14 Responses

  1. avatar
    AllegraBrigata at |

    Guarda che non mi sfuggi !!!! Mi devi un’analisi sull’altro documento !!!!

    :)))

    F.

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Alcune volte mi ricordi le zecche

    Hai presente? :))

    Dai, dai…. lo sto facendo proprio adesso.

    Reply
  3. avatar
    AllegraBrigata at |

    Da questa esperienza si possono trarre ammaestramenti per l’Italia ?

    A.

    Reply
  4. avatar
    Silendo at |

    Mi stai chiedendo del NIC in generale o ti riferisci ai rapporti tra questo e l’ODNI ?

    Reply
  5. avatar
    AllegraBrigata at |

    Entrambe.

    Reply
  6. avatar
    Silendo at |

    Beh, riguardo all’esistenza ed al funzionamento del National Intelligence Council gli “ammaestramenti” che si possono trarre sono tanti. Si rischia di dover scrivere un saggio :))

    Si va dal ruolo dell’analisi centralizzata rispetto a quella “dipartimentalizzata”, dalla vicinanza o lontanza degli analisti strategici dal decisore, fino ad arrivare a questioni più procedurali.

    E’ evidente, comunque, che stiamo parlando di una struttura che opera in un sistema burocratico ipertrofico e che è stato creato anche (o forse “soprattutto”) come camera di compensazione per questa vasta I.C.

    Per l’Italia la situazione è diversa, da questo punto di vista. Intendo dire che, sotto questo aspetto, creare in Italia un NIC non avrebbe senso. Da noi sarebbe più indicato, io ritengo, far funzionare il DIS e portarlo al livello del JIC inglese (di cui tra l’altro il CESIS doveva essere la “copia”).

    Riguardo invece alle questioni procedurali, bisogna vedere come si svilupperà il rapporto tra le due strutture prima di poter trarre insegnamenti :)

    Reply
  7. avatar
    AllegraBrigata at |

    Ci vorrebbe uno studio comparato tra CESIS e JIC ;))))

    F.

    Reply
  8. avatar
    Silendo at |

    Tu dici ? :))

    Reply
  9. avatar
    AllegraBrigata at |

    sentiamo un po’: una ricerca del genere, secondo te, cosa potrebbe dirci ????? ahahah

    F.

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    Mah… secondo me potrebbe dirci tante cose.

    Tipo che il ruolo naturale, per una struttura come il CESIS, è quello di effettuare analisi all source di livello strategico. Altrimenti il rischio è quello di avere una struttura “priva di senso”.

    Potrebbe dirci molto sulla selezione e l’addestramento del personale analitico che lavora in strutture come il JIC. Tipo che la selezione dovrebbe avvenire nelle migliori università tra i migliori laureati e che il percorso di formazione è necessariamente piuttosto complesso ed articolato.

    Potrebbe dirci anche che il coordinamento è una funzione del comando e se non c’è il comando il coordinamento è solo una bella parola 😉

    Potrebbe poi dirci moltissimo su questioni politico-strategiche che ineriscono al ruolo dell’intelligence nel processo decisionale, tipo che il “modello americano” tende a funzionare meno bene del “modello inglese” di cui, appunto, il JIC è il cavallo di battaglia.

    Ecc ecc ecc…. :))

    Reply
  11. avatar
    AllegraBrigata at |

    Accidenti quanto parlano questi studi comparati !

    A.

    Reply
  12. avatar
    Silendo at |

    Non se ne può più, Andrea !!! :))

    Sono troppo chiaccheroni. Il problema è che nessuno li ascolta :))

    Reply
  13. avatar
    Felsina at |

    Già Fede, ci vorrebbe proprio un bello studio silendiano comparato tra CESIS/DIS e JIC….chissà…;))

    Reply
  14. avatar
    Silendo at |

    :))

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)