che ha colpito l’italia (francia e Germania dal 1970 in poi), a partire dal dopo guerra, delle vere e proprie bande organizate, erano pronte a tutto, al fine di far passare l’Italia sotto il controllo comunista.

    Ma il maggiore impulso terrostico si ha dal 70 in poi, per poi raggiungere l’apice verso il 1980, dove il pullulare di gruppi eversivi di sinistra avevano tanta di quella disponibilità di armi e di soldi, soldi che non tutti provenivano da rapine per autofinanziarsi, ma avevano dei contatti esterni e nazionali che li foraggiavano.

    E per esperienza diretta, affermo che non erano tanto disorganizzati nel settore logistico.

    E credo anzi affermo, che grazie alla capacità di uomini come il Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa, e della squadra da lui formata(CC, PS e GdiF), si è dato un vero impulso nel debellare il terrorismo, e come? semplice facendo in modo che i terroristi si pentissero, e con questo sistema ha stroncato in buona parte l’eversione, anticipando di almeno 10 anni, quasi l’azzeramento totale.

    Cesare

    PS: resta inteso che il risultato è stato ottenuto grazie, alla sua determinazione e coraggio, coraggio di dire ai politici fuori dai cog….. voi fate le leggi, come quella sulle cessione dei fabbricati egli sconti per i terroristi pentiti.

    Reply
  94. avatar
    AllegraBrigata at |

    Quello che dici è sicuramente vero ed infatti mi riferivo anche a questo aspetto ma non solo.

    E’ brutto dirlo ma sono sempre più convinto che da parte dello Stato (di alcuni suoi soggetti ed apparati ovviamente) vi sia stata in diverse occasioni una volontaria sottovalutazione del fenoemno. Credo insomma che la cosa sia stata lasciata marcire volutamente, spesso e volentieri. Per motivi che non sono molto edificanti.

    Quando poi si è raggiunto l’apice e questi soggetti hanno capito che si stava superando un limite (per loro) pericoloso allora hanno dato via libera alle attività di anti-terrorismo. Questa è la mia impressione in tutta onestà.

    Federico

    Reply
  95. avatar
    Giano08 at |

    non ho fatto un diretto parallelismo con il passato.

    non ci sono le connivenze di una volta oggi e non ci sta la rete di terrorismo europeo di allora. ovvio.

    ma ce ne sono per come la vado io forti simpatie politiche (certo, da esponenti politici moooolto più insignificanti del vecchio PCI) con ambienti che stanno borderline, e secondo me sta gente scherza con il fuoco, nel senso che non si sono resi conto di cosa potrebbero essere capaci certi cretini cresciuti a pane e ideologia.

    poi… sono d’accordo su come è stata disarticolata quella situazione, sull’effecicacia del pentitismo (non è caso quella legge è stata pensata e suggerita da in certi ambienti…vero cesare? ;)), ecc.

    cmq, staremo a vedere se esagero io o se tra poco ci ritroviamo con qualche minchione nostalgico che va a rimpolpare qualche cazzone canuto che ancora spera nella dittatura proletaria. secondo me la “coltura” c’è, e se non si fa un cavolo rischia di dare qualche frutto.

    OVVIAMENTE non si arriverà, non si tornerà MAI a certi livelli. e per fortuna!

    ciao ciao

    saluti a fede, cesare e Co. 😉

    Reply
  96. avatar
    Silendo at |

    Mi permetto di dare un’interpretazione “autentica” perchè questo è argomento di dibattito tra di noi da anni e quindi so bene cosa intende.

    Federico non voleva dire che non sussiste il pericolo di qualche attentato. Intende dire che il ritorno a fenomeni terroristici di scala più elevata (ed organizzata) è impossibile senza connivenze di varia natura.

    Reply
  97. avatar
    ga78 at |

    Ciao Cesare,

    concordo in pieno con la tua prima analisi del periodo 1970/80,ma devi andare ancora più indietro,alla fine degl’anni 60!Dico questo perchè molti rapporti sono nati in quel periodo,e sono cresciute sino a raggiungere l’apice con l’inizio degl’anni 70!L’eversione rossa,non è stata creata da 4 ragazzi in un momento di scompiglio genenrale,o di delirio collettivo!Per quanto riguarda la disponibilità di armi che avevano e di agganci politici e non,..bè,..di certo bisogna leggere alcuni doc. ,usciti sul web,solo in modo parzial(logicamente!),che permettono una visione più allargata dell’eversione!..E per quanto riguarda l’autofinanziamento era solo un’azione fittizzia!!!

    Però è anche vero che,..gli estremisti di sinistra avevano un paese vicino,come la Francia, che li avrebbe tutelati a Vita,..con la Dottrina Metterrand.

    Il mio è solo un brevissimo e riduttissimo incipt,..perchè la discussione è amplia e molto complessa!

    Reply
  98. avatar
    utente anonimo at |

    in relazione all’intervento numero 64, ma quale interesse avrebbero i Servizi di convocare a visita personale che poi risulta anche idoneo se poi non c’è l’intenzione di assumere?!?!

    Reply
  99. avatar
    utente anonimo at |

    Per anonimo 98:Infatti non intendevo dire che non hanno intenzione di assumere, assumeranno il centinasio di nuovi agenti che hanno fatto le visite e sono risultati idonei, intendevo dire che i giochi sono fatti in tal senso… 😉

    è solo questione di giorni… e poi dal punto di vista numerico… sono al completo.

    Reply
  100. avatar
    Giano08 at |

    sile, ho capito che dite e so’ d’accordo.

    ma infatti non credo che si possa arrivare a una “rete”come quella di una volta.

    per GA78, secondo me c’e’ troppa dietrologia, e sottovaluti troppo la capacità organizzativa in certi momenti di certi gruppi.

    che poi non è vero che non ci fossero contatti con l’estero… è vero…ci stavano eccome…ma il grosso è stato fatto, per il nostro lato, dentro casa nostra…. magari con qualche appiglio “apicale”.

    cmq… visto che hai scritto tanto cose come non erano,scrivi anche come erano… almeno secondo te…vorrei capire.. e non mi pare che si stia parlando di cose coperte o riservate… percio’ .. :)

    cari saluti

    Reply
  101. avatar
    AllegraBrigata at |

    ………… ma figurati…………… la migliore risposta è l’appuntamento che ho domani sera, qui a casa mia….. zè….

    F.

    Reply
  102. avatar
    Zabetta at |

    Allora aspettiamo la foto di te e della babbion…ehm…modella 😀

    Reply
  103. avatar
    golfdeltasierra at |

    Ok ragazzi, dopo alcune settimane di “utilizzatore” silenzioso del blog ho deciso di entrare a far parte di questa allegra combriccola…

    Un complimento innanzi tutto a Silendo per il blog però adesso faccio subito il rompiscatole… Non è che siamo un po’ fuori argomento? Qualche notizia in merito alle nuove cariche AISI ed in particolare ai nuovi incorporamenti?

    Reply
  104. avatar
    Giano08 at |

    incorporamenti fatti.

    nessuna news sui vice, o altre cariche.

    criterio di selezione sempre lo stesso: RACCOMANDAZIONE

    se ci leggi, sai già che io sono il cinico/pessimista/realista.

    :)

    saluti

    Reply
  105. avatar
    utente anonimo at |

    http://it.wikipedia.org/wiki/Virgola

    potrebbe servire……………………………………………………………….

    Reply
  106. avatar
    Silendo at |

    Ciao Golf.

    Grazie per i complimenti e benvenuto 😉

    Reply
  107. avatar
    golfdeltasierra at |

    X Giano08: incorporaamenti fatti xchè sei cinico/pessimista/realista oppure xche lo sai con certezza??

    Io so, x certo, che stanno per chiamare circa un paio di centinaia di nuovi agenti in AISI per il CS che gli è stato affidato dalla riforma e non sono affatto d’accordo sulla solita storia della raccomandazione.

    Sembra che questa volta si tratti veramente di segnalazioni dal basso verso l’alto. In sostanza la maggior parte dei nominativi sono stati forniti dai capi centro e segnalati a Roma e non viceversa, cioè paracadutati da Roma.

    Penso che i capi centri abbiano potuto scegliere un consistente numero di appartenenti alle FF.di PP. da incorporare alle proprie dirette dipendenze, conosciuti nelle proprie zone di lavoro, considerato che Piccirillo è un CC e quindi fautore della c.d. territorialità.

    Certo, se poi io sono un co%%ione e da capo centro segnalo delle capre per lavorare con me… be allora la zappa sui piedi me la do da solo ma questo è un problema di uomini e non di Istituzioni.

    Reply
  108. avatar
    utente anonimo at |

    Scusatemi, ma devo intervenire per dare una risposta a golfdeltasierra.

    Vero è quello che dici tu che i capi centro stanno segnalando delle persone per essere assunti, ma ne conosci qualch’uno di questi segnalati? secondo te hanno le capacità intelluttuali e culturali, il titolo di studio per afforntare e ragionare il problema del CS?

    Mi dispiace, ma per me no!!!

    Sono persone che continueranno a ragionare da FF.PP, la loro natura e reprimere un reato, che resta sempre la cosa più facile da fare perchè il risultato è immediato.

    Fare CS, ci vogliono anni di studi e corsi, per capire come ci si muove nell’ambiente del contro spionaggio, non è una cosa per certe FF.PP.

    I capi centro lo sappiamo benessimo come è il criterio di segnalazione, sulla scorta della cosnoscenza personale e basta, nulla a che fare con le capacità professionali o intellettuali.

    Vi sono persone che hanno passato la vita dietro una scrivania, oppure allo spaccio, oppure in officina o in una squadra di P.G.

    Gli stessi capi centro, hanno dificoltà a capire ed adeguarsi, istruirsi a nuovo incarico, che non è facile, quando per venti e passa anni fai polizia giudiziaria.

    Lasciamo perdere, che tanto non sarà facile farli funzionare, vige sempre la solita risposta…RACCOMANDAZIONE (di m%%%da).

