11 Responses

  1. avatar
    utente anonimo at |
    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Mi hai bruciato sul tempo.

    Grazie.

    Adesso speriamo solo che il nostro soldato possa riprendersi…

    Reply
  3. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    gli amici di Repubblica (giustamente, se no chi meglio di loro!) sapevano già che si trattava di 007 nostrani…

    “… 08:42 Almeno 5 morti tra i rapitori

    I nostri soldati hanno attaccato prima l’automobile, dove alcuni banditi facevano la guardia, mentre gli altri irrompevano nella casa. Gli afgani hanno subito sparato a freddo agli ostaggi: uno dei due (entrambi sono sottufficiali del Sismi) è molto grave: è stato colpito alla testa e al torace. Ci sono stati almeno cinque morti fra i rapitori…”

    Bourne.

    Reply
  4. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    ecco La Repubblica on-line:

    08:42 Almeno 5 morti tra i rapitori

    I nostri soldati hanno attaccato prima l’automobile, dove alcuni banditi facevano la guardia, mentre gli altri irrompevano nella casa. Gli afgani hanno subito sparato a freddo agli ostaggi: uno dei due (entrambi sono sottufficiali del Sismi) è molto grave: è stato colpito alla testa e al torace. Ci sono stati almeno cinque morti fra i rapitori…

    Bourne

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Già…

    Reply
  6. avatar
    utente anonimo at |

    Caro Silendo,

    comunque attendiamo di avere nuove e positive notizie in riferimento ai due soldati…Il resto si vedrà…

    Sperando di non esser fuori luogo con le mie affermazioni, dico solo una cosa:

    speriamo che ciò che è accaduto a questi due nostri compatrioti non sia l’ennesimo campanello d’allarme sullo sfascio di certi organismi istituzionali italiani…

    Buona giornata e buon lavoro.

    Bourne

    Reply
  7. avatar
    Silendo at |

    Bisognerà studiare con attenzione l’accaduto. Sembra però che proprio certi organismi abbiano immediatamente individuato il luogo di prigionia. La qual cosa sarebbe indice di una certa efficienza.

    D’altronde è facile essere…. facili bersagli quando si fa attività di intelligence in un Paese come l’Afghanista.

    Staremo a vedere…

    Di sicuro monteranno le solite polemiche del cavolo e quasi nessuno, a livello pubblico intendo, tenterà di trarre lezioni sull’accaduto.

    Buona giornata e buon lavoro anche a te :)

    Reply
  8. avatar
    utente anonimo at |

    Certo che tu sei un ottimista incurabile!!! Cerchi sempre di vedere il lato positivo delle cose … giuro che mi fai invidia! Da bieco pessimista quale sono non riesco a fare questo passo, mi fermo alla considerazione che troppo spesso l’impreparazione professionale di taluni mette a repentaglio la vita di coloro che devono poi porre rimedio agli errori dei primi.

    Reply
  9. avatar
    utente anonimo at |

    … ops, ho dimenticato la firma: Eule

    Reply
  10. avatar
    Silendo at |

    Ciao Eule :)

    Sì, sono un ottimista sfegatato. Per la precisione (mi ritengo) un freddo realista nella fase analitica ma un euntusiasta ottimista nella fase propositiva :))

    D’altronde, una volta preso atto delle mancanze, dei limiti, dei difetti di una data realtà, se si vuole provare a modificarla si deve essere ottimisti, no ? :)

    Seriamente, dipende molto dalle esperienze personali. Probabilmente tu hai avuto esperienze generalmente negative.

    Reply
  11. avatar
    utente anonimo at |

    Ora mi sdraio sul lettino … dottore :-)

    Decisamente le mie esperienze lavorative non sono corredate da figure di leaders carismatici e professionalmente altamente preparati, tranne alcuni casi particolari …., ma penso che ciò non abbia contribuito al mio stato di paranioa.

    Ritengo tuttavia che un approccio “freddo realista” o “pessimista” (poi bisogna solo intendersi sui termini) mi abbia sempre aiutato a pianificare le mie attività con … “precisione”. Per dirla alla de Maizière ” Fleiss und Genauigkeit im kleinen, ohne den Blick für den grossen Rahmen zu vergessen” parafrasandola in pseudo-militarese italico: la cura del dettaglio spinta ai massimi livelli, senza perdere di vista il contesto generale.

    E il fatto di pensare sempre e comunque “male” mi ha insegnato ad avere sempre un “piano B” o, talvolta, un “piano C”.

    Quanto poi all’ottimismo dettato dal fatto di essere parte del meccanismo di riforma … beh, penso che ci voglia (penso che riuscirei ad averne persino io …).

    Grazie dottore, mi mandi pure le coordinate del conto che le accredito quanto dovuto per la seduta di auto-ipnosi regressiva e psicanalisi del mercoledì mattina (pessimista, ma con il sorriso sulle labbra!). Buona giornata!

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)