8 Responses

  1. avatar
    Barba at |

    Diciamo che negli ultimi lustri i servizi USA hanno cappellato più di qualche volta.

    Reply
  2. avatar
    Silendo at |

    Diciamo pure che senza un certo numero di operativi sul terreno, formulare analisi è impossibile.

    Reply
  3. avatar
    Barba at |

    Direi che non siamo in grado di dire se gli operativi ci sono o meno. Io propendo per il si. Ma ovviamente posso sbagliarmi. I servizi americani devono valutate talmente tanti fattori che, per analogia, potremmo li paragonare ad una colonna corazzata efficiente che talvolta si allontana dalle linee di rifornimento e ogni tanto rimane a secco. In iraq hanno fatto delle errate valutazioni sullo scenario post bellico, si sono lasciati sfuggire con leggerezza i nomi dei militari coinvolti nel caso Calipari, a esempio.

    Ma mi rendo conto che fare solo qualche citazione potrebbe portarci ad errori grossolani. L’argomento meriterebbe un’analisi molto più approfondita.

    Reply
  4. avatar
    Silendo at |

    Non sono d’accordo e mi spiego.

    Il numero degli operativi è conosciuto, grazie alle Commissioni del Congresso.

    Ci sono 2000 agenti (dati aggiornati al 2002, se non erro). L’80% opera sotto copertura ufficiale (sto andando a memoria, per cui potrei sbagliare di qualche punto percentuale). In pratica, gli USA non hanno elementi in grado di penetrare strutture terroristiche. Tanto che fanno ricorso ai Servizi “alleati” o presunti tali. Se pensi che questi “presunti tali” sono staterelli come la Siria o il Pakistan, avrai un quadro più approfondito della situazione.

    Si fa un gran parlare dei mali dell’intelligence USA. Il problema è che, in genere, a parlarne sono persone che non hanno “perso tempo” a studiarsi la valanga di documenti disponibili. Chi lo fa non ha dubbi: il problema è uno. Mancano gli uomini. Mancano le spie.

    Riguardo allo scenario post-bellico… lì il problema è una diretta conseguenza dell’assenza di personale in loco. Ma anche qui c’è da fare una precisazione. Si sapeva che ci sarebbero stati problemi e la colpa della mancata, conseguente, implementazione è tutta del Ministro Rumsfeld che ha deciso di non rafforzare il contingente.

    Pochi soldati=scarso o nullo controllo del territorio=via libera alla guerriglia.

    Reply
  5. avatar
    Silendo at |

    Ho controllato: 2500 agenti operativi, il 98% dei quali opera sotto coperatura ufficiale (si sa che sono agenti governativi, ma non che sono della CIA…). Quindi solo il 2% sono NOC (Non Official Cover).

    Reply
  6. avatar
    Zabetta at |

    Meno male che dovevi andare in palestra…

    Reply
  7. avatar
    Silendo at |

    Non mi andava più…

    Reply
  8. avatar
    Zabetta at |

    Allora puoi fare a meno di fare lo stronzo come al solito.

    Reply

Leave a Reply


(obbligatorio)