    A mio parere devono essere assunti giovani, a cui la formazione professionale e più facile da inculcare e preparli per vedere solo quel tipo di attività

    Ciao a tutti e scusate lo sfogo

    PS: golfdeltasierra rifletti alla mia risposta

    Cesare

    Reply
  109. avatar
    utente anonimo at |

    Gentile Prof. Silendo, ringrazio lei, il Sig. Daniele e il Sig. T. per il contributo, a proposito Sig. Maresciallo guardi la fatalità e il caso posso dire che alcuni tra i suoi superiori attuali e passati hanno collaborato con me o sono stati sotto il mio comando, quando ancora ero in servizio attivo in aeronautica, non si preoccupi non dico niente e continui a contribuire al salotto pregiato del Prof. Silendo che è un ottima palestra per la mente, e chi è di buon umore offrè migliori capacità analitiche.

    Tornando alle cose serie, traccerò prima delle semplici valutazioni su quanto da poi elaborato per poi passare a delle considerazioni generali, avrei piacere che a leggermi fosse anche il Sig. Federico che so avere ottime capacità analitiche ma che deve esprimere con più tranquillità e letizia.

    Intanto mi concedo una pausa con cappuccino e cornetto, anche se preferirei dei savoiardi appena sfornati, ma lo sapeva Prof. Silendo che vicino a Piazza della Minerva si può gustare il cappuccino più buono di Roma e forse d’Italia?

    Ora in base alle vostre valutazioni la situazione sta degenerando, bene, ma non è una cosa nuova, il Sig. T. mi ha detto che il periodo migliore per le vacanze è gennaio e febbraio, posso aggiungere che anche dicembre e marzo non sono da meno, il primo per la neve, il secondo per il fango, le strade sono molto importanti, come sempre.

    Ottimo la riflessione sull’oppio è sempre utile seguire i flussi monetari ed economici, danno un ottimo quadro d’unione, ma vorrei esprimere una mia opinione (badi bene, opinione, niente più, come sempre), oppio se ne produce tanto, ma non credo che la pasta base attraverso il trattamento con anidride acetica diventi diacetilmorfina conosciuta comunemente come eroina, posso instillare un dubbio ma l’oppio è solo materia diabolica, passando qualche volta vicino al policlinico penso che la Morfina è un dono di Dio per evitare inutili sofferenze in pace come in guerra, i malati sono tanti e tanto è il bisogno di morfina. Domanda ma le aziende farmaceutiche da dove importano la materia prima per la morfina?

    Seconda domanda il papavero da oppio cresce in Italia? Cos’è la “coccuzzedda du sonno”?

    In più per muoversi agevolmente in teatro e ottenere informazioni realmente utili e avere riguardo per la salute chi si deve evitare? Solo i barbalunga o anche i nostri?

    Dopo questa digressione, so che lei vorrà mandarmi a quel paese, ma porti pazienza ancora un po’, come spero faranno i suoi collaboratori, a mia opinione analisi è una cosa molto semplice, rispondere ai quesiti posti, con non più di venti parole, basti pensare che si dice che chi usa 6 parole dove ne potrebbero bastare 5, è capace di qualsiasi crimine, dunque quesiti ben chiari scritti con il gesso nella nostra lavagna mentale e risposte altrettanto chiare e sintetiche, poi il contorno si può aggiungere, sempre che non aggiunga confusione.

    Quello che volevo dirvi è che la risposta più corretta ai miei quesiti da un punto di vista strategico/operativo/tattico per applicazioni pratiche era: in base ai dati in nostro possesso risulta che i dati in nostro possesso siano scarsi e ci serve più tempo e più informazioni, tra una settimana avremo le risposte (dimensione temporale ipotetica, scaduta la quale di solito arrivano le asce e le mannaie).

    Ma la domanda reputo più importante è: il blog può essere o diventare un utile strumento di analisi? Un ibrido fra un team di analisti e un software analitico?

    Altra richiesta di valutazione tattica, è meglio andare con un nostro volo, o fare uno scalo e imbarcarsi su un volo UN?

    Ancora tante cordialità.

    BDO

    Reply
  110. avatar
    Silendo at |

    Gentilissimo BDO… cosa dire? La nostra discussione sta diventando sempre più interessante e di questo non posso che ringraziarla.

    Innanzitutto per il suggerimento riguardante il cappuccino. Le confesso che, pur essendo quella zona un punto fermo dei miei giornalieri (o quasi) itinerari romani non sapevo ci fossero cappuccini di tale livello. Al mio rientro nella Capitale mi metterò in cerca senza meno :)

    La ringrazio anche per i suoi quesiti, ai quali attualmente non so rispondere ma che mi hanno… come dire…molto solleticato.

    Mi dia qualche giorno di tempo 😉 .

    Rispondo subito, invece, a quella riguardante il ruolo, la funzione, che può avere il blog: io penso di sì, può essere un foro analitico.

    Tenga presente che era nato con questo motivo.

    Poi, come sa, gli impegni “reali” gravano ed il tempo dedicabile a questa risorsa è il primo a venire a sacrificato ma direi che lo scopo principale del blog era proprio questo :)

    Ah… dimenticavo… per esperienza indiretta io le consiglio di volare italiano ;))

    Reply
  111. avatar
    grafvonSpee at |

    Ma, parafrasando il compianto Funari, che dite voi, ‘sta AISI con le funzioni CS ja fa o nun ja fa?

    Reply
  112. avatar
    Silendo at |

    Piano piano…. :))

    Reply
  113. avatar
    AllegraBrigata at |

    BDO cosa dire? :)))))

    Ho colpevolmente frainteso le sue domande :))) …prometto che non lo farò più 😀

    la ringrazio per le sue parole di apprezzamento, graditissime

    F.

    Reply
  114. avatar
    daniele67 at |

    Gentilissimo BDO, mi conosce?? è sicuro?sa…io ho avuto..ed ho molti capi:-)

    se mi vuole dare…”un aiutino” se Le va, altrimenti..va bene lo stesso!!:-)

    con stima

    daniele

    Reply
  115. avatar
    golfdeltasierra at |

    Per anonimo 208:

    Effettivamente si, ne conosco un paio personalmente, molto bene. Ti assicuro che sono ragazzi in gamba, raccomandati solo da se stessi, età 35 anni, con circa 15 anni di servizio nell’Arma, in zone quali Sicilia e Calabria e non in officina o dietro le scrivanie.

    Ti assicuro che se la capacità media degli altri agenti assunti è già solamente la metà dei due miei colleghi, puoi dormire sonni tranquilli.

    Vedi secondo me si fa un errore di fondo, nel senso, servono analisti?? Ok lasciamo stare FF. di PP. e militari e troviamoli in un altro modo, sono d’accordo.

    Ma servono agenti operativi? Cioè ci sarà sempre gente che deve fare humint “in mezzo alla strada” o no?

    Ci dovrà pur essere sempre qualcuno che guarda, senza essere visto, osserva senza farsi osservare, pedina senza essere pedinato? Qualcuno che raccoglie informazioni e le fascicola su Pippo Pluto e Topolino? Qualcuno che scopre se hanno l’amante? Se sono gay, se giocano d’azzardo? Chi frequentano? Che macchine hanno, se le hanno acquistate nuove o di seconda mano? A rate o in contanti? Cosa fanno i figli o le fidanzate dei figli? Se le mogli hanno amanti? Quali sono gli extra comunitari arabi di riferimento nella zona? Queste informazioni chi te le da? L’Analista dei 7 giorni del condor? Non credo proprio.

    E le intercettazioni? chi te le fa? (e nei servizi se ne fanno 😉

    Non basta frequentare criminologia a L’Aquila o intelligence a Reggio Calabria per essere degli agenti (non fraintendere se avessi avuto la possibilità le avrei frequentate volentieri)

    E osint? Perchè pensi che un maresciallo dei CC non possa fare osint? Sei sicuro? Pensi che sono ancora quelli delle barzellette?

    Ci sono colleghi che “vivono” abitudinariamente su internet, frequentano Blog, chattano si informano, frequentano siti di news e siti fuorilegge, acquisiscono concetti e si tengono professionalmente aggiornati.

    E sono capaci di fare 2+2.

    In conclusione, a 35 anni dopo una quindicina di anni d’esperienza nelle forze di polizia puoi benissimo cambiare mentalità e fare tutto quello che ti ho detto ed anche di più, perchè lo hai sempre fatto, solamente che, per dirla con una frase alla Bruno Vespa, il tuo editore di riferimento era L’A.G. Ora il tuo editore di riferimento NON è assolutamente l’A.G.. Punto. 😉

    La differenza è minima, è inutile che ci nascondiamo dietro un dito, le informazioni raccolte non vanno alla magistratura ma vengono immesse in un fascicolo a disposizione degli analisti. Tutto quà. In ossequio alla famosa legge del “bono a sapessi”. E prima o poi diventa utile.

    Scusate lo sfogo ma non posso sempre stare zitto e sentire sempre le stesse cose, le raccomandazioni, gli amici degli amici, le parentele.

    Sempre le stesse lamentele, veritiere per carità, però parliamo anche delle cose positive e del fatto che qualcosa sembra che stia cambiando. Almeno questa è la mia sensazione, e spero di non sbagliarmi.

    Senza polemica anonimo 208 😉

    Un saluto con stima a tutti i frequentatori del Blog.

    Reply
  116. avatar
    utente anonimo at |

    per GDS

    – concordo con te sull’opportunità di continuare a reclutare buona parte degli operativi dalle forze di polizia e /o forze speciali delle FF.AA.;

    – concordo meno sulla reale capacità di analisi di Ufficiali/Sottufficiali e/o Funzionari/agenti delle forze di polizia, ma solo perchè molti di loro (non tutti, ovviamente) pur avendo buone capacità deduttive e esperienza nel campo dell’investigazione e dell’attività informativa, NON hanno un background culturale e formativo di alto livello; conosco personalmente gli istituti di formazione delle forze di polizia e FF.AA. e conosco il loro livello: è mediocre!

    – i giorni del condor erano..3 (TRE);

    – il corso di intelligence in Calabria è a Cosenza e NON a Reggio.

