16 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Secondo te come va a finire ?

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Secondo me l’obiettivo principale i russi l’hanno raggiunto. Hanno fatto capire che quella è zona loro e che USA ed UE sono praticamente impotenti. Soprattutto gli USA: del tutto inefficaci (diplomaticamente o militarmente) a tutela dei loro protetti.

    Effettuare una vera e propria avanzata sulla capitale sarebbe controproducente (oltre al fatto che richiederebbe un quantitativo di truppe che, in queste ore, sembra al di sopra delle potenzialità dell’Armata Rossa).

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    E’ palese che nel caos dello “scacchiere geopolitico” risulti gioco-forza incosciente provare a far avanzare verso l’area a scopo dissuasivo anche un solo uomo.

    In tutto ciò penso che l’intelligence occidentale abbia perduto qualche “mossa” per strada.

    Qualche “mossa” di troppo direi.

    Bourne

    Reply
  4. avatar
    Giano08 at |

    indovinate???

    moriremo tutti di una morte orribile………………

    ahahahahahha

    Reply
  5. avatar
    Giano08 at |

    ma non dico per scherzo: come se sveglia putin, o chi per lui, e ce chiude i rubinetti del gas… poi voglio ride……..

    Reply
  6. avatar
    Silendo at |

    Vabbeh, se chiude i rubinetti del gas il primo a prenderlo in quel posto è lui.

    Produttori e consumatori, nei mercati energetici, sono legati e vincolati gli uni con gli altri. Le vicende del petrolio arabo negli anni ’70 lo insegnano chiaramente.

    Putin, ed in generale i Paesi produttori, non possono tirare la corda altrimenti partono tutta una serie di aggiustamenti per loro moooolto negativi…

    Bourne, riguardo all’Intelligence… conosci quel detto per cui, quando si parla di Servizi, è bene avere tutte le carte in mano ? 😉

    La vicenda è tutt’ora in corso. Chi ci dice, per esempio, che alcune intelligence occidentali non fossero informate (in tutto o in parte)?

    Fra qualche anno, forse, lo scopriremo :)

    Reply
  7. avatar
    utente anonimo at |

    Per proseguire il discorso riguardo l’inefficacia degli Stati Uniti… Sicuramente l’inquilino della casa bianca, ormai arrivato a fine mandato, si guarda bene dall’intraprendere qualsivoglia misura che vada la di la’ di un semplice ‘Stop the invasion, buddy!’.

    La penso bene?

    Raffox

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    la penso esattamente come te: il fatto è che più o meno involontariamente un qualche errore (magari programmato, e quindi da non considerarlo tale…) a livello informativo lo si possa aver

    compiuto.

    Giustamente gli “impegni di lavoro” sono orientati un pò pò più a S-S-E…Per tanto aprire un altro fronte diviene assai impegnativo…

    Azzardo nel dire che forse ci si è abituati tanto ad affrontare il conflitto asimmettrico in maniara tale da esserci disabituati ad affrontarne nuovi di tipo simmetrico…

    Ripeto questo pensiero risulta essere un mio puro azzardo…

    Bourne

    Reply
  9. avatar
    ilraffa at |

    Ottima rassegna stampa. A parte le tirate idealistiche di Venturini…

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    Anche quelle “tirate” sono indicative.

    Se poi ci si chiede perchè l’Italia e l’Europa contano così poco…

    Reply
  11. avatar
    Silendo at |

    Raffox, sì, la pensi bene.

    C’è però da dire che non è solo (o tanto) una questione di “fine mandato”. Gli USA, in questo momento, hanno comunque una serie di manovre diplomatiche in corso e nelle quali la Russia ha un certo peso.

    Anche un Presidente nel pieno del suo mandato avrebbe avuto grossi problemi ad affrontare di petto Putin.

    Reply
  12. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    non pensi che il risultato di questo conflitto sia una netta vittoria del Northstream e del Southstream sullo statunitense BTC? in fin dei conti il prezzo del petrolio non è salito (anzi sceso) e…forse, i russi attendono con “ansia” un attacco israeliano all’Iran, ovviamente “incrociando le dita” che abbia esiti negativi (ma non troppi) e faccia così schizzare il prezzo del greggio a 300$…..

    con viva cordialità

    un tuo appassionato lettore

    Reply
  13. avatar
    Silendo at |

    Riguardo al BTC è quello che ho pensato subito anch’io. Però ti confesso che, ragionandoci un po’ su, sono giunto alla conclusione che forse è meglio aspettare gli sviluppi politici interni alla Georgia prima di valutare il conflitto in termini di vittoria di questo o quel tracciato di distribuzione.

    In breve, voglio dire che di una vera e propria sconfitta del BTC si potrebbe parlare nel caso in cui i russi riuscissero a provocare un “regime change” a propria favore.

    Se invece il governo filo-occidentale dovessere reggere credo che il BTC avrà buone speranze :)

    Non pensi ?

    PS Mi hai fatto venire in mente che devo dare un’occhiata alle valutazioni fatte dalle banche di investimento internazionali…

    Reply
  14. avatar
    utente anonimo at |

    penso che il regime filo-occidentale possa reggere, anche se come ha affermato Sergio Romano “la Russia ha vinto”. Il regime change potrebbe avvenire, solo se, come ricorda Romano, la Russia “non ceda alle tentazioni di stravincere”. Ma io personalemente ritengo che la Russia, l’obiettivo lo abbia già raggiunto. A questo punto mi sembra che un pò tutti gli analisti sia siano resi conto che l’ingresso della Georgia (e dell’Ucraina) nella NATO sia più un miraggio americano che un mero esercizio di realpolitik. In realtà, già ce ne eravamo accorti all’ultimo vertice NATO di Bucarest. Infatti, se le intenzioni pre-vertice erano quelle di condurre Ucraina e Georgia nella NATO, il risultato è stato quello di chiedere alla Russia di far passare sul suo territorio i mezzi per l’alimentazione logistica delle Forze NATO in Afghanistan, riducendo così il trasporto attraverso “l’ambiguo” ed “inaffidabile” Pakistan – attualmente in fase di gestazione – i cui esiti sono davvero imprevedibili.

    Reply
  15. avatar
    utente anonimo at |

    non pensi?

    Reply
  16. avatar
    Silendo at |

    Sì, sono sostanzialmente d’accordo :)

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)