Roma

Fra non molto dovrei rientrare a Roma per un periodo abbastanza lungo.
Più passano gli anni (marò… neanche fossi alla soglia della Terza Età) più vivo male la permanenza in qualsiasi posto al di sopra di Napoli.
Ma non è questo il senso del post. Sto preparando la solita lista di cose da portarmi.
Non avendo la possibilità di fare su e giù dalla Capitale, infatti, dovrò selezionare le cose più utili, che mi serviranno lì.
Odio dovermi dividere a metà.
I vestiti. I files del computer. L’abbigliamento da sport. Ma soprattutto……………….

……………I LIBRI !!!!!!

‘sta storia dei libri (e delle decine di fotocopie e documenti vari) da dover selezionare mi stressa per giorni.
Essendo un fruitore quasi compulsivo di materiale cartaceo ho la necessità quasi vitale di dover avere tutto a disposizione in ogni momento.
E’ ora che mi ritiri. Vada in pensione su qualche isoletta (tipo Panarea, Lipari, Stromboli o Salina  ) e mi ci trasferisca con libri, palestra, piscina e fanSSSS….

3 Responses

  1. avatar
    vintervila at |

    Ciao! No non ho letto quel libro di Luttwak, anche perchè non sapevo che avesse scritto qualcosa a riguardo…vedrò di tenerlo a mente e di procurarmelo.

    Anch’io sono fruitrice compulsiva di libri, il problema è che non ho i soldi necessari per abbandonarmi alla mia “malattia”!! ;( I libri costano troppo per le mie povere tasche!!!

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Il libro di Luttwak è la sua tesi di dottorato. E’ veramente interessante perchè studia ciò che nell’ambito degli Studi Strategici è chiamata “Grand Strategy”.

    Successivamente ha anche scritto un testo sulla “Grand Strategy” dell’Unione Sovietica. Meno brillante ma ugualmente molto interessante.

    Reply
  3. avatar
    stemassa at |

    seeeeeee

    le fanssssssssss

    anche io allora

    un salutone

    e ben ritrovato

    stef

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)