    Barry Lyndon

    Reply
  117. avatar
    golfdeltasierra at |

    Per Barry Lyndon:

    si ammetto che fare OS potrebbe risultare ostico e conosco il livello delle scuole di formazione (mediocre tendente al basso) ma converrai con me che 15 anni di esperienza giusta, creano una professionalità che puoi felicemente sfruttare e rimodulare secondo le esigenze.

    Scusate per le imprecisioni del Condor e di Cosenza ma ho scritto di getto, a memoria, d’impeto, quasi senza rendermene conto

    Reply
  118. avatar
    utente anonimo at |

    Ciao GDS, mi sono permesso di scrivere, quello, non per sminuire il lavoro della FF.PP, io sono nato come attività informativa (politica ed altro) nei CC, in un periodo dove il terrismo ancora si faceva sentire, poi mi hanno trasferito agli OO.II.

    Mai ti dirò di più la mia cultura investigativa, informativa,e capacità di persuasione delle persone a colloborare, nasce proprio nei carabinieri, e, grazie a quella esprienza che ho potuto iniziare a fare quel tipo di lavoro.

    HO iniziato, ma non mi sono certamente fermato, ogni contatto con soggetti di interesse, era un ‘esperienza unica, che ti insegnava come tornare a casa la sera, senza perdere la copertura, e, mettendo al sicura da eventuali ripercusioni la mia famiglia. Non è stato facile, perchè dove operavo, nel nord italia, la città era piccola, e dovevo camuffarmi attentamente, incluso con il portiere del mio stabile, che come saprai sono curiosi per natura (per lavoro ne facevo uso delle infomazioni dei portieri).

    Sulle raccomnadazioni, purtroppo e la triste realtà, ieri come oggi.

    Giustamente, tu osservi, che gli appartenenti alle FF.PP, svolgono, un ruolo importante in seno agli OO.II, per la loro pregressa esperienza, e ti do perfettamente ragione, in quanto non esiste miglior preparzione di quella della strada, per poter fronteggiare qualsiasi situazione in cui ti trovi, anche quello di dare due schiaffi (a chi se lo merita) in mezzo al pubblico, ed andare via.

    I nuovi OO.II, per modo di dire, per essere attivi come prevede la legge, ci vorranno non meno di tre cinque anni, ce lo possiamo permettere?

    Quello che che mi fa sorridere il sito del sisde, che viaggia ancora con la vecchia sigla, in quanto non può usare AISI, perchè di una società privata.

    Ciao Amici.

    Capisco la tua voglia di fare con tanto entusiasmo, ma se andrai, e ti auguro che ci riesci, ti dico che potrai avere grandi soddisfazioni, ma anche delusioni.

    Cesare

    Reply
  119. avatar
    golfdeltasierra at |

    Cesare, che dire… sono perfettamente d’accordo con te

    praticamente su tutto, per le delusioni che avrò… che devo dire… sono preparato 😉

    Reply
  120. avatar
    AllegraBrigata at |

    Caro Cesare, le delusioni ci sono dovunque. Non bisogna mai mollare.

    L’Arma lo insegna 😉

    T.

    Reply
  121. avatar
    utente anonimo at |

    GDS – ALLEGRA BRIGATA

    Tutto fa parte dell’esperienza alla fine.

    Per voi che avete ancora tanto da fare e dare, non demordete, prima o poi riuscirete nel vostro progetto.

    Cesare

    Reply
  122. avatar
    AllegraBrigata at |

    Egregio BDO, attenzione. Io parlavo già di dicembre :)

    Mi toglie una curiosità?

    Parlando dell’uso dell’oppio afghano nel mercato del morfina legale voleva chiedere un parere o dare una traccia su cui riflettere?

    T.

    Reply
  123. avatar
    utente anonimo at |

    salvo di verso avviso del padrone di casa del Blog, gradirei rivolgere un invito a Cesare a partecipare le sue esperienze dirette in merito alle tecniche ed alle metodologie di raccolta informativa sul campo (ovviamente senza far riferimento ad elementi di natura classificata).

    sarebbe interessante anche conoscere in che modo è regolato il rapporto tra l’agente operativo e l’analista;

    in particolare sarei curioso di conoscere:

    1) se vi è un coinvolgimento – anche minimo – dell’agente nella fase di analisi;

    2) se l’output (o parte di esso) prodotto dall’analista possa tornare “in mano” all’agente – in una sorta di circolo virtuoso – al fine di stimolare la ricerca informativa e/o circoscriverne i settori/fonti.

    Barry Lyndon

    Reply
  124. avatar
    utente anonimo at |

    per BDO

    il 3 nov c.a. a Kabul è stato rapito un rappresentante di una ONG francese che opera nell’area asiatica. L’autista del veicolo su cui viaggiava – appartenente ai servizi di sicurezza afghani – è rimasto ucciso nel tentativo di bloccare il sequestro.

    Barry Lyndon

    Reply
  125. avatar
    utente anonimo at |

    per Cesare

    piccola precisazione: il sito http://www.sisde.it ad oggi non è propriamente il sito dell’Aisi ma la vetrina elettronica che ospita una parte della rivista GNOSIS (già Per Aspera Ad Veritatem) pubblicata dall’Agenzia; per quanto concerne l’indirizzo web dell’Aisi intesa come Agenzia, lo stesso già esiste (http://www.aisi.gov.it/pdcweb.nsf/pagine/underconstruction ) ma è under construction.

    Barry Lyndon

    Reply
  126. avatar
    utente anonimo at |

    info per tutti

    Il Gen. Orlando ha fatto rientro nella fila dell’Arma andando a ricoprire l’incarico di Comandante Interregionale area SUD (sicilia-calabria).

    ERGO non sarà nominato tra i vice dello SQUALO

    Reply
  127. avatar
    utente anonimo at |

    Barry Lyndon

    Un conto è l’analisi fatta sulle fonti aperte, un conto è l’analisi, di un fenomeno che si verifica in una certa regione, che poi viene valutata dagli analisti in campo nazionale.

    Il metodo ed il coinvolgimento dell’operativo che origina l’oggetto dell’analisi parte da questo schema:

    1. DESCRIZIONE DELLA NOTIZIA ACQUISITA

    2.ATTIVITA’ INFORMATIVA SVOLTA E DATI RACCOLTI

    3.ANALISI E CONSIDERAZIONI

    Su queste tre domande, nasce una ricerca informativa e/o analisi che successivamente potrebbe coinvolgere gli analisti, che valutano il fenomeno che a carattere locale genera attenzione, per poi fare una verifica sul territorio nazionale.

    Esempio: in luogo di culto islamico, è stata notata la presenza dei “tabligh”. Sappiamo che i tabligh, provengono da Marsiglia, dove hanno la loro sede ed un centro importante nei sobborghi di Parigi. L’analisi potrebbe consistere nel coinvolgere tutto il territorio nazionale per verificare se costoro frequentano anche altri luogi di culto, e la frequenza con cui vengono in Italia. Sappiamo che tutto ha un costo…., ovviamente si cerca il motivo della loro presenza ed il tipo di assistenza spirituale offrono….

    Cesare

    Reply
  128. avatar
    Silendo at |

    Caro Golf, posso chiederti una cosa?

    Premesso che praticamente sono totalmente d’accordo con te, mi hanno incuriosito un paio di tue domande.

    Quando chiedi, retoricamente ovviamente, chi fa intercettazioni, humint, osint, ecc.

    Non pensi che sarebbe normale che anche queste professionalità venissero formate dai Servizi e non necessariamente mutuate da altre Amministrazioni?

    Chiaramente non sto parlando dei periodi di transizione come quello attuale. Mi riferisco ad un’impostazione standard.

    PS come sempre non è una domanda polemica la mia. Sono davvero interessato a sentire il tuo parere (e quello di chiunque voglia dire la propria).

    Reply
  129. avatar
    utente anonimo at |

    Piccolo OT (ogni tanto forse ci vuole;-). Se non ricordo male i “gironi del condor” erano sei nel romanzo di James Grady e furono ridotti a tre (per esigenze di narrazione cinematografica) nel film di Sydney Pollack.

    (A mio parere un gran romanzo ricco di premonizioni (ma che per IBM erano teorie già quasi ben implementate :-)) e bel un film fascinoso e sempre attuale… specie in ambito osint e text-mining ;-)))).

    Molti saluti a tutti voi

    Giovanni

    Reply
  130. avatar
    golfdeltasierra at |

    Mr Silendo, certo che sono d’accordo, potrebbero essere professionalità formate internamente e non mutuate.

    Ma come ben sai in Italia ciò implicherebbe fare riforme profonde, molto profonde che per andare a regime impiegherebbero anni, senza contare che poi, al successivo cambio di governo… puff… si cambia… e si perdono anni… così… a ca%%eggiare.

    Un passo ora sembrerebbe essere stato fatto con l’istituzione di una scuola alle dipendenze del Dis, se non erro. Bisogna vedere se la cosa andrà avanti, e come andrà avanti.

    Ma una cosa è certa, la volontà di cambiamento c’è, supportiamola.

    Reply
  131. avatar
    Silendo at |

    Ti ringrazio Golf.

    Mi interessava il tuo parere.

    Reply
  132. avatar
    golfdeltasierra at |

    Ultim’ora per tutti, giusto per notizia, su Matrix c’è il solito politico, lo scemo di turno ( e ho dovuto far violenza a me stesso per non eccedere nell’insulto) che sta insinuando la solita vecchia storia, cioè che che i recenti scontri di piazza Navona sono stati voluti dai servizi per destabilizzare il movimento studentesco.

    Il politico era al governo fino a qualche mese fa… non ho parole.

    Reply
  133. avatar
    AllegraBrigata at |

    meglio evitare commenti….

    Reply
  134. avatar
    utente anonimo at |

    x Silendo e GDS

    Nulla in contrario su quello espresso da voi, ma permettetemi di aggiungere qualcosa alle vostre considerazioni.Le intercettazioni, gli Osint, e altro, sono dei tools, che oltre a saperli usare fisicamente, bisogna anche saperli sfruttare strategicamente, cercando di utilizzarli in modo, nei tempi, nei luoghi, che solo l’esperienza in strada e con qualche supporto di psicologia, potrà dare ottimi risultati. Fermarsi a considerare la “formazione” in senso stretto, come aver la capacità di fare questo lavoro, mi sembra un pò riduttivo.

    Saluti

    Anonimo “i2”

    Reply
  135. avatar
    grafvonSpee at |

    Mi permetta di dissentire, sig. GDS, su quanto da lei affermato in relazione all’impiego quali operativi negli organismi I.S. di provenienti dalle file delle forze di polizia.

    E’ indubbio che essi partano minimamente avvantaggiati per il fatto di aver “battuto il marciapiede” per anni, per quanto attiene alle modalità operative più “ground-ground”.

    Tuttavia, l’impiego quasi esclusivo di tale personale presenta delle controindicazioni almeno pari ai vantaggi.

    In primo luogo, perché, checché se ne dica, tali soggetti sono facilmente individuabili dal personale che appartiene al medesimo “milieu”. Io stesso, che sono molto lontano da quell’ambiente, sono in grado di riconoscere da 5 miglia di distanza tale personale, con percentuale d’errore trascurabile. Figuriamoci un professionista del settore di un partito avverso.

    Non so, è una questione di dettagli, ma ci sono piccole cose, dovute alla rimappatura della centralina che anni di vita militare hanno creato, che non si perdono sotto una grisaglia o un gessato.

    In secondo luogo, il presunto vantaggio di tali soggetti, come già accennato, attiene soltanto alle modalità operative più pratiche, ma si perde immediatamente laddove occorra un minimo di pianificazione, il saper operare delle scelte decisive in tempo reale o fare davvero “humint” in senso pieno e meno sbirresco, dovendo relazionarsi davvero con chiunque.

    Non so se ricordate il vecchio luogo comune, peraltro in buona parte consivisibile, dei provenienti dal liceo classico e dello scientifico alle facoltà scientifiche.

    In un biennio d’ingegneria i “classici” ansimeranno in pesante debito d’ossigeno, poi, ci saranno buone probabilità che metteranno la freccia

    per sorpassare.

    Ecco, ritengo che questo “topos” possa essere trasposto anche al personale operativo I.S..

    Reply
  136. avatar
    utente anonimo at |

    Mi fa un pò sorridere l’ultimo post di grafvonspee.. Io stesso, che sono molto lontano da quell’ambiente, sono in grado di riconoscere da 5 miglia di distanza tale personale, con percentuale d’errore trascurabile. Figuriamoci un professionista del settore di un partito avverso…

    ;o) presunzione? banalità? un pò e un pò.

    Bisogna prender atto che un appartenente alle forze dell’ordine per gli anni del suo arruolamento è stato tenuto tra virgolette sotto controllo dalla sua amministrazione. Una persona con 10 anni di servizio, esperienze di un certo tipo, reazioni di un certo genere, abitudine allo stress, affidabilità per alcuni versi, è una sicurezza per chi non conoscendolo (sempre tra virgolette) lo assume per un ruolo di delicato aspetto. Ricostruire il background di un poliziotto è sicuramente più facile che ricostruire quello di un personaggio esterno e nello stesso tempo si conosce la reazione del soggetto ad un certo tipo di situazioni, ad avere un piccolo potere tra le mani…

    Questo non è un parere… è oggettivo ! ;o)

    # 35

    Reply
  137. avatar
    utente anonimo at |

    Caro #35, mi riferisco a quello che tu affermi, di riconoscere uno degli OO.II da lontano, forse ti riferisce a quelli che tu già conosci, o che frequentano le stesse strutture o ambienti che frequenti tu.

    Sulla vicenda della copertura, è, una questione di saperla gestire in modo individuale, ma ti diro anche che non è facile vivere e lavorare nello stesso luogo, dove le p%%%ne di turno, che sono quelli delle FF.PP, amano sputtanare il soggetto, dei servizi, in ambienti, non solo interni ma anche esterni (civili).

    Io, con queste lavandaie, ho sempre viaggiato, facendogli credere una cosa per un’altra e con un nome e cognome diverso da quello reale, tanto poco mi fidavo.

    E come diceva Joseph Paul Goebbels “Una bugia a forza di essere ripetura diventa verità”.

    Ciao e scusa

    Cesare

    Reply
  138. avatar
    ilraffa at |

    X35: quello che scrivi è oggettivo. Ok.

    Ma vale per l’attività esterna così come per l’attività interna….? 😉

    In altre parole: l’intelligence interna, lo sappiamo, ha ambiti, per così dire, sovrapponibili alla professionalità degli operatori di polizia. Ma lo stesso discorso vale anche per l’intelligence esterna, che poi storicamente è l’ Intelligence con la I maiuscola?

    Reply
  139. avatar
    grafvonSpee at |

    Il fatto che l’intel interna abbia ambiti sovrapponibili alla professionalità degli operatori di polizia è la diretta conseguenza del dirazzamento che noi italiani abbiamo imposto al servizio interno, il quale dovrebbe occuparsi istituzionalmente di altre cose, senza diventare un SUPER-ROS o una SUPER-UCIGOS.

    E’ però vero anche che in Italia abbiamo problemi strutturali di controllo del territorio, che nemmeno la Colombia…

    Certo, in un servizio interno, specie nella configurazione italiana, tendenzialmente l’ex operatore di p.s. sia più adatto, ma per quanto concerne le attività esterne o di cs, continuo a nutrire i dubbi che ho esposto sull’impiego a massa di tali categorie.

    E’ ovvio che il mio discorso si riferisce soltanto alle attività Humint

    Reply
  140. avatar
    Silendo at |

    Rientro in punta di piedi nella discussione 😉

    Domanda.

    Ok, assumiamo che la professionalità degli appartenenti alle Forze dell’Ordine sia perfetta per i Servizi. Da un punto di vista sistemico (=organizzativo) ha senso che, tiro a caso eh, l’80% degli operativi dei Servizi non siano dei Servizi ma personale distaccato da altra amministrazione?

    Ancora: ha senso assumere dei civili come agenti di polizia, formarli come agenti di polizia e poi distaccarli presso i Servizi? Non sarebbe più corretto assumere magari meno agenti di polizia e più civili da formare esclusivamente come operatori dei Servizi?

    Ancora: che effetto ha, sulla “memoria” degli apparati di Intelligence il tendenziale continuo ricambio di personale che entra ed esce da queste strutture a velocità variabili ma… costanti?

    Infine (e secondo me è una questione di importanza primaria) non è che la gestione delle fonti di tipo poliziesco è un tantino differente da come le fonti dovrebbero essere gestite in ambito intelligence???

    Specifico, come sempre, che non sono domande polemiche o provocatorie :)

    Semplice materia per il dibattito.

    Reply
  141. avatar
    utente anonimo at |

    Perdonatemi, ma qui si dibatte se sono meglio i civili o gli appartenbenti delle FF.PP ai servizi.

    Vero è che cè troppo ricambio di gente che entra ed esce, o anche che viene cacciata via, e la cosa sotto l’aspetto delle sicurezza crea una falla, perchè tutti quelli cacciati, hanno parlato (con ragione), violando quel mito che rano i servizi impenetrabili.

    Voi dovete pensare che i tempi di preparazione ed l’utilizzo di un agente che proviene dai civili, è molto più lungo, vuopi per capacità, vuoi per consocenza, vuoi per spirito di iniziativa o di coraggio nell’affrontare certe sityuazioni di pericolo. Non basta un pezzo di carta, che sia laurea, master o altro, che nulla a che fare con la pratica o la caèpacità di analisi di un fenomeno locale.

    Putroppo le attribuzione dei compiti dell’AISI, sono anche quelli delle FF.PP, come la criminalità organizzata e politica. Il CS, io sostengo che avrebbe dovuto tenerselo l’AISE, in qunato per capacità ed esperienza si sono formati i canali e le conoscenze apropriate, di quello che avviene in quel settore.

    Può darsi che mi sbagli, ma io dico, che va ai servizi, e ci deve restare, e non un mantenerlo fino a quando non cambia il direttore, per poi inziare altre assunzioni a catena (direi uperazioni). ovviamente la selezione deve essere più rigida, e la formazione, fondamentale per tutti, dove si richiama al dovere e non alla raccomandazione.

    Sulle fonti, possiamo disquisire all’infinito, ogni agente deve cercarsele, o essere messo in condizione anche di gestirle. Non scordiamo che di fonti sono persone strane, ch amano i soldi…

    Cesare

    Reply
  142. avatar
    utente anonimo at |

    Come mai , se l’80% degli appartenenti delle OO.II. provengono dalle FF.AA o dalle FF. di Polizia perchè hanno già la professionalità richiesta/necessaria dovrebbero essere pagati di più dei colleghi (leggasi indennità di “cravatta”) ?

    P.S. : Anche il Cuoco della Mensa della Ditta percepisce la “cravatta.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  143. avatar
    Silendo at |

    Cesare, ti spiego il mio punto di vista :)

    Io non ne faccio una questione di “chi è meglio, se i civili o gli appartenenti alle FFAA o alle Forze di Polizia.

    Io penso che nei Servizi ci siano diverse professionalità.

    Una cosa è l’operativo, un’altra è l’analista. Una cosa è l’operativo che si occupa di CS, un’altra cosa è l’agente che lavora all’estero nel campo dello spionaggio politico, un’altra ancora è l’agente di influenza ecc..

    Il punto è che il reclutamento e la formazione non possono non tenere conto di queste diversità.

    Per cui, secondo me, avere la stragrande maggioranza dei soggetti provenienti da un’unica professionalità (o due) rende rigida e tendenzialmente inadeguata la struttura nel complesso. Mi spiego?

    Poi, cosa per me importantissima, non è concepibile che apparati così delicati come i Servizi di Informazione non abbiano una propria forte e specifica autonomia professionale e debbano essere, nella sostanza, distaccamenti di altre Amministrazioni.

    Ma questo non per preconcetti nei confronti di queste altre Amministrazioni, sia chiaro. Amministrazioni cui va tutta la mia stima ed ammirazione (e chi mi conosce di persona lo sa…).

    Tra l’altro adesso la discussione si è focalizzata sugli operativi ma sarebbe interessante esaminare il settore dei funzionari/dirigenti. Vedere da dove arrivano, come, perchè e per quali meriti di INTELLIGENCE vengono collocati in quelle posizioni, ecc…

    Perchè alla fine l’impostazione alle strutture burocratiche la danno, nella sostanza, i dirigenti. O sbaglio?

    Quanto sopra non vuol dire che Forze Armate e Forze di Polizia debbano essere escluse dal reclutamento: anzi. Ci sono settori in cui davvero sarebbe davvero stupido cercare all’esterno le professionalità. Ma tali Amministrazioni dovrebbero concorrere, per così dire, alla pari con il reclutamento esterno e, tra l’altro, ritengo che sarebbe necessario fare come si fa in altri Paesi.

    Si recluta un militare per i Servizi? In genere o lo si recluta fin dall’inizio per un tempo limitato oppure, se lo si vuole “stabilizzare”, il soggetto perde definitivamente la divisa diventando a tutti gli effetti SOLO dipendente di quella struttura di intelligence.

    Insomma, per farla breve, personalmente credo che il “doppio cappello” sia qualcosa da adoperare in casi limitatissimi e per periodi temporali ridotti.

    Parere personale sul quale vi invito a esprimere qualunque critica riteniate necessaria 😉

    Reply
  144. avatar
    golfdeltasierra at |

    …zzo, che vespaio ho sollevato!

    Ma interessante….

    Reply
  145. avatar
    AllegraBrigata at |

    infatti ragazzi guardiamoci dritti nelle palle degli occhi dai!

    Chi crede davvero che il reclutamento dalle forze di polizia o dalle forze armate sia dovuto ad una scelta razionale e basata sulla migliore resa operativa di queste persone????? Dai….

    Il motivo è semplice ed è un altro. Storicamente avveniva questo per i motivi che tutti conosciamo. Il contesto storico che legittimava questa impostazione è venuto meno ma il ministero dell’Interno e la Difesa certamente non hanno avuto interesse a spogliarsi di certi privilegi. Come è ovvio eh.

    Ma se io sono un CSMD o il Prefetto tal dei tali Capo della Polizia avrò mai la voglia di perdere il controllo del sismi o del sisde???????? Diretto o indiretto che sia????

    tutto qui. la spiegazione è da rintracciare quasi esclusivamente all’interno delle dinamiche di lotte di potere burocratiche.

    Poi certamente ci sono tante motivazioni secondarie ma alla fine, il grasso che cola, è lì!!!

    F.

    Reply
  146. avatar
    grafvonSpee at |

    Silendo,

    ma, che tu sappia, la “ratio” dell’istituto del trasferimento da altre amministrazioni è puramente economica o è da ravvisarsi nella presunta maggior affidabilità che un proveniente dall’amministrazione darebbe rispetto a un candidato esterno?

    Se così fosse, dovremmo arruolare anche gli operatori di polizia dai ranghi dell’amministrazione.

    Ritengo che, invece, si tratti di un problema squisitamente culturale.

    Il discorso che fai tu, a mio parere condivisibilissimo, presuppone l’istituzione di una Scuola (la maiuscola non è casuale) e, quindi, la preesistenza di una soggettività ben definita degli organismi (all’anglosassone, per intenderci).

    In Italia, non so bene per quale motivo, si preferisce che gli organismi i.s. abbiano una soggettività, come dire…un po’ …ectoplasmica, quasi che tale qualità garantisse una maggiore capacità difensiva dell’i.s..

    Se non avverrà questo cambio di oreintamento culturale, non credo che sarà mai realizzabile quanto tu auspichi.

    Insomma, siamo ben lontani dai biglietti da visita all’americana.

    Reply
  147. avatar
    Silendo at |

    Graf, a mio avviso la spiegazione di Federico centra bene il bersaglio :)

    E’ un’impostazione che trae origine da una ben definita esigenza storica e che, ovviamente, è diventata “cultura” consolidata. Il problema è che sono venute meno, appunto, le motivazioni storiche (strategiche) alla base di quell’impostazione.

    Non c’è bisogno di andare oltreoceano, comunque. Basta vedere cosa fanno gli inglesi o anche gli stessi russi (i francesi da questo punto di vista hanno un’impostazione molto simile alla nostra… o meglio… noi abbiamo la loro impostazione forse…).

    Ovviamente è molto più facile verificare l’affidabilità o la capacità di un operatore delle Forze Armate o delle Forze di Polizia. E’ verissimo (l’ho sostengo anch’io) che è molto più facile prendere due sottufficiali dell’antiterrorismo del ROS anzichè assumere due civili e perdere 10 anni a formarli (e magari uno te lo giochi pure perchè scopri che è incapace). Solo che, nel primo caso non avrai due agenti dei Servizi. Avrai due carabinieri (BRILLANTISSIMI SENZA DUBBIO) prestati ai Servizi. Nel secondo caso avrai un agente dei Servizi.

    Ho fatto un esempio banalissimo per chiarire il mio pensiero :)

    Però, come giustamente diceva il nostro BDO: “la pubblica amministrazione non è un dinosauro morente, ma una creatura in evoluzione, la cui mole non permette movimenti troppo repentini”. Ci vuole tempo per cambiare 😉

    Reply
  148. avatar
    utente anonimo at |

    Amici, io vi scrivo per esperienza diretta e continuo a sostenere che una volta che sei dentro ti devono tenere, non esiste un discorso del doppio cappello. Ma purtroppo è la realtà, quando ti vogliono scaricare ti rimandano all’amministrazione da cui provieni, anche se l’hai lasciata da 25 anni. Per i civili, vanno ad una amm.ne civile. Purtroppo la casta dei dirigenti, non si tocca, quelli ancora sono da capire con quale criterio arrivano (ne conosco alcuni che sinceramente mi viene da piangere a pensare della loro incapacità e dell’incarico che gli danno).

    Il discorso della cravatta: non pensiate che sia tutto oro, innanzi tutto, viene data in base alla qualifica ed anzianità, poi:

    – non hai diritto a straordinari;

    non esiste la retribuzione dei giorni lavorativi straordinari (notturni, festivi e festa nazionali- natale capodanno pasqua ect),

    -non puoi fare ricorso al TAR,

    -non puoi fare denunce penali o civili,

    -non puoi essere coinvolto in testimonianze varie,

    -ah dimenticavo se porti il certificato medico, perché hai la febbre, ti decurtano l’indennità, perciò sappiate che pochi si ammalano, e quelli che lo fanno devono essere ricoverati.

    Altra cosa, non esiste per gli operativi il limite di orario, ovviamente non retribuito, meditate gente…chi va e giusto che sappia che può tornare indietro!!!

    E se conoscete qualcuno, fatevi spiegare cosa dice il regolamento, quello dei frati gesuiti e molto più elastico.

    I militari, gli fanno comodo, e la nuova legge dove ne limiterà la provenienza, imporrà ai OO.II di darsi una mossa, per preparare tutta questa gente a fronteggiare le nuove forme di minacce diversificate, terrorismo interno, indipendentismo, criminalità organizzata, che quella sarà molto lontano il tempo in cui sarà debellata. La presenza di etnie, il fondamentalismo religioso.

    Scusate amici

    Cesare

    Reply
  149. avatar
    utente anonimo at |

    riferito al mio commento #236 firmato #35

    Per chi non lo avesse capito l’inizio era una citazione del post di GFS…

    Non discuto sulla questione che il personale proveniente dalle FFAA sia più o meno preparato o capace dei civili…

    Chi conosce un minimo l’ambiente e le selezioni sa che al variare del periodo o del momento specifico i requisiti per la stessa posizione cambiano notevolmente… ergo… in un periodo serve bassa manovalenza o gente con meno preparazione e in un altro serve gente preparata e con studi di livello superiore o internazionale.

    L’oggettività sta nel conoscere la persona che assumi nelle Agenzie. E mi ripeto: chi viene dalle forze dell’ordine è già stato sotto controllo e pressione in un certo modo da anni. Questo non puo’ essere ripetuto per un civile esterno. Chi proviene dal mondo militare (più che dalla polizia per intenderci) sa cosa voglio dire.

    Ipotizziamo… a 32 anni il finanziere X, figlio a sua volta di finanziere, entra nei servizi ma già da 13 anni è conosciuto per il suo carattere, la sua personalità e la sua affidabilità. Certo si puo’ sempre sbagliare e nessuno conosce perfettamente nessuno… ma ammetterete che la percentuale che il tizio 32enne abbia problemi psicologici o contatti con altri paesi stranieri sia ben bassa.

    Giulio laureato alla Johns Hopkins madrelingua inglese, esperto di computer è indispensabile per le sue conoscenze. Bene. chi garantisce per lui ? Chi lo conosce? Nessuno dubita che sia una persona capace. Ma che farà sotto stress? Chi conosce? Quali sono le sue idee? Sa servire?

    Spero di essermi spiegato. Un saluto

    #35

    Reply
  150. avatar
    utente anonimo at |

    X Cesare :

    Scusami ma devo smentirti per quanto riguarda :

    1) ricorsi al TAR degli appartenenti alle OO. II. e dei coniugi superstiti sono tantissimi

    (Si fa ricorso per ricevere l’indennità di cravatta nel conteggio della pensione.

    Tutti perdono almeno formalmente la causa).

    2) non è vero che non possono fare denunce civili o penali o essere parte in causa

    (es. cause di separazione/divorzio e denunce di abusi edilizi ecc.),

    3) gli straordinari e le festività sono ampiamente (vedi anche atti parlamentari) retribuite dalla cravatta (per la maggior parte esentasse e in contanti) versata indipendentemente la mansione sia operativa o amministrativa,

    4) il Direttore del Servizio puo’ elargire con la max discrezionalità premi una – tantum;

    5) sulla RISERVATEZZA ….. ormai non credo piu’ a nulla anche perche’ poi trovi su ….. internet Nome Cognome Luogo e data di Nascita in piu’ punti.

    6) Poi ricordo la Banda della Uno Bianca tutti appartenenti alle FF. di Polizia.

    BABBANO ASIMMETRICO che lavora tutti i giorni 12 ore al giorno compresi sabati e domeniche.

    Reply
  151. avatar
    utente anonimo at |

    BABBANO ASIMMETRICO , vero quello che dici, io non intendevo dire che non puoi fare ricorso o denunce, ma se puoi evita perchè poi saranno loro a farti un indagine interna e chiederti conto e ragione della tua vita privata.

    Tutti i ricorsi al TAR fatti da dipendenti fuori dal servizio o familiari per il riconoscimento della cravatta, sono stati respinti. Vedasi sentenze del Consiglio di Stato.

    A me il direttore non mi ha mai dato …%%%%, e ti posso dire che la mia attività operativa ha fatto molto clamore. Certo e la sua facoltà di darli a quelli che più fanno i r%%%ni.

    Su internet trovi quelli che hanno fatto i ricorsi, giacchè è un atto pubblico, viene riportato anche il nome dell’amm.ne a cui fai la contestazione.

    La uno bianca erano PS, ed allora? se per questo la stessa polizia ha fatto piazza pulita arrestandoli. Non penso che sia il caso di attribuire di tutto questo alla PS. Hanno anche meriti, che tu non vuoi riconoscere.

    Dici che lavori tutti i giorni 12 ore, non so che tipo di mansioni e dove le svolgi.

    A me, spesso capitava di partire solo con l’abbigliamento che avevo indosso, e dovermi comprare anche il ricambio, perchè stare tre giorni con la stessa roba….vedi tu!

    SE hai la possibilità di leggere il regolamento vedrai che non è così, perchè poi veramente i c%%%zi tuoi quelli li vogliono sapere.

    Ciao BABBANO ASIMMETRICO, senza rancore. Questo è solo uno scambio di opinioni.

    Cesare

    Reply
  152. avatar
    utente anonimo at |

    al fine di non farvi più litigare vi lascio una chicca, così chi deve mettersi il cuore in pace sui reclutamenti lo faccia.

    (Principi generali per l’esercizio del potere regolamentare in materia di Ordinamento del personale)

    1. Nell’esercizio del potere regolamentare di cui all’articolo 15, comma 1, devono, in ogni caso, essere osservati i seguenti principi generali:

    a) il reclutamento del personale mediante assegnazione da altra amministrazione deve avvenire a seguito di apposita procedura selettiva, previa diffusione presso le amministrazioni interessate di avviso che specifichi le competenze e i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti per l’espletamento delle singole funzioni, nell’ambito del personale dipendente dalle amministrazioni dello Stato, dalle Università, dagli Enti pubblici di ricerca ed eventualmente anche dalle altre amministrazioni pubbliche;

    b) il reclutamento del personale mediante assunzione diretta eventualmente anche con contratto di lavoro a tempo determinato avviene secondo speciali procedure selettive fissate in relazione alle particolari funzioni da espletare; è consentito l’utilizzo di questo canale di reclutamento solo per l’assunzione di personale di elevata e particolare specializzazione.

    c) gli aspiranti al reclutamento sono preliminarmente sottoposti ad accertamenti sanitari e a specifici test psico-attitudinali, al fine di verificarne l’idoneità al servizio presso la Direzione generale per le informazioni e la sicurezza;

    d) è in facoltà della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza disporre in ogni tempo il rientro del personale presso l’amministrazione di originaria appartenenza o, per i dipendenti di cui all’articolo 15, comma 2, lettera b), presso altra Amministrazione dello Stato;

    e) al fine di favorire la necessaria mobilità del personale il regolamento di cui all’articolo 15, comma 1, può prevedere che al personale trasferito ad altra amministrazione dello Stato, fermo restando l’inquadramento nella qualifica rivestita, sia garantita la conservazione del trattamento economico e previdenziale in godimento al momento dell’emanazione del provvedimento di trasferimento.

    Chi vuole capire cosa è questo testo capisca pure!!

    Reply
  153. avatar
    utente anonimo at |

    eArt. 15.

    (Contingente speciale del personale)

    1. È costituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri il contingente speciale del personale addetto alla Direzione generale per le informazioni e la sicurezza, determinato con apposito regolamento. Con il medesimo regolamento sono altresì stabiliti l’ordinamento del personale e la disciplina del relativo trattamento economico e previdenziale, in conformità ai principi posti dalle disposizioni del presente titolo, nonché i criteri e le modalità per attuare il trasferimento presso altre Amministrazioni dello Stato del personale in servizio presso gli attuali organismi informativi che, a seguito del processo di riorganizzazione previsto dalla presente legge e dai regolamenti attuativi, risulterà non più necessario per le esigenze della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza.

    2. Il personale appartenente al contingente speciale di cui al comma 1 può essere composto:

    a) da dipendenti civili e militari dello Stato o di altre amministrazioni pubbliche che sono trasferiti in via definitiva, con il loro consenso, alle dipendenze della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza, previo superamento del periodo di prova;

    b) da personale assunto direttamente.

    In nessun caso la Direzione generale per le informazioni e la sicurezza può avere alle proprie dipendenze, in modo organico o saltuario, membri del Parlamento, magistrati, ministri di culto e giornalisti.

    3. Il personale di cui al presente articolo è collocato in distinti ruoli amministrativi, tecnici ed operativi, secondo le modalità previste nel regolamento di cui al comma 1.

    d aggiungo per meglio far capire:

    Reply
  154. avatar
    utente anonimo at |

    La storia dei concorsi da dove viene fuori? non ci sono mai stati e mai ci saranno! Capito mi hai?

    Reply
  155. avatar
    utente anonimo at |

    il riferimento alla UNO Bianca è davvero di cattivo gusto…

    #35

    Reply
  156. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo ma tu per dirimere una controversia usi regolarmente le “bombe atomiche” ?

    😉

    Vittorio

    Reply
  157. avatar
    utente anonimo at |

    Mi spiace per il riferimento alla “UNO BIANCA”,

    ma volevo solo dire che l’appartenenza alle FF. AA o di Polizia non poteva dare garanzia ASSOLUTA.

    Scusate tutti e Silendo in particolare.

    BABBANO ASIMMETRICO

    Reply
  158. avatar
    Silendo at |

    Tranquillo Babbano :)

    Reply
  159. avatar
    utente anonimo at |

    non parliamo di uno bianca, perchè le ferite sono ancora aperte!

    specialmente a causa di uno che oggi ha fatto un ulteriore e vergognoso passo avanti nella carriera, all’interno dei servizi.

    Poveri carabinieri morti!

    Reply
  160. avatar
    utente anonimo at |

    scusate se mi intrometto, ma tutto quello che si continua a dire nei post, mi pare che abbia poca attinenza con il titolo del post stesso…

    e cmq i concorsi ci saranno…il rpimo sarà x appartenenti alle FF.PP. e FF.AA.; chiaramente in percentuale minore a causa degli ultimi ingressi pre-riforma. Mi dispiace rovinare a chi si era fatto i conti sperando nella chiamata diretta ma, ribadisco, ci saranno i concorsi!!

    meglio così!

    Reply
  161. avatar
    Giano08 at |

    sì, certo.. tu continua a sperare che saranno solo fatti concorsi, mi raccomando!

    per il resto, credo la si possa anche smettere di ricordare ogni 10 commenti che si sta fuori tema: mi pare OVVIO che si è intavolato un discorso a prescindere dall’originario tema del post, e non servono maestrini di sorta che moderino la discussione. tanto più che se non lo fa Silendo, non vedo chi altri si debba arrogare il diritto di salire in cattedra.

    scusate, ho penso gli ultimo 30 commenti (a parte questo ultimo) perchè non ho tempo di rifiatare… come posso mi aggiorno e, in caso, dico la mia.

    ciao

    Reply
  162. avatar
    Silendo at |

    :O

    Giano… ma ti ha morso una tarantola!?!?!? :))

    Se non ti conoscessi e non fossi certo della tua maschilità direi che la tua risposta è tipica del periodo mestruale :))

    Oh, si sta scherzando eh…

    Reply
  163. avatar
    Giano08 at |

    no no.. c’hai ragione… mi girano un po’ (tanto)!

    (ma non per il ciclo ;))

    ciao ciao

    Reply
  164. avatar
    Raffox74 at |

    Eh io lo sò… questa è astinenza da veline?

    E ben tornato al nostro Silendo.

    Reply
  165. avatar
    Giano08 at |

    tratto da:

    Legislatura 15º – Disegno di legge N. 139

    CAPO IV

    GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

    E MATERIALI

    Art. 15.

    (Contingente speciale del personale)

    1. È costituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri il contingente speciale del personale addetto alla Direzione generale per le informazioni e la sicurezza, determinato con apposito regolamento. Con il medesimo regolamento sono altresì stabiliti l’ordinamento del personale e la disciplina del relativo trattamento economico e previdenziale, in conformità ai principi posti dalle disposizioni del presente titolo, nonché i criteri e le modalità per attuare il trasferimento presso altre Amministrazioni dello Stato del personale in servizio presso gli attuali organismi informativi che, a seguito del processo di riorganizzazione previsto dalla presente legge e dai regolamenti attuativi, risulterà non più necessario per le esigenze della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza.

    2. Il personale appartenente al contingente speciale di cui al comma 1 può essere composto:

    a) da dipendenti civili e militari dello Stato o di altre amministrazioni pubbliche che sono trasferiti in via definitiva, con il loro consenso, alle dipendenze della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza, previo superamento del periodo di prova;

    b) da personale assunto direttamente.

    In nessun caso la Direzione generale per le informazioni e la sicurezza può avere alle proprie dipendenze, in modo organico o saltuario, membri del Parlamento, magistrati, ministri di culto e giornalisti.

    3. Il personale di cui al presente articolo è collocato in distinti ruoli amministrativi, tecnici ed operativi, secondo le modalità previste nel regolamento di cui al comma 1.

    Art. 16.

    (Principi generali per l’esercizio del potere regolamentare in materia di Ordinamento del personale)

    1. Nell’esercizio del potere regolamentare di cui all’articolo 15, comma 1, devono, in ogni caso, essere osservati i seguenti principi generali:

    a) il reclutamento del personale mediante assegnazione da altra amministrazione deve avvenire a seguito di apposita procedura selettiva, previa diffusione presso le amministrazioni interessate di avviso che specifichi le competenze e i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti per l’espletamento delle singole funzioni, nell’ambito del personale dipendente dalle amministrazioni dello Stato, dalle Università, dagli Enti pubblici di ricerca ed eventualmente anche dalle altre amministrazioni pubbliche;

    b) il reclutamento del personale mediante assunzione diretta eventualmente anche con contratto di lavoro a tempo determinato avviene secondo speciali procedure selettive fissate in relazione alle particolari funzioni da espletare; è consentito l’utilizzo di questo canale di reclutamento solo per l’assunzione di personale di elevata e particolare specializzazione.

    c) gli aspiranti al reclutamento sono preliminarmente sottoposti ad accertamenti sanitari e a specifici test psico-attitudinali, al fine di verificarne l’idoneità al servizio presso la Direzione generale per le informazioni e la sicurezza;

    d) è in facoltà della Direzione generale per le informazioni e la sicurezza disporre in ogni tempo il rientro del personale presso l’amministrazione di originaria appartenenza o, per i dipendenti di cui all’articolo 15, comma 2, lettera b), presso altra Amministrazione dello Stato;

    e) al fine di favorire la necessaria mobilità del personale il regolamento di cui all’articolo 15, comma 1, può prevedere che al personale trasferito ad altra amministrazione dello Stato, fermo restando l’inquadramento nella qualifica rivestita, sia garantita la conservazione del trattamento economico e previdenziale in godimento al momento dell’emanazione del provvedimento di trasferimento.

    Non ho ben capito: chi vuole capire cosa è questo testo… COSA dovrebbe capire a parte il fatto che è il ddl presentato per la riforma fatta nel 2007?

    Ma per piacere… PER PIACERE!!!!!

    Saluti a tutti, esperti.. e ..

    Eh…

    ciao

    Reply
  166. avatar
    Silendo at |

    Ciao Raffox carissimo !!! 😉

    Reply
  167. avatar
    Felsina at |

    Buongiorno a tutti. Permettetemi di aggiungere la mia opinione al dibattito sulla riforma dei servizi. Ora, non so dire se sia meglio ricorrere al personale di FF.PP. e FF.AA. per ricoprire i ruoli operativi e di analisi. Per chiarire questo punto ci vorrebbe uno studio serio che ricomprenda non solo un’analisi strutturale/amministrativa ma anche un’indagine psicologica/comportamentale. Vale da sè che per principio generale è preferibile (ed è più semplice) formare personale non ancora plasmato, piuttosto che persone già inquadrate (uso questo termine a ragion veduta, i militari capiranno a cosa mi riferisco). Tant’è vero che gli istruttori di volo dell’Aeronautica Militare, giusto per fare un esempio, preferiscono formare allievi privi del brevetto piuttosto quelli che hanno già esperienze di volo, per il semplice motivo che questi ultimi possono aver acquisito eventuali abitudini errate difficili da correggere.

    Speriamo davvero che non si sia persa l’occasione per una vera riforma del settore. Basta guardare i siti delle principali agenzie d’intelligence straniere per capire come le cose funzionino negli altri Paesi. Nel Regno Unito, sia l’MI5 che l’MI6 hanno delle pagine dedicate al reclutamento (aperto a tutti!), con l’elenco dei posti vacanti. Signori, questa è trasparenza! Ci sono possibilità di stage per i neo-laureati, ai quali viene così loro offerta la possibilità di iniziare una carriera. Ci sono posti per chi ha già esperienze di lavoro ad un livello senior. Ci sono addirittura possibilità per i disabili! Ci sono pari opportunità di impiego e carriera per uomini e donne! Il mio suggerimento è che dobbiamo imparare dagli altri,cogliere quelle famose best practices per poi contestualizzarle e attuarle, altrimenti non si continua a fare altro che rimanere ancorati ad antichi retaggi senza migliorare la situazione. Capisco che siamo nel c.d. periodo di transizione ma non si può attuare una riforma senza dare un segnale forte di cambiamento. Non è impossibile, basta volerlo e scusate se ho detto cose banali che già sapevate.

    Buona domenica a tutti

    Reply
  168. avatar
    utente anonimo at |

    Sono un nuovo lettore di questo blog. Ho letto i vari commenti ivi contenuti e devo dire che alcuni li trovo davvero intelligenti altri davvero stupidi. Qui si parla di qualcosa di molto importante e cioè la sicurezza nazionale ed internazionale del nostro paese. La nuova riforma ha cambiato qualcosa ma per il resto tutto è stato lasciato invariato. Da ex militare di Reparto Speciale devo dire che alcune cose all’interno dei servizi “DEVONO” continuarlo a fare i militari specializzati, e vi assicuro che a livello di preparazione tecnico-operativa non abbiamo da invidiare niente a nessuno. Per quanto riguarda altri settori non prettamente operativi sono daccordo nel cominciare a intrapendere nuove strade all’interno delle università e dei centri di ricerca.

    Mi spiego meglio. Oggi determinate azione in ambito “tecnico-operativo” sono svolte da personale delle FF.AA e/o FF.PP che nell’ambito di quelle amministrazioni hanno assunto una preparazione ed esperienza, anche attraverso stage presso paritetici esteri, che credetemi ci invidiano i migliori Paesi democratici. Per converso devo dire che per alcune figure professionali del tipo interpreti, informatici, esperti di cultura araba, cinese, è giusto cercare in quelle sedi ove ci sono persone capaci di dare il giusto contributo al servizio.

    Per il resto, ognuno può dire e/o pensare quello che vuole ma in verità anche nelle più grosse agenzie estere avviene questo. Le operazioni di strada vengono compiute da ex militari, ex polizziotti dei reparti speciali, ex soldati di ventura mentre, per i lavori di analisi vengono assunti neolaureati dalle migliori università dei lori Paesi.

    Un consiglio: lasciate perdere quelle stronzate delle raccomandazioni, dei titoli nobiliari etc. etc.

    Se uno vale veramente la strada la trova da se, chi non vale si appliglia a quelle stronzate!!!

    Reply
  169. avatar
    utente anonimo at |

    E poi da quello che leggo mi sono fatto la convinzione che chi ha scritto questi commenti sconosce totalmente la realtà del servizio, a parte qualcuno che ne faceva parte ed ne è stato cacciato. Ora come si fa a parlare di qualcosa o di qualcuno che non si conosce.

    Sarebbe più opportuno rendere questo blog più interessante, e devo dire che il buon Silendo lo sta già facendo mettendovi articoli e/o letture interessanti. Questo deve essere lo spirito. E’ ovvio che tutti vorrebbero andare ai servizi, militari e non, però sarebbero tutti all’altezza del lavoro da svolgere. Vi giuro di aver visto gente che pur ritenendosi “grandi esperti” polizziotti, carabinieri, soldati guerrafondai, che nell’ambito dei servizi non erano capaci di fare la O con il bicchiere. Le scelte dovrebbero essere ponderate ed accurate cosa che sta accadendo per l’80% negli ultimi ingressi, dove il personale lo sta scegliendo direttamente il “capo” dove il soggetto sarà destinato. E’ ovvio che scelta la persona giusta l’obbiettivo da raggiungere sarà raggiunto, scelta la persona sbagliata….. la testa verrà tagliata al capo ed ai suoi filistei!!!

    Reply
  170. avatar
    Silendo at |

    Ciao Anonimo e benvenuto 😉

    Reply
  171. avatar
    ilraffa at |

    Benvenuto anche da parte mia.

    Mi è permesso un gentile appunto???

    Hai scritto “E poi da quello che leggo mi sono fatto la convinzione che chi ha scritto questi commenti sconosce totalmente la realtà del servizio, a parte qualcuno che ne faceva parte ed ne è stato cacciato. Ora come si fa a parlare di qualcosa o di qualcuno che non si conosce.”

    Siamo d’accordo su quello che dici però il mio consiglio è quello di non dare qualifiche agli utenti. Per la gradevolezza della discussione e perchè comunque non sai mai se quello che attribuisci è vero o se si tratta solo di pareri diversi dai tuoi.

    Scusami se mi sono permesso.

    Reply
  172. avatar
    AllegraBrigata at |

    Anonimo penso di poter sostenere, sia a nome dei miei amici “AllegriBrigatisti” sia a nome del gentile padrone di casa, che quanto tu dici ci trova d’accordo.

    Non potrebbe essere altrimenti.

    Credo però che, almeno per noi, non si parlasse di risvolti tecnico-operativi e delle relative competenze in materia da parte del personale di Forza Armata o di polizia.

    Ritengo che si parlasse di quei ruoli (analisi ma anche intelligence politica, economica e via di seguito) per i quali militari e poliziotti dubito siano, in quanto tali, esperti.

    Roberto

    Reply
  173. avatar
    Silendo at |

    Senza alcun dubbio Roberto 😉

    Reply
  174. avatar
    daniele67 at |

    roberto concordo in pieno!!!! ….mi viene in mente la barzeletta della differenza tra teoria e pratica…:

    pierino chiede al padre:”che differenze c’è tra teoria e pretica?”

    il padre:”vai da tua madre e chiedile se per un milione di euro andrebbe a letto con 1 sconosciuto, poi va da tua sorella e falle la stessa domanda”

    pierino va e chiede alla mdre ed alla sorella che rispondono: “certo!!!”

    pierino torna dal padre e gli riferisce le risposte, ed il padre:” vedi in teoria abbiamo 2 milioni di euro, in pratica due mig@@@@tte dentro casa!!!”

    resa l’idea???

    a presto amici!!

    Reply
  175. avatar
    utente anonimo at |

    anonimo#268 e #269

    Pienamente daccordo e favorele a quanto detto da Roberto. Fosse per me, sarei il primo a spengere verso il Reclutamento di analisti “particolari” negli ambiti universitari. L’apporto di tali persone migliorerebbe di gran lungo la qualità del servizio. Purtroppo per fare ciò ci voglione Leggi ed i politici non sono tanto daccordo con noi. In Italia quando si tratta di migliorare alcune strutture, ci si deve scontrare con degli ostacoli difficili da superare. La mentalità italica ancora non è pronta per alcune decisioni.

    Reply
  176. avatar
    Felsina at |

    Vorrei aggiungere solo che analisti ed esperti vari si possono trovare ai massimi livelli anche all’interno di organizzazioni internazionali. Purtroppo ci si dimentica troppo spesso che ci sono anche italiani che, pur non lavorando per la P.A. e pur non portando stellette o gradi vari, hanno dato l’anima per difendere l’intera comunità internazionale (e non solo la Patria) dalle minacce del mondo contemporaneo e che possono apportare le loro esperienze e conoscenze.

    Reply
  177. avatar
    utente anonimo at |

    Si è vero però credo che sia opportuno non allontarsi tanto. Organizzazioni internazionali, centri di ricerca esteri etc. etc. è difficile poi verificare la genuinità dei candidati. Fosse per voi si dovrebbe reclutare anche terroristi, mafiosi, criminali, serial killer…..

    Reply
  178. avatar
    AllegraBrigata at |

    Eh la miseria che esagerazione anonimo :))

    Felsina, capisco il senso di quello che scrivi ma credo che non se ne debba fare tanto una questione di organismi nazionali o internazionali ma, in generale, di expertise e doti caratteriali.

    F.

    Reply
  179. avatar
    grafvonSpee at |

    Non posso che concordare con l’allegrobrigatista.

    Leggendo gli interventi, si ha come l’impressione che qui si sia vittime di un doppio pregiudizio.

    da una parte: quanti non hanno un retroterra di tipo militare/polizia non danno sicuro affidamento;

    dall’altra: quanti questa pregressa esperienza hanno non darebbero garanzie di conseguire un’elevata professionalità a 360° nel settore.

    Mi sembra che questa sia un’estremizzazione assolutamente da evitare.

    Le “skills”, come dicono i barbari, sono del tutto indipendenti dalle pregresse attività. Parafrasando Manzoni, chi non ce l’ha, non può darsele, sia stato militare, poliziotto o funzionario di organizzazione internazionale.

    Ed è proprio questo il problema.

    Entrambe le posizioni sono apodittiche e fragili.

    Sostenere che solo un ex militare/poliziotto possa dare garanzie di affidabilità è una sonora cazzata. E parlo per esperienza professionale diretta: innumerevoli sono i soggetti appartenenti a tali Istituzioni i quali riescono per anni a condurre una doppia/tripla esistenza.

    Inoltre, con l’attuale livello di tecnologizzazione dell’esistenza, persino di un gommista, se vogliamo, riusciremo a conoscere vita morte e miracoli dalla sua adolescenza fino a ieri.

    Parimenti, sostenere che un militare in quanto tale non possa raggiungere elevati livelli di specializzazione in determinati settori è anch’essa una corbelleria.

    Nutro semmai il dubbio che un militare con 15/20 anni di caserma possa rimapparsi per determinate esperienze, ma, se preso in tempo e sufficientemente motivato, può assurgere tranquillamente a ottimo operatore.

    E’ ormai chiaro che chi sta dentro sosterrà la prima tesi, chi sta fuori, l’altra, ma non mi sembra questo un approccio corretto all’analisi del problema.

    Che dire, se in ogni discorso inerente all’intelligence italiana si finisce sempre e comunque per discutere animatamente delle modalità di reclutamento, un motivo dovrà pur esserci.

    Reply
  180. avatar
    utente anonimo at |

    Sono convinto e sicuro che se un giorno si farà il reclutamento stile MI5 o MI6 (selezione attitudinale, motivazione, professionalità), comunque ci sarà sempre qualcuno militare che escluso da tale contesto dirà che anche questo metodo non va bene. Ognuno di noi è convinto di essere il migliore, di essere il più adatto. Che dire…. spero sempre in un miglioramento propositivo e non in un peggioramento.

    Reply
  181. avatar
    utente anonimo at |

    Ed includo anche i civili in tale circolo che se esclusi a favore di qualcun altro cominceranno a parlare di titoli nobiliari, di raccomandazione….

    Reply
  182. avatar
    Giano08 at |

    ho sfiga: ho 3 min al giorno per vedere la rete, e come passo qui leggo sempre cazzate nell’ultimo post!

    che jella!

    Reply
  183. avatar
    AllegraBrigata at |

    Gianooooooo… che sono queste parole !?!?!?

    Guarda che Silendo ti sega il post eh… 😉

    F.

    Reply
  184. avatar
    Giano08 at |

    @°+!!-+***§§ù@°!!!!

    non è periodo sti giorni! :)

    Reply
  185. avatar
    AllegraBrigata at |

    Giano, la prima dote dell’operatore d’intelligence è l’auto-controllo e la disciplina 😉

    Reply
  186. avatar
    Giano08 at |

    ma infatti io non sono un operatore di intelligence! :))))))

    Reply
  187. avatar
    Silendo at |

    Giano!!! Ti richiamo ufficialmente all’ordine! 😉

    Reply
  188. avatar
    Giano08 at |

    yessssSir! 😀

    (mììììììììììììììììì a scuola sugno, ah!)

    😉

    Reply
  189. avatar
    Felsina at |

    Anonimo 277 mi sembra che tu stia veramente esagerando ed abbia completamente frainteso il senso del mio discorso. Ognuno è libero di esprimere la propria opinione ma senza mai offendere nessuno. Siamo o non siamo in un Paese democratico? Allora diciamolo chiaramente che ci sono cittadini di serie A e quelli di serie B, che diamine!

    Fede, ma infatti era proprio lì che volevo andare a parare ;)) Volevo solo tentare di dare un diverso punto di vista a quanto detto nei precedenti post perché, credo, sia importante vedere la realtà sotto diverse ottiche e non sempre e solo in una prospettiva monolitica. Sono sicura concorderai con me. :))

    Reply
  190. avatar
    Silendo at |

    Giano… gli esami non finiscono mai… :))

    Reply
  191. avatar
    utente anonimo at |

    Proposta: Che ne pensate di far adottare alla nostra intelligence il sistema di reclutamento adottato dagli inglesi e dagli americani? Mi spiego meglio: Come avete potuto notare in UK e in USA le varie agenzie divulgano la vacanza organica non a mo di concorso ma a mo di selezione, ogni canditato deve avere necessariamente i vari requisiti richiesti, si sa gia a priori la paga iniziale, le ore di lavoro settimanali….

    Ogni canditato non conoscerà mai l’identità degli altri candidati per ovvie ragioni di riservatezza, perchè eventualmente escluso non deve conoscere l’identità di quello assunto, saprà del motivo della sua esclusione (La ringraziamo ma le sue ottime caratteristiche non sono confacenti per le nostre esigenze), non potrà fare ricorso perchè non è un concorso bensì è una selezione, gli atti non potranno essere pubblici perchè coperti da segreto.

    vedere per credere: https://eservices.usembassy.it/recruitment/

    In nessun Paese neanche nel più democratico potrà mai esserci un concorso per accede ai Secret Service. Bensì si parla di selezione.

    Questo post non vuole essere polemico o causa di disguito. Però se ci pensate bene è cosi. In un concorso pubblico, tutto deve essere pubblico ed un servizio potrà mai permettersi questo?

    Reply
  192. avatar
    Silendo at |

    Anonimo, siamo TOTALMENTE d’accordo 😉

    Reply
  193. avatar
    Felsina at |

    Sono totalmente d’accordo pure io con anonimo. :))

    Reply
  194. avatar
    Felsina at |

    Anonimo, perdonami solo la precisazione: il link che hai indicato riguarda la pagina web per inviare le domande di assunzione, da parte di cittadini italiani, per coprire posizioni vacanti all’interno della missione diplomatica USA in Italia (dalla segretaria fino ad esperti in varie tematiche per intenderci).

    Se qualcuno è interessato al contesto straniero, potete vedere:

    Qui la pagina della CIA dedicata al reclutamento: https://www.cia.gov/careers/index.html

    Qui quella del Security Service inglese (MI5) dove, alla seguente pagina, è possibile rinvenire il profilo richiesto per ogni posizione: https://www.mi5careers.gov.uk/jobs.aspx

    Molto accattivante è la pagina del Secret Intelligence Service (MI6), dove per ognuno dei ruoli previsti (si veda la colonna a sinistra), sono indicate le attitudini richieste: http://www.mi6.gov.uk/output/careers-1.html

    Reply
  195. avatar
    Felsina at |

    Anche se fuori tema permettetemi un pensiero per i nostri connazionali caduti a Nassiriya

    http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=50224

    Reply
  196. avatar
    Silendo at |

    Grazie Felsina.

    Mi hai anticipato :)

    Reply
  197. avatar
    utente anonimo at |

    Usi ubbidir tacendo e tacendo morir!

    Onore ai fratelli e amici caduti in quel di Nassiriya!

    Reply
  198. avatar
    AllegraBrigata at |

    Per Felsina, al commento 289.

    Sì, sono d’accordo. Io non ti stavo contraddicendo. Aggiungevo il mio punto di vista :)

    Fede

    Reply
  199. avatar
    utente anonimo at |

    Vedo compiacere che la mia proposta mi trova tutti daccordo e ciò mi fa piacere. quello che non capisco nei post precedenti è il perchè del malumore evidenziato. Già da qualche tempo nelle nostre Agenzie avviene questo. Personale civile e personale militare convivono tranquillamente. L’unico cruccio pè che niente è stato mai pubblicizzato. Forse nel passato ci sono state assunzioni di comodo, sponsorizzati da politici di dx e di sx ma questo è il prezzo da pagare per ottenere quello che si vuole. Italia docet

    Reply
  200. avatar
    utente anonimo at |

    14/11/2008 – “LIBERO QUOTIDIANO”, Pag. 21

    Pronti i dossier per incriminare Bush sull’Iraq

    Cosa potrebbe accadere da noi ?

    BABBANO ASIMMETRICO

    http://www.difesa.it/Sala+Stampa/Rassegna+stampa+On-Line/PdfNavigator.htm?DateFrom=14-11-2008&pdfIndex=48

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)